sabato 19 gennaio 2019

pc 19 gennaio - Migranti, i 3 sopravvissuti: «Meglio morire che tornare in Libia - E il governo Salvini/Di Maio è con i governanti libici e collabora a questa strage infinita

Centosettanta vittime in due naufragi. Centosettanta persone morte in mare dall'inizio dell'anno nelle acque di quel mar Mediterraneo che anche nel 2019 si conferma «cimitero dei migranti». I barconi del sogno europeo non si fermano e continuano a partire dalla Libia, in fuga da «violenze e abusi», dalle torture dei centri di detenzione. 
L'ultima tragedia è avvenuta , quando le autorità libiche avvistano un gommone in difficoltà con 50 migranti a bordo a nord di Garabulli. La Guardia costiera di Tripoli, che aveva stimato in 50 il numero di persone a bordo, invia prima una motovedetta - poi costretta a tornare indietro per avaria - e poi allerta un mercantile battente bandiera liberiana per soccorrere il nata

Nel frattempo, un paio d'ore dopo, il gommone viene avvistato anche dall'Aeronautica militare italiana che riferisce di 20 persone a bordo. L'equipaggio dell'aereo lancia due zattere di salvataggio,

pc 19 gennaio - Non si ferma la mobilitazione dei Gilets jaunes


«Gilets jaunes»: 84.000 manifestants en France, comme samedi dernier

Toulouse a connu une mobilisation record, avec 10 000 manifestants. Dans certaines villes, comme Paris ou Bordeaux, des heurts ont eu lieu en fin de manifestation.
Manifestation des « gilets jaunes », samedi 19 janvier à Paris.
Manifestation des « gilets jaunes », samedi 19 janvier à Paris. PHILIPPE LOPEZ / AFP
« Injustice fiscale, colère sociale » : des milliers de « gilets jaunes » manifestaient samedi 19 janvier pour leur dixième journée d’action, une mobilisation en léger recul et sans heurts majeurs, quelques jours après le lancement par Emmanuel Macron d’un « débat national » censé canaliser cette colère inédite. Le ministère de l’intérieur a recensé 84 000 manifestants en France en fin de journée, comme samedi dernier. Des chiffres qui sont habituellement critiqués par les « gilets jaunes », qui communiquent eux-mêmes leur comptage via plusieurs pages Facebook.
A Paris, pour la première fois depuis le début du mouvement social il y a deux mois, la manifestation, qui a rassemblé 7 000 personnes, s’est déroulée de manière classique, suivant un parcours pré-établi et sans débordements. Il est parti de l’esplanade des Invalides vers midi. La manifestation a ralié la place d’Italie, dans l’est de Paris, avant de revenir aux Invalides. Un aller-retour de 15 kilomètres le long de la rive gauche, qui abrite de nombreux ministères et lieux de pouvoirs, et avait jusqu’ici échappé aux grands rassemblements.
La traversée s’est effectuée dans le calme, mais une fois le cortège disloqué, les forces de l’ordre ont fait usage de gaz lacrymogène et de canon à eau contre les manifestants qui jetaient des bouteilles et pavés, dans le 7e arrondissement parisien
A Paris, le 19 janvier.
A Paris, le 19 janvier. GEORGES GOBET / AFP
Ce nouveau samedi de mobilisation se déroulait en effet sur fond de polémique sur l’utilisation par les policiers de « lanceurs de balles de défense », cause de multiples blessures.
Sur une autre, un détournement de la Marianne de Shepard Fairey, tableau affiché dans le bureau du président à l’Elysée, a modifié le slogan de la République par un « Liberté, Egalité, Flashball ».

Mobilisation massive à Toulouse,

Selon la préfecture, 5 000 policiers et gendarmes mobiles, dont 35 détachements d’action rapide pour les interpellations, ainsi que huit véhicules blindés à roue de la gendarmerie, sont mobilisés dans la capitale pour le maintien de l’ordre.
Sur le plan national, le ministère de l’intérieur fait état d’un dispositif comparable en ampleur à celui du 12 janvier. Près de 84 000 personnes avaient manifesté la semaine passée dans le pays, une mobilisation en hausse par rapport aux 50 000 de la semaine précédente, mais bien inférieure aux centaines de milliers rassemblées en novembre ou décembre. Quelque 80 000 policiers et gendarmes avaient été mobilisés au total.
Manifestation des « gilets jaunes », samedi 19 janvier, à Angers.
Manifestation des « gilets jaunes », samedi 19 janvier, à Angers. STEPHANE MAHE / REUTERS
Plusieurs rassemblements, de moindre importance mais comptant parfois quand même plusieurs milliers de personnes, ont eu lieu dans plusieurs villes, comme Marseille, Saint-Etienne, Roanne, Valence, Clermont-Ferrand, Montélimar, Dijon ou Nevers.
  • A Toulouse quelque 10 000 « gilets jaunes » ont été dénombrés par la préfecture, soit un record de mobilisation depuis le début du mouvement, qui a été émaillé de heurts.
  • A Lille, entre 1 500 et 3 000 personnes ont défilé dans le centre-ville, dans le calme.
  • A Lyon, des « gilets jaunes », qui défilaient sur les quais du Rhône, ont été empêchés d’accéder à l’hypercentre par les forces de l’ordre qui ont fait usage de gaz lacrymogènes.
  • A Bordeaux, un bastion du mouvement, quelque 4 000 « gilets jaunes » ont défilé dans le centre-ville, avec des affrontements une fois que le cortège était dispersé.
  • A Angers, où le mouvement était annoncé comme une manifestation pour l’ensemble de la région Pays-de-la-Loire, environ 2 500 personnes se sont retrouvées.
  • A Nantes, entre 800 et 900 « gilets jaunes » se sont rassemblés, selon la préfecture de Loire-Atlantique.
  • A Rennes, la situation était plus tendue, avec 2 000 manifestants qui se sont parfois affrontés avec la police.
  • A Nancy, environ 2 000 « gilets jaunes » ont manifesté. Le rassemblement a été marqué par quelques heurts avec les forces de l’ordre.
  • A Béziers, quelque 2 500 manifestants selon la police, 3 000 selon les organisateurs, ont défilé dans le centre-ville.
  • A Rouen, selon Paris Normandie, quelque 2 000 manifestants se sont retrouvés dans la ville, où la situation avait été particulièrement tendue le 12 janvier.

pc 19 gennaio - Aprire i porti! Basta morti in mare - Questo governo se ne deve andare!

«Continua un genocidio e al ministro Salvini direi: si farà un secondo processo di Norimberga, e lui non potrà dire che non sapeva» attacca il sindaco di Palermo Orlando, capofila dei primi cittadini anti decreto sicurezza. «I nostri nipoti ci paragoneranno ai nazisti» rincara la dose padre Alex Zanotelli. 

pc 19 gennaio - Nuova strage di immigrati - Salvini/Di Maio governo di assassini!



Hanno raccontato di essere stati in 120 a bordo del gommone affondato al largo della Libia, all’interno della sua area di responsabilità Sar. Nessun superstite, a parte loro tre, due sudanesi e un gambiano, salvati nella notte da un elicottero della Marina Militare italiana. Arrivati a Lampedusa, hanno riferito agli uomini dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni, che sul gommone erano “circa 120, comprese 10 donne, di cui una incinta e due bambini, uno di appena qualche mese”. Un secondo naufragio con 53 morti è avvenuto nel Mare di Alborán, nel Mediterraneo occidentale
"Tra noi c'erano anche 10 donne, una incinta, e due bambini. Il gommone ha iniziato a sgonfiarsi dopo circa dieci-undici ore di navigazione". 

pc 19 gennaio - Bergamo: settimana di azione e solidarietà internazionale con la guerra popolare in INDIA

pc 19 gennaio - GLI SCACALLI A RIGOPIANO

ALLE ELEZIONI SERVONO ANCHE I MORTI...

pc 19 gennaio - NAPOLI - LA PROTESTA DEI CENTRI SOCIALI CONTRO SALVINI


Forum con Salvini al Mattino
tensione tra centri sociali e polizia





Alta tensione per l'arrivo di Matteo Salvini a Napoli. Un gruppo di ragazzi, appartenenti ai centri sociali, ha tentato di bloccarne l'ingresso in via Chiatamone al Mattino, dove il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, era atteso per un forum con il direttore del quotidiano Alessandro Barbano e i cronisti della redazione.



I poliziotti della Digos hanno sollevato di peso i ragazzi (in tutto, una decina) che hanno intonato cori contro Salvini. Gli attivisti del centro sociale Insurgencia hanno effettuato anche una diretta Facebook all'esterno della sede del quotidiano. un giornalista free-lance è stato identificato, riferisce la Questura, dopo avere reiteratamente tentato di superare il cordone disposto per tenere a bada un gruppo di manifestanti. Secondo quanto si è appreso il cronista stava riprendendo la protesta con il telefonino quando è stato prelevato dagli agenti e identificato. Il giornalista riferisce anche di essere stato colpito con un manganello sulla mano: «Voglio sporgere denuncia - ha riferito ai colleghi - stavo facendo riprese e non stavo protestando, mi sono qualificato come giornalista senza essere ascoltato».

pc 19 gennaio - REDDITO DI CITTADINANZA - DENUNCIAMONE LA PERVERSA/INCIVILE LOGICA

Il Reddito di cittadinanza viene istituito con una perversa logica del "contro", non per dare ma per "non dare", per fare una campagna falsa, offensiva e ignobile contro i poveri, i disoccupati, i giovani, le donne in cerca di lavoro che non trovano.
Non si era finora visto un provvedimento che unisse in sè misure economiche di sostegno, assistenziali e misure repressive, il carcere - fino a 6 mesi di galera.
Questo governo considera tout court le persone che non hanno lavoro e reddito potenziali "scansafatiche", truffatori. Una logica frutto di una politica che considera ogni misura verso le masse una sorta di danno che il governo è sì costretto a fare - soprattutto per le promesse elettorali - ma che chi ne dovrebbe beneficiare non ne avrebbe effettivo diritto (perchè se non lavora è colpa sua), e va, quindi, controllato e se fa il "furbo" represso.
Questa è politica fascio-populista, una politica per cui il Ministero degli Interni è l'effettivo Ministero generale che deve entrare in ogni provvedimento, per cui al fianco della propagandista populista compare sempre il poliziotto.
E' stato già chiaro col Decreto sicurezza, con il legame tutto e solo ideologico, propagandistico: migranti=insicurezza - lotte dei lavoratori, sociali=insicurezza e, quindi la sicurezza sarebbe possibile cacciando gli immigrati e reprimendo le lotte.
Ma tutto ciò non fa che dire chiaro che questo governo ritiene che il fascismo è la risposta ai migranti, alle lotte, come ai poveri e disoccupati truffatori.

Il reddito di cittadinanza, formulato con la logica e azione coercitiva, di controllo, diventa una vessazione quasi peggiore della mancanza di lavoro e reddito.
Invece di un sostegno economico per sopravvivere in attesa di trovare lavoro, ti trovi il funzionario che ti dice: o vai a 250 Km a fare qualsiasi lavoro o ti tolgo pure quella miseria di reddito; invece di un aiuto ti trovi sotto casa i carabinieri perchè hai fatto qualche dichiarazione non vera o hai strappato

pc 19 gennaio - Oggi a Parigi due eventi importanti: il 10° sabato di mobilitazione dei gilets jaunes e la commemorazione al cimitero di Pere lachaise del compagno Pierre a un anno dalla sua morte

Pas de débat avec les assassins du peuple !
SAB, 19 GEN ALLE ORE 11:00 UTC+01
Cimetière du Père-LachaiseParigi, Francia

Il nostro saluto alla commemorazione di Pierre

Cari compagni e care compagne,
un forte e caloroso saluto a tutti voi qui riuniti per tenere vivo il ricordo del compagno Pierre, un grande compagno m-l-m esempio di tenacia e coerenza in ogni giorno della sua vita da rivoluzionario.
Ad un anno dalla sua morte sono ancora ben vivi in noi i numerosi messaggi dei partiti e delle organizzazioni rivoluzionarie provenienti da numerosi paesi, ciò non è ovviamente un caso:
il compagno Pierre è stato uno dei pochi compagni maoisti che in Europa dopo essersi forgiato nella tormenta del “biennio rosso francese “ ’68-’69 militando nella Gauche Proletarienne, quando molti si ritiravano inghiottiti nel riflusso generale del movimento, teneva alta la bandiera rossa della rivoluzione in Francia continuando a essere legato al proletariato e alle masse popolari del suo paese ma anche alle altre forze

pc 19 gennaio - Oggi manifestazione a Taranto contro il razzismo e decreto sicurezza ore 17 piazza marconi

venerdì 18 gennaio 2019

pc 18 gennaio - Lamina Milano una strage operaia che reclama giustizia - 12 febbraio processo a Milano - La Rete nazionale salute e sicurezza Milano ci sarà!


È passato un anno dalla tragedia alla Lamina di Milano, in cui persero la vita quattro lavoratori.  “Abbiamo appreso dagli organi di stampa che, dopo la conclusione delle indagini della procura di Milano a fine luglio, è stato notificato il rinvio a giudizio per omicidio colposo plurimo a carico del legale rappresentante dell'azienda. I Pm gli contestano di non aver valutato il rischio di mancanza totale di ossigeno che può produrre l'utilizzo del gas argon che veniva usato per le lavorazioni a caldo e di non aver predisposto le necessarie procedure di sicurezza”. Lo afferma la Fiom Milano, in una nota. il 12 febbraio dovrebbe iniziare il processo.
Nell’anniversario della strage alla Lamina, per la quale, secondo le conclusioni dell’inchiesta della Procura della Repubblica, l’azienda ha pesantissime responsabilità, “noi vogliamo ricordare Arrigo, Giancarlo, Giuseppe e Marco, intensificando il nostro impegno nei luoghi di lavoro, sul territorio e nelle sedi preposte perché il lavoro sicuro diventi la norma e non l’eccezione”.
Il 31 gennaio si svolgerà in Camera del lavoro di Milano un'assemblea che coinvolgerà tutti i delegati sindacali e rappresentanti per la sicurezza nei luoghi di lavoro metalmeccanici. Quel giorno verrà proiettato un documentario dal titolo “Mai più!”, che, partendo dalla tragedia della Lamina, propone una riflessione collettiva sul dramma dei morti sul lavoro.

pc 18 febbraio - Processo per i tumori targati ENI a Gela il 21 febbraio - la Rete nazionale salute e sirurezza Sicilia ci sarà

associazione contro i tumori contro i vertici Eni

Gela: associazione contro i tumori contro i vertici Eni

pc 18 gennaio - Alla FCA Pomigliano non si può più neanche volantinare

Volantinano nello stabilimento Fca, operai denunciati a Pomigliano


Si sono presentati ai cancelli dello stabilimento Fca di Pomigliano d’Arco per fare volantinaggio. Ma il volantinaggio è stato bloccato dai vigilantes: «Nuove disposizioni dell’azienda». Tempo dieci minuti è arrivata anche la digos di Acerra, su invito della Fca

pc 18 gennaio - Contro i provvedimenti del governo fasciopopulista su reddito e pensioni - 2

dal manifesto

Reddito di cittadinanza», lavoratori e poveri sotto controllo

La conferenza stampa a Palazzo ChigiIl Consiglio dei ministri vara un «reddito di cittadinanza». Primi passi da aprile. Le prime stime: in media 390 euro a famiglia. Platea potenziale: circa 5 milioni di poveri. Esclusi gli stranieri che risiedono in Italia da meno di 10 anni. 
Dicono di volere «abolire la povertà», trasformeranno una quota variabile di «poveri assoluti» in lavoratori «occupabili» e in veicoli di sgravi fiscali per aziende in cambio di assunzioni perlopiù precarie. Nell’epoca in cui c’è meno lavoro, e quello che c’è è precario, il sussidio vincolato a otto ore di lavoro gratuito a settimana per 18 mesi, alla formazione-riqualificazione obbligatoria e agli incentivi alle imprese per assumere persone con un reddito Isee inferiore a 9.360 euro annui – il «reddito di cittadinanza» deliberato ieri dal consiglio dei ministri – servirà a governare la mobilità di una platea potenziale di quasi cinque milioni di persone, 1,7 milioni di famiglie in cui rientreranno 250 mila nuclei con disabili.
POCO MENO DI 7 MILIARDI di euro nei nove mesi di applicazione del 2019, a partire dal mese precedente alle elezioni europee (aprile) fino a dicembre, serviranno a finanziare un sussidio medio

pc 18 gennaio - Contro i provvedimenti fascio populisti su reddito e pensioni - 1

Un sussidio moralistico e poliziesco

Ma quale reddito.  Se la partita del reddito di cittadinanza intendeva giocarsi, guardando al futuro, con i padroni dei robot e la rendita finanziaria, il reddito dei 5 stelle guarda al passato, coltivando un’idea di occupazione e disoccupazione completamente superata e degradante
È bene che disoccupati, sottoccupati, precari, giovani impegnati nelle più diverse attività non contemplate dal mercato del lavoro, poveri assoluti e relativi di ogni provenienza se ne rendano fin da subito conto.
In Italia non sarà introdotto alcun reddito di cittadinanza, ma un sussidio temporaneo, da spartire con le aziende, tra i più condizionati e punitivi d’Occidente.
Non si spiegherebbe altrimenti l’enorme sproporzione tra le energie spese nel prevenire gli abusi e quelle impiegate nel rendere disponibile l’uso di questo ammortizzatore sociale.
L’impianto pedagogico – poliziesco del sussidio targato 5stelle ripartisce infatti la popolazione «inoccupata» in due categorie.
La prima comprende degli sprovveduti esclusi senza colpa o mai entrati nel mercato del lavoro, bisognosi di essere condotti per mano da un piccolo esercito di burocrati a rendersi appetibili per le

pc 18 gennaio - Processo per 'sciopero' contro i lavoratori Si.Cobas a Piacenza

Protesta al tribunale sicobas

Protesta questa mattina di fronte al tribunale di Piacenza. Numerosi manifestanti, con slogan e bandiere, si sono presentati in via Consiglio, in occasione dell’avvio del processo a carico di alcuni rappresentanti sindacali della logistica (Si Cobas), accusati di violenza privata e manifestazione non autorizzata.

Il processo riguarda uno sciopero avvenuto nel 2016 davanti alla sede del magazzino Sda di Monticelli.
“Sono stato denunciato per violenza privata e manifestazione non autorizzata perché volevo dare solidarietà a un licenziato del Sda” – ha spiegato  Mohamed Arafat, Coordinatore provinciale Sicobas – “Oggi tutti i lavoratori sono venuti a dare solidarietà a me. Protestiamo anche contro il decreto sicurezza che limita il diritto di sciopero, l’unica arma dei lavoratori della logistica”.

pc 18 gennaio - Empoli - migrante tunisno muore... un altro caso di brutalità razzista poliziesca?



pc 18 gennaio - Lega e Salvini - corruzione e camorra


Pene fino a 4 anni e otto mesi. Due anni e sei mesi per Renzo Bossi, un anno e 8 mesi a Nicole Minetti. Un anno e 8 mesi anche a Massimiliano Romeo, attuale capogruppo della Lega in Senato, un anno e mezzo ad Angelo Ciocca, attualmente eurodeputato del Carroccio. Sono alcune delle 52 condanne, su 57 richieste, inflitte nel processo per la Rimborsopoli lombarda. Negato il rinvio chiesto dai difensori di alcuni imputati, in attesa dell’entrata in vigore della legge Anticorruzione
di F. Q.

pc 18 gennaio - La lotta dei Gilets jaunes - i maoisti francesi: "nessun dialogo con Macron!" - in italiano

Pas de débat avec les assassins du peuple !


Avue a Montepellier

Vu à Saint-Etienne

Nessun dibattito con gli assassini del popolo!
 15/1/2019
Oggi, Macron ha lanciato il suo “Tour dei sindaci" per il "Grande Dibattito" andando a Grand Bourgtheroulde in Normandia. La città è stata inquadrata, squadre di alta sicurezza schierate e uno stato quasi militare imposto per garantire che la visita presidenziale "vada bene". Questo è un esempio della differenza che esiste tra le masse che, ovunque esse si ribellano, si viene indebitamente controllati, detenuti, arrestati, imprigionati, feriti, uccisi, e i capi borghesi, per i quali si arresta e si fa andare al ritmo militare un intero villaggio. È ovvio che non possiamo discutere con quelli che ci sparano.
Eppure, Macron e il suo governo continuano a spargere fumo con il loro "Grande dibattito". Questo

pc 18 gennaio - Francia - arresti in diverse località di esponenti e manifestanti dei Gilets Jaunes

fonte secours rouge

France : La répression judiciaire contre les Gilets Jaunes bat son plein

Ce sont des centaines de procès qui ont eu lieu ou qui se tiennent en France contre des gilets jaunes. Impossible d’en rendre compte systématiquement. Quatre exemples :
Hedi M., 28 ans connu dans la région de Narbonne pour son engagement dans le mouvement avait été interpellé jeudi 3 janvier au matin alors qu’il est en train de filmer pendant le blocage d’un dépôt pétrolier de Port-la-Nouvelle par des gilets jaunes. Il avait ensuite été placé en détention provisoire. Parmi les éléments retenus contre lui, plusieurs messages et vidéos diffusés sur sa page Facebook, et notamment un appel au blocage du dépôt pétrolier de Port-la-Nouvelle. Il a été condamné pour « organisation d’une manifestation sur la voie publique sans déclaration », « participation à un groupement formé en vue de la préparation de violences contre les personnes ou destruction ou dégradation », et « entrave à la circulation de véhicules » à 6 mois d’emprisonnement ferme et 3 ans

pc 18 gennaio - Libia sempre più in fiamme nello scontro fra bande al servizio dei diversi imperialismi agenti - fuori le truppe italiane di ogni genere dalla Libia e dal suo mare!

Libia. Il gen. Haftar scatena operazione nel Fezzan. Si approfondisce la crisi del governo di Tripoli


Le forze armate del generale Khalifa Haftar hanno scatenato una nuova operazione militare nella regione del Fezzan, nel sud della Libia. E’ la seconda in pochi mesi. Le forze del generale Khalifa Haftar sono arrivate alle porte della città di Sebha.
L’uomo forte e padrone della Cirenaica (la zona a ridosso dell’Egitto e che ha come capitale Tobruk), ha dato ordine di prendere il controllo nella zona sud-ovest della Libia con il pretesto ufficiale di “tutelare la sicurezza dei residenti da terroristi e gruppi criminali”. Inoltre, punta a mettere le mani sulle risorse strategiche nella regione come acqua, petrolio e gas.
Il portavoce delle milizie di Haftar, Ahmed al-Mismari, ha precisato che le forze della Lna (Armata Nazionale Libica, ndr) si stanno “coordinando con le tribù di Sebha e i suoi

pc 18 gennaio - Un libro ricorda l'eccidio operaio di Modena del 9 gennaio 1950

L’Alfasuin

[Il 9 gennaio cade l’anniversario di una delle tante stragi antioperaie che furono tra gli atti fondativi di questa Repubblica: il 9 gennaio del 1950, a Modena, sei lavoratori furono ammazzati a sangue freddo – fucilati e mitragliati – dalle forze dell’ordine intervenute per sgomberare i presidi sindacali alle Fonderie Riunite.
Era la prima volta che la Polizia interveniva militarmente in città dentro un conflitto sindacale. Piuttosto che ricordare quegli eroici martiri con una nota commemorativa (di cui la rete è comunque ricca), preferiamo parlare del presente, di coloro i quali quei morti li stanno concretamente onorando oggi, ai giorni nostri, probabilmente senza neanche conoscerne la storia: perché il miglior ricordo, fuori dalle retoriche celebrative, è la lotta degli uomini e delle donne che si stanno battendo per riportare diritti e speranze dentro fabbriche e magazzini, usando il loro coraggio e i loro corpi contro lo sfruttamento e la repressione che informano il lavoro e i rapporti sociali nell’Italia di oggi.

pc 18 gennaio - A TARANTO ORA LO SPRAR VIENE AFFIDATO A UN PRETE RAZZISTA E FASCISTA!

Il prete, noto fascista e razzista, don Luigi Larizza di Taranto si é aggiudicato con la sua associazione 'Giovanni Paolo II' la gestione dello sprar con 1milione e 200mila euro!

L'aggiudicazione deve essere subito revocata! 
Una provocazione alla vigilia della manifestazione antirazzista, contro il decreto sicurezza di domani.

SLAI COBAS per il sindacato di classe - Taranto

Quotidiano di Puglia

Da sparare ai migranti ad accoglierli il passo non è affatto breve, ma qualcuno è riuscito a passare da una parte all'altra della barricata. Si tratta di don Luigi Larizza, parroco del Sacro Cuore di Taranto e presidente della cooperativa «Giovanni Paolo II». Sacerdote notoriamente vicino all'estrema destra tarantina e soprattutto grande nemico dei migranti.
Non solo. Larizza è diventato talvolta anche il simbolo a livello nazionale di quella parte della Chiesa che osteggia l'accoglienza anche difendendo e sostenendo il ministro dell'Interno Matteo Salvini. Eppure, questa volta è un evento di segno opposto a portare ancora una volta don Luigi al centro dell'attenzione migranti.
Qualcosa deve essere cambiato nel parroco di via Dante se proprio lui è sceso in campo per gestire l'accoglienza dei richiedenti asilo e dei rifugiati. Già perché la Giovanni Paolo II si è aggiudicata il bando da 1 milione e 200mila euro per gestire lo Sprar e cioè i servizi di «accoglienza, integrazione, e

pc 18 gennaio - Caso Battisti - il vergognoso comportamento di Evo Morales, zerbino del fascismo italiano e brasiliano

Tratto da Lamericalatina
Oltre ad altre illegalità, il presidente ha calpestato la legge sulla concessione dell’asilo politico che lui stesso aveva regolamentato
Alla luce delle novità sul Caso Battisti vi proponiamo la traduzione in italiano di un articolo di Laura Capriglione, apparso sul sito brasiliano Jornalistas Livres. Ci sembra interessante perché, fuori dalla retorica istituzionale e mediatica a 360 gradi (da Matteo Salvini a Laura Boldrini) che sta facendo a gara nel massacro mediatico dell’ex militante dei PAC, e fuori dalle importantissime poche voci isolate che ne denunciano la persecuzione politica, mette in evidenza elementi importanti sulla putrefazione etica e politica della sinistra latinoamericana o per lo meno di una delle sue varianti più emblematiche, che per anni è stato presa a modello in tutto il mondo, Italia compresa: il governo del presidente boliviano Evo Morales.
Evo Morales ha consegnato Cesare Battisti come un trofeo per l’estrema destra italiana e brasiliana,

pc 18 gennaio - Importante sviluppo in Francia - blocchi di lavoratori della logistica con la partecipazione dei Gilets jaunes

traduzione in italiano in fondo 

Blocco a Bonneuil sur marne una delle più grosse piattaforme logistiche d'Europa

Entrepôt Geodis paralysé et une direction qui demande à négocier dès le lendemain !
Mardi 15 janvier, à 19H00, près d’une centaine de Gilets Jaunes ont débarqué dans la zone logistique de Bonneuil-en-France, à proximité du Bourget, dans le 95. Ils et elles se sont installé·es sur le rondpoint d’accès à l’entrepôt GEODIS, une des plus grosses plateformes logistiques d’Europe, pour bloquer pendant 4 heures le passage des semi-remorques.
Le blocage rassemblait plusieurs assemblées de Gilets Jaunes venant d’Aulnay-sous-Bois, de Saint-Denis, des Hauts-de-Seine, de l’Essonne, de Cergy, de Montreuil ou de Paris, et notamment des comités issus des blocages de Rungis qui se sont tenus en décembre. De nombreux salarié·es en lutte étaient également présents - des gilets rouges de GEODIS, de Monoprix, de la CGT HPE et de l’UD 95 - ainsi que des membres de l’Action Antifasciste Paris-Banlieues et de la Plateforme d’Enquêtes Militantes. Des chauffeurs sont aussi descendus de leur camion en soutien aux Gilets Jaunes et des délégués syndicaux de l’entrepôt DB Schenker, situé juste en face, sont venus discuter.


JPEG - 47.6 ko
Les blocages logistiques sont un moyen de se faire entendre et de maintenir la pression. L’action a provoqué un blocage total de la circulation, avec une immense ligne de camions dans toute la zone logistique et de grosses perturbations sur la Nationale 2 toute proche. Les dégâts économiques sont importants et c’est bien le but : le fric qu’il nous manque à la fin du mois, c’est en frappant le portefeuille des grandes entreprises qu’on l’obtiendra !
Nous étions aussi là pour soutenir les salariés de Geodis Gennevilliers, en grève depuis fin décembre. Lorsqu’ils arrêtent de travailler, leur entreprise détournent les flux de colis vers d’autres entrepôts, comme celui de Bonneuil. En nous déplaçant nous aussi, nous montrons aux patrons que nos solidarités sont plus fortes que leurs stratégies. Parmi les revendications : une hausse des salaires, la pérennisation des emplois et la prime de Noël promise par Macron.
Dès le lendemain, les grévistes de Geodis ont reçu un courrier de leur direction qui leur propose une rencontre « dans les plus brefs délais », pour discuter des salaires et des conditions de travail ! Ce qui confirme une chose : c’est bien sur les ronds points qu’on prend le pouvoir !


JPEG - 205.6 ko
On enchaine maintenant sur l’Acte X, avec toujours cette idée d’articuler les temps forts du weekend avec des actions et des assemblées pendant la semaine !

Le tract distribué lors de l’action…


JPEG - 580.8 koMagazzino Geodis paralizzato e una direzione che chiede di negoziare il giorno successivo!
Martedì, 15 gennaio, alle 19:00, circa un centinaio di gilet gialli sono sbarcati nell'area logistica di Bonneuil-en-France, vicino al Bourget, nel 95. Si sono posizionati alla rotonda d’accesso al magazzino GEODIS, una delle più grandi piattaforme logistiche in Europa, per bloccare il passaggio di semirimorchi per 4 ore.
Il blocco ha visto diverse riunioni di gilet gialli provenienti da Aulnay-sous-Bois, Saint-Denis, Hauts-de-Seine, Essonne, Cergy, Montreuil o Parigi, e in particolare dai comitati nati dai blocchi di Rungis fatti a dicembre. Erano presenti anche molte donne e uomini lavoratori in lotta: i gilet rossi di GEODIS, Monoprix, la CGT HPE e l'UD 95, nonché membri dell'Action Antifasciste Paris-Banlieues e della Piattaforma delle inchieste militanti. Anche degli autisti sono scesi dai loro camion per sostenere i gilet gialli, e i rappresentanti sindacali del magazzino DB Schenker, situato proprio dall'altra parte della strada, sono venuti a discutere.
I blocchi logistici sono un modo per essere ascoltati e mantenere la pressione. L'azione ha causato un blocco totale del traffico, con un'enorme fila di camion in tutta l'area logistica e grandi perturbazioni sulla vicina strada National 2. Il danno economico è importante e questo è l'obiettivo: i soldi che ci mancano alla fine del mese li otterremo sono colpendo il portafoglio di grandi aziende!
Eravamo anche lì per sostenere i dipendenti di Geodis Gennevilliers, che sono stati in sciopero dalla fine di dicembre. Quando smettono di lavorare, la loro azienda dirotta i flussi di pacchi verso altri magazzini, come quello di Bonneuil. Spostandoci anche noi, mostriamo ai capi che le nostre solidarietà sono più forti delle loro strategie. Tra le richieste: aumento dei salari, sostenibilità dei posti di lavoro e bonus natalizio promessi da Macron.
Il giorno seguente, gli scioperanti di Geodis hanno ricevuto una lettera dal loro padrone che ha proposto un incontro "il più presto possibile" per discutere dei salari e delle condizioni di lavoro! Ciò che conferma una cosa: è sulle rotatorie che prendiamo il potere!
Ora continuiamo sull’Atto n. X, sempre con l'idea di articolare i punti salienti del weekend con azioni e incontri durante la settimana

pc 18 gennaio - Comunisti tunisini a sostegno dello sciopero generale

 Tunisia: 24 hours general strike today, statement from El Kadihin Party


pc 18 gennaio - Forte protesta in Perù per la demolizione del mausoleo dedicato ai compagni caduti

PERÚ: Mausoléu em homenagem aos guerrilheiros do PCP é demolido. AND.

Foi demolido, numa ação covarde realizada pelo velho Estado peruano, o mausoléu erigido para todos os bravos revolucionários mortos em combate dentro do campo de concentração prisional peruano de El Frontón, em 1986, no que ficou conhecido como Dia da Heroicidade.
O mausoléu se encontrava localizado no distrito de Comas, nos arredores de Lima, capital do Peru. Dentro dele encontravam-se os corpos de oito guerrilheiros do Exército Popular de Libertação, exército dirigido pelo Partido Comunista do Peru (PCP).
No dia da demolição, os parentes dos combatentes falecidos protestaram fortemente em frente ao mausoléu e entraram em confronto com a polícia reacionária peruana para impedir que a ação prosseguisse. Na manifestação, via-se cartazes com palavras de ordem como A demolição é a continuação do genocídio.
O mausoléu foi construído pelas famílias em homenagem aos revolucionários vítimas do genocídio.

pc 18 gennaio - Perù - i compagni peruviani denunciano la profanazione delle tombe dei prigionieri politici comunisti uccisi nel massacro del 19 giugno 1986

DENUNCIA DEL PARTIDO COMUNISTA DEL PERÚ ANTE LOS EXECRABLES HECHOS DE PROFANACIÓN DE LOS RESTOS Y LAS TUMBAS DE LOS JÓVENES ASESINADOS EN EL GENOCIDIO DEL FRONTÓN, LURIGANCHO
Y EL CALLAO
    Comité Central Partido Comunista del Perú
Diciembre 2018
El Partido Comunista del Perú ante el proletariado y los pueblos del mundo
DENUNCIA:
I.                     Que el 19 de junio de 1986 el Estado reaccionario, a través de su gobierno de turno con Alan García Pérez a la cabeza, ordenó el más execrable hecho de su guerra contrarrevolucionaria: EL GENOCIDIO DE LOS PENALES DEL FRONTÓN, LURIGANCHO Y EL CALLAO, asesinando a 250 prisioneros políticos desarmados con balas, bombas incendiarias y explosivos. No contentos con esa vileza, no quisieron entregar los restos a sus familiares y realizó subrepticiamente un entierro clandestino desperdigando los restos en diversas tumbas sin nombre, sin notificar nada a sus deudos, pero publicando en los  diarios “se les ha dado cristiana sepultura” y “se les dará a conocer dónde”.
Acto genocida, orden genocida y día del genocidio de 250 asesinados  y asesinadas cubierto con 32 AÑOS DE IMPUNIDAD.
Pero la lucha de los familiares no cejó y continuó exigiendo la entrega de los restos y su exhumación para identificarlos. Nuevamente, el Estado reaccionario del Perú secuestró los restos manteniéndolos en cajas de los sótanos del Ministerio Público desde el 2003, cuando la Corte Interamericana de Derechos Humanos ordenó al Estado del Perú lleve a cabo un juicio.

pc 18 gennaio - La lotta dei lavoratori Italpizza a Modena


L'immagine può contenere: una o più persone, persone in piedi e spazio all'aperto#ITALPIZZA: IL GOVERNO, LE ISPEZIONI

E IL RUOLO DI CGIL-CISL-UIL
Come era stato nel recente passato per le vicende della Castelfrigo e di Alcar Uno nel comparto carni modenese, anche la vertenza Italpizza ha ormai assunto una rilevanza nazionale.
Lunedì 14 gennaio in seguito alla richiesta presentata dal Sicobas si è svolto a Roma presso la sede del MISE un incontro con il Sottosegretario al Lavoro, Claudio Cominardi, mentre il giorno seguente il parlamento è stato informato - con risposta all'interrogazione parlamentare presentata dall'onorevole Ascari - dei risultati delle ispezioni svolte all'interno dello stabilimento e nelle sedi delle cooperative.

La posizione del Governo
Le ispezioni da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, dell'INPS e dell'Ispettorato del Lavoro hanno confermato quanto denunciato dal nostro sindacato: all'interno di Italpizza vige un vergognoso sistema di sfruttamento, basato sull'uso del contratto di Pulizie/multiservizi per tutti i dipendenti, che

pc 18 gennaio - Nei prossimi giorni ripresa in nuove forme della pubblicazione di Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia

puntate precedenti

pc 23 dicembre - Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 32 
pc 19 dicembre  - Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 31

pc 21 novembre - Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 30

pc 17 novembre - Prolegomeni per la costruzione del partito Comunista maoista/Italia - 29
pc 7 ottobre - Prolegomeni per la costruzione del partito Comunista maoista/Italia - 28
pc 5 ottobre - Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 27
pc 2 ottobre - Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 26

pc 26 settembre - Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 25
pc 23  settembre -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 24
pc 21 settembre - Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 23
pc 19 settembre - Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 22
pc 17 settembre - Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/italia - 21
pc 15 settembre - Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 20
pc 13 settembre - Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 19

pc 31 luglio -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 18
pc 30 luglio -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 17
pc 25 luglio -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 16
pc 23 luglio -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 15
pc 21 luglio -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 14
pc 19 luglio -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 13
pc 16 luglio -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 12
pc 15 luglio -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 11
pc 14 luglio -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 10
pc 12 luglio -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 9
pc 11 luglio -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 8
pc 10 luglio -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 7
pc  9 luglio - Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia - 6
pc  8 luglio -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia -  5
pc  6 luglio -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia -  4
pc  5 luglio -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia -  3
pc  3 luglio -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia -  2
pc  1 luglio -Prolegomeni per la costruzione del Partito Comunista maoista/Italia -  1

pc 18 gennaio - Settimana internazionale mobilitazione per l'India a Ravenna