sabato 25 ottobre 2014

pc 25 ottobre - Le donne sono oppresse nella società del capitale

Le donne sono oppresse nella società del capitale, ma della società del capitale le donne della borghesia fanno pienamente parte. Chi lo nega sono le donne della media e piccola borghesia. Per questo il femminismo proletario deve essere libero dai condizionamenti ed egemonia delle donne della media e piccola borghesia.

Pillole comuniste - 2 -

10.10.2013 

pc 25 ottobre - Pillole comuniste - 2 - del 27.9.2013

Nella lotta alla guerra imperialista bisogna sfruttare tutte le contraddizioni per ostacolarla, denunciare, mobilitare il popolo contro di essa.

Pillole comuniste - 2
27.9.2013

Non si può essere "teneri" verso il nemico - I suoi errori sono le nostre vittorie. Ogni suo passo indietro è una nostra conquista. La sua lotta interna per il potere è una strada spianata verso la rivoluzione e la sua repressione aumenta la ribellione delle masse.
E' come in una partita a scacchi . . . gli errori dell'avversario costruiscono la tua vittoria!

pc 25 ottobre - Giusto o Sbagliato?

Ironia della sorte, anche il suo nome gioca a suo sfavore, assessore Catania.

Che Rifondazione Comunista fosse una componente elitaria da buon salotto, 

nessuno lo metteva in dubbio . . . che camminasse lungo la via del revisionismo 

tracciata già dal vecchio PCI, ci può anche stare, d'altronde è quello che volevate 

“rifondare”. Che il troskismo fosse la vostra vera anima, risultava evidente sin 

dagli esordi; inaspettata è stata invece la gestione liberista di Fausto Bertinotti e 

la vostra partecipazione, prima al governo nazionale e poi nel tempo e sempre di 

più nei governi locali. Praticamente avete rinunciato già alla nascita, alla lotta 

di classe, dichiarando nei fatti che la conciliabilità tra borghesia e proletariato è 

il massimo a cui aspirate e che ritenete possibile.


Abbiamo pensato di stilare un piccolo suo ritratto perchè Lei almeno nel 

mondo palermitano è una delle figure che può essere considerata “massimo 

esponente” del suo partito e del suo partito incarna quanto abbiamo detto . . . 

Lei è assessore e stretto collaboratore di un ex democristiano che si chiama

Leoluca Orlando, sindaco a vita di Palermo.



Il suo sorriso la dice lunga . . . lei dallo scorso anno è anche preside di un istituto 

di Palermo – complimenti, non è da tutti a questa giovane età . . . certo, questo 

tipo di scuola dovrebbe contestarla da comunista ma . . . i comunisti esistevano 

tanto tempo fa . . . erano quelli che mangiavano i bambini!

Ci siamo anche permessi di copiare e incollare il suo curriculum perché anche 

chi non la conosce possa avere qualche informazione sul suo conto:


[Palermo, 1971 - Docente di Italiano e Storia negli istituti superiori. Laureato in Lettere, dottore di ricerca in pedagogia interculturale all'Università di Palermo, titolare di master di II livello in "Dirigente nelle istituzioni scolastiche".
E'stato segretario provinciale a Palermo (1996-2001 e 2007-2008), segretario regionale della Sicilia (2001-2005) e commissario della federazione di Napoli (2009) di Rifondazione Comunista; consigliere comunale dal 1997 al 2000, anno in cui è stato nominato assessore alla Cultura del Comune di Palermo.
Dal 2004 al 2009 è stato Deputato al Parlamento Europeo. Nella qualità di vice-presidente della Commissione Giustizia e Affari Interni dell'Europarlamento ha visitato numerosi centri di detenzione per migranti in Europa e in Nord Africa, denunciando le inumane e degradanti condizioni di trattenimento. Dal 2007 al 2009 è stato presidente della Delegazione del Parlamento europeo per i rapporti con il Cile e componente dell'Assemblea parlamentare Unione Europea-America Latina (EUROLAT). E' stato coordinatore del Gruppo della Sinistra Unitaria Europea - Sinistra Verde Nordica (GUE/NGL) nella commisione d'inchiesta sui voli e i rapimenti della CIA in Europa (extraordinary rendition in Europe).
Autore di numerose relazioni parlamentari tra le quali spicca quella sui "Diritti fondamentali dell'UE dal 2004-2008". Ha partecipato a diverse missioni internazionali nella qualità di osservatore elettorale ed è stato relatore in numerosi convegni su immigrazione e asilo, droga e narcotraffico, terrorismo e diritti umani.
E' autore di varie pubblicazioni, tra le quali il saggio "Mondo Bastardo. Globalizzati e meticci: quale futuro stiamo costruendo?" (2009 – due punti editore), vincitore della IV edizione del premio Francesco Alziator - Città di Cagliari per la sezione saggistica.
Dal Maggio 2012 è assessore alla Partecipazione, Comunicazione, Decentramento, Servizi Demografici e Migrazione del Comune di Palermo.]

Detto questo, vediamo qualche notizia riportata dai quotidiani che a Lei si sono interessati.

Il Comune predispone un registro per la trascrizione delle nozze gay contratte all'estero. L’assessore alla Partecipazione e ai servizi demografici del Comune, Giusto Catania, di intesa con il Sindaco e in coerenza con delibere formali di Giunta e Consiglio Comunale, ha inviato una nota al Capo area della Partecipazione e al Dirigente del servizio Stato Civile con la quale si dà indicazione di "predisporre tutte le procedure al fine di garantire la trascrizione dei matrimoni contratti all'estero tra persone dello stesso sesso".
La rivoluzione . . . sembra che Lei abbia fatto la rivoluzione!
Matrimoni civili all'aria aperta, in estate torna villa Trabia
Lo ha deliberato ieri la Giunta comunale stabilendo che gli spazi esterni potranno essere utilizzati per le celebrazioni tra il 21 giugno ed il 20 settembre. Ma l'assessore Catania rassicura: "Non sarà comunque possibile accedere con le auto"
Si, Lei è un rivoluzionario!
Al di la del suo nome, sul quale ironicamente ci siamo permessi di scherzare, Lei si è mai chiesto se quello che fa è giusto o sbagliato, perché noi siamo costretti a dirle che è tremendamente sbagliato, confessarsi comunista e agire come il peggiore dei democristiani, viventi e no.
Cosa possiamo consigliarle?
Una buona rilettura dei classici di Marx e Lenin certamente le farebbe un gran bene (non osiamo nominare Mao) . . .eviti di dedicarsi alla scrittura perché spassionatamente crediamo che non sia il suo forte . . . almeno per quanto riguarda i contenuti – la forma è perfetta.
Osiamo infierire ancora una volta, assicurandole che Lei è un ottimo compagno “ a tavola”ma in politica si cerchi un altro aggettivo.

Pc 25 ottobre - sulla teoria - pillole comuniste

Siamo in una fase della guerra di classe dove il fronte principale è la teoria e l'ideologia, la pratica deve essere sintonizzata su questo.

da Pillole comuniste 2 -  5.9.2013


L'importanza dello studio non è mai relativa quando questo non è fine a se stesso ma fatto e cercato per rinforzare l'ideologia di classe tramite gli scritti dei compagni che ne fecero una scienza. Non c'è pratica senza questi presupposti che possa portare alla formazione del  Partito Comunista di tipo nuovo e alla Dittatura del Proletariato!

venerdì 24 ottobre 2014

pc 25 ottobre - Unica soluzione RIVOLUZIONE !


pc 24 ottobre - Un ponte verso le donne che combattono in India. Intervento del MFPR al Meeting Internazionale per il decimo anniversario de PC India (maoista)



Il movimento femminista proletario rivoluzionario, organismo generato del PCm Italia, saluta oggi, in questo meeting internazionale, con profonda gioia rivoluzionaria il 10° anniversario della fondazione del Partito Comunista dell'India (maoista), partito dirigente e guida della grande guerra popolare in India contro il sempre  più reazionario Stato indiano e l'imperialismo; saluta tutti i compagni del Partito e le masse popolari indiane in lotta e  in particolare le tante compagne, donne che nel cammino verso la conquista di un nuovo potere, il potere del popolo, ne costituiscono una ampia parte integrante e determinante; e rende oggi anche grande onore  a tutti i martiri e le martiri caduti combattendo, alzando ancora più in alto le bandiere rosse della rivoluzione.  

Già alla Conferenza internazionale di Amburgo del novembre 2012, che cadde in concomitanza del 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne, lanciammo durante l'intervento la proposta di costruire un ponte/collegamento di solidarietà/sostegno con le compagne, donne indiane "…sia per fare conoscere alle masse proletarie e popolari femminili la guerra di popolo indiano e il protagonismo diretto in essa delle tante compagne e migliaia di donne, sia per trovare forza e esempio per fare avanzare anche nel nostro paese il processo rivoluzionario che veda protagoniste le donne, in particolare le proletarie…", l'India è  oggi infatti uno dei luoghi più avanzati in tutto il mondo della lotta rivoluzionaria delle donne per l' emancipazione e liberazione dalle doppie, triple catene di oppressione, infatti "... la grande lotta delle compagne e donne indiane questo dice con forza: non solo una lotta "per sé" ma  una lotta complessiva  che chiama a fare i conti con il  tipo di società che si vuole costruire…" (dall'intervento di Amburgo)
E quel ponte lo abbiamo iniziato a costruire concretamente a partire da quel 25 novembre, in cui sul piano internazionale si dedicò  la giornata in particolare alle donne indiane maoiste;  e avanzando poi nel nostro paese verso nuove e importanti tappe di lotta sul piano delle donne, soprattutto con l'evento storico del primo Sciopero delle donne il 25 novembre 2013 e l'8 marzo di quest'anno, ogni volta, proiettando lo sguardo internazionalista verso tutte le donne, operaie, lavoratrici, proletarie che lottano nel mondo, verso tutte le compagne rivoluzionarie che sono in prima linea nelle guerre popolari, in particolare "…abbiamo voluto alzare sempre più in alto e stringere insieme le mani con le nostre sorelle indiane…", perché l'India sta sempre più diventando il simbolo della violenza del sistema imperialista e capitalista e in particolare contro le donne in tutti i suoi aspetti, e oggi  con l'avvento del nuovo governo fascista e filo imperialista di Modi, questo processo avanza rapidamente. In India alle vecchie tradizioni feudali, al tribalismo familiare, l'integralismo religioso nelle vastissime zone dell'India fuori dalle mega città si uniscono la ferocia di branco, il nuovo bullismo delle grandi città dove l'imperialismo aggiunge alle vecchie le nuove aberrazioni.  

Anuradha Gandhy, compagna Janaki, dirigente del Partito Comunista dell'India (Maoista), oggi non più in vita, che ha teorizzato sul movimento delle donne rivoluzionarie in India organizzandolo praticamente in alcune regioni, nel marzo 2001  in un'intervista di Poru Mahila,  l'organo della Krantikari Adivasi Mahila Sanghatan, in Dandakaranya, diceva in particolare sulle condizione delle donne delle città urbane : "… tutte le donne in India subiscono l'oppressione feudale, capitalista, imperialista e patriarcale, ciò avviene in varie forme in diverse aree, urbane e rurali. Le donne della classe operaia e le donne della classe media nelle aree urbane hanno alcuni problemi specifici. In primo luogo, se guardiamo ai problemi all'interno della famiglia, anche nelle aree urbane le donne sono oppresse dalla cultura feudaleLe ragazze non sposate sono sotto pressione per sposare un uomo della stessa casta e religione…  Anche se una donna vuole lavorare fuori casa dovrà ottenere il permesso di suo padre, fratello o marito. Così diventa inevitabile per le donne combattere anche per l'indipendenza economica. Specialmente negli ultimi 25-30 anni l'India può essere divenuta l'unico paese al mondo in cui il nuovo crimine dell’uccisione delle spose bruciandole per la dote è diventato di moda… Le donne nelle aree urbane…ottengono posti di lavoro in fabbriche, uffici, scuole, ospedali e negozi. Ma in molti posti di lavoro non sono pagate allo stesso modo degli uomini … e in cima a tutto questo esse devono fronteggiare le vessazioni da parte degli appaltatori e degli uomini per i quali lavorano. Ciò avviene in molte forme. Non solo le donne della classe operaia, ma anche le donne istruite della classe media si trovano ad affrontare tali intimidazioni… un altro punto è che l'influenza della cultura imperialista è molto grande sulle donne urbane. Non solo sono influenzate dal consumismo, ma ne sono anche vittime. Questo aumenta di giorno in giorno. Invece dei valori umani si dà più importanza alla bellezza e ai prodotti di bellezza. La conseguenza è che vi è un ambiente di insicurezza a causa di atrocità e molestie nelle aree urbane…"

Ma soprattutto in India le violenze, uccisioni delle donne, che in questi ultimi periodi in alcuni Stati hanno fatto esplodere grandissime manifestazioni di massa, in cui la partecipazione  delle donne, delle giovani, è stata enorme, vengono perpetrati direttamente da parte dello Stato indiano come arma di repressione soprattutto nelle zone rurali dove è in corso la guerra popolare, gli stupri atroci di contadine, delle donne dei villaggi, delle donne dalit,  da parte della polizia e delle forze militari e paramilitari, vedi l'operazione Green Hunt, sono una normalità; e gli stupri odiosamente accompagnano sempre le torture contro le compagne maoiste arrestate.
 Moltissime donne, compagne hanno però trasformato questa violenza subita, le condizioni brutali di vita, la repressione dell'esercito di Stato in impetuoso fattore di ribellione e  aderendo alla guerra popolare oggi costituiscono più del 50% dei combattenti costituendo una parte fondamentale della guerra rivoluzionaria del popolo guidata dal Partito Comunista maoista.
 "La guerra popolare ha mandato in frantumi le esitazioni delle donne del Dandakaranya" ha affermato la compagna Anuradha Gandhy riferendosi alla massiccia adesione delle donne adivasi alla guerra popolare in quella regione, ma ciò ha riguardato tutte le zone coinvolte dalla guerra popolare a tal punto che il governo, lo Stato teme la numerosa presenza delle donne nella guerra popolare e cerca di contrastarne con ogni mezzo violento l'adesione e partecipazione.

La questione delle donne è quindi uno degli elementi fondamentali trattati dal Partito Comunista indiano maoista, lo sviluppo e il rafforzamento della militanza rivoluzionaria delle donne, tante sono quadri nell'esercito e all'interno del partito, anche se passi in avanti si devono ancora fare per affermare pienamente il ruolo dirigente delle compagne – scrive Anuradha Gandhy: "…Ovunque il partito lavora in modo sistematico, possiamo vedere che la partecipazione delle donne è maggiore in tutte le attività e movimenti politici… ma vi è anche la necessità di dare speciale formazione sociale e politica alle donne…Anche se si stanno contrapponendo a tali grandi nemici e forze, la timidezza e il senso di subordinazione, i cui i resti sono ancora presenti, sono anch'essi i loro grandi nemici che ostacolano il loro sviluppo... Devono combattere contro i nemici che si trovano innanzitutto dentro di sé… Per affrontare tutte queste sfide le nostre compagne dovrebbero raggiungere la maturità politica e ideologica e avere fiducia in se stesse… per portare avanti anche la comprensione per quanto riguarda la vera liberazione della donna intervenendo anche nel movimento delle donne che sta andando avanti nella forma di varie correnti nel paese…".
La lotta contro l'oppressione feudale/patriarcale/maschilista nelle zone del nuovo potere è una lotta concreta, quotidiana, che seppur complessa è avanzata sia praticamente che ideologicamente anche attraverso le organizzazioni di massa specifiche per le donne dirette dal partito, ma questa lotta avviene anche  all'interno del partito, nelle file rivoluzionarie contro la permanenza o il riprodursi di manifestazioni patriarcali, anche attraverso specifiche campagne di rettifica.
Il protagonismo delle donne nella guerra popolare in India mostra che mentre si porta avanti  la lotta di classe rivoluzionaria  nel contempo si mette in moto la lotta per una trasformazione delle idee, della cultura, della famiglia, delle tradizioni religiose…

La guerra popolare in India rappresenta pertanto un esempio internazionale della lotta di liberazione delle donne e del mettere in atto la rivoluzione nella rivoluzione, un esempio verso cui come compagne del Movimento femminista proletario rivoluzionario, abbiamo sempre guardato nel cammino non facile ma entusiasmante, in un paese imperialista come l'Italia, volto alla conquista  alla lotta rivoluzionaria della maggioranza delle donne.  

Il collegamento/sostegno con la lotta rivoluzionaria delle compagne indiane è e deve essere uno stimolo, ispirazione e incoraggiamento reciproco: in particolare oggi nel nostro paese il  nostro terreno di lotta principale sul piano delle donne è la condizione di vita e di lavoro, la doppia oppressione delle donne proletarie, operaie, precarie, disoccupate, immigrate… un terreno in cui le compagne del Mfpr, dirigono e guidano diverse lotte che per esempio l'anno scorso a novembre, come abbiamo accennato all'inizio, sono confluite in un eccezionale e partecipato nuovo evento "lo sciopero delle donne', che ha visto l'adesione e partecipazione di migliaia di donne tra  operaie di fabbrica, lavoratrici scuola, precarie di vari settori, disoccupate, studentesse; uno sciopero in cui la lotta contro l'emergenza sistemica dei femminicidi e violenza sessuale contro le donne nel nostro paese, cosiddetto "civile", si è intrecciata a tutta la condizione di doppia oppressione e sfruttamento che come maggioranza di donne subiamo a causa delle politiche governative sempre più reazionarie e da moderno medioevo al servizio del capitale; uno sciopero avvertito come "un pericolo" dai padroni, governo, Stato, partiti parlamentari, sindacati confederali, realtà femministe borghesi e piccolo-borghesi ma anche sottovalutato o ignorato da organizzazioni economiciste di ispirazione comunista, perché, ha posto al centro la questione della doppia lotta rivoluzionaria delle donne come determinante  per rovesciare da cima a fondo questo sistema sociale, secondo la concezione della rivoluzione nella rivoluzione per costruire una nuova società in cui tutta la vita deve cambiare,  ha rappresentato una concreta scintilla luminosa che accendendo tanti fuochi di lotta delle donne dal Nord al Sud del paese può nel tempo "incendiare la prateria"; durante lo sciopero delle donne abbiamo collegato la nostra lotta a quella delle compagne, donne indiane e di tutte le donne nel mondo contro il sistema capitalista e imperialista come forza poderosa per la rivoluzione.  

Attraverso le esperienze di lotta come l'importante Sciopero delle donne  le compagne del Movimento femminista proletario rivoluzionario, organismo ispirato e guidato dalle idee del marxismo-leninismo-maoismo, che sono in prima fila nell'organizzazione e guida delle donne proletarie in particolare,  avanzano nell'assumere un ruolo di direzione in tutti i campi, nel movimento sindacale, nel movimento delle donne e soprattutto nella lotta per la trasformazione rivoluzionaria del nostro paese a partire dalla costruzione del partito della rivoluzione.  Un partito comunista di tipo nuovo, che pone la questione delle donne come strategica, come netta discriminante, un partito  in cui le compagne costituiscono oggettivamente l'avanguardia più radicale, la forza trainante all'interno ideologica e politica contro patriarcalismo, concezioni e influenze borghesi/maschiliste, contro la mera accettazione "di principio" della questione delle donne che non si trasforma in forza materiale,  impugnando la  concezione della rivoluzione nella rivoluzione già all'interno del partito, come ricchezza generale in esso e per esso. Tra avanzate e arretramenti,  le compagne così contribuiscono al processo rivoluzionario in questo paese.

In questa ottica essere saldamente legate con le donne maoiste delle guerre popolari nel mondo, e oggi in particolare con le compagne, donne protagoniste della guerra popolare più avanzata e incisiva a livello internazionale è  un punto fondamentale.

Alla luce di tutto questo, nel chiudere questo saluto,  come compagne del Mfpr riteniamo necessario assumere l'impegno per un'iniziativa specifica rivolta alle donne indiane, cuore determinante della guerra popolare contro la ferocia dello Stato indiano, genocida del suo stesso popolo,  iniziativa che proponiamo al Comitato di sostegno che ha organizzato questo meeting e al movimento delle donne a livello internazionale, affinchè il ponte che abbiamo costruito si rafforzi e si estenda.

pc 24 ottobre - CHE SUCCEDE NELLA SCUOLA CON LA LEGGE DI STABILITA'?

(Da Il Manifesto) - "Il governo festeg­gia il ritorno dei finan­zia­menti dopo anni di tagli..., prima tran­che per sta­bi­liz­zare i 148 mila docenti pre­cari delle gra­dua­to­rie di esau­ri­mento.
Ma nella bozza della legge di sta­bi­lità... ci sono tut­ta­via tagli alle sup­plenze e all’organico del per­so­nale Ata; al per­so­nale coman­dato e, soprat­tutto, il rin­novo del blocco del con­tratto al 2015. Il con­tri­buto offerto all’altare della spen­ding review da Viale Tra­ste­vere dovrebbe valere un sesto dei tagli com­ples­sivi chie­sti da Renzi e da Padoan a tutti i mini­steri (148 milioni di euro su 1 miliardo e 17 milioni nel 2015).
L’università taglierà gli acqui­sti per 34 milioni nel 2015 e 32 nel bien­nio suc­ces­sivo. Gli ate­nei «vir­tuosi» si divi­de­ranno 150 milioni di euro aggiun­tivi per la quota «pre­miale» riser­vata a chi dimo­stra di essere «per­for­ma­tivo» secondo le regole del sistema di valu­ta­zione.
Nella scuola è pre­vi­sta la ridu­zione del per­so­nale sco­la­stico pari a 2.020 per­sone, pari a una ridu­zione di spesa da 50,7 milioni di euro a par­tire dal pros­simo anno sco­la­stico. Una stretta che con­ti­nua da anni: a que­sto set­tore del per­so­nale sono stati tagliati 47 mila posti.
Con­fer­mato il blocco dei con­tratti e quello degli scatti di anzia­nità. Ciò pre­para la loro eli­mi­na­zione quando sarà appro­vata la riforma Renzi-Giannini che intro­durrà gli «scatti di com­pe­tenza» riser­vati solo al 66% dei docenti «meri­te­voli»...
Sono state eli­mi­nate le sup­plenze brevi di un giorno per i docenti e fino a sette per il per­so­nale Ata.
La mag­gio­ranza dei 148 mila neo-assunti con­fluirà nell’organico fun­zio­nale, rispon­derà ai presidi-manager e verrà spe­dito a coprire le sup­plenze sul ter­ri­to­rio pro­vin­ciale di riferimento.
Senz’altro più cospi­cui i risparmi che il governo otterrà con­fer­mando il blocco del con­tratto e degli auto­ma­ti­smi sti­pen­diali al 2015. Que­sta misura vale per tutto il pub­blico impiego. Sta qui il teso­retto che finan­zierà la prima tran­che dell’assunzione di massa nella scuola. Per il per­so­nale sco­la­stico il con­tratto è bloc­cato dal 2009. Un record.

Nella legge di sta­bi­lità sono stati stan­ziati inol­tre 200 milioni di euro per le scuole pari­ta­rie, a saldo del con­tri­buto da 472 milioni di euro pre­vi­sto per il 2014. È sal­tata la norma che impo­neva i com­mis­sari interni all’esame di matu­rità per un rispar­mio da 147 milioni di euro...
Non ci sono inter­venti per il diritto allo stu­dio, come richie­sto dai 100 mila stu­denti che hanno mani­fe­stato in 90 città il 10 otto­bre scorso..."


OGNI COMMENTO E' SUPERFLUO....

pc 24 novembre - LEGGE DI STABILITA': TAGLI SUL SOCIALE PER DARE AI PADRONI

Per capire subito il segno della Legge di stabilità, riprendiamo un primo commento di Squinzi: "Plaudono gli industriali a cui lo Sblocca Italia piace: "Si tratta di un primo passo per affrontare la fase recessiva in corso".


Legge Stabilità, ecco i punti chiave 
Dal bonus bebè al rincaro dell'Iva
I punti principali della Legge di stabilità li dettagliamo sotto.  
Ma sottolineiamo subito alcune questioni: 

Come già a suo tempo ampiamente denunciato, le 80 euro riconfermate - ma sempre ad una platea ristretta - verranno riprese dal governo con gli aumenti dell'Iva e benzina che saranno scaricati sui prezzi dei beni di consumo.
Viene liquidato il Tfr in busta paga. Questo apparente aumento salariale viene fatto utilizzando gli stessi soldi dei lavoratori e tornerà allo Stato con l'aumento dei prezzi, bollette, tasse per le masse popolari - tra l'altro, a differenza di come avevano annunciato all'inizio, il Tfr sarà sottoposto a tassazione ordinaria, quindi c'è una perdita.
Niente soldi per la stabilizzazione dei forestali.

Per i padroni, invece, azzeramento dei contributi per tre anni per i nuovi assunti (insieme alla libertà di licenziamento) e riduzioni di tasse

I tagli alle Regioni, non verranno certo fatti sulle spese della "casta", ma verranno scaricati sui servizi essenziali, a partire dalla sanità, e quindi sulle masse popolari. 
Vale lo stesso la questione dei tagli ai ministri che verranno pagati prima di tutto dai lavoratori - questo si unisce al blocco dei contratti fino a dicembre 2015. Ma c'è da dire che al Ministero della Difesa viene data solo una sforbiciata...

Anche cose che vengono presentate come positive - vedi il bonus bebè - viene esteso anche ai redditi medio-alti (togliendo quindi più soldi ai redditi bassi).

Ma la cosa più scandalosa è che mentre vengono dimezzati i fondi per le calamità naturali (vedi Genova...) questo decreto nello stesso tempo con­fer­ma ric­che dota­zioni per opere di devastazione territoriale e fatte contro le popolazioni, come il Mose e la Tav. 
Si liberalizzano le trivellazioni, si conferma la libera circolazione dei rifiuti e un uso intensivo degli inceneritori, «Più ince­ne­ri­tori, rifiuti che viag­giano per l’Italia per ali­men­tare impianti ormai obso­leti, segre­tezza dei dati, espro­pri coatti e con l’uso dell’esercito se qual­cuno osa opporsi all’incenerimento»,
Inol­tre, resta in piedi la pos­si­bi­lità per il governo di auto­riz­zare opere rite­nute stra­te­gi­che anche con­tro il parere delle Regioni.

I PUNTI PRINCIPALI

Due miliardi per ammortizzatori e cig in deroga - Stanziati 2 miliardi per l'anno 2015 per finanziare gli ammortizzatori sociali "inclusi gli ammortizzatori sociali in deroga, i servizi per il lavoro e le politiche attive, quelli in materia di riordino dei rapporti di lavoro".

No taglio sconti, ma rincaro Iva e della benzina - Dal 2016 un aumento di due punti dell'Iva, per le aliquote ora al 10 e al 22%. Un ulteriore punto scatterebbe nel 2017. Previsto come garanzia anche il rincaro dell'accisa sulla benzina al 2018.

Confermati 80 euro - Il bonus Irpef diventano strutturali ma si trasforma in detrazione (nel bilancio dello Stato passano da maggiore spesa a minore entrata). La platea resta immutata, 10 milioni di italiani tra gli 8mila e i 26mila euro di reddito.

Tfr in busta paga, tasse ordinarie - Il Tfr potrà essere liquidato mensilmente in busta paga tra il marzo 205 e il giugno 2018 su richiesta del lavoratore. Ma non ci sarà riduzione fiscale ma gli importi saranno sottoposti a tassazione ordinaria. La richiesta sarà irrevocabile fino al 2018.

Tasse su rendite fondi pensioni - Con uno stretto legame all'operazione Tfr, la tassazione sui rendimenti dei fondi pensione "dal periodo d'imposta 2015" passa dall'11 al 20%. Sui redditi da rivalutazioni dei fondi per il Tfr la tassazione passa invece dall'11 al 17%.

Sconto neo-assunti sale a 8.060 euro - Sale la soglia per l'azzeramento triennale dei contributi sui neo-assunti: si passa dai 6.200 euro della bozza agli 8.060 ora previsti, è quanto prevede la bozza finale che stanzia 1 miliardo l'anno tra 2015 e 2017 e 500 milioni per il 2018.
Dovrebbero essere circa 790mila i contratti per cui i datori potranno usufruire della decontribuzione piena, mentre per altri 210mila si potrà beneficiare dello sgravio sino al tetto degli 8060 euro.

Salta intervento forestali - Saltano i 140 milioni, previsti nelle prime bozze, per i forestali calabresi. Restano invece 100 mln per Lsu di Palermo e Napoli.

Via costo lavoro dall'Irap, assorbe sconto 10% - Il costo del lavoro sarà dedotto del tutto dall'imponibile dell'Irap a partire dal 2015. La legge di Stabilità che cancella lo sconto del 10% previsto per il 2014 per la stessa imposta. La modifica, comunque, non cancella la riduzione sugli acconti di fine anno delle imprese, che troveranno poi incremento nel saldo del 2015.

Salta riforma maturità - Risorse per la stabilizzazione dei precari (1 miliardo il prossimo anno, 3 a dal 2016). Salta invece la riforma delle commissioni per gli esami di maturità, che arriverà con un provvedimento successivo.

Regioni, tagli per 4 miliardi - Le Regioni contribuiranno con 4 miliardi. Si tratta ancora sulla composizione dei tagli. Oltre 6 miliardi di tagli dai ministeri.

Tagli semi-linear - Per i ministeri arrivano anche tagli lineari, con una riduzione delle proprie dotazioni di circa 1 miliardo nel 2015. La Difesa taglia 500 milioni.

Contratti statali, ancora uno stop - Contratto del pubblico impiego congelato fino a dicembre 2015. Magistrati, avvocati, procuratori dello Stato, personale militare e delle Forze di polizia, diplomatici sono esclusi dal blocco degli scatti.

Individuate 4 priorità per opere ferroviarie - Nuove risorse arrivano per finanziare alcune opere ferroviarie. Ne vengono individuate quattro con priorità: l'Alta velocità Brescia-Verona (1,5 mld); l'Alta velocità Verona-Padova (1,5 mld), il terzo valico Milano-Genova (400 milioni) e il tunnel del Brennero (570 mln).

Mentre vengono dimezzati i fondi per Genova e L'Aquila. La Com­mis­sione Bilan­cio ha dimez­zato i fondi stan­ziati per le cala­mità natu­rali e in dota­zione alla Pro­te­zione civile: sono pas­sati da 100 milioni (somma frutto di un emen­da­mento di Sel) a 50. Dimez­zate, quindi, anche le risorse desti­nate agli allu­vio­nati di Genova e agli abi­tanti dell’Aquila.
Invece stanziati 500 milioni sia per la Tav che per il Mose.

Libe­ra­liz­za­zioni rispetto alle tri­velle; con­fer­mato l'OK anche per la libera cir­co­la­zione dei rifiuti, che dovranno andare a forag­giare ince­ne­ri­tori

Bonus mamme su richiesta - Per tutti i nati (o adottati) dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre 2017 arriva un bonus da 960 euro l'anno, 80 euro al mese, fino al terzo anno (di età o di adozione) con limite a 90mila euro di reddito familiare (che non vale dal quinto figlio in su). Intervento che per le fasce medio basse (fino a 26mila euro) si somma al bonus Irpef, visto che il bonus è esentasse. Va richiesto all'Inps. Per il 2015 anche fondo da 298 milioni per altri interventi a favore della famiglia.

Ecobonus - Prorogato per il 2015 lo sconto al 65% per gli interventi di efficienza energetica, valido anche per i condomini, così come quello per le ristrutturazioni che si ferma però al 50%. Ok anche al bonus mobili-elettrodomestici

Fisco, novità per i minimi - Addio a forfettini e forfettoni. Per artigiani e micro-imprese arriva il forfait unico al 15% per sostenere 900mila partite Iva. Non ha più il limiti di tempo e di età, ed è esteso a ricavi fino a 40mila euro (secondo i settori). Fondi per la giustizia - Arriva un fondo ad hoc. Le risorse raddoppiano l'anno successivo per poi arrivare a quota 120 milioni nel 2017. Le spese per i tribunali non saranno più a carico dei Comuni ma dello Stato (stanziati 250 milioni).

Agenzia Entrate aiuta auto-correzioni - I controlli fiscali avranno l'obiettivo di aiutare il contribuente all'auto-correzione e concentrare il contrasto su frodi e contribuenti meno collaborativi. Arriva il "ravvedimento lunghissimo" e semplificazioni per adempimenti Iva.

Rai vende immobili - La Rai "può cedere sul mercato attività immobiliari e quote di società". Fs investirà risorse da cessioni sulla rete ferroviaria.

pc 24 ottobre - Precari coop sociali Palermo: le piccole battaglie vinte incoraggiano nella lotta ma non bastano

Ai primi di ottobre, in quasi un mese intero di lotta, i precari delle Coop Sociali, organizzati nello Slai Cobas per il s.c., sono stati nei fatti un'avanguardia e un punto concreto di riferimento nella lotta dei precari, lotta in cui si è vinta un'altra piccola battaglia, grazie alla quale hanno ricominciato a lavorare, contrastando e fermando temporaneamente il grave ritardo causato dalle istituzioni contro il diritto allo studio degli studenti disabili e al lavoro dei precari; una piccola battaglia, non la guerra! contestando in questo senso apertamente le autoproclamazioni ipocrite e opportuniste dei sindacati confederali o di sindacati come la Cisal con i loro tentativi di approfittare della lotta attiva e costante dei precari Slai.

Ai vari rappresentanti dei palazzi del potere è stato detto chiaramente che non ci si poteva assolutamente fidare delle promesse e parole, da Crocetta alla Dott.ssa Lo Bello alla Dott.ssa Bullara ecc. ecc. “stanzieremo le risorse mese per mese...”, ma che si sarebbe vigilato attivamente circa la continuazione del servizio di assistenza, è solo infatti grazie alla pressione e alle azioni di lotta dei precari, che hanno “racimolato” le risorse ma solo per il mese di ottobre 2014!

E in questo periodo, meno di un mese di lavoro, i precari sono stati in contatto costante con il Commissario Tucci della ex Provincia che proprio ieri ha confermato quanto previsto dallo Slai: il serissimo rischio di interruzione dei servizi a partire dal 1° novembre o in alternativa una pesante riduzione delle ore; una “previsione” non dettata da pessimismo, ma dal fatto che con la lotta si prende coscienza via via di essere inseriti in un contesto sociale in cui ogni giorno avanza l'attacco di governi, padroni contro i diritti basilari per la vita della maggioranza di operai, lavoratori, precari, giovani, donne… attacchi che sono a vantaggio e servono a salvaguardare gli interessi della borghesia al potere!

Il Commissario Tucci nel documento inviato alla Regione Siciliana, che ha consegnato allo Slai per conoscenza, scrive “... i pesanti e insostenibili tagli ai trasferimenti statali e regionali non permettono di assicurare i servizi con gli standard fino ad ora garantiti dalla scrivente Amministrazione...” e quando dice standard significa non quelli per garantire pienamente il servizio da 30 e più ore settimanali ma quelli a 27 ore settimanali alle quali si era arrivati con una riduzione “volontaria” dei precari due anni fa, per salvare di fatto il posto di lavoro a tutti i precari di queste coop sociali contrastando i tagli che la Provincia voleva imporre “per risparmiare” come comandava la spending review governativa di allora.

Oggi è il governo Renzi, in continuità/salto di qualità con i precedenti, che avanza nell'attacco ai diritti dei lavoratori, delle masse popolari. Il Presidente del Consiglio che saltella di trasmissione televisiva in trasmissione televisiva a propagandare il suo “buon” e “rapido” governo elargendo promesse di soldi a tutti e in stile fascista (vedi la new entry del bonus bebè alle donne invitate a fare figli per la patria!), nella legge di stabilità invece tra tutti i tagli previsti taglia anche il fondo nazionale per i non autosufficienti di ben 100 milioni di euro; e degna sua compagna è la ministra Giannini, quella della “buona” e “nuova” scuola. Si, certo! quella per cui gli studenti sono solo da reprimere e manganellare davanti le scuole che frequentano, come successo a Palermo sabato scorso, solo perchè vorrebbero esprimere direttamente il loro legittimo dissenso ad una ministra che non sa fare altro che scappare vigliaccamente dalle uscite secondarie dei palazzi, quella per cui il diritto allo studio per gli sudenti è solo sulla carta, vedi la questione dei disabili, sulla quale ha evitato acuratamente di rispondere quando un genitore al Liceo Regina Margherita le ha posto una domanda specifica.

Ma il “vizio di famiglia” di evitare risposte vere mentre si fanno belli, da beceri populisti, con chiacchiere di vario tipo, ce l'ha anche il Presidente della Regione Crocetta che su Rai Due ha detto “la regione siciliana ha fatto la migliore performance di tutte le regioni italiane...”.
La migliore perfomance? Quella della disoccupazione in Sicilia alle stelle, soprattutto per i giovani e le donne, quella delle fabbriche che chiudono, di migliaia di licenziamenti, delle tasse locali aumentate (vedi per esempio l'addizionale regionale che di fatto per migliaia di lavoratori si mangia buona parte degli 80 euro di Renzi), dei continui tagli ai servizi sanitari e sociali per coprire il loro “buco del bilancio”...? Quella delle poltrone del potere, dei privilegi da casta che per la borghesia devono essere intoccabili e si devono salvaguardare ad ogni costo, vedi gli sporchi giochi politici di questi giorni di Crocetta e compagnia per salvare il governo regionale, e tutto questo solo e unicamente sulla pelle nostra, sulla pelle delle masse popolari?

Tocca ora riprendere la lotta, anche se in forme diverse i precari delle Coop Slai cobas non si sono mai fermati, perché le battaglie di una guerra sono tante, infatti di guerra si tratta, la guerra di classe!

E tocca scontrarsi di nuovo con la politica borghese, quella dello smantellamento e distruzione sociale sempre più arrogante, ma per i lavoratori, i precari è tempo di comprendere ancora di più che questi governi non lasciano altra scelta che quella di organizzarsi sempre meglio nella lotta, partendo sì dalla situazione specifica di lotta ma per allargarla via via a tutto campo contro il sistema sociale borghese che produce tutti gli attacchi scagliati contro le masse, contribuendo alla costruzione degli strumenti necessari per farla questa lotta: il sindacato di classe e il partito per la rivoluzione per il rovesciamento di questo sistema marcio.

pc 24 Ottobre - Tunisi: manifestazione per la liberazione Di Georges Abdallah dopo 30 anni di prigionia



Il Comitato di Solidarietà per la liberazione di George Ibrahim Abdallah in Tunisia organizza un sit-in il 24 Ottobre 2014 alle 11 di mattina in Avenue Habib Bourguiba per far conoscere alla gente circa la sua vicenda e in seguito andare all’ambasciata francese. Il comitato chiede anche a tutta la gente libera di Tunisia e ai militanti di unirsi alla manifestazione e sostenere il più vecchio prigioniero politico “sequestrato” nel mondo.

Libertà per George Ibrahin Abdallah senza restrizioni e condizioni

The commitee of solidarity for free G A in Tunisia organize a stand (demonstration) the 24 of October 2014 at 11 am in Avenue Habib Bourguiba to make people know about his issue and then to go the french embassy. The commitee also asks all free people of Tunisia and militants to join the demonstration and to support  the oldest politician "kidnaped" in the word.
Freedom to George Ibrahim Abdallah  without restriction and conditions

تنظم لجنة التضامن من اجل اطلاق سراج جورج ابراهيم عبد الله بتونس وقفة مساندة للرفيق جورج عبد الله يوم 24 اكتوبر 2014 بداية من الساعة 11:00 صباحا بوسط شارع الحبيب بورقيبة للتعريف بقضيته ثم التوجه الى سفارة فرنسا كما تدعو اللجنة كل احرار تونس ومناضليها للالتحاق بالوقفة ومساندة أقدم اسير سياسي في العالم . الحرية لجورج عبد الله دون قيد وشرط

pc 24 ottobre - UN VOLANTINO ALL'ILVA DEI LIBERI E PENSANTI, IN PARTE CONDIVISIBILE IN PARTE PROPRIO NO

Pubblichiamo, di seguito, gran parte del volantino distribuito all'Ilva dal Comitato lavoratori cittadini liberi e pensanti. Siamo d'accordo nella denuncia di ciò che avviene in fabbrica e sulla critica alla linea passiva e di fatto complice dei sindacati confederali - a parte qualche dichiarazioni demagogica della Fiom; così come sulla critica alla "nazionalizzazione", da noi da molto tempo espressa. 
Mentre qualcosa c'è da dire sulle "soluzioni" indicate dai Liberi e pensanti.
Primo. parlano di "decreto salva operai", dicendo che nessuna confederazione sindacale o partito politico ha avuto la premura di formularne una bozza. Non dicono invece che da mesi lo Slai cobas per il sindacato di classe all'Ilva ha lanciato, unica organizzazione, questa proposta e ha eccome formulato una piattaforma di un "decreto operaio". Allora e fino ad ora nessuno, neanche i Liberi e pensanti, ha raccolto e si è unito a questa proposta. Ora i LP ne parlano come se fosse una loro "idea"; essi, anche nel volantino, sottolineano le divisioni tra i sindacati, ma nello stesso tempo anch'essi non praticano l'unità.
Nello stesso tempo, quando noi parliamo di "decreto operaio" non diciamo affatto che devono essere i sindacati confederali (che sono all'Ilva e a livello nazionale, il problema che hanno gli operai non certo la "soluzione"), nè tantomeno i partiti politici a "formulare la bozza", MA CHE DEVONO ESSERE GLI OPERAI ORGANIZZATI NEI COBAS ALL'ILVA A GESTIRE, DECIDERE,  E PORTARE AVANTI IN TUTTI I SENSI QUESTA BATTAGLIA! 
Il "decreto operaio" può essere solo frutto di una lotta vera, di scioperi e blocchi veri, di costrizione con la forza verso un governo che tra un pò farà solo e soltanto l'ennesimo decreto salva-Ilva e padroni.
Ma è proprio di questa lotta, dell'organizzazione in fabbrica degli operai, che i Liberi e Pensanti non parlano e anch'essi non fanno nulla in fabbrica, scambiando la critica ai sindacati confederali e a chi ora li scimmiotta con la stupida e deleteria idea che gli operai non avrebbero bisogno, in alternativa, di nessuna autorganizzazione sindacale di classe; così ciò che resta è la "delega" e il brutto clima preoccupato ma passivo che si respira tra gli operai. E gli operai dei Liberi e pensanti, sono anch'essi parte del "problema" all'Ilva. 
Secondo. E' sbagliatissimo chiedere che, come a Cornigliano, gli operai anche a Taranto vengano impiegati in lavori socialmente utili. Noi abbiamo nettamente attaccato questo accordo di Genova, che di fatto, per qualche soldo in più, consegna gli operai alla strada dei futuri licenziamenti. 
Gli operai all'Ilva non sono e non devono essere esuberi. Nei reparti in cui dovrebbero avvenire i lavori di risanamento, bonifiche, gli operai possono essere impiegati in questi lavori. 
A Taranto, noi abbiamo lottato anni fa per trasformare gli LSU in operai stabili; ora dovremmo fare il contrario?! E poi, se ora sono gli operai ad essere trasformati in Lsu, i disoccupati neanche di questo sbocco momentaneo di reddito/lavoro potranno più usufruire...
Non diciamo sciocchezze!


Slai cobas per il sindacato di classe - Ilva

Dal volantino dei Liberi e Pensanti:
"Con la nuova riforma del lavoro si respira nuovamente aria di sciopero in Ilva. Uno sciopero di facciata (quello della Fiom) che si contrappone al solito imbarazzante silenzio di Fim e Uilm.
Il “nuovo che avanza” ne approfitta per inserire nella piattaforma di sciopero l'irrealizzabile nazionalizzazione.
Divisione netta insomma nel momento in cui uno dei diritti fondamentali dei lavoratori, l'art.18, viene definitivamente cancellato (già ampiamente modificato dalle riforme Biagi e Fornero).
Da non dimenticare il "demansionamento" dei lavoratori previsto con la nuova riforma, giá applicato con i contratti di solidarietá (vedere punti 9-10 dell'accordo) e sottoscritto in forma unitaria dalla triade...
Nessuna assemblea con i lavoratori per decidere il da farsi, solo una serie infinita di dichiarazioni in TV e sui giornali su paventate "occupazioni"di fabbrica a tutela del posto di lavoro e del salario... sempre più compromesso per il futuro.
Si continua con l'omettere il diritto fondamentale di ogni lavoratore e di ogni cittadino, ovvero quello di lavorare in una fabbrica sana.
Al contrario, siamo consapevoli che in Ilva tanti lavoratori si stanno ammalando ed è inquietante e vergognoso sapere, senza agire, che a Taranto I BAMBINI MUOIONO PREMATURAMENTE IL 21% IN PIU’ RISPETTO ALLA MEDIA. (FONTE ISTITUTO SUPERIORE DELLA SANITA’).
Non è cambiato niente dal periodo dei sequestri ad oggi, solo parole e tanta incertezza per il prossimo futuro!
La speranza di chi dovrebbe tutelare i lavoratori si chiama oggi "Arcelor Mittal", come se la vendita al gruppo franco-indiano sia la soluzione a tutti i nostri problemi. A nostro parere, invece, la nuova cordata tenderà ad eliminare proprio le quote acciaio di Ilva, senza preoccuparsi minimamente né di  ambientalizzazione (improponibile per l'oneroso investimento) né di occupazione. Vorremmo sbagliarci ma la "carneficina" è più vicina di quanto sembri.
Centinaia di lavoratori sono stabilmente a casa da mesi (laminatoio a freddo e tubifici), in attesa di fantomatici "revamping" che mai verranno attuati.
Il 75%delle prescrizioni AIA sono state effettuate, ha dichiarato il commisario GNUDI qualche giorno fa, tra l'indifferenza generale della triade ma anche di chi ancora parla di "nazionalizzazione", come se lo Stato (che ricordiamo già gestisce l'Ilva), possa garantire un futuro diverso.
Intanto il tempo passa e noi lavoratori siamo ancora in condizioni di lavoro precarie dal punto di vista della sicurezza.
Qualche mese fa, in occasione della presentazione del "piano industriale", l'ex commissario Bondi dichiarò che in fabbrica (a Taranto, proprio da noi) sono presenti 1300 siti di amianto da bonificare per legge. Oggi non ne parla più nessuno!
A tal proposito il Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti ha depositato un esposto in Procura (l'ennesimo).
Nessuna confederazione sindacale o partito politico ha avuto la premura di formulare una bozza di "decreto salva operai", che preveda la chiusura dello stabilimento ed il reintegro dei lavoratori nelle  BONIFICHE!
Perché non prevedere per Taranto, ad esempio, la stessa formula adottata a Cornigliano dove (grazie ad uno accordo tra Stato, Regione, Comune, sindacati, e azienda), i lavoratori vengono impegnati in lavori socialmente utili?
Siamo stati importanti per 60 anni per il PIL nazionale ed ora vogliono fare di noi ciò che vogliono.
Credere ad un futuro in fabbrica senza ESUBERI E DEMANSIONAMENTI é da folli!
Con la nuova riforma tutto questo sará piú SEMPLICE...
NON VOGLIAMO VEDER PERDERE NESSUN POSTO DI LAVORO.
VOGLIAMO TUTELARE LA NOSTRA SALUTE.
PRETENDIAMO CHIAREZZA E RISPETTO SENZA NESSUN COMPROMESSO.

pc 24 Ottobre - TUNISIA: REPRESSIONE CONTRO I COMPAGNI CHE ORGANIZZANO IL BOICOTTAGGIO ELETTORALE!



Nelle ultime settimane alcune forze rivoluzionarie molte delle quali di orientamento maoista hanno creato un comitato per il boicottaggio elettorale delle prossime elezioni parlamentari e presidenziali tunisine che si terranno rispettivamente il 26 Ottobre e il 24 Novembre. In una di queste iniziative 3 compagni sono stati arrestati. Questa è l'ennesima prova di come sotto i nomi di "democrazia" e transizione democratica" il regime tunisino rimanga uno stato di polizia in cui non è concessa la libertà di parola e di espressione per chi propone un'alternativa rivoluzionaria.


Solidarietà ai compagni tunisini!
Abbasso lo stato di polizia!
Boicottare le elezioni farsa in Tunisia!

Riportiamo il comunicato dei compagni:

Oggi, le cose sono molto più chiare circa queste elezioni democratiche, l’assedio del regime dall’assedio mediatico a quello che ordina al suo Sistema di sicurezza di arrestare 3 compagni appartenenti al Comitato per il boicottaggio delle elezioni (Nadhem Arbi della Lega della lotta dei Giovani, Bechir Hamdi and Med Khalil Khemiri) a causa della loro partecipazione all’iniziativa di boicottaggio nella capitale i compagni saranno in tribunale domani mattina alle 8 (oggi n.d.r.) a Bab Bnèt (vicino la Kasbah). Chiediamo a tutti i compagni, amici e giornalisti di essere di fronte al tribunale alle 8 per esprimere il loro disappunto a questa politica di oppressione.
Libertà per la gente libera
Abbasso lo stato di polizia

Today, things are more clear about these democratic elections, the siege of the regime from the mediatic siege to ordering his security system to arrest 3 comrades from the meeting of boycotting the elections (Nadhem Arbi from the Ligue Lutte Jeunes, Bechir Hamdi and Med Khalil Khemiri) because of their participation in the event of the boycott in the capital the comrades will be in the court tomorrow at 8 am in Bab Bnèt (near Kasbah) we ask all the comrades, friends and journalists to be in front the court at 8 to express their disagreement of this oppression policy
Freedom to free people
Down with the police state

انكشف اليوم و بكل وضوح مدى ديمقراطية هذه الانتخابات، حين امتد حصار النظام من الحصار الاعلامي الى تحريك جهازه الامني لايقاف 3 رفاق من ملتقى مقاطعة الانتخابات ( ناظم العربي عن رابطة النضال الشبابي و الرفيقين بشير الحامدي و محمد خليل الخميري ) على خلفية مشاركتهم في حملة مقاطعة بالعاصمة.
سيمثل الرفاق غدا على الساعة الثامنة امام النيابة العمومية بالمحكمة الابتدائية بباب بنات و ندعو كل الرفاق و الاصدقاء و الاعلاميين النزهاء لحضور الوقفة الاحتجاجية غدا صباحا امام المحكمة الابتدائية بباب بنات على الساعة الثامنة للتعبير عن رفض هذه السياسات القمعية.

#الحرية_للاحرار!

#تسقط_دولة_البوليس!

pc 24 ottobre - Da pillole comuniste 1 - sul movimento delle donne

Il movimento delle donne è quello decisivo per la rivoluzione in ogni paese, ma è anche indispensabile per costruire il partito comunista di tipo nuovo e il sindacato di classe.

Da pillole comuniste 1
06/07/2013

Chi non riconosce il movimento delle donne, non può essere considerato un comunista rivoluzionario. Le donne hanno un ruolo fondamentale nella lotta di classe, perché doppiamente sfruttate e doppiamente oppresse sia a lavoro che nelle proprie case, a causa di un sistema maschilista che indottrina gli uomini e anche le donne, nell'inferiorità della donna. Le donne infatti si trovano in prima linea in tutti i paesi a lottare contro tutte le realtà reazionarie del mondo (vedi donne kurde in lotta contro l'isis o le donne nella guerra popolare in India, contro il governo reazionario indiano).
Senza il movimento delle donne non può neanche crearsi il partito comunista di tipo nuovo e non ci può essere rivoluzione, si creerebbe un  partito riformista o ancora peggio reazionario, poiché maschilista.

pc 24 ottobre - Soccorso rosso proletario per la manifestazione di Milano per la liberazione di George I.Abdallah