sabato 11 novembre 2017

pc 11 novembre - La nostra posizione sulla Catalogna - nello Stato spagnolo e sui blog internazionalisti

Declaración del PCm Italia sobre la cuestión nacional de Catalunya

Nota del blog V.O. : Presentamos a continuación una importante declaración del Partido Comunista Maoísta de Italia (Proletari Comunisti) sobre la cuestión nacional de Catalunya. La hemos traducido del inglés al español por su especial interés, sabe exponer de forma clara y didáctica la situación actual de Catalunya y nos describe el papel que deben jugar los comunistas de Catalunya y de España en estos momentos. También supone una denuncia contra las desviaciones revisionistas de los falsos comunistas.

Cataluña – Algunas notas e instrumentos para una posición revolucionaria y de clase, para guiar la acción internacional y la solidaridad. PCm Italia.

Para contextualizar correctamente la cuestión de Cataluña, de ninguna manera podemos ver solo las aspiraciones de independencia de una gran parte de las masas catalanas o las características peculiares que pueden hacer de Cataluña una nación.
Esto, sin embargo siendo necesario, no explicaría por qué aquí y ahora esta contradicción ha llegado a un punto fundamental, porque se ha agudizado hasta poner al Estado español en la disyuntiva entre una nueva dictadura franquista  en Cataluña con una especie de ocupación militar, o la independencia nacional dirigida por una fracción de la burguesía nacional catalana y la burguesía media.
Marx y Engels nos enseñaron que hay que ir más allá de esto, tenemos que identificar el nexo existente entre el desarrollo de la burguesía en el Estado español y en Cataluña y las condiciones económicas y sociales que son el fundamento del agudo choque actual.
Por lo tanto, es imposible enmarcar adecuadamente el problema sin considerar la crisis económica y global, las contradicciones inter-imperialistas y el papel del Estado español, dentro del escenario de una Europa bajo el liderazgo alemán, aparte de otros factores.
Un primer punto que debe tenerse en cuenta es que la aspiración de establecerse como nación y afirmar el factor de la nación es ante todo una necesidad de la burguesía, particularmente en situaciones dentro de los países imperialistas. Es la burguesía que se esfuerza por desarrollar económicamente, obstáculos y barreras de manera progresiva, y exige una unidad territorial para atar a las masas trabajadoras y el movimiento progresista en su carro.
En el caso de Cataluña, el problema no son los residuos feudales, sino que el gobierno del Estado español contiene en sí mismo una fracción “feudal”, es decir, la monarquía y el post-franquismo, que, si bien no es el feudalismo en el sentido estricto, juega un papel de obstáculo y freno para el desarrollo de la burguesía catalana.
Otro elemento, que siempre es común en los asuntos nacionales y en España en particular, es el peso de la organización de la Iglesia, que en España es el Vaticano, la Curia Romana que, como se había unido firmemente a Franco, ahora toma firmemente partido por la monarquía española y el Estado español, y por lo tanto interactúa, alimenta la aspiración de independencia de Cataluña.
Otro elemento necesario para el análisis de la contradicción en Cataluña es, como nos enseñaron Marx y Engels, el estudio profundo del nexo existente entre el problema nacional y el desarrollo del movimiento obrero.

Aquí nuestro punto de referencia solo puede ser el de Francia en 1848; es decir, en Cataluña no vemos una dominación imperialista sobre un pueblo oprimido del tercer mundo, sino una situación en la que Cataluña es un país capitalista, no completada en términos de nación autónoma existente. La necesaria entrada de la clase trabajadora en esta disputa requiere que aparezca en el campo como una fuerza autónoma en lucha por el poder político.
La necesidad de que el proletariado entre al campo de la lucha actual en Cataluña está dentro de una definición precisa y una limitación concreta, a partir de lo que Marx y Engels declararon en el  Manifiesto: “Los obreros no tienen patria. No podemos quitarles lo que no tienen. Como el proletariado debe antes que nada adquirir la supremacía política, debe elevarse a ser la clase dirigente de la nación, debe constituirse en nación, hasta llegar tan lejos como para convertirse en sí mismo nacional, aunque no en el sentido burgués de la palabra. “
Por lo tanto, es evidente que el proletariado en Cataluña está interesado en una nación catalana como un terreno para la toma del poder político; y en este sentido, incluso en el actual choque, su forma de estar a favor de la independencia de Cataluña es radicalmente diferente de la de la burguesía.
También en Cataluña, el proletariado debe ser consciente de que una Cataluña en manos de la burguesía no es su país, sería la patria de la burguesía y los estratos de la burguesía pequeña y media aliada, y por lo tanto también en tal Cataluña, también en esta lucha por la independencia, la clase obrera debe conducir su lucha en los frentes sindical y económico, como en todos los frentes, para derrocar a la clase dominante actual.
Incluso dentro de la lucha por la independencia de Cataluña, la clase obrera es internacionalista y apunta a una sociedad en la que la economía está organizada a escala global y donde no solo desaparece la explotación de una nación por otra sino el antagonismo de las naciones como tales, porque esta explotación y antagonismo siempre son característicos de las economías capitalistas e imperialistas.
La clase trabajadora aborda la cuestión nacional como una clase que lucha por el poder político, asumiendo todos los problemas de la vida nacional y, en el caso de Cataluña, el tema de la independencia. Pero esta no es una lucha aparte, sino una parte integral de la lucha más general para apoderarse del poder político y  la emancipación del proletariado. (Véase Marx en Italia / Austria, carta a Laube, mayo de 1848, citada en “El marxismo, la cuestión nacional y colonial”, Stalin)
La clase trabajadora -como nos enseñaron Marx y Engels- toma parte en las luchas nacionales, como en el caso de Cataluña, no solo como una cuestión social sino como una cuestión de democracia. De hecho, el referéndum y el derecho de declarar la independencia de Cataluña, son cuestiones democráticas, apoyadas por una fracción de la misma burguesía.
Está claro – como Marx y Engels nos mostraron – que la posición de los comunistas y de la clase obrera no puede ser la misma que la de los falsos comunistas, que hacen caso omiso o incluso se oponen a la cuestión nacional de Cataluña, tomando con argumentos socialistas el lado del Estado español. La lucha de la clase obrera se desarrolla mejor en una situación en la que no existe la opresión de una nación sobre otra, también, en el caso concreto, de un país imperialista.
Pero, la clase trabajadora también participa por otra razón importante. La participación de la clase obrera como fuerza autónoma en la lucha en Cataluña cambia profundamente los términos del problema, destacando la contradicción existente entre los intereses de clase de la burguesía catalana y los intereses de las masas. Eso porque, siempre, también en la Cataluña actual, la burguesía subordina, y subordinará aún más, los intereses de la nación a su propio interés.
Es importante mencionar la cita de Marx y Engels de 1849 en Neue Rheinische Zeitung (citada en Marxismo, la cuestión nacional y colonial, Stalin), donde señalan que en la disputa italiana, la independencia italiana podría perderse no tanto por el poder militar de Austria sino más bien por la cobardía de la monarquía piamontesa. Podemos compararlo con la actitud del actual presidente Puigdemont en Cataluña.
Esto también es importante para poder comprender el núcleo del punto de vista de Marx y Engels, que no se limitó a defender la acción de clase como una fuerza autónoma, sino que también llama a sacar conclusiones del conflicto “La insurrección de masas, guerra revolucionaria, guerrillas por todas partes son los únicos medios con que poca gente pueda  ganar un grupo más numeroso,  y con el que un ejército más débil puede hacer frente a un ejército más fuerte y mejor organizado”.

Si el proletariado como clase autónoma entra en el campo de batalla y toma esto como los medio para hacer frente a la contienda  en Cataluña, es probable que la fracción burguesa que actualmente encabeza el movimiento “en lugar de aliarse con las masas preferirá negociar la paz con su peor enemigo“.
Marx y Engels nos enseñan que en el contexto actual de la lucha en Cataluña, la participación de los trabajadores es de gran importancia, aunque no sean plenamente conscientes e incluso si fueran pequeños grupos.  ¿Porque es esto importante? Porque puede ser la oportunidad de abrir el camino y preparar el terreno para la lucha por el poder proletario en Cataluña, por una Cataluña socialista.
En esencia, en una sociedad capitalista desarrollada, y Cataluña lo es, incluso frente a la opresión nacional por parte del Estado español, los trabajadores no tienen país. Sin embargo en tal lucha participan y toman partido del lado nacional de Cataluña, para hacer avanzar la lucha por la liberación de la clase obrera, que excluye cualquier opresión y explotación de una nación por parte de otra. Esta posición es diferente del nacionalismo burgués, que tiene como objetivo continuar oprimiendo a la clase obrera y las masas en un contexto nacional. Esta participación de la clase obrera va en contra de las posturas que, en relación con Cataluña, consideran la cuestión nacional como ajena a la clase trabajadora.
Una vez más, teniendo en cuenta la situación en Cataluña, surge la necesidad de los comunistas que quieren dirigir a la clase trabajadora como una fuerza autónoma para decididamente enfrentar el oportunismo de derecha  y de “izquierda”.
Los primeros defienden la causa del Estado español, llegando a la conclusión de que el Estado español es el verdadero marco de la lucha de clases, lo que naturalmente los lleva a no aprovechar la crisis catalana para intensificar la lucha de clases en el español Estado.
Los últimos distancian a la clase trabajadora de la lucha de liberación en Cataluña, dejando el campo libre para la burguesía y contribuyendo a mantener esta lucha nacional en el campo de las contradicciones inter-burguesas.
Ambas desviaciones, de hecho, rompen la unidad de la clase obrera, que justo en la situación de la crisis catalana, tendrían la oportunidad de conseguir colocar unos buenos cimientos sólidos en el Estado español y en Cataluña, que permitan después alcanzar los objetivos del poder proletario y el socialismo.
Al mismo tiempo, es absolutamente necesario en la lucha actual por la independencia nacional de Cataluña no permitirle ningún lugar a una posición que considere a Cataluña algo diferente de un país capitalista desarrollado. Esto daría lugar a una visión de Cataluña como una nación proletaria porque está oprimida, lo cual es siempre una característica de la burguesía y su ala reaccionaria.
Por lo tanto, es decisiva la lucha de los comunistas contra aquellos que impiden que la clase trabajadora participe en esta disputa, tanto en el Estado español como en Cataluña, particularmente contra aquellos que se pintan a sí mismos como de izquierda y / o comunistas.

Lenin nos enseña que si los comunistas hoy abandonan la lucha inmediata y decidida por la cuestión democrática de la independencia de Cataluña, jugarán el juego de la burguesía, tanto en el Estado español como en la propia Cataluña. En el estado español, porque debilitan la lucha progresista por la independencia de Cataluña, que sin el papel y la participación de la clase obrera no puede ganar; en Cataluña, porque dejan a la burguesía libre para atar las masas en su carro. Por el contrario, el papel y la participación de la clase obrera permitirán formular e implementar la reivindicación de la independencia de Cataluña de una manera revolucionaria y no reformista, y abrir el camino, repetimos, a una Cataluña socialista.
Por esta razón, incluso delante de la agudización actual de la contradicción entre el Estado español, dirigido por el gobierno de Rajoy, apoyado en diversas formas por los otros partidos parlamentarios de España, y el gobierno catalán de Puigdemont, no debemos dejar engañarnos por los lemas de las burguesías; estos tienden tarde o temprano a establecerse o alinearse detrás de otras potencias imperialistas para lograr sus objetivos.

pc 11 novembre - "Nel processo Ilva occorre che parti civili, lavoratori, cittadini siano presenti" - Intervento dell'Avv. Gianluca Vitale nell'incontro con le parti civili dello Slai cobas sc

Il processo Ambiente Svenduto è piuttosto “strano”, difficile da interpretare. Faccio l’esempio dell’udienza di oggi. Abbiamo formalmente iniziato intorno alle 10 e subito è iniziato il “lavoro” degli avvocati difensori degli imputati: una richiesta di rinvio dell’udienza perché l'avvocato dei Riva, Annicchiarico, stava male ed era assente, poi altre richieste di rivedere tutta una serie di decisioni che la Corte aveva già preso, e così via. A questo punto la Corte si ritira per due volte in Camera di Consiglio e passano ore. L'udienza inizia effettivamente dopo le 15,30. Poco dopo le 17 i testi dovevano andar via e quindi alla fine abbiamo fatto un’ora e mezza di processo. L’udienza è durata dalle 10 alle 17, ma il processo è effettivamente andato avanti solo per un’ora e mezza.
Perchè questo? Perché l’obiettivo sempre più evidente dei difensori degli imputati non è difendersi sui fatti, contestare dati e responsabilità, ma allungare il più possibile i tempi. E ci stanno riuscendo. Per motivi che sono in parte processuali, ma anche non processuali.

pc 11 novembre - Taranto Ilva - iniziativa al maxiprocesso contro i padroni assassini e i loro complici

15 novembre Taranto – processo Ilva – ex corte di appello quartiere Paolo VI ore 11.00
presenza e conferenza stampa  delle parti civili operai ilva- lavoratori cimitero e pasquinelli – familiari vittime – abitanti quartiere tamburi e paolo VI
info 3475301704

pc 11 novembre - Verso la manifestazione nazionale dei migranti del 16 dicembre - Uomini e donne. Non schiavi nè stranieri.

Report dell’Assemblea del 5 Novembre verso #Roma16Dicembre
È stata un’assemblea partecipatissima, quella di domenica 5 novembre in vista della manifestazione nazionale del 16 dicembre a Roma. Un’assemblea ricca numericamente, con una quarantina di interventi, e qualitativamente perché espressione di realtà impegnate direttamente sul terreno delle contraddizioni sociali.
Un’assemblea che attorno alla piattaforma ha portato ulteriori elementi di arricchimento quali: i saccheggi delle risorse naturali da parte di multinazionali nei paesi impoveriti, lo sfruttamento dei

pc 11 novembre - Firenze - celebrazione dell'ottobre e solidarietà con gli antifascisti processati

“Ancora comunisti nel 2017?”

Quante volte abbiamo sentito questo “domanda”.
È quella che i nostri detrattori, di destra o di “sinistra” essi siano, utilizzano per deridere, denigrare e attaccare i nostri valori… quei valori che in verità non tramonteranno mai fin quando non saranno realtà: la solidarietà, l’internazionalismo e l’uguaglianza in una società che metta al centro gli interessi dei lavoratori e non del capitale, che produca per soddisfare le necessità collettive e non per accumulare profitti.
Vorremmo invece ribaltare quella “domanda” e chiedere loro come si possa ancora aver fiducia e sostenere un sistema, quello capitalista, che non fa che produrre e riprodurre su se stesso continue e sempre più efferate crisi, guerra e disuguaglianze.
Nel 1917 soldati, contadini e operai russi, guidati dai bolscevichi e da Lenin, presero il destino nelle loro mani e nei “dieci giorni che sconvolsero il mondo” imposero prima di tutto l’uscita dalla Guerra e poi l’organizzazione di una società altra: quella Socialista.
A cent’anni da quelle giornate vogliamo tornare a parlarne, non in termini retorici e nostalgici, ma per restituirle alla viva memoria di chi lotta ancora oggi.
Per capire come la Rivoluzione d’Ottobre migliorò la vita di milioni di proletari sul piano economico,sociale e culturale, nella vita quotidiana, sul posto di lavoro e nel tempo libero.
Per rimettere al centro del dibattito le categorie e le parole d’ordine di allora in tutta la loro attualità: guerra, stato, imperialismo e crisi da una parte, organizzazione proletaria, lotta di classe e internazionalismo dall’altra.
I nostri detrattori, coro dei nostri sfruttatori, continueranno a dirci che la storia si è fermata e che il suo capolinea si chiama “Capitalismo”: noi sappiamo che non è così e sappiamo che abbiamo scelta solo tra due possibilità… continuare a subirla o provare a scriverla!

ore 21.00 - Cena popolare il cui ricavato servirà a coprire le spese legali per gli antifascisti imputati nel processo per i fatti avvenuti a Le Piagge nel dicembre 2014

cpa firenze sud

venerdì 10 novembre 2017

pc 10 novembre - il governo Gentiloni .. niente per gli ammalati di amianto.. mentre ci sono seicento marinai morti con la beffa delle pietose bugie dell'odiosa Pinotti


leggi sul  IL FATTO QUOTIDIANO

Amianto: migliaia di ammalati, zero fondi in manovra

I dati - 1900 casi solo nel 2016, ma non ci sono gli stanziamenti per le bonifiche. L’Osservatorio: “Ci costano 400 milioni l’anno”
Amianto: migliaia di ammalati, zero fondi in manovra

pc 10 novembre - ALFANO ignobile porco con tutto il suo governo, complice dell'assassinio Regeni da parte del boia AL SISI

 Caso Regeni. Alfano “Al Sisi interlocutore appassionato alla ricerca della verità”

Dopo mesi di silenzio il Presidente egiziano Abd al-Fattah al-Sisi torna a fare dichiarazioni sul caso Regeni, nel chiaro obiettivo di garantire gli interessi economici derivanti dagli investimenti esteri nell’economia del paese. Suscitando le reazione entusiaste delle autorità italiane che hanno voglia di dimenticare in fretta la storia del giovane ricercatore friulano.

Nel suo discorso Al-Sisi non accenna di striscio alla totale responsabilità dell’apparato repressivo del suo regime nell’uccisione di Regeni ma anzi, seguendo una linea, ripresa e rilanciata anche dai nostri media mesi fa, sostiene che tale crimine sia stato controproducente per il paese dal momento che avrebbe messo a rischio accordi commerciali che si stavano concludendo nei giorni dell’assassinio di Giulio proprio con imprenditori italiani.
Il generale nelle sue dichiarazioni insiste sul fatto che il suo esecutivo voglia rapidamente risolvere la questione, che continua infatti a rappresentare un ostacolo, di fatto solo formale, nella dialettica economica tra Egitto e Italia. Nel suo discorso Al Sisi sottolinea anche che l’esecutivo italiano è anch’esso compartecipe della situazione che si è venuta a creare, dal momento che l’Italia è stato il primo paese a sostenere il suo governo, instauratosi con il golpe del luglio 2013, specificando inoltre come il primo invito ufficiale a visitare un paese europeo sia venuto proprio dell’ex-premier Matteo Renzi.
Alle dichiarazioni di Al Sisi sono seguite chiaramente quelle dell’esecutivo italiano, il cui contenuto non può che lasciare per l’ennesima volta esterrefatti. Il ministro degli esteri, Angelino Alfano, si è detto convinto che “il presidente egiziano Abdel Fatah al Sisi sia un interlocutore appassionato nella ricerca della verità” aggiungendo poi “Confidiamo che le parole di al Sisi spingano ancora di più l’apparato egiziano nella ricerca della verità”; già, proprio furbo confidare nello stesso apparato che infiltra informatori tra la popolazione e che abitualmente sequestra e uccide i dissidenti politici, ma del resto in nome di investimenti e profitti tutto è lecito.
Per i famigliari di Regeni oltre al danno c’è quindi pure la beffa; le indagini sull’uccisione di Giulio non hanno mai visto, ovviamente, le istituzioni egiziane collaborare anzi, l’11 settembre scorso uno degli avvocati del-legal-team era stato fermato dalle autorità, impedendogli di tornare in Europa. Da parte della nostra magistratura c’è un atteggiamento abbastanza simile nel quale si perseguono piste di indagine piuttosto ridicolo come quella balzata alla cronaca la scorsa settimana sulla professoressa di Cambridge, pur di non ammettere ciò che tutti sanno.
é.

pc 10 novembre - Torino - porci in divisa!


Torino, carabiniere condannato a 7 anni e mezzo: nel 2013 stuprò una donna disabile.

La notizia viene riportata oggi da alcuni quotidiani torinesi: il Tribunale di Ivrea ha condannato Michele Doccini, militare dell’arma di 39 anni, a una pena di 7 e anni e mezzo con l’accusa di violenza sessuale.
La vicenda risale a 4 anni fa, quando una donna disabile residente in un paese alle porte di Torino si reca in caserma per sporgere denuncia nei confronti del convivente che la maltratta. A redigere la denuncia è Doccini, che in seguito – con la scusa di voler riaccompagnare a casa la donna e di accertare che il convivente non sia nell’appartamento – la violenta dentro casa sua. Allo stupro seguono poi le minacce alla donna per farla desistere dal denunciare l’accaduto. Quando la vicenda viene a galla, come spesso accade il carabiniere viene trasferito e destinato ad altro incarico nel tentativo di nascondere la polvere sotto il tappeto e far scemare l’attenzione sulle accuse.
Emblematiche di questa schifosa vicenda sono alcune parole riferite dalla donna durante il processo: “Mi disse più volte che tanto lui era un carabiniere e che tutti avrebbero creduto alla sua versione dei fatti e non alla mia". Se quella di vedere screditata e inquisita la propria versione dei fatti è purtroppo una dinamica troppo frequente che le donne che denunciano una violenza subìta vivono sulla propria pelle, in questo caso il senso di impunità conferito dal fatto di indossare una divisa rende questa dinamica ancora più odiosa e disgustosa.
I carabinieri, i poliziotti, i militari stuprano e commettono violenza sulle donne. E lo fanno potendo contare su questo senso di impunità, legittimati nel ruolo di intoccabili e di difensori delle donne da una narrazione mainstream che vorrebbe le donne sempre e solo come soggetti deboli da tutelare, moltiplicando la presenza delle forze dell’ordine per le strade. E quando una donna prova a rompere questa narrazione si aziona la macchina del fango nei suoi confronti, per ripristinare subito le divise nel loro ruolo di tutori senza macchia: nel migliore dei casi si grida alle mele marce, nel peggiore il dito dell’inquisizione mediatica, politica e giudiziaria si rivolge contro la donna criminalizzando i suoi comportamenti. Sono tante le vicende che ce lo dimostrano: da quello delle studentesse stuprate dai carabinieri a Firenze (ne abbiamo scritto qui e qui), a quella di Maya, picchiata mentre si trovava in un commissariato torinese in stato di fermo (vedi qui e qui).
Non crediamo che la violenza sulle donne necessiti di gerarchizzazioni o distinzioni fallaci, abbiamo più volte scritto che si tratta di un fenomeno strutturale e pervasivo e che come tale va combattuto. Ma queste vicende ci ricordano che quando a commettere una violenza è un uomo in divisa abbiamo bisogno di gridare con ancora più forza per rompere il velo dell'impunità, e ricordare che la lotta per liberarci dalla violenza di genere non passa certo per questi porci in divisa.

pc 10 novembre - Taranto. Contestarono Renzi, in 15 rinviati a giudizio

da contropiano

E’ cominciato ieri il processo per i 15 manifestanti denunciati per la contestazione contro Renzi del 29 luglio scorso a Taranto.
Non abbiamo nulla da cui “difenderci”! Trasformeremo il processo in un atto di accusa verso Renzi, il suo governo, il loro Stato, che era venuto a vantarsi di aver fatto “tanto per Taranto”, ma giustamente trovò la denuncia e la protesta degli operai Ilva, di tanti altri lavoratori, di donne dei quartieri inquinati, di giovani, dello Slai cobas sc che aveva chiamato quel giorno a manifestare uniti contro quella che era una provocazione e un ennesimo attacco per lavoratori e masse popolari di Taranto: 10 decreti solo per salvare i profitti di vecchi e nuovi padroni dell’Ilva, nessuna bonifica, nessuna difesa dei posti di lavoro e sicurezza all’Ilva; a questi nemici si aggiunsero i servi parlamentari, il “sempre in televisione”, Pelillo, che vuole mantenere ben salda la sua poltrona in parlamento calpestando i diritti fondamentali di lavoro e salute; questi il 29 pensava di fare il gradasso tra la gente, ma ebbe la dovuta risposta.
Questo processo deve trovare uniti i 15 denunciati, e avere il sostegno concreto, politico di tutte le realtà sociali, tutti coloro che il 29 c’erano e anche di quelli che non c’erano.
-

pc 10 novembre - Ostia - sabato in piazza contro fascisti e mafia


Le realtà e i singoli riuniti nell’assemblea del 9 novembre lanciano un appello di adesione alla manifestazione dell’11 novembre a Ostia.
Non è per una sola testata che scendiamo in piazza. Ma per la storia e le responsabilità politiche che hanno come triste epilogo il violento gesto contro il giornalista.
Durante il commissariamento le istituzioni si sono trincerate dentro le stanze del Municipio lasciando i cittadini ad affrontare l’ascesa dei fascisti del terzo millennio a suon di aggressioni e pacchi alimentari, e di un pezzo di criminalità che schiva i grandi processi e stringe alleanze economico-politiche proprio con Casa Pound Ostia.
Nel silenzio dei grandi partiti in questi anni è continuata a crescere la disoccupazione, la dispersione scolastica, l’impoverimento. la mancanza di casa, la mancanza di luoghi culturali e sociali.
Questo ha permesso a fascisti e criminali di accrescere il loro consenso, speculando sulla disperazione e i bisogni della gente.
I grandi poteri del territorio non sono stati toccati e la mafia su Ostia è diventata folklore, dimenticando le grandi speculazioni dei mondiali di nuoto, del porto turistico, delle opere compensative mai realizzate e tanto altro…

Al contrario di quanto dichiarato dall’ ex commissario prefettizio Vulpiani, in questi anni non c’è stata nessuna tregua. Si sono susseguite aggressioni, intimidazioni e minacce, e i veri problemi del quartiere non sono stati risolti.
Sono anni che i cittadini, i militanti, gli studenti e i volontari denunciano il clima che si respira sul territorio, e siamo rammaricati che sia stata l’aggressione a un giornalista Rai a risvegliare l’attenzione su una situazione che fino a quando ha riguardato semplici cittadini non ha avuto l’onore delle prime pagine.
Per tutto questo se i rappresentanti delle istituzioni decideranno di intervenire sabato gli verrà chiesto di sfilare come tutti gli altri, non in prima fila.
Saranno i cittadini antifascisti a scendere in piazza perché c’è la necessita di ritrovarsi intorno a valori comuni, perché “ la mafia è una montagna di merda” si, e noi sappiamo bene da dove arriva.
Sabato scendiamo in piazza per uscire dall’isolamento a cui media e istituzioni ci hanno condannato, ribadendo che il vero degrado delle periferie sono il fascismo la mafia.
Assemblea del 9 novembre 2017

pc 10 novembre - DA LENINGRADO - W LA RIVOLUZIONE D'OTTOBRE

pc 10 novembre - 25 NOVEMBRE - CONTRO PADRONI, GOVERNI, STATO, UOMINI CHE ODIANO LE DONNE, SCATENIAMO LA NOSTRA RIBELLIONE! SIAMO UNA FORZA PODEROSA PER LA RIVOLUZIONE


L'assemblea di Pisa di metà ottobre è stata un passo avanti rispetto alle precedenti assemblee nazionali tenutesi a Roma. Un'assemblea diversa per composizione di classe, per lo spirito, per gli interventi delle realtà in lotta, proletarie, per la linea e le proposte più significative uscite. Un'assemblea in cui non hanno potuto avere tanto spazio le posizioni opportuniste, interlocutorie con le istituzioni, della "destra" romana di nonunadimeno.
Nell'assemblea in maggioranza è uscita la necessità di fare questa volta non una semplice grande manifestazione ma un corteo combattivo e che si faccia sentire contro i Palazzi del potere, in particolare con "puntate" al Ministero del Lavoro e Ministero degli Interni.
Le rappresentanti romane di nonunadimeno stanno cercando di riprendersi il controllo sia della manifestazione, per "normalizzarla" sia dell'assemblea nazionale, per azzerare lo spirito di Pisa.
Noi siamo contrarie all'assemblea del 26. Se la destra riprende il controllo, il centro tende a mediare e la sinistra viene fatta scomparire. Questo non deve succedere.
Vogliamo manifestazione, come è stato detto soprattutto nel tavolo sul lavoro, che la manifestazione del 25 sia combattiva, esprima la rabbia, la ribellione delle donne. Dobbiamo andare ai Ministeri. Costruiamo dentro la manifestazione un fronte rosso e combattivo, uniamoci su questo.

pc 10 novembre - ILVA-TARANTO - 6 dicembre INCONTRO NAZIONALE operai-familiari-associazioni-avvocati

Da Rete nazionale per la sicurezza e salute sui posti di lavoro e sul territorio

Siete tutti invitati all’incontro nazionale sulla questione Ilva.
6 dicembre – anniversario della strage della Thyssen -
ore 11 tribunale Taranto – ex corte d’appello quartiere Paolo VI
ore 15.00 incontro pubblico con associazioni, comitati, operai, familiari, avvocati e giuristi, parti civili al processo, sia locali che regionali e nazionali. 
Luogo da confermare
info per tutti i problemi
3471102638

PS
è utile inviare anche a
tarantocontro@gmail.com
slaicobasta@gmail.com
per essere sicuri di arrivo ai destinatari

pc 10 novembre - VICENDA ILVA: FABBRICA/CITTÀ - OPERAI E POPOLAZIONE DEI QUARTIERI - UN DOCUMENTO DELLO SLAI COBAS PER IL SINDACATO DI CLASSE

Siamo a uno snodo importante della vicenda Ilva, da cui dipende il futuro non solo della fabbrica ma della città. Il governo ha assegnato l'Ilva a una grande multinazionale di proprietà principalmente indiana, il più grande gruppo siderurgico del mondo. Questo conferma che l’Ilva di Taranto è una fabbrica di straordinaria importanza, anche internazionale. Di questo a Taranto non ce ne rendiamo conto, o ce ne rendiamo conto solo per i danni ambientali. L’Ilva è un patrimonio della storia industriale di questo paese. Dopo il gruppo Fiat è il complesso industriale più importante del paese ed è oggi la fabbrica col maggior numero di operai in Italia. Pensare che l’Italia si possa cambiare facendo a meno degli operai è una sciocchezza e chi lo dic fa un danno alla città, prima di tutto. Chi lo dice vuole che Taranto diventi un cimitero industriale, con un futuro di decenni e decenni di inquinamento che nessuno bonificherà, come Bagnoli insegna.
Non è affatto vero che chiudendo l’Ilva a Taranto verrà lo sviluppo. Non è mai accaduto. Dove c’è stata deindustrializzazione, si è sviluppata è la criminalità - Bagnoli è diventata terra di camorra, e anche Taranto diventerebbe territorio sotto il controllo di malavitosi, speculatori, palazzinari.

pc 10 novembre - A Trento assemblea dei lavoratori per crescere in coscienza di classe



4 novembre una settantina di lavoratori (foto allegata) dell’SBM e dello Slai Cobas trentino hanno partecipato ad un incontro di formazione e di dibattito interno sui temi della solidarietà di classe tra lavoratori e della lotta al fascismo, al razzismo ed all’imperialismo.
L’incontro durato quasi tre ore è stato aperto da una breve rappresentazione teatrale (20 minuti) organizzata dagli stessi lavoratori che hanno deciso di avviare l’esperienza di un lavoratori teatrale (“teatro povero” basato su recitazione di testi, commenti, scritte, musiche, luci, ecc).
La rappresentazione era incentrata su un episodio di discriminazione (contestazione disciplinare) di cui è stato oggetto un camionista rumeno dell’SBM (il fatto è anche uscito sui giornali locali) per aver espresso sul lavoro opinioni contro la guerra e gli USA.
Nell’incontro sono stati anche denunciati dai lavoratori  vari casi di discriminazione a loro accaduti per motivi etnici, religiosi, sindacali, di salute ecc. Alcuni di questi  episodi sono già oggetto di iniziative sindacali e saranno  anche oggetto di rappresentazioni teatrali.
Nel dibattito è emersa forte la necessità che i lavoratori si uniscano in modo organizzato per combattere tutte le discriminazioni che subiscono sul posto di lavoro e nella società. Di seguito il testo della locandina che sintetizza i temi dell’apertura dei lavori: “per la solidarietà e l’unità sindacale e politica tra i  lavoratori dei diversi paesi, contro il razzismo e l’imperialismo” 1) Canal Strett (1891) Aigues - Mortes1893 – Marcinelle (1956) : Immigrati italiani, stragi razziste  e  condizioni di lavoro di vita e di lavoro all’estero, 2) Cause dell’emigrazione italiana all’esterno :  capitalismo straccione e riforma agraria abortita, 3) Cause dei flussi migratori verso l’Italia e l’Europa (i migranti alla ricerca del lavoro, il ruolo dell’imperialismo nella devastazione economica, politica e militare dei paesi del “terzo mondo), 4) nazionalismo e razzismo in Italia: capitale finanziario, padroni, governi, partiti, mass media, giornalisti, intellettuali, fomentano  l’irrazionalismo culturale e la guerra tra i proletari e gli strati popolari per avanzare sulla strada della repressione e del fascismo.

SBM e SLAI COBAS Trentino

giovedì 9 novembre 2017

pc 9 novembre - RINVIATI A GIUDIZIO PER LA MANIFESTAZIONE A TARANTO CONTRO RENZI - MA TRASFORMEREMO IL PROCESSO IN PROCESSO A RENZI, AL GOVERNO, ALLO STATO

Fissato per il 5 aprile 2018 l'avvio del processo per i 15 compagni. lavoratori, lavoratrici per la manifestazione contro Renzi del 29 luglio 2016

Tra i 15 rinviati a giudizio, vi sono 6 dello Slai cobas per il sindacato di classe



Ribadiamo quello che abbiamo detto subito dopo l'arrivo delle denunce.
Noi non abbiamo nulla da cui "difenderci"! Trasformeremo il processo in un atto di accusa verso Renzi, il suo governo, il loro Stato, che era venuto a vantarsi di aver fatto "tanto per Taranto", ma che giustamente trovò la denuncia e la protesta degli operai Ilva, di tanti altri lavoratori, di donne dei quartieri inquinati, di giovani, dello Slai cobas sc che aveva chiamato quel giorno a manifestare uniti contro quella che era una provocazione e un ennesimo attacco per lavoratori e masse popolari di Taranto: 10 decreti, di cui l'ultimo fatto poco prima di venire a Taranto, solo per salvare i profitti dei vecchi e nuovi padroni dell'Ilva, mentre nessuna bonifica, nessuna difesa dei posti di lavoro e sicurezza all'Ilva. A Renzi, si aggiunsero i servi parlamentari, il "sempre in televisione" Pelillo, che vuole mantenere ben salda la sua poltrona in parlamento calpestando i diritti fondamentali di lavoro e salute; questi il 29 pensava di fare il gradasso tra la gente, ma ebbe la dovuta risposta.  
Questo processo deve trovare uniti i 15 denunciati, ma anche avere il sostegno concreto, politico di tutte le realtà sociali, tutti coloro che il 29 c'erano e anche di quelli che non c'erano.

pc 9 novembre - Ostia - Casapound e mafia/Spada sono due sinonimi! - Vanno stroncati con le leggi e la repressione, combinata con l'antifascismo militante e la lotta sociale autorganizzata

La finta indignazione del mondo mediatico e istituzionale contro Casa Pound di queste ore è ridicola. Ancor più ridicola dei due giorni dedicati ad Anna Frank, già dimenticati...
I fascisti li avete nutriti, dandogli spazi e agibilità - il centrodestra gli passava i soldi e li candidava, i 5 Stelle ci interloquivano, quanto al PD...
Ogni scorreggia che fanno 4 fascisti diventa un'impresa epica, ogni border line con una celtica che sbraita contro gli immigrati si prende le copertine dei giornali, mentre la TV non parla di cittadini e associazioni di volontariato che ogni giorno si fanno il mazzo per migliorare il proprio territorio.
Ogni volta che aggrediscono qualcuno solo perché ha una maglietta di sinistra, la reazione della stampa è parlare di "opposti estremismi". Quella della magistratura è di indagare tutti per rissa, anche se i fascisti erano in agguato con i coltelli...
Fanno diventare fenomeni delle persone mediocri, che esistono solo perché hanno agganci con la malavita, con il mondo di Mafia Capitale, con pezzi dello Stato...  De Santis che spara e uccide Ciro Esposito, Casseri che a Firenze uccide due senegalesi, sono ogni volta "singoli", pazzi isolati... la parolina magica "fascista" fatica sempre a uscire - ieri la Raggi ha detto "fermeremo gli estremismi": proprio non riesce a pronunciarla...

Li volete fermare? Vi basta applicare la Costituzione antifascista. Vi basta indagare sui soldi e tagliargli il carburante. Ci mettereste due secondi a dissolvere Casa Pound e Forza Nuova.
Ma la verità è che i fascisti servono. E quindi ancora una volta dovranno essere le classi popolari di questo paese a fare tutto da sole... senza paura, alla luce del sole 
da je so' pazz

La propaganda di Casa pound sui giornali...
su Repubblica Giovanna Vitale parla di “vittoria senza precedenti” della formazione neo-fascista. Una pubblicità ingannevole. L’articolo, infatti, non l’ha scritto la giornalista del quotidiano La

pc 9 novembre - NO a D'Alema e Camusso - si accendono i fuochi della protesta alla Federico II di Napoli

D'Alema e la Camusso all'università per parlare di lavoratori e precarietà..
Noi siamo intervenuti ! Dopo che la polizia ci voleva impedire l'entrata con spintoni e pugni siamo riusciti ad impedire la vergognosa iniziativa nella nostra università.
Ecco qui le nostre motivazioni sul perché questi personaggi, protagonisti dei problemi che affliggono questo paese, non posso avere le soluzioni e non possono rappresentare la sinistra di questo paese.


Un gruppo di circa 100 giovani tra collettivi universitari e centri sociali ha occupato l'edificio dell'università Federico II di Napoli dove era prevista un'iniziativa con Massimo D'Alema e Susanna Camusso. I giovani hanno occupato l'aula dopo una breve colluttazione con le forze dell'ordine occupando l'aula dove è previsto il convegno «L'Europa e la crisi della socialdemocrazia» urlando «D'Alema non può venire a parlare all'università».
La Camusso segretario della Cgil s'è allontanato dall'edificio accompagnata dal grido degli studenti «jatevenne». «Quando si impedisce a delle persone di discutere liberamente si fa un danno a tutti. Mi dispiace che non si possa discutere», ha detto la Camusso lasciando Napoli. L'accaduto è stato stigmatizzato dal ministro Valeria Federi. «È gravissimo che si impedisca a qualcuno di parlare, di partecipare a un confronto, di esprimere liberamente le proprie opinioni». Così la titolare del dicastero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca: «Fare ricorso alla violenza, verbale e non, per occupare un'aula e per impedire ad altri di prendere la parola è qualcosa che mai vorremmo vedere. Mai. Meno che mai in un luogo deputato al confronto, al dialogo, all'approfondimento come l'università», ha aggiunto, esprimendo solidarietà nei confronti di Susanna Camusso e di Massimo D'Alema. «Episodi come quelli di oggi sono da condannare da parte di tutti, quali che siano le posizioni personali o le appartenenze politiche. Perché quando si impedisce a qualcuno di esprimere la propria opinione è il sistema democratico in sé che viene messo in discussione».

pc 9 novembre - Massiccia ondata di striscioni nelle città dove è presente proletari comunisti/PCm Italia


pc 9 novembre - Il nuovo numero de 'la NUOVA BANDIERA' dedicato alla Rivoluzione d'ottobre è rivolto in particolare ai proletari


pc 9 novembre - Le donne della rivoluzione bolscevica - nuova pubblicazione MFPR

pc 9 novembre - La bandiera rossa della Rivoluzione d'Ottobre in alcune fabbriche italiane

pc 9 novembre - Napoli - festa 'sovietica' per la Rivoluzione d'Ottobre - nel corso ore 17 presentazione libro su Stalin alla Città del Sole

pc 9 novembre - Per la costruzione dei circoli proletari comunisti nelle fabbriche

Per la costruzione dei circoli proletari comunisti nelle fabbriche

Le condizioni odierne nel mondo e nel nostro paese della classe operaia e delle masse oppresse necessitano di una posizione di classe che rappresenti questa condizione oggettiva e soggettiva e indichi la via d’uscita secondo gli insegnamenti che negli anni l’esperienza di tutto il proletariato ha accumulato.
A milioni oggi i proletari si ribellano in tutto il mondo, e tra questi una parte cerca di organizzarsi per dare una risposta ad una situazione che si fa ogni giorno peggiore.
Come ci insegna Marx la classe operaia “possiede un elemento di successo: il numero; ma il numero non pesa sulla bilancia se non quando è unito in collettività ed è guidato dalla conoscenza”.
Sappiamo che senza un proletariato organizzato, e sopratutto nella sua massima espressione, il partito della rivoluzione, non solo non è possibile per le masse cambiare la propria condizione, ma si lascia spazio alle forze più reazionarie della borghesia, alle forze apertamente fasciste che si mettono a disposizione della borghesia per continuare a garantire i propri interessi e un sistema incancrenito che distrugge quotidianamente uomini e cose.
Nelle fabbriche italiane come la FIAT – oggi FCA - di Marchionne avanza e si consolida il moderno fascismo padronale che cancella diritti, organizzazione sindacale di classe, e rende sempre più in maniera ostentata l’operaio una appendice della macchina del profitto del capitale.
In ogni fabbrica grande e piccola, nei settori della logistica, nelle campagne sono concentrati una massa di nuovi operai immigrati contro cui padroni governo e Stato conducono una quotidiana guerra di classe di bassa intensità o dispiegata.
In fabbriche come l’Ilva di Taranto il capitale è arrivato alla punta più estrema della sua logica di distruzione di vite operaie e salute e vita nei territori operai mostrando il vero volto della produzione per il profitto sulla pelle e sul sangue dei lavoratori e delle masse.
Prendiamo una posizione chiara e ferma per rispondere ai padroni con la guerra di classe e con la lotta per abolire il sistema di produzione basato sul profitto.
Organizziamoci su ogni posto di lavoro e con tutte le masse oppresse contro il capitalismo, l’imperialismo e la reazione
Facciamo appello alle avanguardie proletarie, alle avanguardie di lotta ad unirsi e organizzarsi sempre più e meglio, liberandosi dell’opportunismo, del populismo demagogico e del movimentismo piccolo borghese.
Lavoriamo insieme per costruire gli strumenti necessari per rovesciare oggi il governo Gentiloni, ogni governo dei padroni e lo Stato borghese,
Incoraggiamo le masse, le uniche che fanno la storia, a ribellarsi fino in fondo e farla finita con questo sistema.

Proletari comunisti – Pcm Italia

pc 9 novembre - ILVA Genova - lotta e repressione

Occupazione Ilva, presentato un esposto: "Hanno danneggiato azienda e lavoratori"

GENOVA - Ilva ha presentato un esposto alla stazione dei carabinieri di Cornigliano - Sestri Ponente perché ritiene che l'occupazione dello stabilimento, in corso da parte della Rsu Fiom, abbia causato danni all'azienda e ai lavoratori. Nell'esposto si fa riferimento al fatto che chi non aderiva alla protesta è stato allontanato dai reparti e ciò ha determinato lo stop di tutta la produzione.
Nell'esposto si legge che“gli scioperanti hanno fatto irruzione nell'area dove erano ricoverati tutti i mezzi operativi” e che "nonostante i ripetuti richiami della Security aziendale i manifestanti hanno

pc 9 novembre - Massivo ampliamento della base militare USA di Camp Darby a Livorno

La nuova linea ferroviaria ruberà decine di ettari di altissimo valore naturalistico e ambientale tra cui 36 ettari del Parco di San Rossore, dove è previsto l’abbattimento di un migliaio alberi ad alto fusto e la deviazione di un canale, in nome di interessi imperialistici degli USA e dei conseguenti progetti di guerra . 

mercoledì 8 novembre 2017

pc 8 novembre - Contro gli operai in lotta all'Ilva di Genova l'azienda fa appello alla repressione e il governo cerca di scaricare sulla lotta dei lavoratori il piano di esuberi e attacco ai salari e i diritti della Mittal


pc 8 novembre - Anche alla Tenaris Dalmine: Viva la rivoluzione d'Ottobre! Viva Lenin!



























pc 8 novembre - Ribellarsi è giusto! L'Aquila 24 novembre: Presidio al Tribunale e sotto il carcere per Nadia Lioce

Da Movimento Femminista Proletario Rivoluzionario


A L’Aquila il 24 novembre si terrà la terza udienza del processo a Nadia Lioce, che la vede imputata per aver turbato la quiete di un carcere che l’ha sepolta viva.
In una cartolina il 26 dicembre dello scorso anno Nadia ci scriveva:
“… A giugno, come le altre volte in passato, l’ho sentita la manifestazione in corso. Un po’ meno però… Devo dire che, negli anni, e con il divieto per legge di comunicare che, volendo, si potrebbe concretizzare non solo in divieto di “parlare” - corroborato dalla minaccia sanzionatoria - ma pure di “ascoltare”, il momento dimostrativo fuori dal carcere crea un tale scompiglio nell’amministrazione penitenziaria da rendere la quotidianità socialmente asettica, ancor più surreale del solito. Che dire… naturalmente l’opuscolo “Donne e Resistenza” è arrivato, ma non mi è stato consegnato, data la vigenza della notoria disposizione, avverso la quale di recente ho fatto un ennesimo reclamo, in ogni caso te ne ringrazio. E per ora è tutto, saluto e auguro un anno nuovo migliore a te e alle altre compagne. Buon 2017
Nadia”

Divieto di parlare, ascoltare, leggere, salutarsi, amare, sognare… vivere.
Ecco che cos’è il 41 bis, un coacervo di divieti e vessazioni permanenti, volte all’annientamento della persona, alla cancellazione della propria identità umana, sociale e politica.
Ma Nadia ha alzato la testa, ha osato ribellarsi a questo stato di cose e il 24 novembre probabilmente conosceremo anche altri aspetti di questa tortura, che Nadia ha denunciato con quella battitura, rompendo il silenzio di quell’impenetrabile regime che è il 41 bis.
Noi saremo lì quel giorno, a sostenere la sua protesta, a raccogliere il suo grido di dignità contro l’annientamento, contro l’ipocrisia di questo Stato borghese che si dice democratico, ma l’unica sicurezza che persegue è quella del sistema capitalistico, del profitto di pochi per la miseria e la morte di molti. E la persegue, con l’avanzare della crisi, sempre più a suon di manganello, dentro e fuori le carceri.
Il 24 novembre alle ore 9,30 saremo in presidio davanti al Tribunale de L’Aquila, in Via XX Settembre n. 68. Al termine dell’udienza, presumibilmente verso le 12, ci sposteremo sotto le mura del carcere “le Costarelle”, per salutarla (Deposito Irti-cicolani, SS 80 Dir, 4).

Per informazioni e supporto logistico scrivere a mfpraq@autistici.org - 328 7223675 (Luigia).
Per chi arriva in auto, si consiglia di lasciarla al parcheggio del centro commerciale “la Meridiana”, nei pressi del Tribunale. Per chi dovesse tardare e vuole raggiungerci nel prato antistante il carcere, consigliamo di lasciare il mezzo al parcheggio della coop di Sassa Scalo (ma meglio evitare di andare lì da soli)
Mappa per chi arriva dalla A24: https://goo.gl/maps/cjLHYb3VJ9m
Mappa per chi arriva da Pescara: https://goo.gl/maps/2ogfUX3oavq
Per chi arriva con l’autobus: scendere alla fermata Hotel Amiternum. Fino al tribunale sono 15 minuti a piedi. In caso di problemi telefonate al numero sopra.

pc 8 novembre - Regionali Sicilia - Arrestato Cateno De Luca (Udc) per evasione fiscale, deputato regionale della lista Musumeci. E' siamo solo a due giorni dalle elezioni


A due giorni dalle elezioni, già il primo scandalo in casa Musumeci, con l'arresto del neo-deputato De Luca. Finite le elezioni vediamo emergere subito la natura di chi andrà a governare, con firma Berlusconi. Ma come al solito non perdono tempo con i primi scandali. 

Solo la rivoluzione proletaria può spazzare via la borghesia al potere con tutti i suoi rappresentanti, in questo caso il governo che sta per formarsi in Sicilia è dichiaratamente reazionario, con tutta l'opposizione. Ancora siamo solo all'inizio. 

ONE SOLUTION, REVOLUTION

Riportiamo di seguito l'articolo di Repubblica

Messina, arrestato per evasione fiscale il neo-deputato regionale De Luca (Udc)

È stato appena eletto nello schieramento di centrodestra che sostiene

pc 8 novembre - Libertà per Fabio! Libertà per tutti i ribelli del G20 di Amburgo!

NoG20 Hamburg: Iniziato il processo a Fabio Vettore
La dichiarazione resa in Tribunale da Fabio
Osservatorio Repressione novembre 07, 2017

Iniziato, al Tribunale di Altona ad Amburgo,  il processo a Fabio Vettorel, l’attivista italiano da 4 mesi in carcere. Nell’udienza di oggi Fabio ha rilasciato una dichiarazione che riportiamo. Nuova udienza il 14 novembre
“Signora giudice, signori giudici popolari, signora procuratrice, signor assistente del tribunale per i minori,
Voi oggi siete chiamati a giudicare un uomo. Lo avete chiamato “aggressivo criminale” e “irrispettoso della dignità umana”. Personalmente non mi curo degli appellativi che mi attribuite. Io sono solo un ragazzo di buona volontà.
Prima di tutto vorrei dire che probabilmente i signori politicanti, i signori commissari di polizia e i signori magistrati pensano che incarcerando e arrestando qualche ragazzetto si possa fermare il dissenso nelle strade. Probabilmente lor signori pensano che le prigioni bastino a spegnere le voci ribelli che dovunque si alzano. Probabilmente lor signori pensano che la repressione fermerà la nostra

pc 8 novembre - La via della Rivoluzione d'Ottobre e la proposta del partito rivoluzionario operaio di Lenin adeguato ai giorni nostri nelle mani degli operai all'Ilva di Taranto

1000 volantini, bandiere rosse, comizio volante sono entrati all'Ilva Taranto nella giornata di ieri, come in altre fabbriche italiane, dove sono presenti i circoli di proletari comunisti che costruiscono nel nostro paese il Partito Comunista maoista.
Basta con il riformismo, il parlamentarismo, l'economicismo!
Basta con la lotta sindacale nelle mani del sindacalismo confederale e finalizzata alla conciliazione con padroni, governo Stato borghese.
La lotta sindacale di classe deve essere finalizzata alla rivoluzione proletaria e alla conquista del potere politico - il potere deve essere operaio!
Dobbiamo costruire la società socialista per risolvere realmente 'dall'oggi al domani' ,con i "decreti del potere operaio", i problemi sociali dei proletari e delle masse.
Basta con i partiti elettorali! Si al al partito rivoluzionario, si al rovesciamento di massa dello Stato dei padroni, lungo la via dell'Ottobre rosso,  aggiornata e sviluppata da Mao, come guerra rivoluzionaria e guerra di popolo.

Creare, organizzare circoli operai e circoli proletari comunisti - come passo ora, per sviluppare il sentiero luminoso della rivoluzione!

proletari comunisti/PCm Italia
7 novembre 2017

pc 8 novembre - W IL CENTENARIO DELLA RIVOLUZIONE DI OTTOBRE, FESTA DEGLI SFRUTTATI E DEGLI OPPRESSI - A PALERMO

 Di mattina intervento tra gli operai del Cantiere Navale con volantinaggio, 
locandine, cartelli  bandiere


"La rivoluzione ci resta da fare, come fece Lenin... dopo queste elezioni che hanno dimostrato lo schifo in cui ci vogliono buttare... ", ha detto un operaio ma in generale gli operai che hanno preso il volantino ne hanno condiviso il messaggio 




Attacchinaggio nelle scuole e in città 



Di pomeriggio e fino a sera bella iniziativa in sede con partecipazione di lavoratori, precari e giovani.




Un festa vera e propria caratterizzata da diversi momenti che hanno visto protagonisti i lavoratori con la lettura di una lavoratrice del circolo del volantino distribuito la mattina in fabbrica



L'intervento di un compagno del circolo sull'excursus storico che ha portato alla rivoluzione di ottobre, guidata dal partito comunista di Lenin. La visione di alcuni passaggi del film "il Treno di Lenin" ha suscitato viva emozione e applausi, un precario ha detto "lo dobbiamo vedere tutto per intero perché davvero istruttivo e stimolante".
"Nonostante abbiamo visto piccoli pezzetti, quei piccoli pezzetti raccontavano la nostra storia, una storia che si ripete , la storia di chi ogni giorno si trova a lottare contro gli oppressori!!! e noi abbiamo il dovere di liberarci dagli oppressori affinche' da uomini oppressi torniamo ad essere uomini liberi ...LIBERI DI VIVERE , LIBERI DI ESSERE !!!!" ha detto una lavoratrice precaria. 

A seguire  altri brevi video sulla fase conclusiva della rivoluzione con l'assalto al palazzo di inverno e sulle prime fasi della nuova società nascente accompagnati dalla lettura dei provvedimenti reali e concreti che il nuovo governo operaio e proletario fecero subito per le masse popolari: dal lavoro, alle case, all'istruzione, alla condizione delle donne, alle terre, ai contadini, alle fabbriche...  


Un altro intervento sulla base del video nazionale di proletari comunisti sul significato oggi della rivoluzione di ottobre per i proletari per il cui riscatto sociale si rende necessario e non rinviabile come prima tappa la costruzione del partito rivoluzionario, il partito comunista di tipo nuovo e la spiegazione della locandina nazionale. 

Per concludere la lettura con immagini del discorso che Lenin fece alle operaie l'8 marzo successivo alla rivoluzione sulla centralità del ruolo delle donne nel processo rivoluzionario e nella costruzione della società socialista con applausi di tutti i presenti.




Sono stati regalati a tutti adesivi sulla rivoluzione e distribuiti i fogli mentre alcuni giovani hanno apprezzato l'angolo allestito con libri di Lenin e in particolare anche la nuova pubblicazione "Sulla questione di Stalin"

A seguire aperitivo rosso con brindisi e slogan "l'unica soluzione è la rivoluzione" . 





Circolo Proletari Comunisti Palermo