sabato 10 dicembre 2011

pc 10 dicembre - Cile - la lotta continua - dal periodico cileno El pueblo



in spagnolo facilmente comprensibile
sábado 10 de diciembre de 2011Chile: Editorial del Periodico El Pueblo.
Las masas resisten con lucha la aplicación de los planes imperialistas.
Periódico El Pueblo. Editorial.

La crisis imperialista como telón de fondo, demuestra cada vez más lo inevitable de la revolución. El imperialismo para intentar hacer frente a sus constantes y profundas crisis, tiene que extraer más plusvalía de su pueblo, pero principalmente de sus semicolonias como Chile. En nuestro país se traduce en impulsar el capitalismo burocrático y evolucionar la semifeudalidad en el campo. Como contraparte, las masas resisten con luchas cada vez más combativas la aplicación de los planes imperialistas y más sectores de masas van comprendiendo el papel de la violencia revolucionaria.


Por otra parte, las amenazas de recalentamiento producto del disparo de la demanda agregada en los países de América Latina, complica más el panorama de crisis del capitalismo burocrático. La crisis internacional ha concentrado capitales extranjeros especulativos que vienen produciendo un crecimiento distorsionado que pronto desembocará en un mayor hundimiento del capitalismo burocrático. Las protestas se multiplican y las guerras populares, impulsadas por comunistas de Perú, India, Turquía y Filipinas, se han convertido en un dolor de cabeza para el sistema imperialista.


En Perú, la prensa pretendió ofrecer unas elecciones modelo. Ollanta morigeró su discurso y ya se arrodilló ante los amos de la bolsa. Mientras tanto se prepara un nuevo cerco de aniquilamiento contra la guerra popular con “ayuda” extranjera (asesores yanquis y helicópteros rusos). En medio de la farsa electoral las acciones guerrilleras continuaron desenvolviéndose golpeando al putrefacto viejo Estado peruano. En Argentina, el FMI ha exigido un conjunto de medidas para poder calificarla favorablemente. El gerenciamiento de Kirchner ha fingido un poco de pataleo pero viene aplicando los planes imperialistas en contra de su pueblo.


En nuestro país, se evidencia la incapacidad del viejo Estado para solucionar los problemas fundamentales de las masas. Agachado frente al FMI, el gerenciamiento vende patria de Piñera impulsa el plan imperialista de desempleo y empleo precario que condenan a las masas al hambre y en la medida que el movimiento de masas lo permita, arrebata conquistas democráticas como los montos de las indemnización por años de servicios. El alza de los alimentos, producto de los capitales extranjeros especulativos, precariza aún más las condiciones de vida del pueblo.


Por su parte, el alza en el movimiento de masas demuestra la crisis general de la vieja sociedad y no de un gobierno reaccionario cualquiera. Las multitudinarias luchas del movimiento estudiantil que reunieron a cientos de miles de jóvenes, las luchas contra los monopolios energéticos, contra monopolios pesqueros en San Antonio y Coronel, evidencia que la tendencia es la lucha y el desborde de la estrecha legalidad burguesa y los dirigentes oportunistas dentro del movimiento de masas.


La situación política nacional viene incubando un agudizamiento de la crisis. Ni las maquilladas encuestas han podido esconder la pérdida de apoyo político del gerenciamiento Piñera-FMI y frente a ello se han comenzado a realizar una serie de ajustes dentro de los partidos de gobierno. En el caso de la UDI su directiva integró a Kast como representante de la oposición interna, intentando forzar a la administración de Piñera a acatar las orientaciones políticas. Con todo esto la UDI pretende un gobierno más demagógico y así evitar que se traspase a su bancada el creciente descontento del pueblo. El gerenciamiento de Piñera vacila, no es capaz de tomar una posición decidida a favor de HidroAysén. La UDI alegando tácitamente ser la mejor carta de la burguesía compradora se da cuenta que ante estas vacilaciones puede desligitimarse frente a la gran burguesía. Las elecciones municipales del 2012 son el director de orquesta, pues está también en juego la construcción de la carretera eléctrica que atraviesa cientos de comunas. Con el reajuste de la UDI se prepara un nuevo impulso al capitalismo burocrático. La lucha de clases nacional en el presente auge de la lucha de masas, ha llevado a crecientes vacilaciones en el gobierno y en los propios partidos que debieran darle sostén.


La camarilla Tellier-Carmona viene mostrando su verdadero carácter oportunista. Por una parte ha desarrollado negociaciones con el PDC para un pacto electoral en las municipales 2012 y por otra, el supuesto impulso al movimiento estudiantil que vienen dando sus juventudes oportunistas no dejan de ser un eructo demagógico. Se aprovechan del movimiento estudiantil para utilizarlo como moneda de cambio de esponjosos sillones en el Viejo Estado.


En el movimiento estudiantil se vienen desarrollando dos caminos: la línea burguesa y la línea proletaria. La línea proletaria ha sido encarnada por los estudiantes revolucionarios y populares que están tomando conciencia de la necesidad de construir un movimiento estudiantil que sirva a la lucha del pueblo, barra con las ilusiones electorales e impulse la revolución democrático nacional en el país.


Los estudiantes han respondido violentamente contra la política educacional reaccionaria del gerenciamiento Piñera-FMI. La violencia revolucionaria es la única que puede transformar la sociedad chilena y eso comienza a ser comprendido por los sectores más avanzados del movimiento estudiantil.

pc 10 dicembre - tagli necessari -- un commento da Genova

TAGLI NECESSARI ALLA POLITICA NAZIONALE

Mentre il Governo impone sacrifici continui e sempre più pesanti ai proletari, assistiamo alla contemporanea salvaguardia di tutti i privilegi di cui godono i politicanti nazionali.
Questi sono ben 952: 630 deputati e 315 senatori nominati, più sette senatori a vita; il loro appannaggio consta di svariate voci che, sommate tutte insieme, arrivano alla bella cifra di circa quarantamial Euro mensili.
Infatti, se il loro stipendio base netto è di 'soli' 11.704 Euro, ad esso vanno aggiunte tutta una serie di altre voci esentasse: gettoni di presenza nelle commissioni ed in aula; rimborsi spese di viaggio (0,80 Euro al chilometro) per raggiungere Roma dalla località di residenza; tremila Euro di contributo spese per l'affitto di un locale di rappresentanza nella capitale; telefono cellulare, di ultima generazione, in regalo dallo Stato e relativa gestione a carico della collettività; oltre ai privilegi di tutti i generi per quel che concerne trasporti ed altre attività per loro totalmente gratuite.
Notizia di venerdì nove dicembre - la apprendo da Repubblica, pagina 11, articolo a firma Roberto Petrini - è che "da gennaio (sarà) tagliato lo stipendio ai parlamentari" per adeguarsi alla media dei loro colleghi dell'Unione Europea, che ammonta ad Euro 5.339: in altre parole, la loro paga base sarà decurtata del cinquantaquattro per cento; c'è da scommettere che, per non perdere nulla dei loro odiosi privilegi, si aumenteranno i rimborsi.
Oltre a tutta questa montagna di soldi, tra i costi della politica nazionale occorre aggiungere i finanziamenti ai partiti, che annualmente si spartiscono - in base alla percentuale ottenuta alle ultime elezioni politiche - cinque Euro per ogni iscritto alle liste elettorali della Camera dei Deputati, che sono circa quarantasette milioni (un totale di circa duecentotrentacinque milioni).
Prima di qualsiasi altra misura che colpisca gli italiani, un Governo serio dovrebbe andare a colpire questi redditi: eliminazione di tutte le forme di finanziamento ai partiti; eliminazione di tutti i privilegi dei politicanti; eliminazione retroattiva di tutti i vitalizi dei parlamentari pensionati - dopo due anni sei mesi ed un giorno di stanza nelle aule parlamentari - degli ultimi quarant'anni.

Genova, 09 dicembre 2011
Stefano Ghio - Proletari Comunisti Genova

pc 10 dicembre - da Ravenna Contro la stangata del governo Monti scioperare ma con un'altra linea

Contro la stangata del governo Monti

scioperare ma con un'altra linea

Per la rivolta operaia contro il sistema dei padroni e dei banchieri, il loro governo e i loro sindacati di regime.

Per il sindacato di classe nelle mani dei lavoratori





Gli operai della Marcegaglia di Ravenna fin dalla nascita di questo governo si sono schierati contro, raccogliendo firme su una mozione presentata dallo Slai cobas per il sindacato di classe. Non abbiamo aspettato i contenuti di una manovra economica "lacrime e sangue" o delle decisioni dei confederali per capire la natura antioperaia e antipopolare di questo governo "tecnico" e abbiamo detto che è necessario uno sciopero ma costruito dal basso.

La stangata di natale di Monti colpisce le pensioni presenti e future e supera la soglia dei 40 anni contributivi (i lavoratori andranno in pensione più tardi -per le donne s’innalza all'improvviso un “muro” di due anni- e con meno soldi), mentre rincara la benzina sono in arrivo aumenti dei prezzi con l'aumento dell'Iva, così come ritorna la tassa sulla casa, tagli ulteriori ai comuni che vedranno il peggioramento dei servizi e delle tariffe per i lavoratori e le loro famiglie, mentre ai padroni e a chi si è arricchito in questi anni non viene chiesto niente! La crisi viene ancora una volta scaricata sui lavoratori. C'è chi parla di una perdita di 1700 euro a famiglia e si arriva addirittura a 208 miliardi complessivi, nel periodo 2011-2014, con le precedenti manovre del governo Berlusconi mentre a padroni, banchieri, Chiesa, non viene chiesto nessun sacrificio, così come nessun taglio per le spese per la guerra (131 cacciabombardieri F35 al costo di 15 miliardi e un centinaio di caccia Eurofighter Typhoon per altri 10 miliardi).

E questo è solo l'inizio per una nuova controriforma dei rapporti di lavoro nel segno del fascismo padronale della Fiat di Marchionne.

Ma lo sciopero deve avere un'altra linea, alternativa ai confederali, altrimenti è un' ennesimo sciopericchio inutile. I confederali lo hanno proclamato per ritornare a rappresentarsi come sindacati di regime che ratificano le decisioni governative, nessuno ne chiede il ritiro. La piattaforma dei confederali provinciali per lo sciopero del 12 dicembre si rivolge al parlamento per "introdurre correttivi nel segno dell'equità": e chi dovrebbe rappresentare gli interessi operai in parlamento, il Pd o l'IDV oppure la Lega? Ma per favore!

Sulle pensioni chiedono, non che non devono essere toccate, ma che "sia più graduale l’innalzamento dell’età pensionabile per le lavoratrici". E poi che "si attui la riforma degli ammortizzatori sociali e un patto sociale per la crescita che ridia slancio all’economia e favorisca la ripresa dell’occupazione attraverso la concertazione con le parti sociali", cioè attuare l'accordo del 28 giugno e l'art. 8 della precedente manovra berlusconiana, cioè deroghe ai contratti nazionali, fine della rappresentanza conflittuale in fabbrica e licenziamenti di massa, quindi i confederali ci dicono di scioperare a sostegno del fascismo aziendale di Marchionne e del loro ruolo di sindacati di regime.

E' evidente che lo sciopero deve essere su una piattaforma di classe. E si deve fare sentire proprio in questa fabbrica della presidente di Confindustria, principale sostenitrice di questo governo, con blocchi della produzione e mettendo in campo l'esercizio della forza degli operai.

Non sosteniamo gli aggiustamenti alla manovra, questa stangata dev'essere ritirata solo con la lotta che esca dalla consueta ritualità!

Adesso più che mai abbiamo bisogno di un sindacato di classe nelle mani dei lavoratori!



Slai cobas per il sindacato di classe-Ravenna

tel. 339/8911853 e mail: cobasravenna@libero.it





--------------------------------------------------------------------------------

pc 10 dicembre - Adelchi Lecce - barricate per il lavoro


Vertenza Adelchi: il 14 dicembre
riunione con il governo a Roma
LECCE - Il 14 dicembre prossimo si terrà a Roma, nella sede del ministero per lo Sviluppo economico e in collaborazione con il ministero del Welfare, una riunione interministeriale per trovare una soluzione alla vertenza del calzaturificio Adelchi di Tricase, dove sono a rischio 720 posti di lavoro.
Lo rende noto la Regione Puglia al termine di un incontro tenutosi oggi in Prefettura a Lecce, su convocazione del Prefetto, Giuliana Perrotta, al quale hanno partecipato il vice presidente e assessore regionale allo Sviluppo economico, Loredana Capone, l'assessore regionale al Welfare, Elena Gentile, e i parlamentari salentini, nonchè i rappresentanti della Task force regionale per l'occupazione. Nell'incontro fissato a Roma, fa sapere la Regione Puglia, sarà esaminata la possibilità di estendere l'accordo di programma per il Tac (Tessile abbigliamento calzaturiero) anche all'Adelchi, nonchè il percorso da avviare per garantire ai lavoratori il prosieguo degli ammortizzatori sociali, in scadenza il prossimo 31 dicembre.


Venerdì 09 Dicembre 2011 - 23:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA

pc 10 dicembre - Palermo .. chiediamo lavoro ci danno polizia


Martedì 6 dicembre le precarie e i precari Coop Sociali, assistenti ai disabili nelle scuole, hanno presidiato il palazzo della provincia di via Roma dove, dopo il pomeriggio di fuoco del 24 novembre con occupazione di Palazzo Comitini e blocco di Via Maqueda, era stato programmato l'incontro con la nostra O.S. e il Presidente della Provincia in merito agli sviluppi della vertenza: rinnovo del contratto da gennaio o nuovi tagli e riduzioni?

Al loro arrivo i precari hanno trovato il palazzo "ben difeso" da agenti della polizia in antisommossa e da un blindato "per questioni di ordine pubblico" come ha tenuto a precisare il dirigente della Digos, sono scattate subito le proteste delle precarie e precari " questo è uno Stato di polizia", "per un semplice incontro sembra di essere in guerra", "chiediamo lavoro, ci danno polizia è questa la loro democrazia!", " difendono i palazzi del loro potere, difendono il governo della "nuova" manovra lacrime e sangue, prima o poi governo Monti con noi farai i conti!".
E' seguita quindi tra gli animi alquanto agitati una rapida assemblea che è partita dalla manifestazione fatta contro il governo Monti il 2 dicembre affermando l'urgente necessità di lottare a tutto campo e di portare anche nelle lotte specifiche forti contenuti e pratiche contro l'azione scellerata del governo al servizio di padroni e banchieri.

Quando la Digos invita i precari a preparare la delegazione per l'incontro ci accorgiamo che sono presenti anche altre sigle sindacali, Cgil, Cisl, Cisal che erano state invitate a nostra insaputa.
Le delegazioni, dicono i poliziotti, devono essere di tre membri ciascuna, noi diciamo innanzi tutto che quei sindacalisti non hanno nessun diritto ad essere
presenti, né hanno diritto di parola perché rappresentano un danno per i lavoratori, non hanno alzato un dito fino ad ora e l'unica cosa che sanno fare
è approfittare dei varchi aperti con la lotta dai precari Slai per poi presentarsi come dei veri e propri parassiti… dove erano quando a settembre si prospettava il rischio dei licenziamenti e i lavoratori loro "assistiti" li cercavano smarriti??? dove erano in tutte quei momenti di lotta seria che ha portato a difendere il posto di lavoro???
Inizia una discussione animata con i poliziotti anche perché la nostra delegazione era di quattro e o saliva così o sarebbe successo un casino. I precari e le precarie senza esitazione hanno iniziato a spingere contro i poliziotti a difesa dell'ingresso del palazzo, lanciando una serie di invettive contro i sindacalisti Cgil e Cisl, una vera e propria bolgia di insulti, spintoni "Venduti! Parassiti! Servi dei padroni!", la tensione sale di molto quando questi delegati cominciano ad entrare nel portone e la polizia fa cordone per proteggerli… un precario Slai si scaglia contro il cordone e colpisce involontariamente un poliziotto; a questo punto il dirigente "della piazza" minaccia di arrestarlo; tutte le precarie e i precari fanno scudo gridando che è meglio che stiano al loro posto, in particolare quando una precaria delegata inveisce contro il dirigente della polizia che le aveva messo
le mani addosso, la rabbia generale aumenta contro gli agenti che cercano invano di riportare alla calma.
Giunge nel frattempo un altro funzionario della Digos che sceso dal palazzo dice che solo per lo Slai Cobas, a differenza degli altri sindacati, va bene che la delegazione sia composta da 4 e non da 3.

All'interno dell'atrio, mentre i precari rimasti fuori a pressare contro la polizia continuano a lanciare slogan contro i sindacalisti confederali, un sindacalista della Cisl, sentendosi "in salvo" mentre saliva le scale, risponde in malo modo alle invettive dei precari , scoppia un parapiglia con i dirigenti dello Slai con parole forti e "pressioni fisiche" che dura per tutto il tempo della salita delle scale con i sindacalisti sempre protetti vergognosamente dalla Digos.
Una volta nella sala delle riunioni invitiamo subito la dirigente della Provincia presente ad organizzare un incontro separato dalle altre O.S. altrimenti salta tutto, comincia allora un nuovo battibecco a distanza ravvicinata con il
rappresentante della Cgil che con fare moscio diceva che ci stavamo sbagliando sul loro conto, che in fondo abbiamo gli stessi interessi, ribadiamo con veemenza che gli interessi che loro fanno per i lavoratori sono forse quelli come l'accordo del 28Giugno, anticamera dei licenziamenti più facili??? il sindacalista non regge più di tanto ed esce dalla stanza.
All'arrivo dell'Assessore alle politiche sociali, delegato dal Presidente della Provincia, "fuggito" a Roma per la questione taglio delle province annunciato dal governo Monti, spieghiamo con forza e determinazione la necessità dei tavoli separati, l'assessore in primo momento prova ad arrabbiarsi perché non può perdere tempo, poi capisce l'antifona, esce dalla sala parla con i sindacalisti e rientra dicendo che va bene "facciamolo separato!", sedendosi al tavolo con lo Slai Cobas per il s.c. e alcuni lavoratori Cisal con il loro rappresentante che decidiamo di far rimanere visto che questi lavoratori sono stati in diverse occasioni accanto ai lavoratori dello Slai Cobas nei momenti di lotta condividendone appieno la linea.

Il servizio dovrebbe riprendere da gennaio per 6 mesi, ci informa l'Assessore Rizzuto, con una gara di appalto "interna", visti i tempi molto brevi, e si dovrebbero mantenere tutti i 177 operatori a 27 ore, il monte ore ottenuto con la lotta a settembre.
Ribadiamo che seguiremo passo passo tutti ì passaggi, chiediamo un altro incontro a breve per entrare nel merito del capitolato di appalto, sul quale vogliamo essere messi a conoscenza e sul quale scriveremo un documento con proposte migliorative, pressiamo l'Assessore perché i pagamenti dell'Ente siano puntuali alle Coop, i precari sono alquanto arrabbiati e pronti a lottare fino in fondo come stanno dimostrando ogni giorno, la Cisal appoggia tutto ciò che diciamo.

Usciamo quindi dalla sala, mentre gli altri sindacalisti si tengono alla larga, scendiamo giù nell'atrio e scoppia un applauso da parte di tutti i precari e le precarie " siamo uniti e compatti, è questa la nostra forza, stiamo con piedi per terra sempre ma la lotta è l'unica via, contro istituzioni, padroncini e sindacalisti venduti la nostra lotta continua… "

Precarie e Precari Coop Sociali
organizzati nello Slai Cobas per il sindacato di classe - Palermo

cobas_slai_palermo@libero.it 340/8429376

pc 10 dicembre - rabbia e lotta delle lavoratrici delle pulizie delle scuole di taranto



TARANTO – Il sindaco di Taranto Ippazio Stefàno è stato aggredito davanti al Comune dalle 94 dipendenti di una ditta di pulizia – la Trial - che ha ricevuto l'appalto
nelle undici scuole comunali cittadine ma che al momento non ha versato tutte le mensilità alle lavoratrici. Le dipendenti se la sono così presa con il sindaco: urla, spintoni, fino all'arrivo dei vigili urbani.

Taranto 10 dicembre 2011

E' iniziato alle ore 10 di ieri lo sciopero delle lavoratrici delle scuole e degli asili nido comunali di Taranto con presidio sotto palazzo di città. Le manifestanti hanno rivendicato un incontro con gli amministratori comunali ottenendo però solo una decina di minuti da parte del sindaco Stefano, sceso a chiarire che in questa vertenza non è lui il responsabile! A questo punto si è scatenata la rabbia, con grida, spinte, contro questo sindaco che si dice di sinistra ma si comporta da destra.
Le lavoratrici hanno insistito tutta la mattinata sul fatto di voler salire e informarsi sulla questione dei mancati stipendi e sull'aumento delle ore, ma c'è stato un netto rifiuto sull'accoglienza anche di una delegazione di dieci persone. Anche da parte del vice-sindaco Cataldino c'è stata la conferma di una non responsabilità del sindaco e che è la ditta Trial l'unica ad avere obbligazioni.

La mobilitazione delle lavoratrici continua.
Non è con l'elemosina di una sola mensilità di 200 euro che si possono mettere a tacere i diritti e le dignità delle lavoratrici delle pulizie degli asili e materne comunali!

VOGLIAMO CHE LA DITTA TRIAL VADA VIA!
BASTA CON LA POLITICA DEL SINDACO STEFANO DI LAVARSENE LE MANI , che sa dire
solo “Il Comune non centra niente”
Il Comune centra eccome: le lavoratrici fanno un servizio essenziale pubblico per i bambini di Taranto, non si può farlo fare ad una ditta bandita e in condizioni di lavoro vergognose!
Il Comune poi a tutt'oggi non ha mantenuto i suoi impegni di aumento dell'orario di lavoro.

LA MOBILITAZIONE QUINDI CONTINUA!
CON UNA PRESENZA AL CONSIGLIO COMUNALE DI MARTEDI' ORE 9
E UN NUOVO SCIOPERO DEL 15, CON PRESIDIO DELLE SCUOLE E CONCENTRAMENTO ORE
10,30 AL COMUNE.
le lavoratrici delle pulizie SLAI COBAS – v. Rintone, 22 – 3475301704 –
cobasta@libero.it

pc 10 dicembre - contro gli stupratori di carmela -solo le compagne del Movimento femminista proletario rivoluzionario di taranto


Ieri presso il tribunale di Taranto si è svolta l' ennesima udienza del processo contro gli stupratori di Carmela. Noi lavoratrici del movimento femminista proletario rivoluzionario ci siamo nuovamente mobilitate, fuori dal tribunale abbiamo distribuito volantini, appeso manifesti che ricostruivano tutta la vicenda giudiziaria di Carmela. Abbiamo parlato con le altre donne abbiamo raccontato della doppia violenza subita da Carmela, violentata dagli uomini e poi dallo Stato, accusata di mentire, rinchiusa in un istituto e imbottita di psicofarmaci e infine portata al suicidio.
Noi donne mfpr chiediamo giustizia: vogliamo una forte condanna contro i tre stupratori ma vogliamo anche si apra una inchiesta verso quelle istituzioni, assistenza sociale, magistratura, enti istituzionali che sono pienamente colpevoli della morte di Carmela.
C'è da dire che anche ieri si è vista una magistratura quasi di 'parte': nonostante che dei 7 testimoni, se ne fosse presentata solo una (che ha confermato pienamente le denunce di violenza sessuale che Carmela aveva raccontato ai genitori), e testi fondamentale come un medico e ispettore di polizia sono stati ancora assenti, il giudice solo su richiesta dell'Avv. dei genitori di Carmela ha disposto l'accompagnamento coatto di 2, ma rinviando la prossima udienza addirittura al 27 aprile 2012. Sono già passati 4 anni e mezzo dalla morte di Carmela, è un tentativo di far andare in prescrizione?!

Ma la vergogna della magistratura di Taranto non finisce qui. Mentre ancora non si fa giustizia per Carmela, Il 27 gennaio è chiamato al banco degli imputati il padre, solo perchè, giustamente, nel precedente processo contro due minorenni stupratori di Carmela (verso cui vi è stata solo la "messa in prova"), denunciò le parole vergognose dell'avvocato degli stupratori che aveva presentato di fatto Carmela come una "prostituta".

Infine, vogliamo fare una appello alle altre donne, compagne, femministe di Taranto: dove state? Alcune fanno convegno sulla violenza sessuale delle donne, ma guai a vederle mobilitarsi per le concrete violenze sessuali.
Carmela e i suoi genitori non devono essere soli!

Fiorella Masci m.f.p.r. Taranto

mfpr@libero.it

pc 9-10 dicembre - proletari comunisti non aderisce allo sciopero del 12 di cgil-cisl-uil

il 12 dicembre, dopo tanti balletti Bonanni-Angeletti-Camusso hanno trovato l'unità è partorito l'ennesimo sciopericchio di 3 ore contro la manovra Monti con richieste relative, essenzialmente volte ad emendarne alcuni punti su pensioni e ICI, ma soprattutto a segnalare il fatto di essere stati trattati a pesci in faccia da Monti nella realizzazzione della stessa manovra.
I tre sindacati hanno tirato la volata all'arrivo del governo Monti, al carro della opposizione parlamentare Casini-Bersani, ne condividono sostanza e necessità, per cui la loro opposizione non ha alcuna intenzione di cambiare le cose ma di contribuire a farle meglio e qui per meglio sta 'scaricare la crisi sui proletari e le masse popolari, per ssostenere banche e padroni'
Il posto del sindacalismo di classe è fuori e contro questo sciopero.
Il posto di proletari comunisti è nelle fabbriche e nei posti di lavoro nelle piazze per organizzare una vera opposizione politica e sociale.
Segnaliamo ancora una volta che gruppi sedicenti comunisti o marxisti-leninisti-maoisti - quali carc-nPCI - fanno invece tutto il contrario. Massimo sostegno e copertura al sindacalismo confederale e in particolare alla CGIL e Camusso, nulla sui posti di lavoro per organizzare una vera opposizione.

Il 12 vi è anche l'anticipazione dello sciopero dei metalmeccanici della Fiom contro il piano Marchionne e la manovra Monti.
Rispetto a quest'ultimo la posizione di proletari comunisti è diversa. Qui partecipiamo criticamente con volantini e iniziative, ma anche qui bisogna denunciare la linea, la pratica e organizzazzione della direzione FIOM che lavora per rientrare nella concertazione della Camusso e ai tavoli Fiat, e non contro di essi.
Nelle fabbriche serve il sindacato di classe basato sui cobas e i circoli di proletari comunisti, e questi scioperi e manifestazioni sono occasioni per propaganda agitazione e organizzazione.

proletari comunisti - PCm Italia
10 dicembre 2011

pc 9-10 dicembre - esce il foglio numero 5 di proletari comunisti

Il foglio numero 5 di 'proletari comunisti' esce da lunedì per essere ampiamente diffuso alle fabbriche e nelle manifestazioni sociali e politiche contro il governo Monti.
Esso fornisce un orientamento netto e chiaro contro il governo dei vampiri del capitale e contro il fascismo padronale targato Fiat, dando le indicazioni necessarie ai comunisti, al movimento comunista rivoluzionario, alle avanguardie operaie e giovani ribelli per avanzare nell'attuale fase politica.
Il foglio torna sulle fabbriche fiat, in particolare su termini imerese e fiat sata melfi, punti di azione e di approfondimento di 'proletari comunisti', in attesa del momento in cui sarà possibile intervenire sistematicamente a Mirafiori e Pomigliano.
Il foglio è uno strumento agile atto alla diffusione di massa e fa riferimento all'azione quotidiana del blog.
Per l'approfondimento, stiamo lavorando alla uscita del nuovo numero della rivista marxista-leninista-maoista 'la nuova bandiera' , mentre riutilizziamo gli 'speciali fiat' della rivista, quanto mai attuali e utili.
Sul piano internazionale, è uscita a fine novembre la rivista internazionale 'maoistroad' in edizione italiana dedicata alle rivolte arabe.
Tutte queste pubblicazioni si possono richiedere per la diffusione a ro.red@libero.it o ai circoli e promotori di circoli nelle diverse città italiane in cui siamo presenti.

proletari comunisti-PCmItalia
10 dicembre 2011

venerdì 9 dicembre 2011

pc 9-10 dicembre - NO TAV 8-12-2011 UN MOVIMENTO POPOLARE CHE GUARDA AVANTI

DOPO LE "PASSEGGIATE ALLE RETI" DI DECINE DI MIGLIAIA DI PERSONE, OGGI IL MOVIMENTO NO TAV HA DECISO DI ONORARE L'ANNIVERSARIO DELLA PRESA DI VENAUS DEL 2005, IN CUI VENNERO MESSE IN SCACCO LE FORZE REPRESSIVE DELLO STATO, ATTRAVERSO AZIONI DIRETTE CHE  HANNO VIOLATO: SIA LA ZONA ROSSA (1,5 KM ATTORNO AL CANTIERE E CHIUSURA CON MASSI DI CEMENTO DEI SENTIERI PRINCIPALI) IMPOSTA DALLA QUESTURA, SIA LE STESSE RETI CHE SONO STATE TAGLIATE.

ATTRAVERSO 2 CORTEI DA CHIOMONTE E DA GIAGLIONE SI è ARRIVATI ALLA BAITA VICINA ALLE RETI ATTAVERSO I BOSCHI E DA LI PER TUTTO IL POMERIGGIO SI SONO SUSSEGUITE VARI AVVICINAMENTI ALLE RECINZIONI CHE COMUNQUE HANNO MESSO SOTTO SCACCO LE FORZE DEL DISORDINE (POLIZIA, CARABINIERI E GUARDIA DI FINANZA) ATTRAVERSO VARIE AZIONI DELLE MIGLIAIA DI MANIFESTANTI CHE CON VARIE MODALITA' HANNO FATTO L ALORO PARTE FINO A RAGGIUNGERE IL RISULTATO.

LA REAZIONE DI QUESTE MERDE IN DIVISA, CHE FIN DALLA MATTINATA, HANNO FATTO POSTI DI BLOCCO ALL'INGRESSO DELLA TANGENZIALE CHE PORTA IN VALLE (CON PERQUISIZIONI MOLTO ACCURATE CON TANTO DI VIDEO E FOTO DEL MATERIALE E DEGLI INDUMENTI DEI MANIFESTANTI, NON HA IMPEDITO CHE SI REALIZZASSE UN'ALTRA BATTAGLIA VINCENTE CHE HA DIMOSTRATO CHE IL TERRITORIO NON E' NELLE LORO MANI NONOSTANTE LA MILITARIZZAZIONE E IL PROSPETTARSI DA GENNAIO DI CONSIDERARE QUEL TERRITORIO COME STRATEGICO E ZONA MILITARE CON TANTO DI ARRESTO PER CHI SI AVVICINERA'.

NELLO STESSO TEMPO A SUSA SI è BLOCCATO L'AUTOSTRADA PER L'INTERA GIORNATA FINO A DOPO LA MEZZANOTTE, NONOSTANTE IL DIKTAT DELLA QUESTURA INTIMASSE DI SGOMBERARE IL TUTTO ALLE 22.
SI E' DETO CHE CE NE ANDREMO QUANDO DECIDIAMO NOI.

TUTTO QUESTO E' STATO RIBADITO DA UNA FOLTA ASSEMBLEA APERTA CHE SI E' SVOLTA DURANTE IL BLOCCO DELL'AUTOSTRADA ALLE 21, DOPO CHE SI ERANO SUSSEGUITI GRUPPI MUSICALI CON BALLI E CIBO PREPARATI PER SFAMARE I TANTI CHE AVEVANO FATTO L'ENNESIMA BASTTAGLIA ALLE RETI, CHE COME SEMPRE E' STATA RIVENDICATA DAL MOVIMENTO NO TAV E CHE DOMANI CONTINUERA' CON NUOVE MOBILITAZIONI A SORPRESA FINO A DOMENICA E CON UNA CONFERENZA STAMPA CHE DENUNCERA' LA PESANTE MANO CHE VIENE USATA DALLE FORZE DELL'ORDINE (STILE PALESTINA E KABUL) E CHE ANCHE OGGI HA VOLUTO CERCARE IL MORTO, IN QUANTO NON SOLO CI SONO STATI 2 FERITI GRAVI (ALTRO CHE GLI 11 DICHIARATI DALLE FORZE DELL'ORDINE TUTTI DA VERIFICARE) VISTO QUELLO CHE E' SUCCESSO ALLA BAITA, DOVE NON SOLO I POLIZIOTTI SI SONO MESSI A GASARE I MANIFESTANTI COME AL SOLITO  IN MANIERA ALLUCINANTE, MA HANNO LANCIATO SASSI A DISTANZA DI POCHI METRI CONTRO CHI SI AVVICINAVA ALLE RETI E INOLTRE 2 MANIFESTANTI SONO STATI COLPITI IN VOLTO DA FUMOGENI LANCIATI ALTYEZZA UOMO E COL CHIARO INTENTO DI CERCARE IL MORTO (1 è UN RAGAZZO DEL POSTO DI 16 ANNI CHE CON IKL PADRE E' ANDATO HA SPEGNERE L'INCENDIO CAUSATO DAL LANMCIO DEI FUMOGENI E L'ALTRO E' UN COMPAGNO MENO GIOVANE DI PADOVA).

MA LA COSA MOLTO IMPORTANTE E' COMUNQUE LA VOLONTA', NON SOLO DI CONTINUARE LA LOTTA FINO ALLA VITTORIA, MA NELL'ASSEMBLEA MOLTI SONO ANDATI OLTRE PER CERCARE UNA STRATEGIA CHE SI ALLARGHI AL TERRITORIO, RIPRESA DI BLOCCHI FINO A BLOCCARE LA VALLE, SI E' PARLATO DI SCIOPERO GENERALE, MA ANCHE DI UNIRE LA PRESSIONE ALLE RETI  CON UNA STRATEGIA CHE VEDE ANCHE LA LOGISTICA CHE RENDE POSSIBILE IL FORTINO (SI E' PARAGONATO ALLA RESISTENZA), DI FARE PRESSIONI AGLI ALBERGHI DOVE ALLOGGIANO , PAGATI DA NOI , QUEGLI STRONZI DEI POLIZIOTTI CHE NON SI FANNO NESSUNO SCRUPOLO DI USARE QUALSIASI MEZZO PER COLPIRE I MANIFESTANTI, OLTRE AL FATTO CHE LA LOTTA NO TAV VA AD INVESTIRE LA LOTTA PER UN NUOVO MODELLO DI SOCIETA' , DI RELAZIONI SOCIALI CHE VOGLIAMO TUTTI CAMBIARE CHE E' IMPORTANTE CHE SI ESTENDA NELLA VALLE E SI ESTENDA IN TUTTO IL PAESE ATTRAVERSO UNA RETE DI AZIONE COMUNE IN TUTTE LE CITTA',  IN PARTICOLAR MODO IN QUESTO NUOVO GOVERNO DELLA CRISI TUTTO QUESTO E' PIU' INSOPPORTABILE  E DA QUI VIENE LA NECESITA' CHE QUESTA LOTTA SIA NAZIONALE CONTRO PADRONI E GOVERNO CHE LA VOLGIONO IMPORRE CON LA FORZA, SI E' CITATO L'ESEMPIO DI SCANZANO E DELLA RIVOLTA CONTRO LE DISCARICHE.

PER QUESTO DICIAMO NOI QUESTA LOTTA DEVE DIVENTARE SEMPRE PIU' POLITICA, QUESTO MOVIMENTO SI DEVE SCHIERARE SEMPRE PIU' IN UN FRONTE RIVOLUZIONARIO, DEVE UTILIZZARE TUTTE LE FORME DELLA GUERRA PARTIGINA,   DELLA GUERRA POPOLARE DI LUNGA DURATA  PER ABBATTERE QUESTO SISTEMA CAPITALISTICO CHE GENERA  TUTTO QUESTO, PER QUESTO TUTTE LE FORME DI LOTTA VANNO USATE, MA SI DEVE FARE UNA LOTTA ANCHE CONTRO CHI USA LA LOTTA NO TAV NO PER ABBATTERE IL SISTEMA DEI PADRONI MA PER RIFORMARLO, CONTRO CHI PRENDE LE DISTANZE DALLE RIVOLTE, DALLA GIUSTA RIBELLIONE DEI GIOVANI, CHE VANNO ALLA NO TAV COME PARTE DELLA LORO STESSA LOTTA CHE COMBATTONO OGNI GIORNO CONTRO UN SISTEMA CHE QUELLE RETI INTORNO AL CANTIERE LE ALZA OGNI GIORNO ATTRAVERSO LA NEGAZIONE DEL LORO FUTURO, ATTRAVERSO UNO STATO DI POLIZIA PERMANENTE DI SOPPRUSI E DI ALIENAZIONE.


giovedì 8 dicembre 2011

pc 8 dicembre - NO TAV assedio al cantiere - più azioni di avvicinamenti - tagliata in un punto la rete - scontri..

....pioggia devastante di lacrimogeni, uso massiccio di idranti, diversi feriti, un giovane manifestante ferito ad un occhio, l'uso dei lacrimogeni brucia una parte del bosco - la manifestazione e in particolare gli scontri vedono protagonisti giovani molto organizzati - il rientro verso valsusa aora avviene lentamente per aspettare tutti i manifestanti, bloccati qua e là - contestati i giornalisti di regime in particolare il TG1
ancora una volta assedio di massa al cantiere e la militarizzazzione della valle viene colpita a dimostrazione che padroni, speculatori, governo Monti come Berlusconi -avranno pane per i loro denti
il prossimo appuntamento deciso dai valligiani sarà e dovrà essere sempre più nazionale perchè la battaglia NO TAV è la battaglia di tutti

corrispondenza di compagni di proletari comunisti presenti alla manifestazione

DIRETTA di repubblica
16,50: Tre manifestanti sono stati bloccati dalle forze dell'ordine nel corso dell'ultimo improvviso assalto alle recinzioni.
Alcuni carabinieri e poliziotti - tra cui un dirigente - sono rimasti feriti o contusi.

16.35: Con un mezzo militare il giovane è stato soccorso e portato sul cavalcavia dove sta arrivando un'ambulanza che lo porterà all'ospedale di Susa

16.35: Con un mezzo militare il giovane è stato soccorso e portato sul cavalcavia dove sta arrivando un'ambulanza che lo porterà all'ospedale di Susa

16.20: Uno dei feriti tra i manifestanti è un ragazzo di sedici anni, pare con trauma cranico. Sono in corse trattative tra i cointestatori e la polizia per fare arriovare nella zona chiusa al traffico un'ambulanza

16.15: "Facciamo appello a tutti perché vengano sull'autostrada e si uniscano al nostro blocco. E' importante resistere e che qui si dia una risposta a quello che sta succedendo in montagna" dice Maurizio Piccioni dal microfono del palco con riferimento agli scontri in corsi intorno al cantiere di Chiomonte. "Da quanto sappiamo - dice - ci sono parecchi feriti e le forze dell'ordine circondato la baita. La nostra gente sta scappando nei boschi perche', ci dicono, l'aria e' irrespirabile per i lacrimogeni".

16.10: E' iniziato sull'autostrada il concerto dei gruppi musicali No Tav. Sul palco si canta Bella ciao.

16.05: La polizia ha disperso tutti i manifestanti davanti alla baita, ora tutti fuggiti tra i boschi

16: Altri due manifestanti tra i No Tav dopo il nuovo fallito assalto alla baita.

15.55: Nuovo attacco dei manifestanti davanti alla baita di Maddalena di Chiomonte respinto dalle forze dell'ordine con lancio di lacrimogeni sparati "a parabola". Tutto il bosco è avvolto dal fumo dei lacrimogeni

15.52: I No Tav rinforzano con i coni da cantiere la barricata simbolica allestita sull'autostrada sulla carreggiata in direzione Torino. In altri punti si gioca a bocce.

15.50: Attacco al cancello 6 di un gruppo di black bloc con lancio di bombe carta. é stata abbattutta una transenna che bloccava l'accesso al cantiere ma l'assalto è stato respinto dalle forze dell'ordine

15.25: Prima di essere respinti dall'intervento delle forze dell'ordine,i dimostranti No Tav sono riusciti a recidere in due punti il reticolo esterno di una rete di filo di ferro che delimita l'area dove si trova il cantiere. I danni, dicono alla Ltf (la società che si occupa della realizzazione della ferrovia Torino-Lione) sono molto contenuti.

15.20: I No Tav segnalano una manifestante ferita all'occhio da un lancio di fumogeno

15.16: E' in corso un lancio di sassi da parte dei manifestanti No Tav contro le forze dell'ordine disposte a protezione del cantiere della Torino-Lione a Chiomonte. Lo riferisce la polizia che specifica che il lancio di pietre sta avvenendo all'altezza del cancello 6 del cantiere e che l'azione delle forze dell'ordine è di contenimento.

15.14: Sull'autostrada si sta organizzando "l'accampamento" No Tav. Alcuni ragazzi stanno montando il palco per gli spettacoli in vista della notte bianca. I bambini dipingono il guard rail dell'autostrada di rosa. Al gazebo allestito all'autoporto il movimento distruisce pasti e bevande calde. I No Tav seguono gli aggiornamenti sugli scontri in montagna e si preparano a passare qui la notte

15.02: Due feriti lievi, uno tra i manifestanti (colpito alla fronte) un operatore della Rai, ferito a una mano durante il lancio di lacrimogeni sotto le reti.

14.51: Sul costone opposto alla baita dei No Tav, oltre il cavalcavia dell'autostada, si sviluppa un piccolo incendio nel bosco.

14.45: Di fronte a un nuovo blitz, gli agenti hanno sparato molti lacrimogeni, convincendo così i manifestanti a ritirarsi verso il ponte Clarea. Alcuni di loro hanno maschere antigas e cesoie

14,35: Sale la tensione. Nuovi scontri tra forze dell'ordine e manifestanti nella zona del museo archeologico

14,20: Lancio di lacrimogeni della polizia contro i manifestanti No Tav con caschi protettivi che premono contro la recinzione.I lacrimogeni sono stati lanciati all'altezza del cancello 4 e 5 del cantiere

14,10: Prino contatto tra i manifestanti e il fitto cordone di polizia a protezione del cantiere: lancio di sassi contro il cantiereù

13,50: La polizia cerca di allontanare i manifestanti utilizzando gli idranti


diretta de la stampa

E' battaglia nei boschi: fumogeni, piccoli roghi subito domati dai vigili del fuoco, reti abbattute. A Susa i manifestanti occupano l'autostrada
massimo numa, maurizio tropeano, niccolo' zancan, roberto travan

17.12 SUSA - Con dei cassonetti dei rifiuti si sta costruendo una barricata sull'autostrada in direzione di Bardonecchia. I carabinieri, presenti con pochi uomini per ora, presidiano i "lavori".

16.47 GIAGLIONE - Il numero dei feriti tra i No Tav sale a sei: tra questi i più gravi sono un ragazzo di 16 anni colpito da un lacrimogeno e un altro giovane, caduto scappando, che si è procurato una frattura scomposta.

16.43 CHIOMONTE - Gli avvocati No Tav del legal team stanno verificando la situazione dei fermati negli scontri. Non c'è stato alcun contatto fisico con i manifestanti nello sgombero della baita. Lo dichiara la questura. I violenti sono stati allontanati con un fitto lancio di lacrimogeni.

16.36 SUSA - SuLL' autostrada si aspetta il ritorno dei militanti da Chiomonte per dare il via ad un'assemblea e decidere che cosa fare dopo l'occupazione della baita. Il leader del movimento riferisce di manifestanti feriti

16.20 SUSA - Continua l'occupazione dell'autostrada

16.16 CHIOMONTE - Sequestrati decine di scudi, caschi, tenaglie e maschere antigas

16.12 CHIOMONTE - Baita occupata dalla polizia. Tre persone fermate e identificate. Violenti dispersi nei boschi.

16.04 GIAGLIONE - Ci sono tra i feriti almeno due ragazzi per i lacrimogeni che li hanno colpiti in faccia. C'è una pioggia di lacrimogeni sulla gente, di certo alla fine ci saranno altri feriti

15.55 CHIOMONTE - Ci sono almeno tre carabinieri feriti dal lancio di pietre. Il fitto lancio di lacrimogeni è stata una risposta al lancio di bombe carta e al tentativo di alcuni manifestanti della parte violenta del movimento che ha cercato di supoerare la rete mobile, quella che la polizia ieri ha piazzato sulla strada che porta al cantiere.

15.46 CHIOMONTE - Nuovo pesante assalto giù alla zona della baita, verso le reti, varco sette. La polizia che aveva sospeso il lancio di lacrimogeni mezz'ora fa ne sta ora lanciando a decine per disperdere i manifestanti.

15.36 SUSA - Sull'autostrada balli occitani sulla corsia verso Bardonecchia e partite di calcio verso Torino. Si cucina e c'è un gazebo con del cibo

15.34 CHIOMONTE - I manifestanti si stanno concentrando alla baita, dicono che raggiungeranno Susa attraverso i sentieri.

15.28 GIAGLIONE - Il momento critico è passato. C'è un cameraman della Rai ferito. Probabilmente anche altre persone. Ci mettono tanto a tornare indietro e dunque la vera conta si farà tra un po'. Non ci sono feriti tra le file della polizia

15.22 SUSA - Rimbalzano voci di un ferito a Chiomonte

15.17 SUSA - Mentre sull'autostrada i No Tav stanno finendo di montare il palco dove si svolgerà l'happening i bambini stanno dipingendo i guard rail di rosa. Giù si vedono i fumi dei lacrimogeni sparati a Chiomonte. Qui è calato il sole e comincia a fare un po' freddo.

14.45 CHIOMONTE - Incendi quasi spenti. I manifestanti si stanno concentrando alla baita

14. 40 SUSA - Tutto tranquillo. Continua l'occupazione dell'autostrada

14.30 CHIOMONTE - La polizia afferma che i lacrimogeni non possono causare incendi. «Gesto di teppisti» comunica la questura

14.27 CHIOMONTE - Gli incendi si espandono, ma i vigili del fuoco non riescono ad avvicinarsi. Per i No Tav è colpa dei lacrimogeni lanciati dalle forze dell'ordine per disperdere i manifestanti
-
14.21 CHIOMONTE - Nel bosco alcuni piccoli incendi

pc 8 dicembre - No tav ..Tav, la manifestazione blocca la A32 -Un centinaio di manifestanti preme contro le reti

Tav, la manifestazione blocca la A32
"Staremo qui tutta la notte"Circa duemila persone a Susa, dove la Sitaf ha chiuso l'autostrada per motivi di sicurezza. I manifestanti hanno invaso le corsie e annunciano: "Faremo qui la notte bianca". Altri due cortei partiti Chiomonte e Giaglione con più di mille persone vicino alle reti del cantiere della Torino-Lione. Un centianio di manifestanti incappucciati preme contro le reti


Il movimento No Tav torna in piazza per continuare la protesta nei confronti della tratta ad alta velocità Torino-Lione e per "commemorare" gli scontri di Venaus del dicembre 2005. Lo fa attraverso tre diversi cortei, partiti da Susa, da Chiomonte e da Giaglione. Il primo serpentone sta bloccando l'autostrada A32, mentre gli altri due stanno cercando di accerchiare il cantiere dell'alta velocità.

Il primo ha preso il via da Susa in direzione dell'autostrada e della sede della società che la gestisce, la Sitaf. I manifestanti sono circa un migliaio e ad aprire il corteo è un gruppo di bambini, che ha preparato uno striscione fatto con le impronte delle loro dita e la scritta "La valle è nelle nostre mani".

Tra la folla spuntano alcune bandiere della Fiom-Cgil e di Legambiente e alcuni banchetti vendono gadget, tra cui bottiglie di vino con etichetta "No Tav". Uno striscione sintetizza, in piemontese, il perché della protesta: "Trivele e suldà fora d'le bale". Mentre un elicottero della polizia sorvola la zona, la testa del corteo ha sfilato davanti alla sede della Martina, una delle ditte al lavoro nel cantiere Tav, e all'autoporto di Susa, dove c'è la sede della Sitaf e hanno cominciato a battere contro il guard rail.

Di qui il corteo ha cambiato percorso e si è diretto verso l'autostrada. Questura e Sitaf hanno deciso di chiudere il tratto: "In ragione della presenza di numerosi manifestanti a ridosso della A32 - si legge in una nota - per ineludibili motivi di scurezza, la Sitaf sta avviando le procedure di chiusura dell'arteria di comunicazione". A quel punto i manifestanti hanno invaso entrambe le corsie della Torino-Bardonecchia.

L'autostrada diventa ora luogo di protesta. Saranno qui assemblea, serata e notte bianca previste all'autoporto.
Paola, anarchica dei No Tav: "Siamo qui per dire alla militarizzazione. Siamo sull'autostrada, siamo indignati valsusini e ci accampiamo qui. Sediamoci per terra, mangiamo e montiamo il palco. Rimaniamo qui e aiuteremo gli altri che sono alla Maddalena intorno al non cantiere. A sarà dura e questa volta a sarà anche tanto lunga".
Foto Protesta in autostradaPrima di dare il via alla manifestazione di Susa il leader del movimento, Alberto Perino, ha annunciato: "L'obiettivo è dimostrare che possiamo arrivare alle reti. Non vogliamo scontri". Avvicinarsi al cantiere è infatti l'obiettivo degli altri due cortei, partiti da Giaglione e Chiomonte. Attorno all'area dei lavori la prefettura di Torino ha istituito una "zona rossa".

La manifestazione di Chiomonte ha raggiunto Ramats e i No Tav si sono messi in cammino attraverso i sentieri nei boschi per raggiungere il cantiere passando dalla parte del parco archeologico. A sfilare son 300 persone, tra cui il consigliere regionale 5 Stelle Davide Bono. Il corteo ha dovuto cambiare tragitto, spiazzato dalle forze dell'ordine che hanno chiuso l'area della centrale idroelettrica con blocchi di cemento e reti, impedendo così l'accesso ai sentieri tra i boschi. Così i manifestanti hanno deciso di salire alla frazione di Ramats per poi scendere verso la Baita Clarea e le reti del cantiere, in piena zona rossa. Tra i manifestanti molti giovani, poche famiglie e diversi gruppi vicino ai centri sociali e a Askatasuna.
Il corteo di Giaglione è formato da almeno mille persone e si sta dividendo in due spezzoni. L'idea è di accerchiare il cantiere della Torino-Lione "da sopra e da sotto". Molti dei manifestanti hanno scudi di plastica, per proteggersi dagli idranti. Stanno scendendo verso il torrente Clarea per attraversarlo e tentare di avvicinarsi alle reti del cantiere
II No Tav vogliono far pressione sulle reti del cantiere per ricordare la battaglia di Venaus. "Arrivare qua e' stata una cosa importante, vogliamo fare qualche cosa in più. Faremo pressione al cantiere: tutta questa presenza e' sgradita. Tra una decina di minuti (hanno detto intorno alle 13,40) ci posizieremo tutti attorno al cantiere per provare a premere. La polizia non e' il nostro obiettivo. Il nostro obiettivo sono le reti. Facciamo un'azione coordinata. Serve da parte di tutti coraggio e determinazione".
La decisione è arrivata pochi minuti dopo: un centinaio di manifestanti incappucciati e con maschere antigas si è diretto verso la recinzione del cantiere facendo pressione contro le reti. La polizia vigila ma sale la tensione e poi usa gli idranti per allontanarli

pc 8 dicembre - cronaca dei due giorni di Bharat Bandh (sciopero generale) in India

Cronaca primo giorno

Il 5 dicembre l’Esercito Guerrigliero Popolare di Liberazione (PLGA) ha realizzato numerosi attacchi contro le forze governative, reazionari e istituzioni dello stato, nel primi dei due giorni del Bharat Bandh (sciopero generale) convocati per il 5 e 6 in reazione all’assassinio del compagno Kishenji.

Il Bandh Bharat ha prodotto in molti stati l'interruzione della circolazione dei veicoli e la chiusura dei negozi. Il traffico è stato fermato in diverse aree, quali Malkangiri, Rayagada, Gajapati, Sundargarh e Kandhamal.

Nel distretto di Sundergarh negozi e mercati sono stati chiusi nelle aree al confine con Jharkhand e nelle regioni più remote.

I camion non hanno circolato e il lavoro nelle miniere ne ha risentito nei distretti del Singhbhum Orientale e Occidentale e di Gumla e Lohardaga.

In Odisha, negozi e attività commerciali sono rimasti chiusi a Kalimela, Motu, Padia e nella zona di Chitrakonda nel distretto di Malkangiri e Sundergarh.

I negozi sono rimasti chiusi in aree di Raipur, Ranibandh, Sarenga e Simplipal.

I guerriglieri maoisti del PLGA hanno ucciso un imprenditore, identificato come Ruben alias Rabindra Bidika (40 anni), neo pressi sdi Bikrampur nel Narayanpatna, distretto di Koraput. I maoisti lo accusavano di essere un informatore della polizia. Bidika era in viaggio verso Narayanpatna su una moto insieme ad altri due, quando un gruppo di maoisti hanno aperto il fuoco contro di loro. Bidika è morto mentre gli altri due sono rimasti feriti. I maoisti hanno anche dato fuoco alla sua moto.

Il PLGA ha attaccato un accampamento della Riserva Centrale di Polizia (CRPF) a Gaya, Bihar. Un gruppo di guerriglieri armati hanno attaccato il campo della CRPF.

I maoisti hanno fatto esplodere una linea ferroviaria e un ufficio di componente in Jharkhand. I servizi ferroviari sono stati fermati per diverse ore nella divisione ferroviaria di Dhanbad dopo che i ribelli hanno fatto esplodere la linea Nishipur-Matari. L’esplosione ha avuto luogo dopo il passaggo del treno passeggeri Dhanbad-Kharagpur.

In un’altra azione, circa 40 maoisti hanno fatto saltare in aria il blocco Hariharganj, centro direzionale di uffici governativi nel distretto di Palamau per effetto di un ordigno esplosivo improvvisato.

Nel Bihar, un gruppo di 70 maoisti hanno dato fuoco alla sala ricreativa di una torre mobile nel Rajpur Kaul Marpa.

In un’altra azione i maoisti hanno dato fuoco a due tralicci telefonici nel Mathapada e Kaliatala.

I guerriglieri PLGA hammo causato l’esplosione e la distruzione parziale del gram panchayat (istituzione amministrativa locale) di Mispri nel distretto di Nagpur.

I maoisti hanno incendiato un ufficio governativo, l’agenzia delle entrate di Sironcha e un altro gram panchayat a Kasansur, distretto di Gadchiroli. La strada Dhanora-Rajnandgaon, che collega Maharashtra e Chhattisgarh, è stata bloccata dai maoisti. Si hanno notizie non confermate anche di veicoli incendiati nei pressi del blocco Armori dello (uffici amministrativi) stesso distretto.

I maoisti hanno abbattuto alberi lungo la statale Venkatapuram-Chat a Venkatapuram, nel distretto di Khammam, intorno alla mezzanotte.

Cronaca secondo giorno

Unità dell'Esercito di Liberazione Popolare Guerrilla hanno attaccato e sparato contro la stazione di polizia di Hariharganj, distretto di Palamau, circa 170 km dalla capitale dello stato Ranchi. Circa 400 maoisti hanno attaccato la stazione di polizia. Secondo la polizia nella sparatoria, durata oltre due, ore ci sono non state vittime da entrambe le parte.

Ripetitori di telefonia mobile appartenenti ad una società privata sono stati fatti saltare con esplosivo nei blocchi di Haidar Nagar e Hussainabad nel distretto di Palamu. Non si ha notizie di vittima nell'incidente.

In in’altra azione i maoisti hanno dato alle fiamme un camion lungo la strada Jharmunda- Nuapada a Padampur, distretto di Bargarh.

Inoltre, i maoisti hanno bloccato la zona collocando tronchi d'albero lungo la carreggiata per fermare il traffico in tutto il distretto.

I Maoisti hanno fatto saltare in aria un ponte sulla strada statale numero 30, che collega la regione alla capitale dello stato Bastar, innescando potenti mine, riferisce IBN Live. Il traffico è stato bloccata per ore dopo lesplosione.

In Bihar i maoisti hanno avuto uno scontro a fuoco con la polizia nei pressi della stazione di polizia di Dhivra nel distretto di Aurangabad. Centinaia di maoisti armati sparato contro la stazione di polizia

pc 8 dicembre - la manifestazione NO TAV è in corso

Il movimento No Tav torna in piazza per continuare la protesta nei confronti della tratta ad alta velocità Torino-Lione e per "commemorare" gli scontri di Venaus del dicembre 2005. Lo fa attraverso tre diversi cortei, partiti da Susa, da Chiomonte e da Giaglione.


Il primo si è sganciato dalla principale cittadina della valle in direzione dell'autostrada e della sede della società che la gestisce, la Sitaf. I manifestanti sono circa un migliaio e ad aprire il corteo è un gruppo di bambini, che ha preparato uno striscione fatto con le impronte delle loro dita e la scritta "La valle è nelle nostre mani".

Tra la folla spuntano alcune bandiere della Fiom-Cgil e di Legambiente e alcuni banchetti vendono gadget, tra cui bottiglie di vino con etichetta "No Tav". Uno striscione sintetizza, in piemontese, il perché della protesta: "Trivele e suldà fora d'le bale". Mentre un elicottero della polizia sorvola la zona, la testa del corteo sfila davanti alla sede della Martina, una delle ditte al lavoro nel cantiere Tav.

Prima di dare il via alla manifestazione di Susa il leader del movimento, Alberto Perino, ha annunciato: "L'obiettivo è dimostrare che possiamo arrivare alle reti. Non vogliamo scontri". Avvicinarsi al cantiere è infatti l'obiettivo degli altri due cortei, partiti da Giaglione e Chiomonte. Attorno all'area dei lavori la prefettura di Torino ha istituito una "zona rossa".

La manifestazione di Chiomonte si dirige verso Ramats e la testa del serpentone ha superato l'ultima frazione prima della strada nel bosco. A sfilare sono alcune centinaia di persone, tra cui il consigliere regionale 5 Stelle Davide Bono. Il corteo ha dovuto cambiare tragitto, spiazzato dalle forze dell'ordine che hanno chiuso l'area della centrale idroelettrica con blocchi di cemento e reti, impedendo così l'accesso ai sentieri tra i boschi. Così i manifestanti hanno deciso di salire alla frazione di Ramats per poi scendere verso la Baita Clarea e le reti del cantiere, in piena zona rossa. Tra i manifestanti molti giovani, poche famiglie e diversi gruppi vicino ai centri sociali e a Askatasuna.

Il corteo di Giaglione è partito. Anche questo serpentone è formato da un migliaio di persone. I manifestanti: "Vogliamo arrivare alla baita della Clarea". Con loro anche una banda di paese, che marcia suonando inni. I manifestanti sono ormai in vista del viadotto dell'autostrada. Meno di un chilometro e ci sarà il blocco.

pc 8 dicembre - Lettera di un compagno di Pomigliano D’arco

Lettera di un compagno di Pomigliano D’arco
Ricordo ancora quei giorni, da Torino arrivavano notizie agghiaccianti, i compagni di Mirafiori ci raccontavano che i delegati di FIM, UILM, FISMIC e UGL volantinavano un documento dove si diceva che l’accordo di Pomigliano era nato per dare delle regole a quei lavoratori del sud (i soliti napoletani) che non rispettano le regole, e che quell’accordo non sarebbe mai stato esteso né esportato.

Oggi la Fiat annuncia che quell’accordo, proprio quello di Pomigliano, verrà esteso a tutti i 70mila lavoratori del gruppo.

Da quel giorno tante cose sono successe. C’è stato il referendum di Pomigliano quello a Mirafiori, c’è stato il 16 ottobre il 28 gennaio c’è stata l’unità con gli studenti con i movimenti, c’è stato un risveglio dei lavoratori che avevano capito fin da subito cosa stava accadendo.

Quello contro cui ci si opponeva non era solo un insieme di regole che aumentava i ritmi di lavoro (e già questo avrebbe giustificato momenti di lotta importanti) ma ci si opponeva ad un nuovo modello di relazioni padrone-operaio.

Ci si opponeva all’idea che per lavorare in questo paese bisognava rinunciare a tutti i diritti conquistati in anni di lotta, compagni in ogni parte d’Italia lottavano per il diritto ad un contratto nazionale che ci rendesse realmente tutti uguali indipendentemente dalla posizione geografica, il diritto ad ammalarsi senza essere giudicati da una commissione (la famosa santa inquisizione made in Fiat), si lottava per il diritto a poter avere una vita sociale al di fuori dei cancelli di una fabbrica, si lottava per IL DIRITTO A POTERSI RIBELLARE QUANDO SI SUBIVA UN’INGIUSTIZIA!!! IL DIRITTO A POTER DIRE NO!!!!!

Ma in questa lunga battaglia Fiat ha trovato validi alleati perché sapeva che da sola non c’è l’avrebbe mai fatta, senza l’appoggio determinante di sindacati consenzienti e collusi e di una classe politica impegnata a pensare a come preservare il proprio orticello, relegando i lavoratori sullo scalino più basso della società, Fiat non sarebbe mai passata.

Ricordiamo bene le parole di pseudo-sindacalisti e criminali-politici, bisogna lavorare…c’era chi voleva stendere un tappeto rosso a Marchionne, chi si diceva con lui senza se e senza ma…..
Noi non abbiamo dimenticato niente ed oggi 21 novembre 2011 quelle parole riecheggiano nelle nostre teste, rimbombano quei silenzi dinanzi alle richieste di chi lavora e butta il sangue nei luoghi di lavoro.

Queste persone sono complici e coautori di un delitto, esportare il modello Pomigliano significa esportare un reato… noi tutti ricordiamo la sentenza del tribunale di Torino che dice a chiare lettere CHE QUEL CONTRATTO NASCE CON L’UNICO SCOPO DI FARE FUORI LA FIOM DALLE RELAZIONI SINDACALI.

Nasce per far fuori il dissenso.

Il contratto di Pomigliano ha prodotto solo false promesse (ancora oggi l’80% dei lavoratori sono in cassa) e ha messo nelle mani di Fiat un mezzo di selezione del personale che farebbe invidia ad una qualsiasi dittatura sud americana.

Vari lavoratori lamentano minacce ed intimidazioni da parte dell’azienda che li avvicina dicendogli chiaramente che per rientrare in fabbrica bisogna cancellarsi dalla FIOM.

Tanti sotto enormi pressioni lo hanno fatto e comunque non sono mai stati richiamati per far parte della nuova società.

I pochi lavoratori che sono stati chiamati per fare i corsi (SENZA INTEGRAZIONE AL REDDITO, CIOE’ ANDARE IN FABBRICA A SPESE PROPRIE!!! X GENTILE CONCESSIONE DEI FIRMATARI!!!) sono costretti a non marcare il cartellino e se qualcuno osa fare domande sul perché di tale comportamento o chiede se casomai gli succedesse qualcosa dove risulta che lui era a lavoro, viene avvicinato dai capetti di turno ed invitato a cambiare atteggiamento, pena la non riassunzione.
ECCO QUESTA E’ FABBRICA ITALIA, CHIUSURA DI STABILIMENTI (TERMINI IMERESE IRISBUS, CNH MODENA), MINACCE E REPRESSIONE.

QUESTO è IL MODELLO CHE VIENE ESPORTATO OGGI, E IN TUTTO QUESTO NOI SAPPIAMO BENE CHI SONO I COLPEVOLI E CONOSCIAMO BENE CHE STRADA PRENDERE QUALE COMPITO CI ASPETTA.

LA LOTTA NON è CERTO FINITA DOBBIAMO CONTINUARE A LOTTARE ANCORA PIU’ DECISI ANCORA PIU’ CATTIVI, SE FIAT CISL UIL E ALTRI LACCHè PENSANO CHE CI ARRENDIAMO SI SBAGLIANO DI GROSSO.

I LAVORATORI DI QUESTO PAESE HANNO GIA DATO PROVA IN PASSATO DI SAPERSI DIFENDERE E CONTRATTACCARE!!!

SE FIAT VUOLE ESPORTARE LA REPRESSIONE NOI ESPORTIAMO LA LOTTA DA MIRAFIORI A POMIGLIANO FINO IN SICILIA UNIAMOCI E RIPRENDIAMOCI LE NOSTRE VITE LA NOSTRA LIBERTA’, LA NOSTRA DIGNITA’!!!

FORZA COMPAGNI CERTAMENTE SARA’ PIU’ DURA MA SICURAMENTE NON è FINITA!!!
ALLA LOTTA!!!!!!!!!

Ciro D’Alessio, operaio, FIAT di Pomigliano d’Arco

pc 8 dicembre - contro il piano marchionne - sciopero a cassino

Fermo lo stabilimento Fiat di Cassino, per uno sciopero indetto dalla fiom
ieri alle ore 10 è iniziato lo sciopero dei lavoratori Fiat dello stabilimento di Cassino
contro la scelta della Fiat di uscita dal Contratto Nazionale e all'estensione a tutto il Gruppo
dell'accordo di Pomigliano e la manovra ingiusta e socialmente insopportabile del Governo .
I lavoratori hanno aderito massicciamente allo sciopero di 4 ore indetto dalla Fiom, da nostre stime
il 70% dei lavoratori delle linee stanno scioperando.
Al momento tutte le linee produttive sono ferme.
E' una risposta forte data dai lavoratori e dalle lavoratrici alla Fiat e alla manovra del Governo.

pc 8 dicembre - per il governo le spese militari non si toccano

RISPARMI MILITARI

Dopo il capitolo dei risparmi possibili non finanziando le grandi opere inutili e devastanti - ventitre miliardi soltanto per TAV Torino-Lyon e Terzo Valico ferroviario dei Giovi - oggi mi dedico a quelli che si potrebbero ottenere dalla rimodulazione delle spese militari.
Una grande stretta alle spese in questo campo arriverebbe dal ritiro immediato dei soldati da tutte le missioni di guerra a cui partecipano in giro per il mondo, che costano uno sproposito - soltanto per la guerra in Afghanistan l'Italia spende ottocento milioni all'anno, più di due al giorno - e non hanno alcun motivo di essere.
Ai militari che vanno in missione di guerra sugli scenari internazionali, il Governo riconosce un surplus di seimila Euro, in aggiunta ai 4.233,30 Euro mensili dello stipendio di un soldato o marinaio semplice, la cui diaria giornaliera ammonta a 141,11 Euro; oltre a questa già notevole cifra vanno aggiunti, per raggiungere la cifra di cui sopra, i costi per gli equipaggiamenti da combattimento - aerei, carri armati, e quant'altro - che quando sono in funzione hanno un loro ragguardevole costo.
Capitolo a parte meritano gli F35 Joint Strike Fighters che l'Italia ha deciso di acquistare dagli yanqui: per questa operazione la spesa prevista è di quindici miliardi, che sarebbero investiti in una tecnologia già ora ampiamente superata; questo a prescindere dalla loro obiettiva inutilità, visto che l'Italia già paga la protezione della Nato attraverso le decine di servitù militari che insistono sul suo suolo.

Genova, 08 dicembre 2011
Stefano Ghio - Proletari Comunisti Genova

mercoledì 7 dicembre 2011

pc 8 dicembre - Mumia Abu-Jamal deve uscire dal braccio della morte delle galere USA!

























Mumia Abu-Jamal, uno dei più conosciuti prigionieri politici al mondo, militante delle Pantere Nere, la "voce dei senza voce" è da trent'anni che l'imperialismo USA lo ha "sequestrato" nelle galere della Pennsylvania dopo un processo politico razzista che lo aveva condannato a morte già prima che comparisse davanti alla corte.
Nell'agosto del 1995 una campagna si è sviluppata a livello internazionale per sottrarlo alla sedia elettrica.
Ora il tribunale di Philadelphia ha annullato la condanna a morte e la pena è stata tramutata in ergastolo. E' con grande gioia che salutiamo la notizia che non subirà l'esecuzione di stato.
Ma è evidente l'identica natura persecutoria di questo provvedimento perchè è un'altra forma di condanna a morte!
Per trent'anni Abu-Jamal è stato costretto a sopportare la tortura dell'isolamento in una cella senza finestre dalle dimensioni di un piccolo bagno. Per trenta anni non ha potuto abbracciare i suoi figli, la moglie, la famiglia, o gli amici.
Anche se i boia al servizio dell'imperialismo lo hanno seppellito nelle galere non lo hanno mai piegato e dal braccio della morte Mumia non ha mai smesso di fare sentire la sua voce al fianco degli oppressi, contro le guerre imperialiste, contro la falsa democrazia yankee, in solidarietà internazionalista con i prigionieri politici, per i diritti civili.
Ed è per questo che la tigre di carta USA, attraverso le sue leggi, vuole annientare questo prigioniero-simbolo della ribellione al sistema nel vano tentativo di cancellare le sue idee di rivolta che sono le idee delle masse rivoluzionarie: "tutto il potere al popolo", "il potere nasce dalla canna del fucile", "una sola scintilla può incendiare una prateria".
La lotta deve continuare fino alla sua liberazione!

pc 7 dicembre - genova - verso la rivolta.. operai della fincantieri

Fincantieri, lunedì sciopero
gli operai bloccheranno la cittàDopo l'incontro a Roma con l'azienda che ha annunciato la cassa integrazione per tutti i dipendenti reazione durissima dei lavoratori, che marceranno sulla Prefettura


Una manifestazione dei lavoratori Fincantieri
Otto ore di sciopero e corteo fino alla Prefettura. I lavoratori della Fincantieri di Sestri scendono in piazza contro l'ipotesi sempre più probabile di chiusura del cantiere. Lunedì, quindi, sciopero contro la manovra ma anche contro le fabbriche messe sempre più a rischio. Al prefetto i sindacati chiedono una convocazione urgente da parte del ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera.
Se non c'è più nulla da costruire, allora l'unica prospettiva possibile è quella della cassa integrazione per tutti. Fincantieri si "cautela" di fronte alla prospettiva sempre più nitida di non avere più niente da fare a Sestri da marzo del prossimo anno, quando sarà partita la "Oceania Riviera". Così, di fronte ai sindacati, annuncia la sua intenzione di chiedere al ministero la cassa integrazione straordinaria per due anni per tutti i 741 dipendenti di Sestri. è il picco massimo previsto ed è compreso all'interno di un quadro nazionale, ufficializzato ieri a Roma al comitato consultivo paritetico, che prevede cassa integrazione straordinaria per 3.670 unità.

L'azienda, però, di fronte ai sindacati presenti per statuto, precisa che per quanto riguarda i carichi di lavoro bisogna distinguere fra utilizzo medio (il dato nazionale scende allora a 2.233 unità e a 518 per Sestri) e possibile picco. Tutto quindi dipenderà dalle prossime commesse, ma proprio questo è il punto più dolente per Sestri. L'azienda non ha fatto annunci in proposito (assente l'a. d. Bono, era rappresentata dai direttori Colombo e Sorrentino), ha sfruttato il tavolo per comunicare la procedura di apertura della Cigs, visto che la cassa ordinaria da fine anno è senza copertura, ma non ha lesinato qualche critica al passato governo che, di fatto, avrebbe costretto Fincantieri a congelare il vecchio piano industriale.

Il quadro, da allora, non è cambiato. Anzi, è cambiato in peggio, come dimostrerà fra breve anche lo studio commissionato all'advisor Roland Berger: tutta la cantieristica soffre, così come tutti gli altri settori produttivi. La crisi non risparmia proprio nessuno. Fincantieri resiste grazie a una ritrovata leadership mondiale nel settore delle navi da crociera e un buon carico di ordini sul militare. Ma chiaramente questo non basta per mantenere in piedi l'intero impianto, fanno capire i rappresentanti del gruppo. Da qui la richiesta al governo di sostenere per altri due anni le difficoltà del gruppo. Sestri, da questo punto di vista, rischia di pagare il prezzo più alto, insieme ad Ancona e a Castellammare. Ma anche Marghera andrà incontro a una lunga stagione di sacrifici.

"L'incontro è andato davvero male - commenta rientrando da Roma il segretario genovese della Fiom-Cgil Bruno Manganaro - Bono c'era sempre stato, finora, a questi incontri, ma stavolta ha preferito delegare ad altri. Per Sestri si parla di 741 dipendenti in cassa integrazione, vale a dire tutti quanti. La cassa media? Staremo a vedere, per il momento la richiesta al ministero del Lavoro è per 741 persone. C'è un'altra cosa inquietante in quell'elenco che ci è stato letto, che è quello degli esuberi. Per Sestri la casella è bianca, non c'è un numero e senza lavoro potrebbero anche qui essere tutti quanti".

Spaventano soprattutto certe affermazioni, a margine della richiesta ufficiale, raccolte dai rappresentanti dei lavoratori. "Quel piano industriale presentato e poi bloccato - continua Manganaro - oggi è diventato soltanto "sospeso" e torna quindi di attualità. L'azienda dice di averlo accantonato per le pressioni del vecchio governo, ma la situazione non è affatto cambiata. Che dire? Andremo al confronto con il nuovo governo, cominciando dal ministero del Lavoro per arrivare a quello dello Sviluppo Economico". Oggi assemblea in fabbrica, con sciopero. In attesa di una convocazione da Roma. Ma le speranze di salvare il cantiere di Sestri, assicurandogli nuovo lavoro dopo marzo, oggi sono un po' più flebili.
(mas. m.)
(07 dicembre 2011)

pc 7 dicembre - Mumia abu jamal vince una parte della sua battaglia - niente più pena di morte


Svolta nel caso di Mumia Abu-Jamal
niente pena di morte per la Pantera neraL'attivista e giornalista afroamericano era stato condannato nel 1982 alla sedia elettrica per la morte di un poliziotto. Il suo caso, raccontato dallo stesso detenuto in un libro best-seller, era diventato il simbolo della battaglia contro la pena capitale
PHILADELPHIA - L'attivista delle Pantere Nere, lo scrittore e giornalista Mumia Abu-Jamal, uno dei prigionieri politici più conosciuti al mondo, non sarà giustiziato. Il tribunale di Philadelphia ha annullato la condanna a morte dopo trent'anni di battaglia legale. Abu-Jamal era stato condannato alla pena capitale per la morte del poliziotto Daniel Faulkner nel dicembre del 1981. Secondo la legge della Pennsylvania, la pena è tramutata ora in ergastolo. I sostenitori del 57enne attivista di colore, da Amnesty International al Nobel per la pace Desmond Tutu, hanno sempre sostenuto che Jamal abbia subito un processo ingiusto.

Mumia Abu Jamal, il cui caso è divenuto un emblema per gli oppositori della pena capitale in tutto il mondo, era stato condannato nel 1982 alla sedia elettrica per aver ucciso il 9 dicembre 1981 un agente di polizia a Filadelfia. Il poliziotto, Daniel Faulkner, 25 anni, fu assassinato a colpi d'arma da fuoco mentre stava arrestando il fratello di Abu Jamal. Nella sparatoria fu ferito anche lo stesso Mumia. Tre persone testimoniarono di aver visto Abu Jamal sparare all'agente che aveva fermato suo fratello per una contravvenzione stradale.

Abu Jamal, il cui vero nome è Wesley Cook, ha 57 anni (è nato il 24 aprile 1954). Aveva 15 anni quando fondò la sezione delle Pantere Nere di Filadelfia. Negli anni Settanta divenne uno dei più noti giornalisti radiofonici di colore. In carcere ha scritto "Live from death row", testimonianza diretta delle condizioni di vita nel braccio della morte. Per la sua salvezza in questi anni hanno lanciato appelli numerose organizzazioni umanitarie e movimenti politici, ma anche capi di Stato e Parlamenti.

Nell'ottobre scorso la Corte suprema aveva respinto una richiesta dei procuratori di Philadelphia che volevano reimporre la pena di morte per Abu Jamal dopo che nella primavera scorsa una corte d'appello federale aveva deciso che la condanna dell'esponente nero doveva essere rivista.Oggi la svolta decisiva perchè i procuratori hanno fatto sapere di non voler più fare appello contro la decisione.
(07 dicembre 2011)

pc 7 dicembre - QUANDO I PROFITTI STUPISCONO...

La crisi da sovrapproduzione che a cascata tocca tutti i paesi del mondo non fa scemare il livello dei profitti della maggior parte delle grandi aziende, e ciò stupisce i borghesi stessi, perché naturalmente non capiscono niente della crisi di cui tanto parlano e sulla quale versano fiumi di inchiostro, come si suol dire.

Da un articoletto, intitolato “Quando i profitti stupiscono”, del sole24ore-Plus24 del 3 dicembre 2011 veniamo a sapere, infatti, che “Pochi giorni fa il Department of Commerce americano ha rilasciato la prima stima dei profitti delle società Usa nel terzo trimestre di quest'anno. Stime più economicamente significative rispetto a quelle desumibili dai bilanci societari, che sono redatti con criteri puramente contabili: per esempio registrano gli ammortamenti al costo storico e non a quello di sostituzione (lo stesso dicasi per la valutazione delle rimanenze) […] Ebbene, i profitti non cessano di stupire. Sono ancora aumentati nel terzo trimestre di quest’anno e, in percentuale del Pil e nella versione netta (dopo l’imposta, che è la grandezza più significativa al fine dell’accostamento agli indici di Borsa), sono al livello più alto da quando, nel 1947, è iniziata la contabilità nazionale trimestrale…”

Stiamo parlando di circa 1.500 miliardi di dollari di profitti delle aziende solo negli Stati Uniti!

D’altronde:

Se gli operai nelle fabbriche dei padroni continuano a produrre nel proprio paese e all'estero è perché producono profitti.

Le banche continuano a dichiarare enormi profitti.

Che cosa nasconde l'immensa evasione fiscale se non i profitti?

Che cosa ricicla la mafia e la malavita in generale se non i profitti?

Lo strozzinaggio legalizzato e illegale produce enormi profitti.

Se non ci fossero profitti i ricchi non potrebbero diventare più ricchi come ci racconta anche l’ultima indagine dell’Ocse [Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico] che smentisce una infinità di chiacchiere di partiti politici, esperti e sindacati, sulle ricadute positive dello “sviluppo economico sugli svantaggiati” e che “più sono grandi le ineguaglianze maggiore è la mobilità sociale”.

“In Italia sale il divario sociale”, “I ricchi più ricchi”, “L’1% possiede il 10% del reddito nazionale”, così intitolano alcuni giornali.

Con le chiacchiere sulla crisi i borghesi che diventano sempre più ricchi provano a far passare l’immagine di un paese povero che per riprendersi ha bisogno di sacrifici…

Vediamo con i numeri delle statistiche ufficiali che cosa significa:

60.000.000 circa è la popolazione italiana

24.000.000 circa sono i lavoratori dipendenti

17.000.000 circa sono i pensionati

3.500.000 circa sono i lavoratori in nero

2.500.000 circa sono i disoccupati (e lasciamo da parte per ora quelle “in cerca di occupazione”!)

Già solo con queste cifre siamo a circa 50.000.000, e a fronte di queste circa 600.000 persone, cioè la popolazione di una sola città come Genova, in questo paese ha nelle mani il 10% di tutto il reddito nazionale: se nel 2010 questo reddito ai prezzi di mercato è stato pari a 1.548.816 milioni di euro…

pc 7 dicembre - TRUCK CENTER, VERGOGNOSO! ASSOLTI I DIRIGENTI ENI

Operai della Truck center uccisi 2 volte. "Assolti perchè il fatto non sussiste"! Così 7 dirigenti dell'ENI di Taranto sono stati vergognosamente assolti nel processo bis per la strage del 3 marzo 2008 in cui 5 operai morirono soffocati dall'acido solfidrico nella maledetta cisterna a Molfetta. La giudice di Trani, Maria Grazia Caserta, che chi la conosce dice che si trova in quel posto non certo per meriti professionali, non si è neanche presa la briga di leggersi le migliaia di fogli, documenti che dimostrano in maniera evidente la responsabilità dell'Eni in questa strage, perchè come ha sostenuto il PM Maralfa "non ha evitato che lo zolfo fuso caricato dai serbatoi della raffineria di Taranto fosse messo in circolazione senza una preventiva valutazione dei pericoli"; responsabilità per cui il PM aveva chiesto 3 anni e 4 mesi di reclusione per i 7 dirigenti e un grosso risarcimento all'Eni.
Una sentenza spudoratamente di parte padronale, che offende profondamente i familiari che, soprattutto i genitori di Biagio Sciancalepore, dal 3 marzo 2008 stanno continuando a battersi per la verità e la giustizia, affinchè i veri colpevoli paghino per quegli assassini.
Altrettanto grave è l'altra decisione presa dal Tribunale di Taranto. Quasi contemporaneamente alla sentenza di Trani, il tribunale di Taranto ha archiviato l'esposto contro l'ENI fatto nel 2009 dallo Slai cobas per il sindacato di classe di Taranto nel'ambito della campagna fatta dalla Rete per la sicurezza sui posti di lavoro. Dopo aver tenuto per più di 2 anni nel cassetto quell'esposto, il Tribunale lo tira fuori per archiviarlo giusto pochi giorni prima della sentenza di Trani. Questa coincidenza non può essere un caso!

Come diceva il padre di Biagio Sciancalepore, non possiamo fermarci! E' necessario lottare più di prima. E a gennaio, alla ripresa del processo per gli imputati "minori" delle altre ditte, la battaglia contro l'ENI va ripresa!

Riportiamo stralci dell'Esposto fatto dallo Slai cobas per il sindacato di classe che dimostra in sintesi le precise responsabilità dell'ENI:

"...presso la Raffineria di Taranto il trasportatore riceve solo “la scheda per il conducente” che indica le modalità di trasporto, mentre non riceve “la scheda 16 punti sicurezza e ambiente” che si riferisce al contenuto trasportato.
Questa scheda è essenziale per conoscere esattamente la composizione quantitativa e qualitativa della sostanza trasportata, la percentuale di acido solfidrico contenuta nello zolfo; e, quindi, per adottare le misure di sicurezza relative, per tutta la procedura di carico, scarico/trasporto/bonifica, pulizia cisterne...
L'ENI si limita a far firmare ogni 5 anni la 'scheda sicurezza e ambiente', allorquando devono essere aggiornati i dati. Ma da testimonianze degli autisti emerge che lo stesso aggiornamento va anche oltre i 5 anni, tenuto conto che, nel 2008, era dal 2000 che la stessa non veniva aggiornata.
Anche allorquando viene firmata, gli autisti non sono messi nelle condizioni di leggere tutto il contenuto della scheda. A detta di questi, infatti, la direzione dell'ENI di Taranto mostra loro il documento piegato e chiede di firmare; senza quindi, preventiva lettura...
l'operazione di carico nelle cisterne di sostanze infiammabili viene fatta in assenza di personale addetto dell'ENI...
la vasca di degassificazione contenente zolfo non viene controllata costantemente, e quindi non vengono controllate le percentuali di acido solfidrico contenute nello zolfo...
Una pericolosa conseguenza di questo mancato controllo ricade anche sull'ambiente, dato che dalle vasche vengono immessi nell'aria gas tossici.
Da qui anche l'odore forte di zolfo che a volte si sente nella nostra città. Una pericolosità quindi sia per i lavoratori che operano nell'area dell'ENI che per la popolazione di Taranto, che non viene neanche informata del grado di pericolosità delle sostanze che sono costrette a respirare, anche per intere giornate...
la raffineria Eni di Taranto viola stabilmente le norme di sicurezza per i lavoratori e di tutela ambientale...
l'Eni è responsabile di infortuni mortali avvenuti in questi anni (come la morte dei 5 operai della Truck Center di Molfetta), o di intossicazione alla popolazione.
...Chiediamo di voler accertare se l'omissione delle procedure di controllo e di documentazione prevista, in particolare la mancata consegna agli autisti trasportatori della scheda di sicurezza e ambiente, abbia un fine di lucro consistente nell'abbassare il costo del trasporto ai fini fiscali..."

pc 7 dicembre - a Napoli contro il No marchionne day

In direzione ostinata e contraria… verso il “NO MARCHIONNE DAY”
Martedì 06 Dicembre 2011 13:41 cau . “Finalmente” Monti ha parlato e quello che è uscito della prima riunione del Consiglio dei Ministri davvero operativa, non lascia presagire nulla di buono; ma in fondo ce l’aspettavamo e, come da copione, non ci sono state particolari sorprese. Tra una lacrima e l’altra del Ministro Fornero, è stata pronunciata la magica parola che, sola, condensa il programma del nuovo Governo e la “cura” per l’Italia: sacrifici. Ma sacrifici per chi? È fin troppo scontata la risposta: per i soliti, per chi non ha nulla, per i lavoratori.

Una risposta tanto scontata quanto complessa da elaborare, perché complesso risulta leggere nell’insieme i cambiamenti in atto, cercando di capire come l’uno sia complementare all’altro e quanto possa risultare almeno riduttivo provare a leggerli come pezzi separati. È per questo che, proprio mentre il Governo elencava le misure e i provvedimenti che da subito intende mettere in campo, a Napoli, all’Università Orientale, abbiamo deciso di convocare un primo momento pubblico di dibattito ma anche di lancio di una opposizione sociale che sola, può provare a bloccare questo processo.

Un’opposizione che, come ha detto Francesco Piccioni (giornalista de Il manifesto), con noi in collegamento da Roma, deve fin da subito provare ad essere di massa, coinvolgere ampi strati della popolazione. Insomma, ancora una volta teoria e prassi, smontare l’impianto ideologico predisposto ad arte per convincere tutti a “fare sacrifici in nome del benessere generale”, indicare precisamente da che parte stiamo, spiegare come tutti i provvedimenti siano inseriti in una cornice che può essere, semplificando, “attacco al lavoro in tutte le sue forme”, scendere in campo per opporci a tutto questo e, contemporaneamente, conquistare, con la lotta, quei diritti calpestati che già ora ci appaiono sempre più lontani ed inaccessibili.

È per questo che come campagna “Eat the rich”, abbiamo individuato e condiviso pubblicamente la necessità di costruire una prima giornata di mobilitazione cittadina e generalizzata, in occasione della visita di Marchionne ed Elkann a Napoli, per l’inaugurazione, tra il 14 e 15 Dicembre, della Nuova Panda, che verrà prodotta nei prossimi anni a Pomigliano d’Arco.

Perché Marchionne? Perché rappresenta, in una fase in cui i padroni provano a fare terra bruciata dei diritti dei lavoratori, a comprimere al massimo il salario in tutte le sue forme (diretto, attraverso tagli agli stipendi e aumento delle ore di lavoro; indiretto, attraverso i tagli al welfare e la privatizzazione dei servizi sociali; differito, attraverso l’aumento dell’età pensionabile e la fine del sistema retributivo), la punta avanzata di questo processo, l’apripista a una nuova forma delle relazioni industriali che, anestetizzando ulteriormente i sindacati e provando a eliminare definitivamente quelli più conflittuali, mira alla totale compatibilità tra lavoro e capitale, riducendo al minimo gli spazi nei quali il conflitto può inserirsi, rendendo palesi le contraddizioni e mostrando l'inconciliabilità degli interessi in campo.

Noi non ci stiamo e ribadiamo quello che con la campagna “Eat the Rich” abbiamo fin’ora detto e che, adesso, proveremo a mettere in pratica da subito:
- recuperiamo l'evasione fiscale - ben 120 miliardi evasi ogni anno dai padroni, speculatori, palazzinari!
- facciamo una patrimoniale seria, attacchiamo le rendite e i conti in banca dei milionari e di chi in questi anni si è arricchito alle nostre spalle!
- basta con le agevolazioni alle imprese (circa 30 miliardi all'anno), che prendono i soldi pubblici e poi magari dichiarano fallimento, dando bonus di milioni di euro ai dirigenti!
- tagliamo le spese militari, che producono solo distruzione e morte!
- facciamo pagare l'ICI alle proprietà ecclesiastiche ed il Vaticano, tagliamo i privilegi ed i fondi che gli dà lo Stato!
- tagliamo i costi della politica: vogliamo che ogni parlamentare guadagni quanto un operaio o un precario!
- vogliamo casa, lavoro, pensioni. Servizi sociali, trasporti, sanità, scuola e università pubblici, liberi, gratuiti e di qualità

Al termine dell’assemblea, partecipata da più di un centinaio di persone, siamo scesi in piazza con un mini corteo che per le vie del centro storico ha volantinato e provato a ritagliarsi un primo momento di comunicazione con la città.

Nei prossimi giorni ribadiamo il nostro massimo impegno alla costruzione di una giornata di mobilitazione contro Marchionne e contro questo Governo, partendo dai momenti assembleari che toccheranno tutte le realtà sociali in lotta sul nostro territorio: da Pomigliano, ai lavoratori delle società municipalizzate in mobilitazione, dai disoccupati agli studenti, passando per tutte le altre realtà lavorative in lotta con le quali siamo venuti in contatto nelle scorse settimane, negli scorsi mesi.

EAT THE RICH! CHE I SACRIFICI LI FACCIANO I PADRONI!

pc 7 dicembre - la manovra di Monti - si al taglio delle pensioni no al taglio delle spesi militari - F35 in testa -

Sprechi militari,ogni F35 che acqusteremo 15 mialrdi di euro. Ne abbiamo ordinati 131
Sprechi militari L'impegno dell'Italia nella produzione e nell'acquisto (ne ha ordinati 131 senza sapere quanto salato sarà il prezzo finale) dell'aereo Lockheed Martin. Un pozzo senza fondo

Un programma costosissimo, sostenuto da uno schieramento bipartisan, che il governo Monti non metterà in discussione visto che il ministro della Difesa ne è il maggiore sostenitore La crisi economica, documenta il Censis, ha colpito in Italia soprattutto i giovani, un milione dei quali ha perso il lavoro negli ultimi tre anni. Aumentano quindi le preoccupazioni per il futuro. Tranquilli, a loro e ai loro figli ci pensa la Lockheed Martin: «Proteggere le generazioni di domani - assicura nella sua pubblicità - significa impegnarsi per la quinta generazione di oggi». Si riferisce all'F-35 Lightning II, «l'unico velivolo di quinta generazione in grado di garantire la sicurezza delle nuove generazioni».
Sono stati dunque lungimiranti i governi che hanno deciso di far partecipare l'Italia alla realizzazione di questo caccia (prima denominato Joint Strike Fighter) della statunitense Lockheed Martin. Con il sostegno di uno schieramento bipartisan, il primo memorandum d'intesa venne firmato al Pentagono nel 1998 dal governo D'Alema; il secondo, nel 2002, dal governo Berlusconi; il terzo, nel 2007, dal governo Prodi. E nel 2009 è stato di nuovo un governo Berlusconi a deliberare l'acquisto di 131 caccia che, a onor del vero, era già stato deciso dal governo Prodi. L'Italia partecipa al programma dell'F-35 come partner di secondo livello, contribuendo allo sviluppo e alla costruzione del caccia.
Vi sono impegnate oltre venti industrie: Alenia Aeronautica, Galileo Avionica, Datamat e Otomelara di Finmeccanica e altre tra cui la Piaggio. Negli stabilimenti Alenia verranno prodotte oltre mille ali dell'F-35. Presso l'aeroporto militare di Cameri (Novara) sarà realizzata una linea di assemblaggio e collaudo dei caccia per i paesi europei, che verrà poi trasformata in centro di manutenzione, revisione, riparazione e modifica. A tale scopo sono stati stanziati oltre 600 milioni di euro, presentandolo come un grande affare per l'Italia. Ma non si dice quanto verranno a costare i pochi posti di lavoro creati in questa industria bellica. Non si dice che, mentre i miliardi dei contratti per l'F-35 entreranno nelle casse di aziende private, i miliardi per l'acquisto dei caccia usciranno dalle casse pubbliche.
Per partecipare al programma, l'Italia si è impegnata a versare un miliardo di euro, cui si aggiungerà la spesa per l'acquisto dei 131 caccia. Allo stato attuale, essa può essere quantificata in circa 15 miliardi di euro. Va inoltre considerato che l'aeronautica sta acquistando anche un centinaio di caccia Eurofighter Typhoon, costruiti da un consorzio europeo, il cui costo attuale è quantificabile in oltre 10 miliardi di euro. E, come avviene per tutti i sistemi d'arma, l'F-35 verrà a costare più del previsto.

Il prezzo dei primi caccia prodotti - documenta la Corte dei conti Usa - è risultato quasi il doppio rispetto a quello preventivato. Il costo complessivo del programma, previsto in 382 miliardi di dollari per 2.443 caccia che saranno acquistati dagli Usa e da otto partner internazionali, sarà dunque molto più alto. Perfino il senatore John McCain, noto «falco», ha definito «vergognoso» il fatto che il prezzo dei primi 28 aerei sfori di 800 milioni di dollari quello preventivato. Nessuno sa con esattezza quanto verrà a costare l'F-35. La Lockheed aveva parlato di un prezzo medio di 65 milioni per aereo, al valore del dollaro 2010, ma poi è stato chiarito che il prezzo non comprendeva il motore né i costosissimi sistemi elettronici e all'infrarosso (come andare ad acquistare un'auto, scoprendo che nel prezzo non sono compresi il motore e la centralina elettronica).

L'Italia si è dunque impegnata ad acquistare 131 caccia F-35 senza sapere quale sarà il prezzo finale. Anche perché differisce a seconda delle varianti: a decollo/atterraggio convenzionale, per le portaerei, e a decollo corto/atterraggio verticale. L'Italia ne acquisterà 69 della prima variante e 62 della terza, che saranno usati anche per la portaerei Cavour. E, una volta acquistati, dovrà pagare altri miliardi per ammodernarli con i sistemi che la Lockheed produrrà. Un pozzo senza fondo, che inghiottirà altro denaro pubblico, facendo crescere la spesa militare, già salita a 25 miliardi annui.

Non ci si può illudere che il governo Monti cambi rotta, sganciando l'Italia da questo costosissimo programma. L'ammiraglio Di Paola, oggi ministro della difesa, è il maggiore sostenitore dell'F-35: fu lui, in veste di direttore nazionale degli armamenti, a firmare al Pentagono, il 24 giugno 2002, il memorandum d'intesa che impegnava l'Italia a partecipare al programma come partner di secondo livello. E l'F-35 Lightning (Fulmine) - che, assicura la Lockeed, «come un fulmine colpisce il nemico con forza distruttiva e inaspettatamente» - è il sistema d'arma ideale per la strategia enunciata da Di Paola quando era capo di stato maggiore della difesa: trasformare le forze armate in uno «strumento proiettabile», dotato di spiccata capacità «expeditionary» coerente col «livello di ambizione nazionale». Che l'F-35 garantirà insieme alla «sicurezza delle nuove generazioni».

Manlio Dinucci
Fonte: www.ilmanifest.it

proletari comunisti alla manifestazione di novara di novembre


1000 persone in piazza a novara, ottimo intervento del movimento no tav,
ottima accoglienza per la delegazione di proletari comunisti presente

proletari comunisti aderisce alla manifestazione contro gli F35

perche siamo contro le guerre imperialiste di aggressione, contro gli stati
e i governi imperialisti USA-Europa- italia che usano questi strumenti di
morte
per imporre ai popoli rapina sfruttamento,oppressione, repressione
perchè come dice l'appello per la manifestazione del 12 novembre 2011 a
Novara:
"Mentre si tagliano spese sociali, sanità, pensioni, scuola, ecc., si
spendono venti miliardi di euro per produrre strumenti di morte e
distruzione (131 sono i cacciabombardieri che saranno acquistati
dall'Italia)"
Il settore degli armamenti non vanno mai in crisi , anzi
l'industria bellica viene considerata uno strumento della ripresa..
Non è vero che sul territorio producono bnessere e occupazione
producono, ma solo economia drogata e militarizzazione.
la lotta sul territorio deve assumere i caratteri popolari e di massa che ha
assunto il movimento no tav
ma anche le forme di lotta che questo movimento ha attuato, senza buoni e
cattivi, costringendo il governo
sulla difensiva e smascherando come polizia e militarizzazzione sono al
servizio dei padroni e non dei bisogni ed esigenze dei proletari e delle
masse sul territorio
Governi di centro destra come di centro sinistra sono tutti d'accordo
nello sviluppo basato sugli F35 e sostengono i profitti dell'industria
bellicaper questo la lotta contro gli f35 è anche lotta politica e sociale
contro questi governi
l'ampiezza del movimento va legata alla chiarezza
proletari comunisti è qui con una piccola delegazione, perchè considera
questa battaglia come un pezzo importante della battaglia
generale e nazionale

proletari comunisti ro.red@libero.it

pc 7 dicembre - 1000 in corteo a viareggio contro la strage e le morti sul lavoro, contro il licenziamento di riccardo antonini


Viareggio - Mille al corteo contro il licenziamento di Riccardo Antonini
6 Dicembre 2011

Viareggio – Questa mattina un corteo e uno sciopero indetto dalla Cgil e dalla Fiom per chiedere l'immediato reintegro di Riccardo Antonini, il ferroviere consulente di parte nel processo per la strage di Viareggio, licenziato lo scorso 7 novembre dalle Ferrovie dello Stato.

In mille – studenti, lavoratori, familiari delle vittime della strage, gente comune – sono scesi in piazza; il corteo è partito dalla Casina dei Ricordi, proprio vicino via Ponchielli, teatro della strage del 29 giugno del 2009, il lungo serpentone ha poi attraversato le strade cittadine per arrivare fino alla stazione ferroviaria.

Tanti striscioni in solidarietà a Riccardo, per chiedere più sicurezza sui treni e verità e giustizia per la strage di Viareggio; "Mauro Moretti, mettitelo in testa, Viareggio non si piega, continua la protesta" è uno degli slogan che hanno accompagnato la manifestazione, ancora una volta quindi la città si scaglia contro l'amministratore delegato di ferrovie dello Stato, indagato nel processo per la strage.

A fine corteo è Riccardo Antonini a prendere parola: "non mi tapperanno la bocca , sono al fianco dei familiari delle vittime della strage e faremo il possibile perché non venga dimenticata come tante altre stragi italiane rimaste impunite''. Riccardo ha poi ricordato che oggi è il quarto anniversario della Thyssen Krupp di Torino e ha aggiunto che negli ultimi quattro anni in ferrovia ci sono state 33 vittime sul lavoro, una strage alla quale dire basta.

Ha poi preso la parola Daniela Rombi, una dei familiari delle vittime; Daniela ha ricevuto un'offerta di 480.000 euro per rinunciare alla costituzione di parte civile nel processo, soldi che non ha accettato, affermando che sarebbe bene che venissero investiti nella sicurezza dei treni affinchè stragi come quella di Viareggio non avvengano mai più.

Un'intera città ha mostrato oggi la volontà di non arrendersi davanti all'arroganza di chi vorrebbe perseguire la strada delle stragi impunite riducendole a "spiacevoli episodi" (così l'ad Mauro Moretti ha definito la strage del 29 giugno 2009).
Viareggio si è stretta ancora una volta attorno ai familiari delle vittime e a Riccardo Antonini, che insieme a tanti altri lavoratori, lotta giorno dopo giorno per la sicurezza sui treni. La battaglia per il reintegro di Riccardo è una battaglia per i diritti che va portata avanti collettivamente proprio come ha dimostrato Viareggio oggi.

VIDEO :

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=-HUUnsu49vw