sabato 19 ottobre 2019

pc 19 ottobre - Nuovo manifesto nazionale di proletari comunisti/PCm Italia

pc 19 ottobre - India - seminario per il Centenario di Charu Mazumdar

భారత విప్లవోద్యమంలో చారుమజుందార్‌ - రేపే శతజయంతి సదస్సు

భారత విప్లవోద్యమంలో చారుమజుందార్‌
శతజయంతి సదస్సు, హైదరాబాదు
కలలు కనలేనివారు
ప్రజలను కలల్లో ముంచెత్తలేనివారు విప్లవకారులు కాదు
- చారుమజుందార్‌
ఆయన అద్భుతమైన సాహసి. ఏటికి ఎదురీదాడు. ఒక తరాన్ని విప్లవంలోకి నడిపించాడు. అనేక

pc 19 ottobre - Più di 500 compagni oggi a Lannemezan Francia per la liberazione di Georges Ibrahim Abdallah

L'immagine può contenere: una o più persone, cielo e spazio all'aperto
Collectif Palestine Vaincra
Aujourd'hui à Lannemezan, plus de 500 personnes ont manifesté devant les portes de la prison où est enfermé Georges Abdallah. Le cortège du Collectif Palestine Vaincra, du Secours Rouge International et de Samidoun Palestinian Prisoner Solidarity Network ouvrait la manifestation aux cris de "Georges Abdallah, tes camarades sont là" !

pc 19 ottobre - Da el pueblo - Cile - Ribellione popolare contro l'aumento del prezzo dei trasporti

Edificio de la compañía Enel en llamas como consecuencia de las protestas en Santiago de Chile.

Por Periódico El Pueblo
 -octubre 18, 201991 0

Este viernes 18 de octubre las estaciones de metro amanecieron por segundo día custodiadas por fuerzas especiales de la policía. La red de transporte subterráneo que utilizan diariamente millones de personas en la capital tiene el precio más caro del mundo, y la policía armada con escopetas antimotines estaba ahí con una clara misión: impedir la evasión del pago del pasaje, resguardar los intereses del gran capital, esto es, resguardar la sacrosanta propiedad privada. Era una imagen indignante que no dejaba indiferente a nadie que la veía.

La nueva alza del transporte público venía levantando protestas desde hace unas semanas, primero impulsadas por estudiantes secundarios, pero sumando a pobladores y trabajadores en general en los últimos días.

Este nuevo aumento del costo del transporte se suma al alza sostenida del costo de vida, de la energía eléctrica, de los combustibles, al encarecimiento de la salud, la educación y a las pensiones de hambre, al robo de agua a los campesinos pobres y el robo de tierras al pueblo mapuche. Es rabia por ver cómo la situación del pueblo contrasta con el incremento sostenido de las ganancias de las grandes empresas del capital burocrático e imperialista. Ganancias abismales que no les bastan y pretenden seguir incrementando con aumento de las cotizaciones de pensiones, flexibilidad laboral y ajustes tributarios que reduzcan aún más los impuestos al gran capital y carguen el costo fiscal aún más sobre el pueblo.

Las masas han perdido el miedo. Durante todo el día los policías apostados para resguardar la sacrosanta propiedad privada son insultados en la cara por las masas. Durante este día las protestas se incrementaron en forma sostenida y hacia el final de la tarde la capital está paralizada por la protesta popular. Al bajar la noche en las poblaciones y hasta en los barrios de capas medias resuenan latas y cacerolas en protesta y arden llamas de barricadas en gran parte de la ciudad.

Las masas que se levantan con más rabia son las de las comunas más populosas. En las plaza de Maipú y Puente Alto jóvenes y trabajadores de todas las edades se unen para combatir a la policía hasta hacerlas retroceder. En Puente Alto la policía se ve sobrepasada y deben retornar con fuertes refuerzos para sostener sus posiciones. En Maipú es incendiada una caseta de la policía y deben utilizar sus fuerzas aeropoliciales junto a efectivos apostados en los techos de McDonalds como francotiradores contra las masas. Es una imagen simbólica de la situación.

La única intervención pública del gobierno durante la tarde fue para reafirmar su irrestricta defensa de la propiedad privada.

El Ministro del Interior anuncia el uso de la Ley de Seguridad Interior del Estado contra los manifestantes. Significativo y decidor: deben defender el Estado reaccionario de Chile de la amenaza que le significa el propio pueblo de Chile.

Toda esta jornada y las protestas que crecen durante la noche son verdadero ejemplo de la explosividad de las masas, que sigue creciendo. ¡Que viva la protesta popular! ¡La Rebelión se justifica!


CHILE: El gobierno vendepátrias y hambreador de Piñera declara el estado de emergencia por revuelta popular.

Una oficina del metro subterráneo arde durante las protestas en Santiago de Chile.


correovermello-noticias
Santiago de Chile, 19.10.19.
La abusiva subida de las tarifas del metro, principal medio de transporte de los trabajadores en la capital, ha generado una importantes protestas populares desde el pasado viernes que han colapsado la ciudad.
La respuesta del gobierno del reaccionario Piñera, ha sido declarar el Estado de Emergencia, para poder reprimir las protestas que se están produciendo en la provincia de Santiago y en la RM. En concreto, el decreto rige para la provincia de Santiago de Chile, que alberga la mayor parte de las comunas de la Región Metropolitana-, la provincia Chacabuco y las comuna de Puente Alto y San Bernardo.
El ejército, asumirá tareas policiales durante el periodo de quince días, que podría ser ampliado. Aunque no se ha decretado el toque de queda, se recomienda no salir de las viviendas en las zonas en Estado de Emergencia.

pc 19 ottobre - Tsunami democratic - un milione in piazza - anche i comunisti baschi con la Catalogna in rivolta

CATALUNYA: Sunami Democratic, 1 millón de personas en Barcelona.


EUSKAL HERRIA: SUGARRA: Apoyar la lucha del pueblo catalan un deber para los comunistas.

La sentencia del Tribunal Supremo por la que condena a un total de 100 años de cárcel a los dirigentes nacionalistas catalanes y que se hizo público el pasado 14 de octubre, ha puesto en evidencia, por si hubiera alguna duda, la verdadera catadura de la “democracia” burguesa española.
Afortunadamente, como cabía esperar, la respuesta del pueblo catalán ha sido inmediata. La amplísima movilización de rechazo, se inició nada más haber tenido conocimiento de la sentencia. También en Euskal Herria se ha dejado sentir la repulsa a esta agresión injustificable contra un derecho básico de todos los pueblos y naciones, como es el DERECHO DE AUTODETERMINACIÓN. 
Independientemente de cuál sea, en estos momentos, el carácter de clase (burgués o pequeño burgués) de la dirección del movimiento popular, a pesar de que la clase obrera catalana no se encuentre todavía en condiciones de encabezar la lucha por la liberación nacional; los y las comunistas no podemos encontrar en ello un pretexto para inhibirnos y no apoyar la lucha por la autodeterminación de Catalunya.      
Porque eso es, precisamente, lo que hacen los chauvinistas de todo tipo, desde los socialdemócratas de viejo y nuevo cuño, hasta algunos autodenominados “comunistas”, que tratan de justificar su defensa de la sacrosanta “unidad de España” en base a un pretendido “internacionalismo proletario” que, curiosamente les lleva a cerrar filas contra el movimiento popular catalán y con ello a situarse en el mismo bando que la derecha neofascista española.
De ahí que los y las comunistas vascas no dudemos en apoyar con toda decisión al hermano pueblo de Catalunya y por ello, llamamos a participar en todas las movilizaciones que con ese motivo se convoque en Euskal Herria.
¡VISÇA CATALUNYA LLIURE I SOZIALISTA!
Comité de redacción de SUGARRA

pc 19 ottobre - Libano in rivolta contro il carovita

A scatenare le proteste sono state le nuove misure di austerity che ha promulgato il governo per appianare il debito ormai giunto al 150% del PIL. A fare particolare scalpore sono state le nuove tasse su beni di largo consumo tra cui il tabacco, il carburante (ricorda qualcosa?) e le telefonate via internet (una tassa di 20 cent al giorno sull'utilizzo delle chiamate via app).

Le proteste, che sono considerate le più grandi da diversi anni, sono partite giovedì e hanno visto migliaia di persone scendere in piazza in tutto il paese. Ci sono stati diversi scontri e la polizia ha utilizzato gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti. Si parla di 2 morti e circa 60 feriti a causa della repressione poliziesca. Diverse strade sono state bloccate a Beirut e nelle regioni del Nord, Sud ed Est del Libano con barricate improvvisate fatte di pneumatici incendiati.
I media occidentali hanno dato risalto alle proteste con il solito sensazionalismo, parlando della "rivolta di WhatsApp", ma le ragioni che hanno spinto i manifestanti a scendere in piazza sono molto più profonde, di classe, ed indicano direttamente le responsabilità del governo di Saad Hariri nella crisi che vive il paese. La tassa sulle chiamate online infatti è stata subito ritirata, ma le proteste non hanno accennato a finire, anzi sono aumentate di intensità con scontri nella notte tra il 17 e il 18. Molte scuole, negozi e aziende sono rimasti chiusi. A risuonare anche in questo caso nelle piazze è lo slogan "il popolo vuole la caduta del regime". La trasversalità delle rivendicazioni che stanno attraversando i paesi arabi si rafforza e sarà interessante osservare se saprà trovare una sua generalità e una capacità di verticalità ben oltre la controparte dei governi locali.
da infoaut

Liban : les masses populaires se révoltent contre la « taxe WhatsApp »

0 Comments


Depuis ce jeudi 17 octobre, les masses populaires libanaises descendent massivement dans la rue pour manifester contre un projet du gouvernement – retiré depuis – qui prévoyait de taxer les appels passés par internet, généralement via l’application WhatsApp. Cette nouvelle taxe s’inscrivait dans un projet de budget d’austérité, attaquant directement les conditions de vie des masses populaires libanaises.
Les applications comme WhatsApp permettent aux libanais d’appeler leurs proches vivant à l’étranger sans payer des dizaines d’euros. C’est donc cette possibilité de rester en contact avec des amis ou de la famille ayant quitté le pays pour chercher une meilleur situation ailleurs que le gouvernement libanais souhaitait attaquer avec sa « taxe WhatsApp ». Les conséquences de l’impérialisme forcent des milliers de libanais à quitter leur pays, et le gouvernement veut empêcher leurs proches restés au pays de garder le contact. Dans ce contexte, la révolte est légitime.
Au deuxième jour de manifestations, des barricades ont été dressées à certains points de Beyrouth, la capitale du Liban. Des affrontements entre police et manifestants ont été signalés et ont déjà fait plusieurs dizaines de blessés. Il s’agit incontestablement du plus grand mouvement de contestation au Liban depuis 2015.
Alors que le gouvernement a annoncé ce jeudi soir que la taxe WhatsApp allait être retirée, la contestation n’a pas pris fin pour autant. Les manifestants réclament désormais la fin de la corruption et des appels à la grève générale ont été lancés. Situation à suivre, donc.

Vive la lutte des masses populaires libanaises ! À bas l’impérialisme !

pc 19 ottobre - Catalogna in rivolta - un contributo informativo


Quarta giornata di mobilitazione e scontri


Lo sciopero generale indetto dal sindacato di classe e indipendentista Intersindical CSC, le marce che l’ANC e Òmnium hanno fatto convergere su Barcelona, i numerosi blocchi stradali organizzati dai Comitati di Difesa della Repubblica e la resistenza opposta nelle piazze da migliaia di giovani alla repressione poliziesca hanno fatto della giornata di ieri in Catalunya il momento di maggiore mobilitazione di tutta la settimana.
Nonostante l’indifferenza dei sindacati maggioritari CCOO e UGT, lo sciopero ha registrato una buona partecipazione nelle scuole e nelle università (praticamente deserte), nel commercio (tra il 60 e l’80% dei negozi chiusi), nella funzione pubblica (32% di

pc 19 ottobre - Mfpr italia a sostegno delle combattenti curde

Il Movimento femminista proletario rivoluzionario manda il suo caloroso saluto alle sorelle curde che combattono eroicamente a fronte della feroce aggressione delle truppe turche sostenute dall’imperialismo. 
Vogliono fermare la lotta di liberazione del popolo curdo. Vogliono fermare la lotta di emancipazione delle donne curde, esempio in tutta l’area dominata da regimi feudali e capitalisti che schiacciano le donne e le consegnano alle barbare mani della violenza e della nera oppressione patriarcale.

Lanciamo a tutto il movimento delle donne un mese di solidarietà con le combattenti della resistenza curda.
Sosteniamo la lotta rivoluzionaria per la costruzione di Stati di Nuova Democrazia liberati dall’oppressione imperialista e feudale.
Sosteniamo la rivoluzione nella rivoluzione che è in corso in tutta l’area.

Nessun massacro, nessun tallone di ferro dell’imperialismo e dei regimi reazionari, turco, siriano e di tutta l’area, può fermare la marcia rivoluzionaria delle donne che si è aperta a Kobane.

pc 19 ottobre - Catalunya: sciopero generale e oltre 500mila persone in piazza

Ieri la giornata è stata segnata da un intenso sciopero generale molto partecipato e da diversi blocchi nel territorio catalano. Molte le strade e i binari dei treni occupati dai manifestanti, la frontiera con la Francia già in nottata era stata bloccata creando una lunga fila di auto e camion. Così come il porto di Tarragona e, quasi completamente, quello di Barcellona dove un immenso dispositivo di polizia ha impedito agli studenti di praticare l'occupazione prevista, ma lo sciopero di massa dei portuali della CGT ha interrotto comunque la gran parte dell'attività. All'aeroporto di El Prat circa 60 voli sono stati cancellati. I mercati generali hanno ridotto di molto l'attività non solo per la mancanza dei lavoratori, ma anche per la scelta di molte aziende di tenere chiuso.
Anche la SEAT di Martorell è rimasta chiusa e la catena di supermercati Bon Preu.

Cinque cortei provenienti da tutta la Catalunya hanno invaso in mattinata Barcellona dopo due giorni di marcia. A questi cortei, organizzati da ANC (Assemblea Nazionale Catalana) e Omnium, due delle organizzazioni di opinione pubblica indipendentista, si è aggiunto un sesto convocato dai CDR (comitati di difesa della repubblica), che è partito di mattina presto da Castelldefels e che poco prima di pranzo ha raggiunto la capitale.
Il momento più significativo è stato però quello delle 17 in cui si sono riuniti tutti i cortei con gli studenti, i portuali e i sindacati. Oltre cinquecentomila persone, una vera marea umana che ha riempito le strade della città e che si è dovuta confrontare con le provocazioni dei fascisti, che sono scesi in corteo dal quartiere Sarria (zona dove risiedono molti ricchi e tradizionalmente di destra) che hanno tentato più volte di attaccare il corteo degli indipendentisti con la complicità dei Mossos che hanno lasciato fare, prontamente respinte dai manifestanti.
Gli scontri poi sono continuati, come nelle scorse sere, per tutta la notte con barricate ed incendi a cassonetti e auto. Numerosi sono stati gli arresti e i feriti.

pc 19 ottobre - Lo Slai cobas per il sindacato di classe solidale con la resistenza curda

Lo Slai cobas per il sindacato di classe
esprime il massimo sostegno alla resistenza curda vittima di un'aggressione fascista e genocida ad opera del regime turco di Erdogan.
condanna il sostegno complice dell’imperialismo Usa, l’ipocrisia dei governi imperialisti europei e la doppia faccia del governo imperialista italiano che parla di fermare l’invio di armi ma sono anche armi italiane già in possesso del regime turco che utilizza per  massacri, devastazioni che colpiscono la popolazione civile e provocano la fuga di grandi masse della popolazione curda.

Lo Slai cobas sc invita e sostiene ogni sforzo materiale in appoggio alla resistenza curda e al popolo curdo e rivendica la massima solidarietà e accoglienza per i migranti provenienti da quell’area, cancellando ogni legge, a partire dai decreti sicurezza, che ne ostacoli l’ingresso, la permanenza, la libertà di circolazione, la concessione dello status di rifugiati.

Lo Slai cobas sc invita tutte le organizzazioni sindacali di classe, di base e di massa ad unirsi in questa battaglia. a inserire questo punto nelle piattaforme di lotta dei lavoratori. a organizzare forme specifiche di mobilitazione

Viva la solidarietà internazionale e internazionalista!

SLAI COBAS per il sindacato di classe
coordinamento nazionale
19.10.19

pc 19 ottobre - Un milione in piazza a Barcellona - cariche della polizia del regime neofranchista spagnolo - lotta e resistenza di massa

pc 19 ottobre - I piedi in due staffe dell'imperialismo russo

Mosca accende il gas ad Ankara

Yurii Colombo

pc 19 ottobre - Il regime turco sostenuto dall'imperialismo all'insegna di crimini contro l'umanità - Sosteniamo la resistenza kurda!

Famigliari di vittime dei bombardamenti turchi su Ras al Ain

La «tregua di 120 ore» annunciata giovedì da Usa e Turchia nel nord della Siria non è mai iniziata. Le truppe turche fanno strage di civili a Ras al Ain. Anche Amnesty accusa: crimini di guerra. Ma Erdogan rilancia l’ultimatum ai curdi: via entro martedì o offensiva più dura

venerdì 18 ottobre 2019

pc 18 ottobre - Imbarazzanti immagini degli operai Whirlpool a Propaganda Live. Operai come sudditi ed ebeti plaudenti

Quando operai in lotta per il lavoro si riducono a claque patetica dei governanti di turno, sorta di "cornuti e contenti"... allora siamo alla frutta.
I padroni e il capitale gongolano.
La lotta di classe è altra cosa.

proletari comunisti/Pcm Italia
18-10 -2019

pc 18 ottobre - Il governo PD/M5Stelle è il governo degli F35 in alleanza combutta con il regime 'salviniano' polacco di Orban

Incontro a Cameri tra i sottosegretari alla Difesa di Italia e Polonia: si valuta la produzione di nuovi F35

Il sottosegretario alla Difesa Angelo Tofalo ha incontrato oggi, a Cameri (Novara), il collega polacco Marek Lapiski, sottosegretario con delega per il `procurement´, in visita con una delegazione allo stabilimento italiano dell'F35. La Difesa polacca nell'ottica di rimodernare la propria flotta, sta valutando l'acquisizione di un significativo numero di velivoli.
«E’ stata un'importante occasione per mostrare le potenzialità di una realtà italiana altamente specializzata nell'assemblaggio e nella manutenzione di velivoli di quinta generazione – ha spiegato Tofalo -. Qualora la Polonia decidesse di procedere all'acquisto e assicureremmo l'incremento della produzione».        

pc 18 ottobre - Grandiosa riuscita dello sciopero generale in Catalogna - una immensa marea chiede la liberazione dei prigionieri politici

segui la diretta su EL PAIS

pc 18 ottobre - ESCE IL QUADERNO DEL MFPR CON GLI ATTI DELL'IMPORTANTE SEMINARIO TEORICO ESTIVO - In distribuzione all'assemblea nazionale di nudm a Napoli - per richiederlo: mfpr.naz@gmail.com


 

pc 18 ottobre - info dal fronte - Munzur Piran, militante TKP-ML TIKKO: "Nessuno fa un passo indietro rispetto alla posizione"

Cari compagni,
spero che stiate tutti bene, perché la nostra situazione qui è buona. Oggi è l'ottavo giorno di resistenza. Dall'altra parte in questo momento si stanno preparando. Ancora una volta, 1200 armati appoggiati dal governo turco hanno attaccato Serekaniye. in appoggio all'attacco, usano obici, mortaio e velivoli  armati contro i lati Nord e Est e Ovest della città. Ma ciò mostra che ancora non hanno piegato la resistenza.
Non abbiamo una grande potenza di fuoco, i mitragliatori sono la armi più potenti che usiamo, ma abbiamo la nostra volontà. La nostra volontà sta resistendo a questi attacchi. Ci attaccano in tanti, ma hanno paura. Non riescono muoversi molto di notte perchè trovano resistenza da ogni parte. Nel complesso, il morale di tutti i compagni qui è molto alto. Nessuno fa un passo indietro dalla propria posizione.
In altre parole, stanno preparando attacchi su attacchi, ma ancora non riesono ad avanzare nonostante tante armi sofisticate.
Quindi, stanno cercando di bollirci, ma non ci riescono. Stanno cercando di entrare coi carri armati, ma i nostri compagni li distruggono. Ci sono continui scontri ravvicinati. A parte questo, non abbiamo perso il controllo. L'iniziativa è nelle nostre mani. Non sono molto coraggiosi. Non riescono a battersi come noi. Lo stato turco ha già iniziato a costruirgli muri dietro le spalle perchè nessuno di loro possa tornare indietro.
Questa è la situazione attuale, ci sono alcuni gruppi delle loro bande nel distretto industriale di Serekaniye e in un posto chiamato Hawarno, molto vicino al confine, controllano un paio di case. Tra Til Halef e Savurno i compagni hanno già formato una linea molto forte. A volte la strada da Til Timer a Srekaniye è chiusa, ma per lo più è aperta. I nostri compagni controllano la strada.
La situazione generale è buona. Oggi è l'ottavo giorno di resistenza e non importa se continua. Non importa chi viene e chi se ne va. La cosa principale è resistere. Resistere per del popolo curdo qui, per la gente che vive qui nel Rojava. Questa deve essere la base e noi la stiamo tenendo come base. Qualunque cosa accada, qui resisteremo fino alla fine!

Fatelo sapere a tutti i compagni!
Fatelo sapere a tutti!

pc 18 ottobre - La resistenza kurda sulla tregua - info ora per ora del 17 ottobre

18 ottobre

00.00: Nel nono giorno dell’invasione in Siria del nord da parte della Turchia e dei suoi proxy jihadisti in violazione della legalità internazionale, Washington e Ankara hanno concordato un cessate il fuoco di cinque giorni. Il governo turco chiede che le Forze Democratiche della Siria (FDS) entro questo termine si ritirino dai territori previsti per la cosiddetta "zona di sicurezza” nella zona di confine siriana.
Secondo quanto dichiarato dal comando generale delle FDS la tregua riguarda solo la regione lungo le linee del fronte da Serêkaniyê (Ras al-Ain) fino a Girê Spî (Tall Abyad). Nel frattempo, in particolare sui fronti di queste due città si sono intensificati gli attacchi dell’esercito turco e continuano.

17 ottobre

23.15: -UPDATE
Parlando con l’emittente Ronahî TV Kobanê giovedì sera ha confermato la tregua di cinque giorni concorata e ha dichiarato: la nostra popolazione deve sapere che la tregua riguarda le zone contese tra Girê Spî (Tall Abyad) e Serêkaniyê (Ras al-Ain). Lì sono state uccise centinaia di civili, migliaia spinti alla fuga. Per questa ragione abbiamo accettato la tregua, ma non che la Turchia resti nelle regioni. Noi come FDS faremo tutto il necessario perché venga rispettata la tregua.
Responsabile per l’attuazione come potenza di garanzia sono gli Stati Uniti. Deve essere garantito che la nostra popolazione possa tornare nei suoi luoghi di residenza. Gli obiettivi delle forze di occupazione di compiere un cambiamento demografico, devono essere impediti. Per le altre regioni non ci sono stati colloqui su una tregua. Le nostre forze si trovano nelle loro posizioni.
Questa tregua è nata grazie all’eroica resistenza delle e dei combattenti curd*, aran* e cristian*, delle Forze Democratiche della Siria, di tutti i popoli resistenti della Siria e delle nostre amiche e dei nostri amici che ci sostengono in tutto il mondo e che si sentono legati alla rivoluzione del Rojava. Salutiamo tutte le amiche e gli amici che si sono impegnati perché gli attacchi dello Stato turco fossero fermati e alle nostre amiche e ai nostri amici a Serêkaniyê che continuano la loro resistenza. L’invasione turca continua. La tregua è solo un inizio e non metterà fine all’occupazione. Il nostro e le nostre forze politiche devono rafforzare la loro lotta e creare un’unità.
22.00: Il comandate generale delle FDS Mazlum Abdi Kobanê: Accettiamo la tregua solo se la Turchia si ritira dalla regione. Gli obiettivi della Turchia – un’occupazione e una modifica demografica della regione – per noi sono inaccettabili.
20.59: Le truppe di occupazione turco-jihadiste attaccano di nuovo l’ospedale di Serêkaniyê (Ras al-Ain). Ci sarebbero molte vittime civili, i dettagli non sono ancora chiari. 
18.58: Le truppe di invasione turco-jihadiste presso Tirbespiyê (al-Qahtaniyya) bombardano i villaggi di Til Şerîr e Dêrna Qulinga. 
18.17: I villaggi di Carûdiyê, Xirab Reşik e Banukiyê nei pressi di Dêrik (al-Malikiya) vengono bombardati dall’aviazione turca.
15.14: Richiesta di un corridoio umanitario
Le organizzazioni della società civile della Siria del nord e dell’est chiedono l’istituzione di un corridoio umanitario per Serêkaniyê perché i civili possano lasciare la città. Le cure mediche nella città non sono più possibili dato che l’esercito di occupazione turco continua a prendere di mira l’ospedale e il personale sanitario.
15.09: Serêkaniyê continua a essere il luogo centrale della resistenza contro l’occupazione turca. L’esercito turco attacca la città con tutte le sue possibilità. Ma finora le FDS respingono ogni tentativo dell’occupante di entrare nel centro della città.
13.24: Situazione a Serêkaniyê 
I combattimenti in città proseguono senza sosta. Le Forze Democratiche della Siria (FDS) da tre giorni oppongono senza sosta una strenua resistenza contro gli aggressori. Attualmente la città viene bombardata con artiglieria pesante. Obiettivo dei bombardamenti è di nuovo anche l‘ospedale. Intanto migliaia di persone da alte città hanno raggiunto Serêkaniyê per prestare aiuti alla popolazione sul posto.
12.19: La situazione a Serêkaniyê resta difficile. Nella notte scorsa molti edifici sono stati attaccati dall’aviazione, tra cui l‘ospedale. Attualmente è in corso una violenta battaglia strada per strada tra gli occupanti e le FDS. Il co-Presidente del Congresso Popolare del Kurdistan (Kongra-Gel), Remzi Kartal, a fronte della situazione di pericolo mette in guardia da massacri di civili a Serêkaniyê e chiama a un’ampia solidarietà con i difensori della città.
11.31Le forze di liberazione di Efrîn ieri nella regione di Mare hanno condotto diverse azioni contro gli occupanti turchi, uccidendone sei e ferendone nove.
10.51:L’ospedale di Serêkaniyê (Ras al-Ain) nel quale si trovano numerosi civili feriti viene bombardato dalla Turchia.
10.30: Nelle prime ore del mattino la polizia turca a Adana ha eseguito 16 perquisizioni domiciliari e ha arrestato 13 persone per interventi nei social media. Dall’inizio della guerra il 9 ottobre, oltre 200 persone sono state arrestate per contributi critici nei social media.
10.25: Lo Stato turco attacca Serêkaniyê (Ras al-Ain) in modo massiccio, pare anche con l’uso di armi vietate. Il comitato per la salute di Cizîrê riferisce che ci sono molti feriti che non è possibile curare. Il comitato chiede aiuti urgenti.
10.24: Artist* del Kurdistan del sud e dell’est protestano contro l’invasione del Rojava e invitano a manifestare a Silêmanî.
09.48: Serêkaniyê (Ras al-Ain) nel 9° giorno di resistenza contro l’aggressione turca.
08.29: Le truppe di invasione con attacchi particolarmente violenti cercando di entrare a Serêkaniyê da tre fronti. Le FDS rispondono all’attacco e impediscono l’avanzata degli aggressori.
08.08: L’esercito turco bombarda il villaggio Alya presso Til Temir. Gli scontri sul posto continuano.
07.56: Ieri sera hanno avuto luogo pesanti combattimenti per il villaggio di Khafiya presso Ain Issa. Unità speciali turche hanno attaccato il villaggio. Le FDS hanno risposto al fuoco e si è arrivati a violenti scontri in cui son morti diversi soldati. Un veicolo militare è stato distrutto. Le FDS hanno sequestrato grandi quantità di materiali militari.
07.49: Presso Serêkaniyê si continua a combattere per il villaggio di Menacir. L’aviazione turca bombarda il villaggio.
07.47: I combattimenti intorno al villaggio di Alya presso Til Temir si sono inaspriti. I e le combattenti delle FDS hanno inflitto gravi perdite agli aggressori. L’aviazione turca bombarda la zona circostante.
07.34: L’attacco al villaggio di Kendal presso Girê Spî (Tal Abyad) è stato respinto dalle FDS. Le truppe di invasione hanno cercato di conquistare il villaggio, ma hanno incontrato la resistenza delle FDS. Sono stati uccisi almeno sette degli aggressori e molti sono rimasti feriti.
07.27: Le Forze Democratiche della Siria (FDS) continuano a difendere strenuamente Serêkaniyê contro le truppe di invasione che attaccano su più fronti. L’agenzia ANHA riporta molti morti tra le truppe di invasione. Da ieri sera la città è sotto un violento bombardamento.
Le nostre e i nostri generos* combattenti da otto giorni oppongono resistenza senza sosta – e lo hanno in una dimensione storica. Le proteste in tutto il mondo danno loro molta forza. In particolare in questo momento hanno bisogno del sostegno morale della popolazione. Scendete in piazza! Davanti all’ONU e ai consolati. In Europa, negli USA e nel Vicino e Medio Oriente! “

pc 18 ottobre - Torino, sei agenti della Penitenziaria arrestati per tortura


Torino, violenze sui detenuti: sei agenti della Penitenziaria arrestati per tortura. “Ti ammazzerei e invece devo tutelarti”Ti ammazzerei e invece devo tutelarti”. “Devi suicidarti”. E ancora: “Per quello che hai fatto devi morire qua”. Poi botte, pugni, calci ai genitali, cinghiate, vessazioni: torture. Stamattina sei agenti della polizia penitenziaria in servizio presso la casa circondariale “Lorusso e Cutugno” di Torino sono finiti agli arresti domiciliari nel corso di un’operazione dei colleghi del Nucleo investigativo centrale. Sono indagati, insieme ad altri “secondini”, di aver commesso diverse gravi violenze contro detenuti, soprattutto quelli accusati di reati sessuali, ma non solo. Tortura, abuso di autorità sui detenuti, violenza e maltrattamenti sono le ipotesi di reato formulate dal sostituto procuratore Francesco Pelosi e dal procuratore aggiunto Enrica Gabetta.

L’inchiesta è partita quasi un anno fa quando Monica Gallo, garante dei detenuti della Città di Torino, ha denunciato in procura una serie di episodi raccontati da alcuni arrestati....si cominciava con insulti e sputi e proseguivano con calci, schiaffi e pugni. Una delle vittime ha riferito anche di essere stato minacciato: se avesse riferito al medico le vere cause degli ematomi, sarebbe stato picchiato ancora. Per questo avrebbe dovuto dire di esser stato aggredito dal “concellino”.
C’è il caso del detenuto che, appena entrato in carcere, riceve il kit di primo ingresso, con stoviglie, posate, lenzuola, e poi il benvenuto dei “secondini” che, accompagnandolo verso la cella, cominciano a picchiarlo. Viene lasciato nella sua cella senza materasso, costretto a dormire sulla lastra metallica della branda, ma viene anche privato dell’ora d’aria e delle visite mediche richieste. Un altro ancora veniva prelevato di notte dalla sua cella, portato al primo piano e pestato. Quando provava a rialzarsi gli agenti lo prendevano a calci alle gambe e lo spingevano contro il muro.
I racconti raccolti dagli inquirenti sono molti e il lavoro non è ancora concluso. L’indagine, che riguarda non solo le persone ai domiciliari, ma anche altri agenti indagati a piede libero, è ancora in corso per scoprire altri episodi analoghi oltre a quelli finora denunciatna situazione grave che ormai aveva varcato i muri delle “Vallette”.

pc 18 ottobre - Sabato 17.30 lungomare Taranto - manifestazione di solidarietà con la resistenza kurda

pc 18 ottobre - Nello sciopero del 25 ottobre le rivendicazioni sociali e politiche del sindacalismo classista e combattivo

pc 18 ottobre - Repressione antioperaia a Prato - STOP Decreto Salvini

Prato, repressione di Stato e padronale: la polizia sgombera violentemente gli operai Superlativa in sciopero, investita sindacalista. Gli operai non vengono pagati da 7 mesi, Sarah, sindacalista del Sicobas è stata investita e la risposta delle istituzioni è far intervenire la polizia.


LA POLIZIA SGOMBERA I LAVORATORI DI SUPERLATIVA
La polizia cerca di far chiudere il picchetto a Superlativa che è in corso ad oltranza

pc 18 ottobre - Bologna, azione all'aeroporto Marconi contro Turkish Airlines

In moltissime città d'Italia, come a Bologna, ci sono state manifestazioni e cortei: nel mondo è esploso in un grido di solidarietà, anche nella Turchia di Erdogan dove le mobilitazioni delle compagne e dei compagni sono state però represse con violenza.

pc 18 ottobre - Libertà per i No Tav - Libertà per la Val di Susa!

Notifica di anni di reclusione per 12 attivisti che a vario titolo parteciparono alla giornata di mobilitazione del 3 marzo 2012 organizzata dal movimento No Tav.

Scrive Nicoletta Dosio: “Ma che cosa pensano di fare con i loro muri e le loro manette? E che ne sanno di questa nostra vita che con un colpo d’ala sa liberarsi dalle loro trappole che si chiamano resa e rassegnazione?
Nulla conoscono dell’amore che ci lega a questa terra e alle sue creature fragili, tenaci e belle.
Né immaginano la forza dell’ostinata dignità di chi non si piega ai loro giochi di potere né alle loro minacce.
L’erba sa rompere anche il cemento delle prigioni e l’acqua, a lungo andare, scava la pietra tenace. Chi la dura, la vince, e noi lo sappiamo….
Contro il breve tempo dei loro profitti, il lungo tempo della nostra lotta.”

I fatti. A seguito di una partecipatissima assemblea in piazza del mercato a Bussoleno, il 3 marzo 2012, si decise di dividersi in due gruppi: uno si mosse in corteo a Bussoleno, un altro si diresse ad Avigliana per contestare le dichiarazioni provocatorie dell’allora premier Monti e liberare i caselli di una delle autostrade più care d’Italia, la Torino Bardonecchia, che dal lunedì della stessa settimana fino al giovedì era già stata occupata in maniera permanente dal movimento.
Erano giorni di intensa mobilitazione: Luca Abbà pochi giorni prima era stato fatto cadere dal

pc 18 ottobre - Libertà per Vincenzo - la Francia deciderà il 24 ottobre sull'estradizione di Vecchi

RENNES (FR) - Il 24 ottobre, la magistratura francese valuterà la consegna alle autorità italiane dell'ex attivista anti-capitalista italiano Vincenzo Vecchi, arrestato l'8 agosto nella Francia occidentale, con due mandati d'arresto europei. L'udienza si terrà dinanzi alla Corte d'Appello di Rennes, ha detto Catherine Glon, avvocato di Vecchi. "Questo è un momento cruciale per Vincenzo Vecchi", scrive lo scrittore Eric Vuillard, Premio Goncourt 2017, membro del comitato italiano di sostegno agli attivisti, in una e-mail.
Vincenzo Vecchi, 46 anni, con due mandati d'arresto emessi dall'Italia, è stato condannato a 12 anni e mezzo di carcere nel 2009 dalla Corte d'Appello di Genova "per atti di complicità nel furto con violenza, incendio doloso, complicità nella devastazione e saccheggio, danno intenzionale e uso di armi proibite in un luogo pubblico" durante il vertice del G8 a Genova nel 2001, secondo la Procura Generale. Nel 2007 è stato condannato dalla Corte d'Appello di Milano a quattro anni di reclusione, in particolare per "minacce contro pubblici ufficiali" e "porto d'armi in luogo pubblico", durante una manifestazione contro l'estrema destra a Milano nel 2006.
La Corte d'appello di Rennes aveva ordinato di fornire entro il 10 ottobre informazioni complementari alle autorità giudiziarie italiane, al fine di chiarire vari punti relativi alle sentenze pronunciate in Italia: le sanzioni massime inflitte, la prescrizione, il sistema di esecuzione della pena. "I documenti chiesti sono stati forniti nelle ultime ore prima della scadenza e non aggiungono alcuna informazione a sostegno dei mandati d'arresto", dice Vuillard. Vincenzo Vecchi ha vissuto in clandestinità per otto anni a Rochefort-en-Terre dove ha lavorato come imbianchino e ha ricoperto incarichi in un bar dell'associazione.   

giovedì 17 ottobre 2019

pc 18 ottobre - Genova - “Guerra alla guerra”, sabato pomeriggio corteo a sostegno della resistenza curda

Genova. Dopo il presidio di giovedì scorso, Genova torna in piazza a sostegno della resistenza curda dopo l’invasione dei territori a nord della Siria da parte dell’esercito turco. L’appuntamento è per sabato 19 ottobre alle 14.30 con concentramento di fronte alla stazione marittima.

Decine di civili uccisi, centinaia di feriti e decine di miglia di sfollati dopo l’esercito americano ha abbandonato il confine. Un bilancio drammatico in assenza un intervento credibile da parte della comunità internazionale.
“Le diplomazie internazionali rilasciano ipocrite dichiarazioni di circostanza, critiche solo a parole, mentre i governi rimangono alleati di Erdogan nei fatti – scrivono gli organizzatori per spiegare le ragioni del corteo – l’esercito italiano è presente con 130 soldati e alcune batterie missilistiche nell’operazione NATO Active Fence a difesa del confine meridionale della Turchia”.
E l’industria bellica italiana è pesantemente coinvolta nel conflitto: “gli aerei da pattugliamento dell’esercito turco sono costruiti da Alenia Aermacchi, gli elicotteri da combattimento da Leonardo (ex Finmeccanica) e l’elenco potrebbe continuare”. "Spesso armi e mezzi che raggiungono i teatri di guerra transitano nel nostro porto, come la lotta contro la Bahri nei mesi scorsi ha dimostrato. Così come tanti sono gli interessi politici ed economici turchi in Italia” dicono le associazioni che organizzano il corteo, deciso dopo un’assemblea successiva al presidio della scorsa settimana .
Obiettivo della manifestazione è “portare in strada la solidarietà alle popolazioni colpite dalla guerra e alla resistenza curda” ma anche una “mobilitazione contro la guerra e la Nato, contro i traffici di armi nel porto”.

pc 17 ottobre - arrivato 1 ora fa dai compagni del TKP-ML TIKKO


Munzur Piran, militante TKP-ML TIKKO: "Nessuno fa un passo indietro rispetto alla posizione"

Cari compagni,
spero che stiate tutti bene, perché la nostra situazione qui è buona. Oggi è l'ottavo giorno di resistenza. Dall'altra parte in questo momento si stanno preparando. Ancora una volta, 1200 armati appoggiati dal governo turco hanno attaccato Serekaniye. in appoggio all'attacco, usano obici, mortaio e velivoli  armati contro i lati Nord e Est e Ovest della città. Ma ciò mostra che ancora non hanno piegato la resistenza.
Non abbiamo una grande potenza di fuoco, i mitragliatori sono la armi più potenti che usiamo, ma abbiamo la nostra volontà. La nostra volontà sta resistendo a questi attacchi. Ci attaccano in tanti, ma hanno paura. Non riescono muoversi molto di notte perchè trovano resistenza da ogni parte. Nel complesso, il morale di tutti i compagni qui è molto alto. Nessuno fa un passo indietro dalla propria posizione.
In altre parole, stanno preparando attacchi su attacchi, ma ancora non riesono ad avanzare nonostante tante armi sofisticate.
Quindi, stanno cercando di bollirci, ma non ci riescono. Stanno cercando di entrare coi carri armati, ma i nostri compagni li distruggono. Ci sono continui scontri ravvicinati. A parte questo, non abbiamo perso il controllo. L'iniziativa è nelle nostre mani. Non sono molto coraggiosi. Non riescono a battersi come noi. Lo stato turco ha già iniziato a costruirgli muri dietro le spalle perchè nessuno di loro possa tornare indietro.
Questa è la situazione attuale, ci sono alcuni gruppi delle loro bande nel distretto industriale di Serekaniye e in un posto chiamato Hawarno, molto vicino al confine, controllano un paio di case. Tra Til Halef e Savurno i compagni hanno già formato una linea molto forte. A volte la strada da Til Timer a Srekaniye è chiusa, ma per lo più è aperta. I nostri compagni controllano la strada.
La situazione generale è buona. Oggi è l'ottavo giorno di resistenza e non importa se continua. Non importa chi viene e chi se ne va. La cosa principale è resistere. Resistere per del popolo curdo qui, per la gente che vive qui nel Rojava. Questa deve essere la base e noi la stiamo tenendo come base. Qualunque cosa accada, qui resisteremo fino alla fine!

Fatelo sapere a tutti i compagni!

Fatelo sapere a tutti!


TKP-ML TIKKO militant Munzur Piran: “No one takes a single step back from the position”

Dear comrades,
I hope you are all well, because our situations in here is good. Today is the 8th day of the resistance. They are also doing preparation on the other side right now. Yesterday again, 1200 Turkish government backed gangs attacked Serekaniye. Parallel to this attack they used howitzer, mortar and armed UCAV from both north and east and west sides of the town. But to underline still they have not broken the resistance.
There is no great gun power here, miniguns is the most powerful gun used but we have our will. Our will is resisting against these attacks. There are many gang members attacking. They are so scared. They can’t move much at night as if there’s going to be a resistance coming from anywhere.
Overall the morale of all the friends here is very high. No one takes a single step back from their positions. In other words, they are preparing attack over attack but still they cannot take a step forward despite so many techniques. So, they are trying to kettle, but they can’t. They are trying to enter with tanks, panzers, but our friends destroy those. There are continuous short distance clashes. Apart from that we have not lost control. The initiative is in our hands. They are not very brave. They are not able to take such a step; the Turkish state has already started building the walls back to that no gang could run back.
This is the current situation now, there are some group of these gangs in the industrial district of Serekaniye and there is place called Hawarno which is very close to border. In there, gangs’ members are holding couple houses. Already both in Til Halef and Savurno side friends have formed a very strong line. Sometimes this Til Timer to Srekaniye road is closed, but mostly it’s open. Our friends are holding the road.
The general situation is good. Today is the 8th day and it doesn’t matter if it carries on.  No matter who came and who left. The main thing here is to resist. Resisting for the benefit of the Kurdish people here, and for the benefit of the people living here in Rojava. This needs to be the bases, and we take this as basis. No matter what happens, we will resist here until the end!

Let all comrades know this!
Let everyone know this!

pc 17 ottobre - Appello al presidio antirazzista di Taranto - 25 ottobre torniamo in piazza per dire NO ai Decreti sicurezza

pc 17 ottobre - Sardegna. Sit in di solidarietà con gli indipendentisti catalani in molte città

di Liberu

Il Tribunale Supremo spagnolo ha condannato a durissime pene detentive gli ex rappresentanti del governo catalano per l’organizzazione del referendum sull’indipendenza del 1 ottobre 2017.
Gli imputati (ministri, rappresentanti del governo e esponenti del mondo della cultura), in carcere preventivo già da più di due anni, sono stati condannati a pene pesantissime che arrivano fino a 13 anni di prigione, per un totale complessivo di quasi un secolo.
La loro unica colpa è stata quella di avere dato la parola al popolo catalano, chiedendo il loro parere sul diritto all’autodeterminazione nel nome dei principi democratici di cui tutti si riempiono la bocca. La risposta della Spagna è stata la repressione più spietata sugli inermi cittadini, picchiati nei seggi elettorali, l’applicazione dell’art. 155 che revoca lo statuto autonomo e applica l’amministrazione centralista, l’arresto dei dirigenti politici, culminato ora con pesantissime condanne e un nuovo mandato d’arresto internazionale per il legittimo presidente Carles Puigdemont.
Chiediamo a tutti i cittadini di reagire a questa ondata repressiva scendendo in piazza per esprimere solidarietà ai prigionieri e a tutto il popolo catalano, per rivendicare il diritto di tutti i popoli a perseguire liberamente la propria autodeterminazione.

Calendario dei Sit In
Oristano – venerdì 18 ottobre, fronte Prefettura dalle ore 10 alle 11.
Nuoro – venerdì 18 ottobre, fronte Prefettura dalle ore 17 alle 18.
Sassari – venerdì 18 ottobre, piazza Azuni dalle ore 18,30 alle 19,30.
Cagliari – venerdì 18 ottobre, fronte Prefettura dalle ore 10 alle 11

pc 17 ottobre - Trump “Speriamo che l’Italia aumenti la spesa per la Nato”. Conte promette altri sette miliardi


Stati Uniti e Italia collaborano su una serie di questioni. Il problema è che l’Italia spende solo l’1,1% del Pil per la difesa, invece del 2%. Speriamo che l’Italia aumenti la spesa per la Nato”. Sono queste le parole pronunciate dal presidente degli Stati UnitiTrump durante la conferenza stampa alla Casa Bianca insieme al Presidente della repubblica Sergio Mattarella.
E’ stato così sancito ufficialmente l’impegno del nuovo governo, quello del BisConte, ad aumentare le spese militari, anche in un contesto di conclamata recessione economica e crescita zero.
L’accelerazione di questa febbre militarista nel nuovo esecutivo è avvenuta proprio in questi giorni di ottobre alla luce di una serie di “visite” in Italia di alti esponenti delle autorità Usa e della Nato.
Prima c’era stato l’incontro tra Conte e il segretario di Stato Usa Mike Pompeo. Poi si è tenuto a Palazzo Chigi un incontro al massimo livello tra il Presidente del Consiglio italiano, Giuseppe Conte, e il Segretario generale della Nato (l’alleanza militare tra Europa e Usa con dentro anche la Turchia), il norvegese Jens Stoltenberg.
Ciò che invece è passato inosservato, almeno secondo quanto riporta il quotidiano La