sabato 24 settembre 2016

pc 24 settembre - Continua la mobilitazione dei lavoratori delle cooperative logistiche a Bergamo: Abd Elsalam vive nella lotta!

OPERAI KAMILA-ITALTRANS MANIFESTANO... : SIAMO TUTTI ABD ELSALAM 



pc 24 settembre - VENTIMIGLIA-TARANTO, SPRECHI E MISTERI DEI TRASFERIMENTI AL SUD DEI MIGRANTI - A TARANTO NUOVA INIZIATIVA DELLO SLAI COBAS

DAL BLOG tarantocontro

Nei prossimi giorni denuncia e iniziativa dello Slai cobas sc a Taranto sul trattamento di migranti in un centro da parte della stessa Associazione che gestisce l'Hotspot di Taranto.

(dalla stampa di Alessandria) - Da quando il Ministro dell'Interno Angelino Alfano ha dato il via al cosiddetto «alleggerimento delle frontiere», a Ventimiglia si verificano ogni giorno trasferimenti forzati di migranti dal confine con la Francia fino a Taranto e altre città del sud Italia.
Diversi avvocati e organizzazioni non governative hanno denunciato margini di illegittimità in quelle che volontari e attivisti definiscono "deportazioni", ma il punto che trova tutti d'accordo è un altro: l'elevato costo e l'inefficacia di queste operazioni di "decompressione territoriale".
Tra maggio e giugno, le persone trovate senza documenti che attestino la loro richiesta di asilo, venivano trattenute dalle forze dell'ordine e successivamente trasferite all'aeroporto di Genova, dal quale venivano accompagnati al sud Italia con gli aerei della Mistral Air (compagnia delle Poste Italiane), che fin dal 2011 lavora per conto del Ministero degli Interni, ai tempi di Maroni al costo di 6.000 euro

pc 24 settembre - A Palermo lo Slai cobas per il sindacato di classe non regge il moccolo a Grillo e al suo movimento, perchè ha avuto modo di conoscerlo bene

Questura vieta manifestazione assistenti ai disabili a Palermo contro Italia a 5 Stelle

IN PIAZZA CONTRO IL MOVIMENTO 5 STELLE! MA DI QUALE FESTA PARLATE??
Comunicato stampa
Palermo, 23 settembre ’16
 Iniziativa di piazza contro il Movimento 5 Stelle
Sabato 24 settembre ’16 Piazza Verdi (Teatro Massimo) ore 16

Lo Slai Cobas per il sindacato di classe di Palermo organizza per sabato 24 settembre in Piazza Verdi (Teatro Massimo) alle ore 16 una iniziativa pubblica contro il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo che terrà la propria “festa” nazionale nei giorni 24 e 25 settembre in città.
Le lavoratrici e i lavoratori aderenti alla nostra Organizzazione Sindacale hanno tenuto ieri una assemblea nella quale si è discusso in generale della posizione del M5S nella politica attuale, partendo da un fatto molto concreto, cioè dall’intervento in particolare sulla vertenza specifica degli assistenti igienico-personale, una posizione, espressa anche negli ultimi giorni all’Assemblea Regionale, che di fatto vuole licenziare circa 2000 lavoratori in tutta l’Isola.
In questi anni il M5S ha avuto modo di farsi conoscere sia attraverso le posizioni espresse dai suoi leader, Grillo e Casaleggio, che dai fatti laddove sono al governo, cioè diversi comuni d’Italia tra cui alcuni in Sicilia: queste parole e fatti mettono in luce l’atteggiamento antioperaio e popolare, che è la vera natura profonda del partito che si definisce movimento; razzista, sessista, che copre le proprie posizioni antidemocratiche con frasi ingannevole del tipo “uno vale uno” “scelgono i cittadini”, e quelle che fanno facile “audience” come “onestà” “trasparenza” “legalità” ecc. ecc.
Tutte falsità che saranno denunciate, insieme alle “pratiche politiche” tutte di tipo elettorale, dalla piazza.
E naturalmente ci sarà anche la denuncia del divieto imposto dalla questura di manifestare nei pressi della “festa”, un divieto che riteniamo inaccettabile!

Slai cobas per il sindacato di classe
Via g. del duca 4 – Palermo

pc 24 settembre - Si prepara in Brasile la celebrazione internazionale dell'anniversario della Grande rivoluzione culturale proletaria - 14 ottobre Rio de Janeiro

Uma importante iniciativa: campanha de finanças da delegação do Norte de Minas Gerais

Recebemos em nosso correio eletrônico o anúncio de uma campanha organizada pelo Comitê de Apoio à Luta Camponesa Combativa e pelo Socorro Popular do Norte de Minas Gerais como forma de arrecadar fundos para custear a viagem da delegação para a celebração dos 50 anos da GRCP no Rio de Janeiro em 14 de outubro.

Eles produziram caixas de madeira com o tema da Grande Revolução Cultural Proletária que são vendidas a R$ 10,00. 


Saudamos a iniciativa das companheiras e companheiros e acreditamos que ela deve servir de exemplo para todos aqueles que se mobilizam para a celebração.

Camponeses celebram os 50 anos da GRCP (Norte de Minas Gerais - Brasil)

Grande painel produzido por camponeses da Área Revolucionária Cleomar Rodrigues, em Pedras de Maria da Cruz, Norte de Minas Gerais, em celebração aos 50 anos da Grande Revolução Cultural Proletária.

Agradecemos aos companheiros e companheiras da Liga dos Camponeses Pobres do Norte de Minas e Sul da Bahia pelo envio das fotos ao nosso blog.



Espetáculo: O Destacamento Vermelho de Mulheres - The Red Detachment of Women

Espetáculo estreado em 1971 na China Popular, durante a Grande Revolução Cultural Proletária.

Rompendo com as velhas ideias - Breaking with old ideas (legendas em inglês)

Filme lançado em 1975 na China Popular, durante a Grande Revolução Cultural Proletária.

O Leste é vermelho - The East is red

Trecho do espetáculo O Leste é vermelho produzido na China Popular em 1965, no período da Grande Revolução Cultural Proletária.

Ato político-cultural - 50 anos da GRCP - 14/10 no Rio de Janeir

Dia 14 de outubro, a partir das 13:00hs
Teatro Mário Lago - Colégio Pedro II
São Cirstóvão - Rio de Janeiro - RJ
Brasil

pc 24 settembre - Dall'India l'appello per liberare Ajith - 30 settembre parte da Napoli la campagna italiana

Liberar Murali Kannampilly alias Ajith inmediatamente de Pune Cárcel Central de Alta Seguridad la única manera que puede salvar su vida

Comisiones de defensores de los derechos democráticos y libertades civiles e intelectuales exigen del Gobierno de Maharashtra y del Gobierno Central
Por ahora, el pueblo en todo el país y del mundo han llegado a saber que Com. K Muraleedharan fue ingresado en un hospital del gobierno de Pune desde que estaba sufriendo de dolor agudo en el pecho. Dado que la policía no ha permitido que lo asista un asistente que siga las indicaciones de los médicos que asisten a él, éste ha tomado la determinación de realizar una huelga de hambre. A continuación, la policía, contra el consejo de los médicos, le obligó a retirarse de la huelga de hambre. Ahora, su salud está en condiciones precarias en la prisión.
Así, junto con otros activistas de los derechos democráticos Prof. Noam Chomsky y en todo el país y del mundo, exigimos que, o bien se le diera una fianza provisional o se liberara para lograr que sea

pc 24 settembre - Soccorso Rosso Proletario - informa sulla settimana internazionale per la liberazione di Georges Ibrahim Abdallah

APPEL AUX PARTIS REVOLUTIONNAIRES ET PROGRESSISTES ARABES
 POUR LA
SEMAINE D’ACTIONS INTERNATIONALE DU 15 AU 22 OCTOBRE 2016
POUR EXIGER LA LIBERATION DE NOTRE CAMARADE GEORGES ABDALLAH

Les partis de gauche arabe qui appartiennent au camps de la résistance et du combat, et qui prétendent être révolutionnaires et progressistes, vont très prochainement se retrouver devant un examen de conscience, dans le courant du mois d’octobre car ils auront à présenter aux yeux du monde ce qu’ils comptent faire pour notre camarade Georges Abdallah, c’est-à-dire

pc 24 settembre - Brasile continuano gli assassinii di dirigenti e militanti della Lega dei Contadini Poveri - denuncia e documenti dai compagni brasiliani

in via di traduzione

Brasil: O sangue rega a revolução - Brasil: Liga de Campesinos Pobres: La sangre no ahoga la revolución!


Liga Operária
An
BCC nuevo_peru@yahoo.de
Sep 21 um 2:19 PM
Com profundo pesar e revolta, retransmitimos o comunicado da LCP de Rondônia e Amazônia Ocidental sobre o covarde e brutal assassinato dos coordenadores Edilene Mateus Porto e Izaque Dias Ferreira. O assassinato deste jovem casal de camponeses lutadores pelo sagrado direito a terra  e a uma vida plena, que deixam uma filhinha de 7 anos, barbaramente emboscados quando iam cultivar o seu pedaço de chão, é mais um crime perpetrado pelo latifúndio e bando de pistoleiros e policiais acobertados pelo genocida Estado burguês-latifundiário, serviçal do imperialismo e seus gerentes de turno – Michel Temer, governador Confúcio Moura, o comandante da PMRO e lacaio dos latifundiários, coronel Enedy Dias etc.


No último dia 13 de setembro, antes das 8 horas da manhã, Edilene Mateus Porto e Izaque Dias Ferreiraforam assassinados, quando se deslocavam de moto para plantar capim, no lote deles, localizado na Área Revolucionária 10 de maio, na linha C-54, no município de Alto Paraíso. Antes de chegarem à roça, eles foram vítimas de uma emboscada, atingidos por disparos de espingarda calibre 12. Segundo informações de moradores havia perfurações de outros dois calibres diferentes. Eles deixaram uma filha de 7 anos. Os dois eram ativos camponeses da área e coordenadores da LCP e por isso foram assassinados. Certamente, os autores de mais este crime bárbaro são os latifundiários grileiros de terras e assassinos, que com seus bandos de pistoleiros e policiais, têm promovido o terror em Rondônia, onde quer que os camponeses se levantem para lutar pelo sagrado direito à terra.

pc 24 settembre - "L'ULTIMO MARX" DI M. MUSTO: "Marx aveva assegnato un compito alla sua esistenza: fornire al movimento operaio le basi teoriche per distruggere il modo di produzione capitalistico"

Al Festival della Filosofia a Carpi il 16 settembre Marcello Musto ha presentato il suo ultimo libro: L'ultimo Marx: 1881- 1883.
Riportiamo qui alcune note di una compagna che ha seguito la presentazione.

Si tratta di un libro utile, che affronta anche problematiche nuove a cui Marx si stava dedicando negli ultimi anni, come la situazione in Russia: se l'esistenza della comune rurale poneva o no necessariamente il passaggio dal capitalismo come presupposto del percorso verso la società socialista.

Musto ha voluto sottolineare lo spirito di "ricercatore continuo" di Marx, di curioso a 360°, critico, di dubbioso, fino alla fine della sua esistenza. Uno combattente, che studia la realtà, la analizza al microscopio, ma non si adegua, non la cristallizza, ma vede in essa gli elementi della rivoluzione.

Ma questa sottolineatura, c'è da dire, è diventata nel corso del suo intervento, eccessiva, di fatto messa in distinzione con l'ideologia marxista-leninista, in particolare quando Musto l'ha contrapposta ad un uso cristallizzato di Marx da parte dei marxisti della Russia sovietica anche ai tempi di Lenin - cosa assolutamente non vera.

Musto ha iniziato dicendo come vi sia stato dal 2008 un “ritorno a Marx”, in tutto il mondo: in Brasile vi sono almeno 100 gruppi di studio nelle università; in Cina vi è una ripresa delle traduzioni dei libri di Marx; in Germania è in corso una rilettura completa delle sue opere, ecc.

Marx ha tentato di approfondire decine e decine di materie per scrivere Il capitale, era un analista/scienziato meticoloso, tornava più volte su ciò che aveva scritto, vi sono diversi manoscritti sul capitale, su questo facendo impazzire Engels che lo esortava a far uscire i suoi scritti. Ma quando doveva fare polemica politica, la faceva subito – vedi “La sacra famiglia”.

Facendo poi un pò di storia, Musto ha ricordato come Marx a Parigi incontrò il mondo del lavoro e incontrò Engels che aveva scritto “La situazione della classe operaia in Inghilterra”. Marx se ne innamora, Scrive i “manoscritti economici filosofici”, dove parla per la prima volta di “alienazione”.
Scrive che il capitalismo è un modo di produzione storico, non “naturale”, e quindi può essere cambiato. Occorreva analizzare il capitalismo e sostituire a questo modo di produzione una società collettiva di liberi e uguali.
Ne “L'ideologia tedesca” per la prima volta vi è l'idea materialistica dialettica della storia.
In seguito Marx lavora sui “Grundrisse”, importanti per la direzione del suo lavoro (che poi si attuerà nella redazione de Il capitale) e per delineare la società futura.

Ma Marx è anche un militante politico; afferma che non ci sono idee se non ci sono organizzazioni che le fanno valere. Le idee di Marx erano incarnate dalla lotta dei lavoratori.
Il capitalismo per Marx è importante perchè “produce gli operai”. Effetti positivi del capitale che possono essere usati dal movimento operaio per passare a un nuovo modo di produzione:
- cooperazione lavorativa;
- l'apporto scientifico e tecnologico;
- l'appropriazione delle forze della natura;
- la creazione di grandi macchine:
- concentrazione dei mezzi di produzione;
- tendenza al mercato mondiale.
Gli operai lavorando insieme possono acquisire coscienza. Lo sviluppo del capitalismo dà maggiore possibilità di liberarsi dai legami feudali, patriarcali.

Nello stesso tempo in cui Marx analizza questi aspetti "positivi" del capitalismo, descrive in maniera puntuale e minuziosa lo spietato sfruttamento degli esseri umani attuato dal capitalismo.

Sulla Russia. Nel 1869 Marx cominciò a studiare il russo (Marx sapeva 8 lingue, Engels 13) perchè voleva capire i cambiamenti che vi erano stati in Russia dopo il 1861. Marx approfondisce la situazione in Russia e in particolare la “Comune rurale”, per rispondere a delle domande postegli dai rivoluzionari russi: il capitalismo è una legge da cui per forza tutti i paesi devono passare? In Russia per fare la rivoluzione socialista dobbiamo aspettare che passi il capitalismo? O possiamo partire da una forma di comunità che già esiste e passare al socialismo? Marx risponde che la sua analisi riguardava l'Europa occidentale. La Comune rurale russa può saltare il capitalismo e passare al socialismo. Non si tratta di un ritorno alla Comune precapitalista, ma di trasformare le forme comunitarie in senso socialista.
Marx è uno studioso scrupoloso ma anche un curioso. Marx vuole capire i cambiamenti in India, in Cina, in Indonesia, in Sud America, ecc.
Si avvicina a nuova discipline, come l'antropologia per approfondire le basi storiche della critica al capitalismo. Soprattutto gli ultimi manoscritti mostrano la multidirezionalità dei suoi interessi.
Sul colonialismo. Marx dice che la soppressione del suolo è un atto di vandalismo, di violenza. Non ha spinto il popolo indigeno avanti ma indietro.

Marx era un rivoluzionario, non solo uno studioso. Per 10 anni si impegnò nell'Associazione internazionale dei lavoratori, in cui si riunirono diversi nuclei di operai di tutto il mondo.
Marx ad una domanda su qual'è l'elemento vitale, risponde: la lotta!.

Marx è sempre un rivoluzionario. Anche quando scrive del suffragio universale.
Nell'appendice del libro "L'ultimo Marx", "per il pane e le rose", Musto riporta il “Programma elettorale dei lavoratori socialisti” scritto da Jules Guesde, Paul Lafargue, Karl Marx, in cui a premessa viene scritto:

“Considerando, che l'emancipazione della classe produttiva è quella di tutti gli esseri umani senza distinzione di sesso e di razza; che i produttori non potranno essere liberi finchè non saranno in possesso dei mezzi di produzione (terra, fabbriche, navi, banche, crediti, ecc.); che non vi sono che due forme sotto le quali i mezzi di produzione possano loro appartenere 1. la forma individuale che non è mai esistita allo stato dei fatti in modo generalizzato e che è diminuita sempre più a causa del progresso industriale; 2. La forma collettiva, i cui elementi materiali e intellettuali sono costituiti dallo sviluppo stesso della società capitalista.
Considerando, che questa appropriazione collettiva non può avvenire se non tramite l'azione rivoluzionaria della classe produttiva – o proletariato – organizzata in un proprio partito politico; che una simile organizzazione deve essere perseguita con tutti i mezzi di cui dispone il proletariato, compreso il suffragio universale, trasformato così da strumento di inganno, quale è stato fin qui, in strumento di emancipazione; i lavoratori socialisti francesi, assegnandosi come obiettivo dei loro sforzi l'espropriazione politica ed economica della classe capitalista e il ritorno alla collettività di tutti i mezzi di produzione, hanno deciso, come strumento di organizzazione e di lotta, di partecipare alle elezioni con le seguenti immediate rivendicazioni...”.
E' bene leggersi anche i punti del programma che bene esprimono la battaglia degli operai, niente affatto in contraddizione con la lotta rivoluzionaria.

pc 24 settembre - DONNE... "S/CATENATE" - PREPARIAMO LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE DEL 25 NOV. DELLE LAVORATRICI, PRECARIE, DISOCCUPATE, IMMIGRATE

Per richiedere l'opuscolo, scrivere a: mfpr.naz@gmail.com
Contro i freddi e crudi dati delle statistiche borghesi sul lavoro-non lavoro delle donne, sulla precarietà diventata regola, sulle discriminazioni di ogni genere

con questo opuscolo portiamo la nostra analisi delle condizioni in cui vive la maggioranza delle donne nel nostro paese... una denuncia viva, forte, generale che mostra sempre lo stretto intreccio tra condizione di classe e condizione di genere; 
un'analisi che deve essere arma di lotta dirompente su tutti i terreni, una lotta presa nelle mani direttamente dalle donne, che non possono delegarla ai sindacati, o al femminismo borghese. 

pc 24 settembre - LO SCONTRO DEI TRENI, CON 23 MORTI, ERA "ANNUNCIATO"




Gli sviluppi delle indagini stanno scoprendo retroscena inquietanti. Solo 'dopo' i morti si interviene... - (da Dante De Angelis)

Scontro fra treni, il rischio fu segnalato nel 2014 ma Regione e ministero non intervennero

Inchiesta sulla strage della Ferrotramviaria: sulla linea tra Bari e Barletta si era rischiata un'altra collisione e l'azienda licenziò un macchinista e segnalò il caso ma poco dopo la concessione fu rinnovata

A dicembre 2014 sulla linea della Ferrotramviaria tra Bari e Barletta si era rischiato un altro disastro ferroviario per "un errore umano". Due treni partirono incolonnati uno con l'altro e per un soffio si evitò la collisione. L'azienda aprì un'indagine che portò anche al licenziamento di un macchinista, inviando tutti gli atti all'Ustif, l'ufficio del ministero che deve sovrintendere alla sicurezza. E alla Regione, che è proprietaria dell'infrastruttura sui quali i treni viaggiano. Nessuno però mosse un dito. Al contrario, fu firmata una nuova concessione che ha permesso all'azienda di continuare a far viaggiare i treni sulla tratta tra Andria e Corato senza alcun sistema automatico di controllo.
La circostanza è stata acquisita agli atti dell'inchiesta sullo scontro fra treni del 12 luglio scorso in cui morirono 23 persone, coordinata dal procuratore di Trani, Francesco Giannella, e inevitabilmente

pc 24 settembre - solidali con Nicoletta Dosio


La mia casa non è una prigione, non sarò la carceriera di me stessa. di Nicoletta Dosio

14358805_1280384505329543_9104845773641348821_nSono arrivati, all’alba, con la notifica dei domiciliari.
Il latrare di Argo al cancello, la mia casa nel disordine del primo mattino, il tuffo al cuore inevitabile anche quando sei preparata e ti aspetti gli eventi, il senso della tua intimità violata.
Domiciliari che non rispetterò, come non ho rispettato l’obbligo di firma quotidiana e l’obbligo di dimora.
Il conflitto contro ‘ingiustizia è un diritto e un dovere.
La mia casa non è una prigione;non sarò la carceriera di me stessa.
Mi sento serena e sicura.
La loro legalità ha più che mai il volto della guerra e dell’oppressione.
La nostra lotta è un cuore pulsante e generoso, un pensiero lucido e saggio, bella e struggente come i cieli autunnali, dolce come le albe che rinascono, concreta e generosa come la terra.
Sento intorno a me il sostegno di compagne e compagni, la solidarietà concreta di una Valle che continua a resistere ed a costruire l’idea di un futuro più giusto e vivibile per tutti.
Ho ancora in me l’emozione e la ricchezza dei tanti incontri avuti durante le settimane del NOTAVTour”io sto con chi resiste”.

Liberi tutte e tutti!
Avanti NO TAV!

pc 24 settembre - Manifestazione a Roma da Bagnoli - 500 in piazza, con De Magistris, contro il governo - Ma l'opposizione proletaria e popolare è un'altra cosa!

CtC2rs8WYAAVRmI

“Vogliamo decidere noi per la nostra città e per i territori che viviamo tutti i giorniChiediamo che il progetto di bonifica dell’area Bagnoli-Coroglio parta al più presto e che ci siano una volta e per tutte spazi sociali, nuove economie di comunità, parchi urbani e spiagge pubbliche. Oggi a Roma grideremo sempre più forte il nostro no al commissariamento per difendere Bagnoli”«A Napoli decide il popolo e non il governo. Non siamo qui con il cappello in mano». Luigi De Magistris, è intervenuto in piazza Montecitorio, spiegando che «Qui ci siamo tutti, cittadini, cassintegrati, immigrati, forse tutto questo era impossibile qualche tempo fa, ma ora Napoli è unita. Il nostro obiettivo è liberare tutti i quartieri dalla camorra, dal malaffare e dagli abusi. È una mobilitazione popolare, pacifica, che terminerà appena termineranno gli abusi, è l’agorà dei cittadini, la voce di Napoli che parla. La democrazia non si commissaria».

«La manifestazione di oggi dimostra che la difesa della città è una iniziativa popolare, che si fermerà quando termineranno gli abusi su Napoli. Qui in piazza ci sono i movimenti e il sindaco, una cosa fino a poco tempo fa impensabile. Questo significa che Napoli è unita. Noi non siamo qui col cappello in mano a chiedere l’elemosina, ma a difendere e rivendicare i nostri diritti, perché a Napoli decidono il popolo e i napoletani».NON E' SUCCESSO NIENTE. PERO' LEGGETE QUI…
oggi c'è stata un'importante manifestazione a Roma contro il Governo, ma sui giornali e nei TG non ve n'è traccia.
500 napoletani che, in un giorno lavorativo e nonostante il terrorismo delle questure, si prendono la briga di arrivare fino a Montecitorio non esistono.
500 studenti, disoccupati, precari, mamme, che ci hanno rimesso soldi e tempo, non hanno diritto ad essere visti.
Il Sindaco della terza città d'Italia e i consiglieri comunali e i presidenti di municipalità non contano un cazzo, non c'è bisogno di parlarne.
Non sta succedendo niente, giusto? accade tutti i giorni che una città intera si sposti per andare a protestare sotto il Governo, no? La verità è che GLI FACCIAMO PAURA. e non dobbiamo esistere, per due ottimi motivi:
– perché siamo MERIDIONALI. e in questo paese i meridionali non hanno mai contato niente. rappresentati sempre come apatici, corrotti, conniventi con le mafie. per questo devono essere allo stesso tempo abbandonati e governati dall'alto: perché sono inferiori, non sono in grado di governarsi da sé.
Questa rappresentazione di comodo deve continuare. non si può scoprire che al Sud c'è chi si ribella. che al Sud ci sono alternative. perché se il Sud si muovesse il loro sistema crollerebbe.
– perché LOTTIAMO, perché siamo il modello di un paese differente. il Governo Renzi rimarrà saldo finché farà credere ai milioni di italiani arrabbiati e insoddisfatti che l'unica opposizione la fa Grillo o la fa Salvini. la fai sfogandoti sul web o la fai prendendotela con gli immigrati. guai a scoprire che c'è chi ha scoperto che il vero nemico sta in alto. guai a scoprire che si può scendere in piazza nonostante i divieti. guai a scoprire che ci può essere un'alternativa che parla di libertà, di giustizia sociale, di vera democrazia…

venerdì 23 settembre 2016

pc 23 settembre - Un libro sulla grande rivoluzione culturale proletaria - richiedi a pcro.red@gmail.com

pc 23 settembre - Sestri, a distanza di anni nessuna giustizia - Lo stato del capitale, i governi, le amministrazioni.. si autoassolvono sempre!


Sestri allagata nell’ottobre del 2010 dopo l’alluvione

Alluvione di Sestri: nessuno pagherà: «Evento eccezionale e imprevedibile»

Genova - La portata del torrente Chiaravagna raggiunse un livello «eccezionale», 288 metri cubi al secondo, che non si ripete nemmeno ogni duecento anni. E per questo, dice l’uomo incaricato di pronunciare la parola forse decisiva in uno dei processi più delicati in corso a Genova, il fiume di detriti che travolse e ferì un pezzo di città non era prevedibile. Succede quindi che le udienze sul disastro da cui fu colpita il 4 ottobre 2010 Sestri Ponente, devastata dall’alluvione che sulle alture uccise l’operaio di 44 anni Paolo Marchini, rischino concretamente di

pc 23 settembre - Nei paesi leghisti quando sono da sfruttare nelle campagne i migranti vanno bene...

Mango, 70 braccianti stipati in una cascina: “È caporalato”

Primo caso nella Granda. in provincia di Cuneo e Asti 
...blitz notturno in due cascinali tra Mango, Barbaresco e Neive, la scorsa settimana, con la scoperta di una novantina di braccianti agricoli ospitati in condizioni igienico-sanitarie molto precarie, le indagini condotte dai militari con la Procura di Asti hanno portato alla denuncia del caporalato di un uomo che faceva da intermediario per la manodopera straniera, occupandosi anche della sistemazione abitativa. Secondo quanto emerso dalle indagini, il macedone avrebbe trattenuto illecitamente ai lavoratori soldi sia per l’alloggio che per ogni ora di lavoro fatta conto terzi. ..

pc 23 settembre - Altro che questione di illegalità/legalità: è il movimento naturale del capitale!

Corruzione internazionale: indagati Paolo e Gianfelice Rocca 

da bgnews

Gianfelice e Paolo Rocca, proprietari di Tenaris Dalmine (e non solo) sarebbero indagati dalla procura di Milano per l’ipotesi di corruzione internazionale in Brasile. Il Corriere della Sera dà la notizia sottolineando che è emersa per via della proroga dei termini per le indagini chiesta dai pm Donata Costa, Fabio De Pasquale e Isidoro Palma, i quali a luglio hanno disposto la perquisizione della cassaforte lussemburghese San Faustin attraverso cui la famiglia Rocca controlla la multinazionale delle infrastrutture Techint, il gruppo leader nei tubi in acciaio Tenaris e l’ospedale Humanitas.
La vicenda riguarderebbe contratti che la Techint, del presidente di Assolombarda, ha ricevuto dal gruppo petrolifero brasiliano Petrobras.
Alla base dell’inchiesta due persone coinvolte nella inchiesta brasiliana “Mani pulite” sui presunte fondi neri versati da Petrobras a politici di governo e opposizione – tra cui l’ex presidente Lula Da Silva – e sulle presunte mazzette di imprese di ingegneria e costruzione alla stessa Petrobras per aggiudicarsi appalti. Sono João Antônio Bernardi Filho, ex rappresentante di Saipem in Brasile, e Jorge Luiz Zelada, ex capo area internazionale di Petrobras, i quali hanno parlato di tangenti per 9,5 milioni di dollari pagate al direttore area servizi di Petrobras Renato Duque (arrestato nel 2014) per “propiziare” l’aggiudicazione a Confab, società di Techint, di forniture di tubi per oleodotti. Il denaro, sempre stando a quanto raccontato dai due indagati sudamericani, è stato veicolato a Duque attraverso offshore alimentate da società della galassia Techint.
La San Faustin ha commentato attraverso il segretario argentino del board Fernando Mantilla sostenendo che “non è a conoscenza di alcun illecito nelle proprie operazioni” e “un audit interno non ha evidenziato alcuna irregolarità nell’operato”.
-----------------------------------------------
Altro articolo di un anno fa, dove si va più a fondo degli intrecci economici e politici

INDAGATA PER CORRUZIONE INTERNAZIONALE LA TECHINT DI GIANFELICE ROCCA IL PROSSIMO NUMERO UNO DI CONFINDUSTRIA 

9 settembre 2015 autore: Andrea Cinquegrani
Grattacapi per il prossimo presidente di Confindustria, Gianfelice Rocca, a capo dell’impero energetico Techint. La multinazionale italo-argentina, infatti, è indagata nell’inchiesta della procura di Milano sulla colossale corruzione internazionale che coinvolge la brasiliana Petrobras, big del petrolio verdeoro.

pc 23 settembre - SULL'ASSASSINIO DI ABD ELSALAM, LA SQUALLIDA OPERAZIONE DEL GIORNALISTA DEL CDS, DI VICO

Mentre familiari, compagni di lavoro, i migranti anche degli altri settori della logistica in lotta al nord piangevano e manifestavano forte la loro rabbia contro l'assassinio dell'operaio a Piacenza, Abd Elsalam Ahmed Eldan, travolto da un tir mentre lottava per i diritti insieme agli altri operai, il Corriere della sera di Venerdì 16 settembre, usciva con una "analisi" del giornalista Dario Di Vico, che già nel titolo - "Autisti e facchini: guerra tra ultimi tra i pacchi di Amazon e Ikea" - indicava chiaro il segno reazionario dell'articolo. 


Lo riprendiamo perchè esso esprime, non solo l'humus fortemente antioperaio del commento (certo niente affatto strano in un giornale padronale), ma anche l'humus presente ed espresso in altre realtà, compresi i sindacati confederali.

L'articolo comincia: "La filiera italiana della logistica, un settore decisivo per lo sviluppo delle economie moderne, opera in totale spregio alla qualità del lavoro...

La modernità e il suo contrario. L’e-commerce e il lavoro da schiavi. Le contraddizioni che attraversano i grandi poli logistici come Piacenza sono laceranti e purtroppo episodi luttuosi come quello di ieri si possono ripetere quasi quotidianamente. I committenti pur di risparmiare si servono di un sistema di appalti e subappalti con pochi controlli e nel quale si può infiltrare letteralmente di tutto, Padroncini senza scrupoli, false cooperative, caporalato etnico, criminalità organizzata e piccoli sindacati spregiudicati...". 

Già all'inizio, questo "giornalista-voce del padrone", pur descrivendo la realtà di "lavoro da schiavi", fa due operazioni: mette una copertura sui grandi committenti, le grandi catene commerciali - al massimo responsabili di non fare controlli su chi svolge il lavoro; ma soprattutto nel descrivere chi opera nel settore mette insieme padroncini senza scrupoli, false cooperative, caporalato etnico, criminalità organizzata piccoli sindacati spregiudicati.

(L'articolo continua) - "...È la realtà di una terza classe operaia, assai differente dalle tute bianche dell’industria 4.0 o anche dai tradizionali operai delle linee di montaggio, è un proletariato dei servizi composto al 90% da lavoratori extracomunitari.
Sono per lo più marocchini, tunisini e pachistani, reclutati anche tramite gli imam, che accettano di lavorare in dumping con paghe e orari assai distanti da quelli previsti dal contratto nazionale. Straordinari compresi si arriva ai mille euro. Mentre tra i metalmeccanici gli operai immigrati sono vicini alle organizzazioni confederali e li si può vedere facilmente nei cortei e nei volantinaggi, tra i 400 mila facchini che lavorano in Italia per Cgil-Cisl-Uil lo spazio è stretto e ad aver la meglio sono i vari Cobas. Nelle loro mani gli extracomunitari diventano delle «macchine per la lotta selvaggia», quasi mai gli scioperi vengono indetti regolarmente e invece la modalità prevalente di lotta è il blocco selvaggio". 

L'obiettivo da colpire dell'articolo sono i cobas. Continuando, infatti, con descrizioni e frasi chiaramente razziste, che intrecciano anche stupidità e faziosità, da giornalista da poltrona, che parla delle condizioni di lavoro degli operai immigrati della logistica usando luoghi comuni, per cui i lavoratori accetterebbero di "lavorare con paghe e orari assai distanti da quelli previsti dal contratto nazionale",  e non che vi sono costretti dalle cooperative, come dai tempi produttivi dei grandi committenti, Di Vico si scatena in una operazione squallida di divisione, contrapposizione dei lavoratori, tra i cattivi (gli operai della logistica) e i buoni (gli operai metalmeccanici); perchè lì vi sono i cobas (che fanno le lotte selvagge) e nelle fabbriche metalmeccaniche invece Cgil,cisl, uil (che tengono buoni i lavoratori). 
La conseguenza inevitabile, neanche tanto nascosta, di questa "spazzatura di analisi" è che la colpa dell'assassinio di Abd Elsalam non è dell'azienda, del padroncino del tir, ma è dei cobas che farebbero diventare gli "extracomunitari... macchine per la lotta selvaggia". 

(E continua) - "...E qui scatta la contrapposizione violenta con i camionisti, che spesso vengono dall’Est Europa, e sono anch’essi espressione di un altro dumping sociale. Per lavorare con un minimo margine di guadagno sovente saltano anche i riposi e se sono bloccati ore e ore ai cancelli delle fabbriche dalle lotte dei facchini finiscono per dare i numeri. La loro retribuzione a forfait diventa sempre più magra... Le imprese serie e i sindacati hanno denunciato già in passato questo clima da far west ma non è servito praticamente a niente. Le autorità seguono le vicende legate ai blocchi selvaggi e ai picchi di conflittualità con timore e spesso finiscono per spingere gli imprenditori a ricercare il compromesso a tutti i costi per chiudere le vertenze e quindi a venire a patti con i Cobas. Ma così non si risolve nulla, le agitazioni si ripetono regolarmente e si cerca sempre la contrapposizione più dura. Come si diceva una volta, si alza la posta. 
"... si tratta solo di ripristinare la legalità e corrette relazioni industriali. Non è impossibile".

Inevitabile, poi, lo stravolgimento di quanto è avvenuto e avviene durante i presidi, i blocchi degli operai della logistica. Non è la prima volta che i "poveri" camionisti, il più delle volte padroncini che passerebbero sopra il corpo della madre per fare i loro guadagni, insieme a dirigenti delle cooperative hanno tentato di forzare i blocchi di lotta, hanno caricato i picchetti di lotta, aggredendo i lavoratori con mazze, ecc. (tempo fa è successo nella provincia di Bergamo, con gravi feriti tra gli operai immigrati della logistica); questi "poveri camionisti" sono ben volentieri massa di manovra per spezzare i presidi. 
Ma la conclusione è sempre e comunque l'attacco ai cobas, e di fatto l'esortazione verso le "autorità", in nome del ripristino della "legalità", a interrompere ogni rapporto, ogni trattativa con i cobas (in realtà già rarissime)... a passare alla repressione aperta.
Una esortazione/denuncia, come scrive lo stesso giornalista, portata avanti da cgil, cisl, uil. 

Ma c'è da dire una cosa. Pur con una volontà apertamente reazionaria, Di Vico ha detto anche una verità: è vero che dove stanno cgil, cisl e uil non vi sono lotte vere, dure, quelle necessarie per difendere condizioni e diritti dei lavoratori; anzi, i sindacati confederali sono i primi "attivisti" nell'impedire, reprimere queste lotte e chi vuole organizzarle - anche nella fabbriche metalmeccaniche citate dal giornalista, in cui non è affatto vero che gli operai sia italiani che immigrati sono "buoni" e rispettosi delle loro "regole", e seguirebbero tranquillamente gli inutili cortei dei sindacati confederali. E' vero, invece, che dove i lavoratori si autorganizzano, dove nascono i cobas, si lotta realmente e, a volte, si strappano anche risultati.   

pc 23 settembre - Omegna sindaco di 'sinistra' ma sempre razzista - una corrispondenza

UN EPISODIO DI RAZZISMO CAMUFFATO?

Omegna è una città del Verbano Cusio Ossola, la provincia più settentrionale del Piemonte, che confina con la Confederazione Elvetica: nota ai più per essere stata sede di alcune delle più importanti fabbriche di caffettiere, è retta da un’amministrazione che fa capo al Partito (sedicente) Democratico.
Il primo cittadino è la ‘signora’ Maria Adelaide Mellano, un medico di cinquantacinque anni eletto primo cittadino – oltre che grazie ai sedicenti democratici – anche con il contributo di varie formzioni minori quali: Rifondazione Comunista-Comunisti Italiani, Italia dei Valori, e la lista civica Noi Ci Siamo.
Questa dottoressa è balzata agli onori della cronaca intorno alla metà di settembre quando ha respinto a gran voce un progetto presentato dal presidente dell’Università Islamica d’Italia – Giampiero Khaled Paladini – che concerneva l’avvio di corsi di laurea del suo magistero nella ex sede della Bialetti.
“Non ci sarà nessuna università islamica a Omegna”, ha tuonato la presidente della Giunta comunale – ripresa dall’edizione telematica verbanese della Stampa di domenica diciotto settembre, precisamente dalla penna di Vincenzo Amato – perché “l’edificio non ha la compatibilità urbanistica in quanto è destinato a ospitare attività produttive”.
La scusa ufficiale appare debole, basterebbe approvare una variante al Piano Regolatore Generale ed il gioco sarebbe fatto: così la Mellano tenta di giustificarsi affermando che al Comune “non è arrivato nessun progetto per trasformare l’edificio”, e comunque il signor Paladini “non ha nessun titolo per equiparare i suoi corsi a una università”.

Stefano Ghio - Proletari Comunisti Alessandria/Genova

pc 23 settembre - Nicoletta Dosio va liberata subito - Massima solidarietà

NOTIFICATI ARRESTI DOMICILIARI A NICOLETTA DOSIO

pc 23 settembre - Napoli studenti in piazza verso il corteo del 7 ottobre


pc 23 settembre - informazione e sostegno alla ribellione popolare in USA contro i serial killers della polizia imperialista USA

Charlotte, in Caroline du Nord, "Black lives matter"  "No justice, no peace'Affrontements à Charlotte


dal blog red block

Nuovo omicidio dei serial killers della polizia USA - nuova rivolta a Charlotte. C'è bisogno di un nuovo black panther party!


 

Dopo Terence Crutcher in Oklahoma lunedì scorso, l'assassinio di Keith Lamont Scott ieri è l'ennesimo di un afroamericano da parte della polizia. Freddato per l’intolleranza e il delirio razzista che è tratto unificante della sequela di uccisioni dei copsai danni di persone di colore negli stati federali dell’ America, questa volta l’omicidio è avvenuto a Charlotte, nella Carolina del Nord.
...secondo le testimonianze di coloro che stavano assistendo alla scena nei paraggi, solo per il poliziotto sarebbe stato armato,e stava leggendo alla fermata del bus mentre attendeva il figlio di ritorno da scuola). I principali media locali e internazionali filo-statunitensi hanno sentenziato che fosse armato, il che ha scatenato l’amaro sarcasmo di molte persone nei social che hanno detournato la fuorviante distorsione in “era armato.. di libro”.
La notte è diventata subito caldissima a Charlotte, con centinaia di afroamericani in rivolta che hanno bloccato le strade e sanzionato diverse pattuglie della polizia, la cui risposta ha portato a scontri, con lanci di lacrimogeni da parte delle guardie. Epicentro della rivolta le strade del quartiere della vittima. Le forze dell’ ordine ferite sarebbero una dozzina, mentre la principale autostrada della città è stata bloccata.




 


pc 23 settembre - Brasile: mobilitazione di massa e boicottaggio elettorale

Brasil - Fora Temer, fora toda politicalha imunda! Boicotar a farsa eleitoral! - A NOVA DEMOCRACIA

http://anovademocracia.com.br/173/cp1.jpg
Desde as jornadas de protesto de 2013/2014 a juventude combatente tem aumentado a campanha de boicote à farsa eleitoral.

pc 23 settembre - India - raduni di massa - azioni armate - dilaga la guerra popolare - nuova campagna internazionale decisa dal Comitato internazionale di sostegno - a giorni... piano per l'Italia

India - CPI(Maoist) celebrating ‘Foundation Week’ from September 21 to 27 in Jharkhand . actions in Chhattisgarh - support people's war! ICSPWI




ICSPWI - campaign

Release AJITH
Unconditional freedom for all political prisoners in India!

Stop Green Hunt, the war and attacks on the people!

Support the People’s war in India! 

ICSPWIndia info- New important decisions

the talk meeting 17 november in Italy – after report, debate with all comrades of various countries that have parteciped – has taken three decisions:
– immediate launch of a prolonged campaign for the liberation of Ajith, Kobad Gandhi, all senior comrades and all political prisoners in the indian jails – this campaign must be realised in  autonomous form by solidarity committes and individuals – this campaign  has made with the objectiv to obtain results.
– invitation in Europe for indian intellectuals, teachers. democratic personality for meetings and seminars about indian situation – economic, social, Green Hunt Operation, Adivasi’s persecutions etc.
– building together of an international initiative for 50° anniversary of ‘spring thunder’ – naxalite revolt in spring 2017
all info and report about these decisions, must be ask to ICSPWI – csgpindia@gmail.com
ICSPWI
september 2016

pc 23 settembre - Dal blog Tarantocontro: Basta morti sul lavoro! L'intervento di un operaio compagno di lavoro di Giacomo Campo

RIBELLIAMOCI! Dalle assemblee di TuttaLamiaCitta' parta un'assemblea permanente popolare per dire basta alle morti sul lavoro, per inquinamento!

Martedi alle 19 a Taranto si è tenuta un'assemblea-presidio cittadina di TuttalamiaCittà che si è svolta sotto la prefettura, in nome di Giacomo Campo l'ennesimo operaio ucciso per il profitto dei padroni. Una assemblea molto partecipata, con numerosi interventi tra cui la rappresentante dello Slai cobas sc.
Ha portato la sua intensa e forte testimonianza denuncia sull'accaduto: Vincenzo, collega di Giacomo.
A fine serata una delegazione è stata ricevuta dal viceprefetto dott.ssa Trematerra.
Inoltre è stata letta una lettera del comitato 5 Dicembre "Giustizia Salute Lavoro di Trieste", di solidarietà e di incitamento alla lotta dentro e fuori la fabbrica.

Lo Slai cobas ha ribadito la necessità di un'assemblea popolare ai cancelli dell' Ilva, che preveda anche l'ingresso in fabbrica, per unire popolazione e operai, per dire basta alle morti per lavoro, per inquinamento, basta ai padroni, ai governi, alle istituzioni, ai sindacati confederali assassini e complici di assassini.
Popolazione e operai uniti nella lotta contro lo sfruttamento, la schiavitù, la morte
in fabbrica, devono fare della fabbrica, delle piazze, del tribunale (al processo contro èadron Riva e tutti i complici istituzionali, politic - prossima udienza il 4 ottobre) il teatro di una ribellione contro il sistema capitalistico che ci vuole poveri, sfruttabili e che uccide impunemente per il loro sporco profitto.
Qui sotto il video sulla denuncia di Vincenzo
http://www.youtube.com/watch?v=RStKXdTRXqo&sns=em

giovedì 22 settembre 2016

pc 22 settembre - LA LORENZIN, COL "FERTILITYDAY", PERSEVERA NELLA CAMPAGNA ANTI DONNE E RAZZISTA - QUESTA CAMPAGNA VA BLOCCATA!

Ripubblichiamo un'articolo del Mfpr uscito tempo fa:



“L'utero è loro e lo gestiscon loro”.

E dopo? L'attacco al diritto d'aborto...

Una campagna fascista, la “Fertilityday” del Ministero della Sanità, che di fatto afferma che le donne devono fare figli a seconda delle esigenze di questo sistema.

Siamo anche oltre “le donne macchine riproduttive”, ora bisogna aggiungere: “macchine riproduttive a comando” per dare figli allo Stato!

Ora c'è una presa di distanza “trasversale”, da “sinistra”, centro e destra. Perfino Renzi dice: “io non le avevo viste quelle pubblicità...”. Ma tutti questi ipocriti stanno contestando al massimo il modo, ma non il merito.

Questa campagna in realtà esprime una posizione, una concezione, un humus comune ai rappresentanti di questo Governo e di questo Stato.
Essi da un lato negano, reprimono il diritto di decisione delle donne, negano la procreazione assistita, negano i figli alle coppie gay/lesbiche, perchè queste scelte hanno a che fare con

pc 22 settembre - Renzi e “Industria 4.0”: una “cabina di regia” per grandissimi regali ai padroni!

Sono giorni di svolta, questi, per il capitalismo italiano. Sono giorni in cui i padroni festeggiano e si apprestano a festeggiare ancora di più non appena le loro richieste saranno inserite definitivamente nella finanziaria che il loro servo Renzi si appresta a varare! È l’operazione “Industria 4.0” che aiuta a rendere ancora più chiaro il concetto di cosa intendiamo quando parliamo di “borghesia al servizio del capitale”.
La crisi profonda da sovrapproduzione porta i capitalisti a non investire più e a resistere alla concorrenza e a non rischiare i propri soldi. È qui che arriva ancora una volta in aiuto il governo, e infatti, ieri, all’incontro con i padroni industriali, Renzi non stava nella pelle mentre spiegava la possibilità di avvalersi del nuovo programma che dovrebbe portare a nuovi investimenti; in sostanza il governo mette sul piatto 13 miliardi che possono diventare di più perché possono attivare 10 miliardi di investimenti privati aggiuntivi che passerebbero da 80 a 90 miliardi, ma adesso i padroni “devono crederci” dice Renzi! Che significa che adesso non possono più accampare scuse per non fare investimenti!

Nemmeno i padroni stavano nella pelle, a dire il vero, perché si tratta di una vera e propria manna dal cielo, visto il livello della crisi, dei conti pubblici, delle difficoltà che Renzi dice di avere nel reperire soldi per qualsiasi cosa, dai contratti dei dipendenti pubblici, all’accoglienza degli immigrati solo per fare alcuni esempi!
Oggi sul Sole 24 Ore gli scribacchini si sperticano in lodi per il governo che questa volta ha indovinato che tipo di “politica industriale” mettere in campo!
Finalmente, dicono i padroni, una “politica dell’offerta” per una “svolta produttiva”. La “politica dell’offerta” viene contrapposta alla “politica della domanda”, detto in altre parole, il governo non deve dare soldi nelle mani di pensionati, lavoratori, disoccupati ecc. (cioè soldi che servono per acquistare beni, servizi, ecc., è questa la “domanda”) ma deve dare invece soldi direttamente alle aziende così che, comprando macchinari nuovi e tecnologicamente avanzati possono produrre di più e “offrire” al mercato merci a prezzi più concorrenziali, e tutto questo dovrebbe fare “ripartire l’economia”.


I nomi di questo nuovo fiume di soldi ai padroni sono: “superammortamento, iperammortamento,