sabato 13 novembre 2010

pc quotidiano 13 novembre - Gru di brescia..cronaca di venerdì pomeriggio-sera

ALLARME ROSSO: ARRESTI E CARICHE DURANTE LO SGOMBERO DEL PRESIDIO PERMANENTE SOTTO LA GRU
Aggiornamenti in tempo reale su: Radio Onda d'Urto

[Venerdì 12 Novembre]
Ore 21.00: Situazione tornata alla relativa tranquillità in San Faustino. Partita ora una trattativa per rompere la guerra di logoramento a cui i migranti sono costretti dalla questura: coperte e viveri saranno forniti dagli antirazzisti mentre la Caritas si impegnerà a portarli ai migranti. Il tutto con la supervisione di un delegato antirazzista e/o delle associazioni migranti.
La corrispondenza con Manuel che spiega i contenuti della trattativa

Ore 20.30: Momenti di forte tensione quando un gruppo di antirazzisti ha tentato di avvicinarsi verso il confine della linea del presidio in via San Faustino. La questura ha minacciato di portare cariche sugli antirazzisti che però stavano portando cibo e coperte ai migranti poichè da questa sera rifiutano gli approvigionamenti della Caritas. Il motivo del loro rifiuto è legato al totale isolamento in cui sono stati costretti e alle fortissime pressioni della questura, aggravato dall’impossibilità di riconoscere gli interlocutori che orbitano intorno alla gru: strani mediatori, presunte associazioni di migranti arrivate da fuori città, personale di consolati e ambasciate straniere oltre a funzionari delle forze dell’ordine e ambigui faccendieri hanno già spinto alla resa Papa e plagiato Singh. Ora tentano di prendere i quattro migranti rimasti sulla gru per fame e per freddo.
La corrispondenza di Rosangela della redazione

Ore 20.00: 35 metri sotto la gru, davanti alla chiesa di San Faustino, prosegue intanto il presidio antirazzista, anche stasera animato da iniziative artistiche e centinaia di persone solidali con la lotta dei quattro immigrati.
La corrispondenza con Marco della redazione.

Ore 19: Aggiornamento da via San Faustino dove stanno affluendo come tutte le sere moltissime persone: questa sera inoltre è previsto un “happening” teatrale in piazza dal titolo “il paradosso di Mocacev”. Un monologo di Edo Martinelli (portate un block notes, capirete il perchè!).
La corrispondenza con Marco della redazione
Ore 18.30: Anche a Firenze un centinaio di compagni e compagne della campagna NO CIE di Firenze sono in presidio all’esterno della prefettura per solidarietà ai migranti e antirazzisti in lotta a Brescia. Vi proponiamo la corrispondenza realizzata con Pine, uno dei compagni della campagna

Ore 18: iniziativa di solidarietà a Parma da parte della rete dei diritti. Emilia-Parma

Ore 17.30: Vi proponiamo anche l’intervento di Umberto dell’associazione Diritti per tutti che presenta alla stampa un appello firmato da commercianti del centro e delle zone intorno al presidio che si lamentano della militarizzazione avvenuta a partire da lunedì. Oltre a questo denuncia l’atteggiamento tenuto dalla Questura in tema di isolamento dei migranti sulla gru: Sajit sta male e non gli viene concesso di vedere un medico e i ragazzi non mangiano perchè vogliono solo cibarsi di quanto gli viene dato dalle loro comunità di riferimento e da chi gli ha sostenuti da subito. Ascolta il suo intervento

Ore 17: conferenza stampa presso il presidio spontaneo di via san Faustino da parte delle realtà che sostengono la lotta dei migranti sopra e sotto la gru. Vi proponiamo il contributo nel quale Gabriele dell’associazione Diritti per tutti porta la solidarietà nei confronti dei migranti che sono scesi dalla gru oggi e due giorni fa e denuncia il comportamento della questura di Brescia Ascolta

Ore 15: i fascisti di forza nuova di fronte alla grande mobilitazione antirazzista hanno rinunciato a una manifestazione nazionale a Brescia annunciata mesi fa e prevista inizialmente per domani. Gli antifascisti e le antiasciste bresciani che si erano dati appuntamento fuori dalla loro sede per una contromanfiestazione hanno deciso di ritrovarsi alle 14 in piazza Loggia domani per portare solidarietà ai migranti e antirazzisti in lotta sopra e sotto la gru. Qui l’articolo completo, il comunicato e l’intervista a un compagno della rete antifascista

Ore 14:00: la protesta si allarga e si fa musica. Isaia e l’Orchesta di Radio Clochard, da settimane a fianco della lotta, hanno scritto un brano per i fratelli migranti a 35 metri d’altezza. Il brano si chiama “Sulla gru” e vede diverse collaborazioni di artisti bresciani.

pc quotidiano 13 novembre - India - il PCm India dichiara che le proposte di conversazioni esposte dal primo ministro indiano sono assurde...

dallo spagnolo in via di traduzione

[El texto del PCI (Maoísta) que os ofrecemos a continuación tiene una especial trascendencia: en el proceloso océano de la actual crisis capitalista, desde cada orilla del revisionismo y el liquidacionismo se entonan cantos de sirena sobre la buena nueva de la no violencia, la fe en el electoralismo y la contrición por pasados “errores”. Por utilizar otra expresión que ha hecho fortuna, es tarea de los comunistas –y no de las menos importantes- transformar esos cantos de sirena en el canto del cisne de la revisión y la liquidación.]

Publicado en Economic and Political Weekly, en octubre de 2009. Págs. 76-78

El Primer Ministro Manmohan Singh y el Ministro del Interior, Palaniappan Chidambaram, han hecho la más absurda de las propuestas para mantener conversaciones con el Partido Comunista de la India (Maoísta): que éste abjure de la violencia. Mientras se dedican a reclutar a miles de paramilitares y llevan a cabo brutales agresiones contra el inerme pueblo adevasi y los revolucionarios maoístas, hablan de la violencia de los maoístas. El terrorismo de estado, el terrorismo de extrema derecha y el terrorismo patrocinado por el estado se han convertido en la mayor amenaza contra la paz y la seguridad en nuestro país. El gobierno de la Alianza Progresista Unida, dirigida por el partido del Congreso, tiene en su haber la masacre de más de 2.000 personas –entre ellas numerosos revolucionarios maoístas- en los últimos cinco años. Y sin embargo, el gobierno dice que está poniendo en práctica el “estado de derecho” y pide a los maoístas que depongan las armas y se sienten a conversar.

Pedir a los maoístas que depongan las armas como precondición para las conversaciones revela una total ignorancia de los factores históricos y socioeconómicos que han dado origen al movimiento maoísta. El Comité Central (CC) del PCI (Maoísta) deja meridianamente claro que deponer las armas significa una traición a los intereses del pueblo. En su día tomamos las armas en defensa de los derechos del pueblo y para lograr su liberación de toda forma de explotación y opresión. Mientras las tales existan, el pueblo seguirá armado.

Sin embargo, se podría alcanzar un acuerdo de cese el fuego por ambas partes si el gobierno deja de defender irracionalmente que los maoístas deberían abjurar de la violencia. El gobierno debería recapitular sobre sus propios actos y decidir si está preparado para abjurar del terrorismo de estado y de la violencia desencadenada contra el pueblo. Si son mínimamente serios sobre la cuestión de las conversaciones, deberían crear en primer lugar un clima propicio poniendo en práctica honestamente al menos lo que se garantiza en la Constitución india que ellos mismos juran.

Deberían detener los secuestros ilegales de maoístas y de personas sospechosas de prestar apoyo a los maoístas. Deberían parar de inmediato las torturas y los asesinatos de personas inermes, dar órdenes a sus llamadas fuerzas de seguridad para que dejen de violar a mujeres en las zonas bajo control maoísta, abandonar su política de destrucción de la propiedad del pueblo y los incendios de las aldeas adivasis. Deberían retirar las bases de policía y de fuerzas paramilitares de edificios que albergan colegios, gobiernos comunales, y de las zonas del interior para, de ese modo, infundir una cierta sensación de seguridad en el pueblo. Deberían desmantelar las bandas de vigilantes armados auspiciadas por el estado tales como Salwa Judum, Sendra, Gram Suraksha Samiti, Nagarik Suraksha Samiti, Shanti Sena, Harmad Bahini, y otras.

Se debería crear una comisión judicial de encuesta, imparcial, que investigue las atrocidades inhumanas cometidas contra los maoístas y el pueblo en general por la policía, las Fuerzas de Policía de la Reserva Central (CRPF, en sus siglas en inglés), otras fuerzas del estado y las bandas de vigilantes. Una vez se llevaran a cabo las investigaciones, se debería castigar a los culpables de acuerdo con la ley. Todos los detenidos por ser maoístas o sospechosos de ayudar a los maoístas, incluidas en particular las personas que no tienen relación alguna con nuestra organización, deben ser puestos en libertad incondicionalmente. Deberían derogar todas las leyes y normas draconianas tales como la Ley (de Prevención) de Actividades Ilícitas (UAPA, en sus siglas en inglés), la Ley Especial para la Seguridad Pública de Chhattisgarh, la Ley de Poderes Especiales de las Fuerzas Armadas (AFSPA, en sus siglas en inglés), etc. Deberían desmantelar los campos de concentración organizados por el Gobierno con la excusa de rehabilitar a los adivasis desplazados de sus aldeas, pagar indemnizaciones justas a más de doscientos mil adivasis que fueron desplazados a la fuerza por la acción conjunta de las bandas de Salwa Judum y de las CRPF. Todas las víctimas del estado y del terrorismo de estado, es decir, los asesinados, mutilados, las mujeres violadas y todos aquellos con secuelas psíquicas deberían recibir compensación adecuada.

En cuanto a las cuestiones socioeconómicas, la minería y otras actividades como los llamados proyectos de desarrollo que provocan el desplazamiento de los pueblos indígenas y la destrucción de su modo de vida deberían ser desmanteladas de inmediato. Todos los memorandos de entendimiento (MOU, en sus siglas en inglés) firmados con las grandes multinacionales imperialistas como Vedanta y otras grandes empresas como Tatas, Mittal, Essar, Jindal, etc., deberían quedar sin efecto. La política de Zonas Económicas Especiales, lanzada a bombo y platillo, debería desecharse inmediatamente junto con la política colonial de adquisición de tierras.

Las tierras arrebatadas a los pueblos indígenas por feudales sin escrúpulos y que no pertenecen al pueblo adivasi, así como por el Gobierno, se deberían reintegrar a sus legítimos propietarios. Si se cumplen estas condiciones, entonces se puede pensar en conversaciones para discutir sobre aquellas cuestiones más profundas que impiden el desarrollo real de nuestro país.

El Comité Central del PCI (Maoísta) afirma inequívocamente que la propuesta de conversaciones de paz del Gobierno es sólo una maniobra de propaganda. Tras la decisión de Comité de Seguridad del Consejo de Ministros en que se dio luz verde a la ofensiva masiva contra los maoístas, hablan de la paz. Hacemos un llamamiento a todas las fuerzas democráticas y amantes de la paz para que se opongan a los preparativos de guerra contra el pueblo oprimido y pisoteado de nuestro país.


Comité Central del PCI (Maoísta)

pc quotidiano 13 novembre - Nepal la deriva revisionista dI Prachanda sempre più compromette la rivoluzione nepalese


testo in spagnolo in via di traduzione

NEPAL: Prachanda partidario de estrechar lazos con regímenes de China y la India


En declaraciones realizadas en una entrevista reciente Prachanda da una nueva demostración de su deriva revisionista y oportunista. Las organizaciones y camaradas que dentro del campo maoísta todavía albergaban esperanzas de rectificación por parte de Prachanda y sus secuaces deberían poner punto final a sus infantiles ilusiones y asumir que estos se han perdido definitivamente para la Revolución.

Un momento culminante de esta entrevista son los planes de Prachanda para forjar un acuerdo con el régimen reaccionario indio y los imperialistas chinos con los objetivos de desarrollo de lazos económicos más estrechos y dar satisfacción a China y la India en "motivos de seguridad." Como parte de esta estrategia, Prachanda realizo un viaje a Nueva Delhi el 15 de noviembre .


Prachanda también reitera su pleno apoyo a la integración de un número no revelado de los 19.000 miembros del Ejército Popular de Liberación (que han sido alojados en campamentos desde hace cuatro años) en el Ejército de Nepal. Este es el mismo EPL que estaba luchando con el fin de liberar al 80% del campo de Nepal hasta que a partir de 2006 Prachanda y el liderazgo del Partido Comunista de Nepal (Maoísta) suspendieron la guerra popular para llegar a ser un partido electoral en busca de un reformista camino pacífico hacia el "socialismo ."

En la entrevista Prachanda afirma que quieren comenzar una nueva página en la relación con la India, un estado que lleva adelante una feroz operación de represión contra el pueblo hindú llamada Operación Green Hunt. Este es el internacionalismo proletario de Prachanda con los maoístas indios estrechar lazos con quien los reprime y asesina.

Sobre la China revisionista dice que en el plano ideológico estan naturalmente interesados en el estudio de la evolución en China. Elogia que los dirigentes chinos siempre han subrayado la necesidad de garantizar la paz y el desarrollo (en Nepal) y que les han nos aconsejó mejorar las relaciones con la India.

En la entrevista Prachanda también defiende una alianza tripartita estratégica entre China, la India y Nepal y dice que es necesario que haya un entendimiento común.

pc quotidiano 13 novembre - oggi in piazza a brescia e ovunque sia possibile

solidarietà e giustizia per i nostri fratelli immigrati

contro la giusta lotta degli immigrati si sviluppa la violenza di stato, le leggi del governo moderno fascista e razzista
cariche, arresti, espulsioni questa la risposta barbara e incivile contro la piu’ civile delle lotte
e ‘ partita una mobilitazione nazionale solidale in tutte le citta italiane che va portata in tutte le manifestazioni in corso
organizziamo presidi di solidarieta ‘ e denuncia



diritto di cittadinanza per chi lavora
permessi di soggiorno per tutti
uguaglianza dei diritti sui posti di lavoro e in materia di precarietà e disoccupazione
la chiusura dei CIE,
l’abolizione del pacchetto di sicurezza antimmigrati

pc quotidano 13 novembre - Puzza di elezioni, astension e e boicottaggio elettorale

“La gente è stufa dell’una e dell’altra parte politica” così sintetizzano i due centri di ricerche demoscopiche, Ispos e Crespi, che mettono oggettivamente sull’avviso politici e padroni sui possibili risultati delle prossime elezioni.

Si comincia a parlare di possibili elezioni ed entrano tutti in fibrillazione. Si fanno portavoce delle preoccupazioni dei padroni e dei politici, diversi articoli del sole24ore dei giorni scorsi, che riprendono le analisi di queste ricerche, per analizzare il “fenomeno” dell’astensione, nei suoi vari aspetti,che nel nostro paese rappresenterebbe una specie di novità.

Dal modo in cui trattano la questione si capisce che gli esperti conoscono bene le cifre che interessano il fenomeno, cifre che normalmente si cerca di occultare o di far passare in sordina prima durante e soprattutto dopo le elezioni.

E che cosa dicono queste cifre?

“Da molti anni l’astensionismo in Italia è in crescita. Fino al 1976 la partecipazione elettorale è rimasta stabilmente sopra il 90% poi ha cominciato a calare e il declino non si è più fermato.”

Adesso siamo attorno al 60%, come media nazionale e questo significa che in alcuni posti si scende già sotto il 50%.

Questo dato viene considerato comunque già acquisito dagli esperti, perché è la tendenza che negli anni si afferma nei cosiddetti paesi civili.

Anche la cosiddetta “intenzione di voto” degli elettori, cioè come pensano di votare, è in aumento, infatti, dice l’articolo: “Che l’intenzione di non andare a votare sia cresciuta toccando la cifra record del 40-43% non è una novità.”

Secondo gli esperti la novità invece è la seguente:

“È un inedito, invece, il fatto che i ceti medi più alti – laureati, insegnanti o imprenditori – dichiarino di volersi astenere. Insomma, proprio i più mobilitati, partecipi e informati prendono le distanze dai partiti e fanno schizzare la percentuale di astensione che li riguarda dal 2-3% delle scorse regionali al 9% misurato oggi dall’istituto di sondaggi Ipsos.”

E da qui il titolo spaventato dell’articolo: “Ora anche i laureati non vanno alle urne: il 9% rinuncia al voto.”

Aumenta quindi l’astensione tra quelli che lo storico Ginsborg definisce “ceto medio riflessivo”. Il perché viene detto senza mezzi termini:

“Tutto questo dipende dalla debolezza della proposta politica. Detto in breve: si sono stufati dell’una e dell’altra parte. […] E questo non tocca solo i due partiti più grandi – Pd e Pdl, - continua l’articolo - ma anche chi vuole debuttare sulla scena.

“Per Gianfranco fini e il suo futuro e libertà. Per il terzo polo con i suoi eventuali leader. E per la sinistra rimobilitata da Nichi Vendola.

“Lo scarto tra le attese create e quelle verificate determina la fuga dal voto. Da un lato gli elettori di fascia più alta del Pdl sono delusi sul piano pratico, concreto, dei risultati del governo. Dall’altro il centro-sinistra somma una delusione accumulata nel tempo a quella recente.”

“Ormai si sono create delle tribù di elettori che Vendola o Grillo hanno interpretato ‘rubandole’ al PD, ma il vero punto è l’indebolimento del cemento ideologico di sinistra che non è stato rinnovato da una proposta alternativa.”

La nuova ondata di astensione è giovane, donna e meridionale dato che “tra le elezioni del 2008 e quelle del 2006 si sono annullate le differenze tra uomini e donne” e “la percentuale di non votanti è raddoppiata tra gli elettori nati dopo il 1965 mentre è rimata stabile tra quelli nati prima del 1946.” E “si continua a votare più nelle regioni del nord e del centro.”

L’astensione degli elettori al nord colpisce dunque di più dato che quelli che non votavano “In passato erano gli elettori più periferici, donne, giovani, anziani, persone con un basso titolo di studio, residenti nelle aree più marginali.” Così vengono definiti i proletari e le masse popolari soprattutto del sud che con i vari governi dei padroni hanno solo visto peggiorare le proprie condizioni. E come dicono loro stessi “non possono più sognare un futuro”.

Gli articoli si concludono in maniera amara per chi li scrive, dice uno “Il dato dell’astensione viene spesso sottostimato, quindi se sin andasse alle urne oggi, a non votare sarebbe quasi il 50%.[…] Non è un buon segno.” Certamente per i padroni e i loro lacchè, per i ladri in giacca e cravatta e i parassiti di ogni risma, per i guerrafondai, i corrotti, ecc.ecc.ecc., aggiungiamo noi!

È un segno della inarrestabile delegittimazione del potere, è un buon segno per i proletari che vogliono cominciare a cambiare, mettendo in campo il boicottaggio elettorale!

pc quotidiano 13 Novembre - il crollo continuo... battaglia per la sicurezza anche nelle scuole

Una nuova tragedia si è sfiorata in una scuola questa settimana: nel liceo psico-pedagogico di Enna infatti lunedì scorso Simone C., uno studente quattordicenne, è rimasto ferito a causa del crollo improvviso di un controsoffitto di una delle aule dell’ala nuova!! dell’edificio, inaugurata solo 2 anni fa. . Una docente invece è stata invece solo sfiorata dai calcinacci. In ospedale al giovane studente, ricoverato per alcuni giorni, sono state riscontrate contusioni al collo e diverse escoriazioni Dalle prime ipotesi dei tecnici della Provincia è emerso che dal controsoffitto si sarebbero staccati dei parta lampada non ancorati bene.
Ancora un incidente, per fortuna non mortale, all’interno di una delle tante scuole che nel nostro paese cadono letteralmente a pezzi, scuole dove gli studenti, il personale rischiano grosso ogni giorno, non possiamo affatto dimenticare la tragedia avvenuta nel novembre 2008 nella scuola Darwin di Rivoli, in provincia di Torino, dove l’improvviso sbriciolarsi di un tetto spezzò la vita al giovane diciassettenne Vito Scafidi e ha costretto alla paralisi alle gambe un altro studente.
Quante inchieste, denunce, mappature si sono susseguite in questi ultimi anni, mai smentite nei loro dati, fatte da diversi enti e associazioni sullo stato dell’edilizia scolastica: si calcola che il 58% delle scuole nel nostro paese non ha il certificato di agibilità scolastica, il 30% è privo del certificato igienico-sanitario, il 50% ha carenze nelle misure di prevenzione incendi, tante si trovano in prossimità di zone inquinate e a rischio, molte scuole sono ospitate in edifici progettati per tutt’altra destinazione e mai adeguati a norma, numerosi edifici sono fatiscenti e in condizioni igieniche precarie… e potremmo purtroppo continuare! Come se non bastasse, grazie alla scellerata riforma del governo Berlusconi/Gelmini/Tremonti, moltissime classi nelle scuole sono sovraffollate, a causa dei pesanti tagli ai posti di lavoro degli insegnanti, con la conseguenza di un numero di studenti per aula in palese violazione alle norme sulla prevenzione e sicurezza.
E queste sarebbero le scuole in cui gli studenti dovrebbero essere educati “alla sicurezza, alla prevenzione degli incidenti sul lavoro”!
“Creare la cultura della sicurezza” ”basta con l’incuria e lo stato di inquietante insicurezza”: come risuonano sempre più vuote e false le parole del governo e delle istituzioni, a partire dal presidente Napolitano, dette ogni volta che accade un fatto grave ma poi si continua indisturbati a “derogare” sull’applicazione delle norme sulla sicurezza.
Ma si sa, la logica e l’agire del governo sono al servizio dei padroni: come nelle fabbriche non “vale la pena”di investire sulla sicurezza perché quello che deve contare è lo sfruttamento sfrenato degli operai per accumulare sempre più profitto così deve essere anche nelle scuole dove a fronte di un selvaggio taglio ai finanziamenti e alle risorse, il governo vuole marciare rapido verso lo smantellamento dell’istruzione pubblica per imporre invece una scuola sempre più a misura dei padroni utile a sfornare nuove e fresche braccia e menti da sfruttare.

La tragedia di Rivoli, gli incidenti che accadono sempre più spesso nelle scuole non solo ci devono indurre a fare seriamente la battaglia per la sicurezza nelle scuole ma ci devono spingere con forza alla lotta più generale contro il governo, al servizio dei padroni, per i quali la vita degli studenti, dei lavoratori non conta nulla.

venerdì 12 novembre 2010

pc quotidiano 13 novembre - Intifada nel Sahara occidentale



Attivisti in difesa dei diritti umani denunciano la situazione gravissima che sta vivendo in questo momento la popolazione sahrawi nel Sahara Occidentale occupato, nella città di El Ayoun sotto assedio, dov'è in corso una battaglia campale contro il terrorismo di stato del regime del Marocco di Mohamed VI che sta portando avanti un massacro, con una caccia all'uomo casa per casa. L'esercito, assieme alla polizia, è entrato con la violenza nelle case del barrio di El Ayoun, uccidendo intere famiglie e bambini, torturando e arrestando noti attivisti a difesa dei diritti umani colpevoli di aver manifestato contro il massacro nell'accampamento sahrawi di Gdeim Izik avvenuto l'8 novembre con gas lacrimogeni ed idranti da parte delle forze della repressione marocchina.
Il Fronte Polisario denuncia 19 vittime e centinaia di desaparecidos.
"La stampa internazionale che si interessa alla questione del Sahara Occidentale è nel mirino delle autorità marocchine", denuncia di Reporter Sans Frontières.
Gli attivisti in difesa dei diritti umani definiscono un "autentico genocidio" quello in corso contro il popolo sahrawi e fanno appello al Consiglio di sicurezza dell'Onu e all'appoggio della comunità internazionale. Gli attivisti denunciano che il regime del Marocco sta sterminado il popolo sahrawi nell'indifferenza dei governi spagnolo e francese, responsabili anch'essi di questo conflitto.
Questa è la risposta del colonialismo del regime marocchino ai negoziati iniziati, sotto il patrocinio Onu, proprio l'8 novembre vicino a New York, con il Fronte Polisario che si batte per l'indipendenza del Sahara occidentale occupato.

prolcomra

pc quotidiano 12 novembre - disoccupati organizzati nel cuore del nord est

salutiamo con sostegno e interesse la marcia dell'autorganizzazione dei disoccupati non solo al sud ma anche nel cuore del nord est

un appello all'unità e al coordinamento di lotta su scala nazionale è venuto dall'assemblea di napoli del maggio scorso per iniziativa dei disoccupati organizzati dello slai cobas per il sindacato di classe di taranto , del movimento di lotta oper il lavoro Banchi nuovi di napoli, a cui si sono unite altre realtà campane, i precari e disoccupati delle cooperative - slai cobas per il sindacato di classe di palermo, le cooperative sociali usi ait di roma
altre assemblee ci sono state il 6 e 7 novembre a torino e milano con nuove realtà di lotta che si coordinano e uniscono nella lotta per il lavoro e il salario garantito contro precarietà e sfruttamento

da treviso

Siamo venti e più tra i cento lavoratori e lavoratrici della Cooperativa Quadrifoglio che aveva sedi a Treviso e a Padova ma che è nata a Chioggia. Questa “cooperativa” oggi è stata messa in “liquidazione volontaria” senza l’accordo e la votazione di noi soci lavoratori. La operazione è ancor più truffaldina però !

Infatti la motivazione della chiusura è che non c’è lavoro, ma nel contempo è stata aperta una “cooperativa” nuova, la QuadriCoop, che continua lo stesso lavoro della precedente. In questo modo si vogliono disfare comodamente di 100 lavoratori, di noi che come tanti lavoratori non solo immigrati come noi ma anche italiani, siamo diventati “di troppo”, e allo stesso tempo continuare il lavoro con nuove vittime di questo modo antiCostituzionale ed antiDemocratico, di aprire delle “cooperative” per poi chiuderle e riaprirle ! Le leggi che permettono di fare cose come queste sono leggi sbagliate !

Una Cooperativa che si rispetti lo è per davvero, non per il motivo di esistere al fine di non pagare tasse e contributi e di lasciarci a casa disoccupati e senza indennità perché ci chiamano a contratto “facchini” o “operaia delle pulizie” e invece dovremmo essere contrattualmente degli operai ! Se una azienda chiude, che chiuda davvero ! Una azienda che frega per primi i propri dipendenti, come può avere la fiducia dei suoi “clienti” ? Solo se i suoi clienti, come nel caso della Cooperativa Quadrifoglio, sono gli stessi padroni delle fabbriche che in questo modo evitano di assumere operai, e magari risultano avere MENO di 15 dipendenti !

Siamo stati assunti divenendo soci della Cooperativa, lavorando tra molti sacrifici per anni in moltissime fabbriche della provincia di Treviso, e in parte della provincia di Padova e di Venezia, da Vittorio Veneto fino a Marghera. Essendo soci, ci spettavano per legge ogni anno le quote degli utili, ma utili per noi questa “cooperativa” non ne vedevamo mai, e non ci facevano lavorare nemmeno tutti i giorni, lasciandoci a casa anche per settimane, a volte per mesi, con buste paga irrisorie, anche di 100, o 200 euro.

Abbiamo vissuto in questa maniera, prendendo ordini da due padroni diversi, in fabbriche spesso diverse, e quando ci pagavano gli straordinari, lo facevano di nascosto alle leggi, perché altrimenti avrebbero dovuto ammettere che dovevano darci più lavoro. Per contratto, ci spettava di lavorare 40 ore a settimana, ma questo, appunto, non avveniva sempre, mentre in certi periodi ne facevamo anche 50 di ore alla settimana ! Se ad uno di noi capitava un infortunio sul lavoro, ci dicevano di non denunciarlo, che sennò perdevano l’appalto, e poi ci lasciavano a casa lo stesso ! Queste sono state le condizioni in cui abbiamo vissuto e lavorato in molte fabbriche, Arredo 3 a Scorzé, Aceto Ponti, D.R.B., Global Magazzini, Europoligrafico, Galvea, Pasta Zara, Idromacchine, ecc.ecc.

Avremmo dovuto essere operai come gli altri, con pari diritti. Adesso dobbiamo lottare, ed affidarci alla giustizia, per riavere quello che forse nessuno ci vuole ridare più: un LAVORO !

Per questo siamo solidali con chi lotta come noi in tutta Italia, con gli immigrati che rivendicano diritti ed eguaglianza, perché nel mondo di oggi non ci sono confini per sfruttare gli esseri umani, ed allora non ci debbono essere confini nemmeno per l’eguaglianza ed il diritto !

DISOCCUPATI ORGANIZZATI SLAI COBAS PER IL SINDACATO DI CLASSE

COOPERATIVA QUADRIFOGLIO TREVISO-PADOVA
In distribuzione dal 12 novembre 2010

pc quotidiano 12 novembre - SU CAMUSSO, FACILI PROFETI!

Eravamo stati fin troppo facili profeti. La Camusso, dopo aver festeggiato con i dirigenti di cisl, uil, rappresentanti delle associazioni padronali, ecc. la sua nomina a segretaria nazionale della Cgil, ha iniziato subito, senza aspettare neanche un giorno, la sua azione di ricucitura con i sindacati dei padroni e di partecipazione ai Tavoli in cui si stanno decidendo le ulteriori tappe di svendita dei diritti degli lavoratori. E purtroppo tutto quello che avevamo scritto e paventato rischia di attuarsi anche peggio del previsto, sia nei contenuti, sia nel metodo, mettendo da parte ogni parvenza di democrazia interna alla Cgil (“La posizione della Cgil al tavolo non è stata discussa” - denuncia il segr. Landini della Fiom), e scavalcando la Fiom nelle materie di contrattazione (“sulla produttività la titolarità non è confederale, ma delle categorie” - ha criticato sempre Landini).
Ma le critiche della Fiom per il momento non intaccano la nuova segretaria visto che i referenti della sua linea e azione sono soprattutto fuori dal sindacato.

La Camusso ha detto che vuole: “riconquistare un nuovo modello contrattuale” - dichiarandosi di fatto disponibile a discutere di quel modello che punta a dividere i lavoratori, spezzarne la forza contrattuale, far venir meno le garanzia di salario, di diritti comuni, a introdurre con la priorità dei contratti aziendali delle rinnovate gabbie salariali, e il legame sempre più stretto tra salario e produttività (che diventa inevitabilmente: lavorare di più e prendere di meno perchè “c'è la crisi...”);
Poi la Camusso ha avvisato la Fiom che “Noi non ci autoescludiamo dai Tavoli” e ha ricordato che già sono stati raggiunti “accordi su 4 punti: ammortizzatori sociali, innovazione e ricerca, mezzogiorno e semplificazione”. Ma come questi siano risultati per i lavoratori è difficile spiegarlo per la segretaria della Cgil, mentre è facile vederlo per il padronato. In soldoni, si tratta di finanziamenti, sgravi, aiuti alle aziende, mentre per i lavoratori vi è solo la drammatica prospettiva di continuazione bene che vada della cassintegrazione, sempre più in deroga, sempre più anticamera della mobilità, sempre più ridotta come importo.
Ora ci sono altri 3 Tavoli che hanno ancora all'o.d.g. aiuti fiscali alle aziende, il federalismo voluto oltre che dai padroni, dal governo e soprattutto la produttività, con il piano Marchionne a fare da guida.
“Le rotture – ammonisce la segretaria della Cgil rivolta soprattutto alla Fiom – non possono rimanere sempre l'unico punto di riferimento”. (Da Il Sole 24 Ore del 10 nov.)

Per questo, l'inevitabile conseguenza di questa ripresa di buone relazioni è lo spostamento sine die della proclamazione dello sciopero generale, richiesto a gran voce dagli operai e lavoratori il 16 ottobre a Roma e della stessa Fiom. di fatto per non farlo mai.
“... dopo la manifestazione del 27 novembre -dichiara la Camusso - “se ci saranno le risposte ne valuteremo la qualità”, in caso contrario “dovremo aumentare la qualità e l'intensità dell'iniziativa”. (Idem).
Anche “in caso contrario”, la parola 'sciopero generale', la Camusso non riesce proprio a farla venire fuori dalla sua bocca; “continueremo ad utilizzare questo strumento, ma anche misurando man mano come e se muterà la situazione politica” (idem), aggiunge la Camusso, trovando così un utile scappatoia per dire: visto che la situazione politica muta ora di giorno in giorno, gli operai, i lavoratori si scordassero lo sciopero generale.

Non è un caso che l'appoggio (e gli elogi) anche questa volta non le vengono dai lavoratori, dagli stessi iscritti Cgil/fiom, come sarebbe logico per una segretaria di un grande sindacato, ma dal fronte padronale, dal Ministro Sacconi: “E' positivo – dice il ministro – che la Cgil abbia deciso di tenere il punto e non abbandonare il tavolo sul nuovo patto sociale”. (Idem).

A questo punto, a fronte di questa linea della Camusso di rapida corsa a riprendersi le sedie che padroni e governo rischiavano di togliere da sotto il culo della Cgil, in una situazione in cui il padronato pretende sempre di più, in cui Marchionne va oltre il suo stesso accordo di Pomigliano, in cui il governo ha varato il “collegato lavoro”, in cui le condizioni di chi resta a lavorare si fanno sempre più dure e tornano a crescere in maniera spaventosa gli infortuni e i morti sul lavoro, la Fiom non può solo criticare e chiedere lo sciopero generale. Lo sciopero generale e' ora che venga autoproclamato, a partire dalle fabbriche!

pc quotidiano 12 novembre - Arabia ed Egitto: i mastini dell'imperialismo Usa



Non c'è solo Israele nell'area mediorientale ad agire per gli interessi dell'imperialismo Usa .
Il più grande esportatore di "democrazia" al mondo, gli Usa, non solo sostiene militarmente ed economicamente uno stato razzista, confessionale e terrorista come lo Stato d'Israele, ma rafforza sempre più il suo appoggio ai regimi corrotti e fascisti dell'area, Arabia Saudita ed Egitto tra i primi.
Da un lato, il Pentagono venderà all'Arabia Saudita armi per 60 miliardi di dollari, la più grande vendita di armi ad un altro paese nella storia degli Usa, e trasforma il medioriente in una polveriera pronta ad esplodere.
Dall'altra, non manca di offrire il proprio sostegno al regime corrotto egiziano dei due Mubarak (comunque vadano le elezioni-farsa di questo mese per il loro Partito Nazional Democratico, comunque padre o figlio controlleranno i due terzi dei seggi). E' il regime che reprime con lo stato di polizia, con le leggi d'emergenza, che incarcera, secondo le associazioni per i diritti umani, 14 mila egiziani senza accuse precise e un processo, che manda la polizia contro gli operai che scioperano per l'aumento del salario mensile che è di 35 pound (pari ad appena 5 euro), che all'inizio di giugno ha ucciso un giovane di Alessandria, pestato a morte in strada dopo essersi rifiutato di farsi perquisire, facendo esplodere la rivolta nella capitale. E' il regime che affianca Israele nelle uccisioni mirate dei combattenti palestinesi.
Ancora una volta i sorrisi di Obama coprono i veri crimini Usa contro i popoli oppressi che passano per l'appoggio ai regimi delle borghesie compradore così tanto odiati dai loro stessi popoli.
Un fragile equilibrio basato sul terrore di stato aspetta una nuova rivolta della Palestina, anticolonialista e antimperialista, che, ancora una volta, sarà il detonatore per l'incendio del medioriente per il riscatto delle masse arabe.

prolcomra

pc quotidiano 12 dicembre - masse vesuviane ..la lotta continua

giovedì 11 novembre 2010
Disastro ambientale
Da tre anni e sei mesi, e specificatamente dal primo decreto che prevedeva l’utilizzo della ex SARI come sversatoio per ingoiare milioni di tonnellate di monnezza tal quale (compreso rifiuti tossico-nocivi), il Movimento Difesa del Territorio Area Vesuviana va denunciando il criminale intreccio affaristico-camorristico tra esponenti del governo e della protezione civile (alias Bertoladro), colletti bianchi rappresentanti di imprese del nord (alias Impreglio, A2A etc.) e paccottiglia politico-istituzionale (presidenti regionali, provinciali, del Parco nazionale del Vesuvio, sindaci, ASL, ARPAC) che sinergicamente hanno devastato in modo sistematico l’intero territorio della Campania, spacciando la costruzione di discariche e inceneritori come un piano di sviluppo adeguato e sostenibile mentre in realtà, dopo sedici anni di ladrocinio, l’unica cosa evidente a tutti è il massacro di intere comunità, prese in ostaggio da un sistema incurante della salute pubblica e volto solo a generare profitti.
Le analisi e le relazioni riguardanti lo stato di salute della terra vesuviana che oggi qualcuno vuole vendere come dato nuovo e incontrovertibile è l’ennesima truffa perpetrata ai danni delle popolazioni. L’inquinamento della falda acquifera di cui si va discutendo adesso era già nota, oltre che evidente. La presenza di uno sversatoio che ha funzionato per vent’anni, pieno anche di materiali tossici provenienti dall’ ACNA di Cengio ( remember il duo La Marca-Fabbrocino?) poteva mai purificare il territorio? E il nuovo sversatoio barbaramente gestito dalla cricca Prodi- Bertolaso-Berlusconi, poteva mai non aggravare una situazione già compromessa fino al midollo? Ecco perché siamo convinti, oggi più che mai, che per mettere fine a tale scempio c’è bisogno della mobilitazione allargata e composita degli uomini e delle donne che su tale suolo vivono, disperano, muoiono.
Questo lo diciamo consapevoli del fatto che la classe politico-dirigente ancora saldamente incollata a difendere interessi di partito e particolari (i cazzi loro!), invece di scappare a gambe levate dopo la grande svendita, imperterriti continuano a sottoscrivere accordi senza il consenso di nessuno.
La legge 152/06 art..242 che IMPONE al gestore del sito in questione e ai sindaci tutori della salute pubblica, una volta riscontrato il danno, nel giro di ventiquattro ore, di chiudere e bonificare il luogo dello scempio è stata del tutto violata. Per di più, pur sapendo che l’area era irrimediabilmente inquinata, i primi cittadini in combutta con gli AD delle imprese concessionarie, nulla hanno messo in campo, svelando così il loro vero volto criminale e FUORILEGGE.
Siamo impazienti di potervi vedere un giorno tutti insieme ospiti delle nostre patrie galere.


La lotta continua

Chiudiamo e bonifichiamo le discariche del Vesuvio
CONTRO LA REPRESSIONE DELLE LOTTE SOCIALI
Contro discariche ed inceneritori; per il recupero totale della materia; per un nuovo piano rifiuti deciso dalle comunità locali autorganizzate; per l´avvio reale della raccolta differenziata porta a porta.; per Riciclo, Riuso e Compostaggio; per un piano straordinario di bonifica delle aree inquinate; per il diritto alla salute; per una politica ambientale dal basso; contro il capitalismo della catastrofe; Reddito/salario garantito a tutti.
MOVIMENTO DIFESA DEL TERRITORIO AREA VESUVIANA – COLLETTIVO AREA VESUVIANA

pc quotidiano 12 novembre - brescia - con gli immigrati sulla gru - corteo

13 novembre 2010: ore 14 PIAZZA LOGGIA E CORTEO FINO ALLA GRU DEI
MIGRANTI

pc quotidiano 12 novembre - mercoledì 17 novembre - manifestazione studentesca a napoli

Assistiamo ormai da decenni allo smantellamento, da parte dei governi di centro destra e centrosinistra, di scuola ed università pubbliche; la Riforma Gelmini, ultimo provvedimento in ordine di tempo ad assolvere a questo compito, ha determinato il taglio di milioni di euro destinati a scuole e facoltà.

Assieme ai lavoratori del mondo della pubblica istruzione, ai disoccupati, ai precari abbiamo deciso di far sentire forte e chiara la nostra voce: alla repressione, ai tentativi di farci paura e di dissuaderci dal proseguire le nostre battaglie, abbiamo risposto e continueremo a rispondere con l’unità e la determinazione.

Il 17 novembre, data internazionale di mobilitazione studentesca, saremo di nuovo in piazza per ribadire che “Il futuro non è scritto”, che ribellarsi a questo stato di cose non solo è possibile, ma necessario! E’ per questo che abbiamo dato vita ad una mobilitazione autorganizzata, costruita dal basso, autonoma e critica rispetto ai partiti e organizzazioni istituzionali, che da sempre si sono dimostrati più interessati alla spartizione del “banchetto”, che alla salvaguardia degli interessi e dei diritti degli strati più deboli della società.

studenti autorganizzati campani

pc quotidiano 12 novembre - L'aquila verso la manifestazione del 20 novembre

.Tasse sospese e fondi certi
ecco la legge per ricostruire
La raccolta delle 50 mila firme partirà durante la manifestazione del 20 novembre


Nuovo corteo di protesta il 20 novembre
L'assemblea cittadina in piazza per chiedere risorse

"L'AQUILA. La raccolta di firme inizierà il 20 novembre, nel giorno in cui migliaia sono le persone attese all'Aquila per la giornata di mobilitazione nazionale. Cinquantamila le firme necessarie per la presentazione della proposta di legge di iniziativa popolare, «l'unica possibilità di vedere ricostruito il territorio martoriato dal terremoto». Il testo - presentato ieri mattina a piazza Duomo, nel tendone trasformato in presidio permanente - si compone di venti articoli.

«Presentiamo una proposta di legge per la ricostruzione» ha esordito Francesca Fabiani, parlando a nome dei comitati e dell'assemblea cittadina, «che non è stata pensata solo qui all'Aquila, ma che è il frutto di un'ampia concertazione "in rete" con cittadini, associazioni e forze politiche. Abbiamo così raccolto contributi da tutta Italia».

Tra i principi fondamentali della legge c'è la partecipazione di tutti i cittadini «alle scelte e alle decisioni necessarie al superamento dell'emergenza» in caso di calamità naturali. «I primi articoli» ha aggiunto Luigi Fabiani, presidente dell'Asm e tra i promotori dell'iniziativa, «sono dedicati alla governance, al superamento del regime delle deroghe e delle ordinanze commissariali e al trasferimento agli enti locali del piano della ricostruzione. Nel testo viene esplicitato che l'attività della Protezione civile resti limitata alla fase dell'emergenza».

Nella seconda parte della proposta di legge, vengono definiti gli aspetti strategici della ricostruzione e l'ecosostenibilità. Nella parte conclusiva vengono indicati gli strumenti a sostegno dell'economia, le agevolazioni fiscali, nonché le misure per il sociale. «La nostra proposta» ha spiegato Paolo Della Ventura «non sarà limitata solo alle aree del cratere ma sarà facilmente adattabile ad altri eventi calamitosi. Per questo ci teniamo a definirla legge di solidarietà nazionale».


Inevitabile un riferimento al Veneto. «Le richieste di agevolazione fiscale che arrivano dalle aree alluvionate dal Veneto mettono in luce adesso difficoltà che in Abruzzo stiamo sperimentando da 19 mesi. Ciò che il governatore Zaia sta chiedendo per il suo territorio» hanno spiegato i componenti dell'assemblea cittadina «non sono poi tanto diverse da quelle che all'Aquila avanziamo da mesi». Nel testo che dovrà essere accompagnato dalle 50 mila firme (la raccoltà avverrà anche in altre regioni) si chiede la detassazione per 24 mesi e la restituzione delle somme sospese a partire dal 2020, al 40% e in 120 rate. Per la copertura finanziaria della legge viene prevista anche l'istituzione di un contributo di solidarietà pari al 2% dei redditi che eccedono 100 mila euro.

sono già tante le adesioni alla manifestazione del 20 novembre». L'appuntamento è previsto a piazza D'Armi. Poi il corteo risalirà via XX Settembre per arrivare a piazza Duomo dove sarà allestito un grande palco (previsti pure dei megaschermi) su cui saliranno anche personalità del mondo della cultura e dello spettacolo

pc quotidiano 12 novembre - bus da Milano all'Aquila .. una buona cosa

lo slai cobas per il sindacato di classe sostiene l'iniziativa all'Aquila

L’Aquila chiama Milano risponde: pullman per corteo nazionale 20 nov.


Il 20 novembre i comitati e i movimenti aquilani chiamano alla
mobilitazione. A 18 mesi dal terremoto che colpì l’Abruzzo nel 2009, tutto è
come allora: macerie, vite precarie, diritti negati; nel frattempo il
territorio e le popolazioni hanno sperimentato la peggiore shock economy:
privatizzazione e militarizzazione di una città, superpoteri e appalti in
mano a Bertolaso e la sua cricca, show mediatici, manganellate e repressione
per chi contesta e rivendica la casa, la propria città, il diritto a
riappropriarsi dei propri territori e delle proprie vite. Oggi L’Aquila è
una città fantasma, svuotata, senza più abitanti, dove si sopravvive senza
diritti, senza lavoro, senza casa, con una crisi economica e sociale che
colpisce sempre più persone. Ma la crisi di questa città è la crisi di un
intero sistema e quanto vivono è un modello che rischia di riproporsi, in
dimensioni e modalità ancora più drammatiche. Manifestare a L’Aquila non
significa solo essere a fianco di circa centomila persone. Significa
soprattutto capire che le catastrofi oggi rappresentano sia la nuova
frontiera dell’arricchimento, sia la forma di governabilità, il modello con
il quale imporre l’ordine attraverso lo stato di emergenza. E’ il modello
utilizzato in Campania per i rifiuti o in ValSusa col TAV e che sotto altre
forme vivremo nella città vetrina di Expo 2015. Il Comitato No Expo,
aderisce all’appello e risponde alla chiamata organizzando un pullman da
Milano e invita tutte le realtà di movimento milanesi, la rete
autorganizzata di solidarietà che sviluppò in occasione del sisma, a
partecipare.

Partenza: sabato 20 nov. h. 5.30 Rho - Fornace - h. 6.00 Milano - P.le Lotto
costo previsto 20 €

info@noexpo.it 3463989550-3357633967

www.epicentrosolidale.org

www.3e32.com

pc quotidiano 12 novembre - STOP AL FASCISMO - presidio a Lecce

comunicato stampa

La
città non può ignorare che sabato 13 novembre si annuncia nella sala
congressi
dell’Hotel Tiziano a Lecce una assemblea pubblica sulla scuola organizzata
da
Casa Pound e Blocco studentesco, vale a dire da organizzazioni
dichiaratamente
neofasciste. Si definiscono loro stessi come “avanguardia del fascismo del
Terzo
Millennio”, anche se mascherano come attività sociali e di difesa della
condizione studentesca il razzismo, l’intolleranza, l’inneggiare alla
violenza,
l’ostilità alla democrazia che li contraddistinguono.
Si
tratta di un fatto grave a cui la
città deve reagire, ed è altrettanto grave che a questa manifestazione
partecipi
ufficialmente la vicepresidente della Provincia e assessore alla cultura
Simona
Manca. Con questa presenza istituzionale si vogliono legittimare le realtà
aggressive dei neofascisti, che in quanto tali sono al di fuori dei principi
costituzionali.
Le
associazioni e le reti sociali, i partiti e le personalità antifasciste,
invitano pertanto alla vigilanza democratica e a un presidio pubblico
davanti al
Tiziano per il pomeriggio del 13 novembre nella volontà di comunicare alla
cittadinanza la gravità dell’ iniziativa a sfondo provocatorio di Casa Pound
e
della presenza del responsabile nazionale del Blocco, uno degli squadristi
in
prima fila nelle aggressioni a Piazza Navona a Roma dell’ottobre del 2008
alla
manifestazione studentesca.

Rete
antifascista di Lecce e del Salento
(a
cui partecipano vari collettivi, sindacati, associazioni di promozione
sociale,
associazioni studentesche, ANPI e partiti della
sinistra)

Info:
Silverio
Tomeo
Cell.
339-4487672
0832-396669

pc quotidiano 12 novembre - Red Block con gli studenti inglesi in rivolta


Il vento di ribellione dalla Grecia alla Francia arriva a Londra, quando arriva in Italia ?


Red Block esprime massima solidarietà agli studenti inglesi in rivolta per le vie di Londra contro l’aumento delle tasse universitarie.
Questa mossa del governo tory dei padroni inglesi rientra nel più largo piano di austerity con lo scopo di fare pagare la crisi capitalista ai lavoratori, agli studenti e alle masse popolari in genere.
Il governo dell'imperialismo inglese così come tutti i governi dei padroni del mondo è responsabile della crisi che ora scarica sulle masse
la ribellione degli studenti inglese identifica nel proprio governo, nel proprio Stato “proprio” per questo è legittimo e sacrosanto l’assalto della sede del partito dei tories
In Italia da 2 anni con alti e bassi gli studenti medi e universitari sono in lotta contro la riforma Gelmini ovvero il taglio di 8 miliardi di € all’istruzione e tutto il corollario ideologico autoritario e di stampo fascista con repressione e crescente controllo oppressivo in generale in scuole e facoltà trasformandole in vere e proprie caserme, ma in Italia non siamo ancora riusciti a dare vita a un vero movimento di ribellione
Esprimiamo inoltre massima solidarietà e grazie agli studenti in lotta
La repressione non ferma ma alimenta la ribellione.
Redblock fa appello agli studenti a gridare basta, noi non abbiamo paura
Viva la rivolta studentesca e dei giovani ribelli
Ribellarsi è giusto

Red Block
11/11/2010

pc quotidiano 12 novembre - mfpr contro la conferenza sulla 'sacra famiglia'

giovedì 11 novembre 2010

pc quotidiano 11 novembre - oggi a brescia la lotta continua- sabato andiamo in piazza in tutta italia

Ore 14: di nuovo bloccato il transito in via San Faustino. Persiste la militarizzazione imponente

Ore 13.30: La polizia ha transennato via San faustino e ha cercato di guadagnare qualche metro verso sud. L’intenzione potrebbe essere quella di togliere la visuale della gru, dato che in questo punto la via compone una curva. Rimane inalterato l’appello a raggiungere in qualsiasi momento il presidio in via San Faustino. In particolare l’appuntamento è per questa sera nella quale saranno presenti telecamere della RAI (Anno Zero).

ore 12.00: Il presidio si sta animando con tutti coloro che in pausa pranzo portano la loro solidarietà al presidio di San Faustino. Anche oggi presso il circolo di Rifondazione/Anpi di via Pile vengono raccolti viveri per poter portare un pasto caldo a tutti coloro che si trovano da ore al freddo al presidio.

ore 12.00: Il presidio si sta animando con tutti coloro che in pausa pranzo portano la loro solidarietà al presidio di San Faustino. Anche oggi presso il circolo di Rifondazione/Anpi di via Pile vengono raccolti viveri per poter portare un pasto caldo a tutti coloro che si trovano da ore al freddo al presidio.

ore 11.00: Aggiornamento con Elia della redazione in collegamento da via San Faustino, dove la situazione continua ad essere tranquilla. L’invito a tutti e tutte resta sempre quello di raggiungere il presidio. Collegamento con Elia da via San Faustino[scarica la corrispondenza audio].

Ore 9.30: la situazione sembra essere tranquilla nonostante gli strani movimenti di prima mattina. In una corrispondenza di pochi minuti fa rosangela della redazione chi ha aggiornato da sotto la gru dove si trovava insieme ad altri giornalisti. I 5 migranti in lotta sono ancora sopra e hanno ribadito la loro determinazione dalla cabina della gru di piazzale Cesare Battisti.

Ore 8: Movimenti strani nei pressi della gru. L’appello per tutti e tutte è raggiungere via San Faustino. Alice dal presidio di via san Faustino [Scarica la corrispondenza audio]

Ore 7.30: Un’altra notte di lotta sopra e sotto la gru. A Brescia il freddo comincia a farsi sentire. nonostante questo ieri sera in centinaia erano sotto la gru e per tutta la notte decine di persone sono restate in presidio in via San faustino, a poche decine di metri dalla gru dove i 5 immigrati resistono. Di seguito la prima corrispondenza del giorno con Sara, compagna che ha passato la notte in via San Faustino, e Umberto della redazione.

pc quotidiano 11 novembre - 1500 studenti in piazza a Napoli...


>>> 1500 studenti in piazza a Napoli...





Il 10 Novembre è stato un momento importante per gli studenti medi e universitari che a Napoli e a Roma, nonostante la pioggia, sono scesi in piazza,in una data sconosciuta a quei “calendari” che troppo spesso, senza alcuna costruzione reale, scandiscono le mobilitazioni.
Abbiamo scelto una data che fosse realmente costruita dal basso, che riassumesse tutti i bisogni, le aspettative, le critiche che gli studenti portano alla Riforma della scuola e dell’università e a un sistema che, sempre più, ci priva della possibilità di scegliere, programmare il nostro futuro.

Il 10 Novembre sono scesi in piazza a Napoli 1500 studenti delle scuole partenopee e cavesi, mentre a Caserta hanno scelto altre forme di mobilitazione e a Roma si svolgeva un altro corteo studentesco.
Cosa accomuna questi momenti di mobilitazione e cosa li distingue?
La volontà e la rabbia di una generazione che sta afferrando per i capelli il proprio futuro e pretende di scriverlo a caratteri cubitali. La consapevolezza che all’individualismo e alla competizione sfrenata vanno opposti momenti collettivi, orizzontali.

Queste mobilitazioni, le parole d’ordine usate, la determinazione espressa, sono lo specchio di un protagonismo che i giovani vogliono recuperare. Un protagonismo che cozza in maniera irreversibile contro la compatibilità di strutture politiche, sindacali, che hanno scelto la concertazione, la compatibilità come modus operandi.
Ma le cose non possono restare immobili e questa generazione sente forte il bisogno di recuperare una conflittualità, degli elementi politici che soli possono mettere in campo una giusta opposizione allo smantellamento di ogni diritto (allo studio, alla salute, alla casa, al lavoro), una giusta opposizione a chi ci vuole muti e passivi di fronte a tutto ciò.

Per questi motivi è importante che l’autorganizzazione delle lotte, dei momenti di piazza, assembleari, diventi un punto fermo di ogni percorso politico che miri a cambiare questo stato di cose. L’autonomia non solo dichiarata, ma nei fatti, da strutture politiche che fanno gli interessi di tutti fuorché degli studenti e dei lavoratori, una necessità.
Per questi motivi siamo dalla parte degli studenti britannici che a Londra hanno fatto irruzione nel quartier generale dei Tories, individuando nel principale partito di governo il massimo responsabile delle misure "all'insegna dell'austerità" che l’esecutivo si appresta ad imporre; siamo dalla parte degli studenti greci che scendono in piazza mentre il proprio paese è messo in ginocchio dalla crisi economica; siamo dalla parte degli studenti francesi che durante lo sciopero generale hanno riempito le strade di tutta la Francia.


È per questo che saremo ancora in piazza il 17 Novembre. Sarà una piazza autorganizzata, sarà un’altra tappa, una piazza che pretenderà di prendere voce e di cominciare a riprendersi il diritto a studiare, pensare criticamente, decidere, agire, lottare!



The future is unwritten

pc quotidiano 11 novembre - il 16 ottobre e alcune posizioni sbagliate

Che cosa unisce l’inserto di Operai Contro distribuito alla manifestazione del 16 ottobre a Roma e il comunicato del (n)Pci del giorno dopo la manifestazione?

Operai Contro scrive: “Ovunque ci sono operai che respingono i ricatti padronali… ovunque ci sono operai che non accettano di farsi chiudere le fabbriche… ovunque ci sono operai che … si rendono conto che bisogna fare i conti con i sindacalisti compromessi… ovunque ci sono operai che politicamente non si sentono rappresentati da nessuno ma anzi vogliono contare politicamente in modo indipendente…
qui vive il partito operaio informale… i suoi insediamenti sono già potenzialmente operativi, in ogni fabbrica, in ogni luogo di lavoro dove ci sono operai, in ogni punto del mercato mondiale… Per gli operai, partito operaio.”

Il (n)Pci scrive: “… Con la manifestazione di sabato a Roma la linea della costituzione del Governo di Blocco Popolare non è più solo la linea indicata dal Partito comunista. Per la prima volta l’hanno presa in mano le masse popolari, in una grande iniziativa di massa. La linea della costituzione del GBP sabato è scesa in campo sulle gambe, con i sentimenti e la volontà di centinaia di migliaia di operai, lavoratori dei più diversi settori, donne, giovani, immigrati, intellettuali. E’ stata l’anima di una grande manifestazione indetta dalla Fiom con l’adesione di migliaia di OO e di OP… E la Fiom può tener fede al ruolo che ha assunto con la grande mobilitazione di sabato solo mettendosi con ancora maggiore coscienza e determinazione alla testa del movimento delle OO e delle OP per la costituzione del loro governo d’emergenza, il GBP… tutti i comunisti e gli elementi avanzati devono mobilitarsi… per convincere i personaggi che per la posizione che già occupano nella vita sociale possono diventare oggi promotori del movimento per la costituzione del GBP e domani membri del GBP..”.

In questa occasione non vogliamo entrare nel merito delle posizioni sbagliate che stanno a monte e a valle dei discorsi sopra riportati – e per il (n)Pci ce ne sono a iosa – ma mostrare che essi sono due facce della stessa medaglia in un aspetto: entrambe (pur se sembrano opposte, in quanto Operai Contro dice che solo e soltanto gli operai possono lottare contro “la classe dei padroni e dei loro rappresentanti”; mentre il (n)Pci parla di fatto di un fronte così ampio che arriva anche a settori della classe dominante e “del clero”), entrambe, però, hanno un unico risultato: quello di lasciare le cose come stanno. Entrambe, infatti, - l’una rispetto al compito della classe operaia di costruire il partito comunista come reparto d’avanguardia, l’altra rispetto al compito del proletariato di non limitarsi a fare la lotta sindacale ma sviluppare la lotta politica rivoluzionaria – arrivano ad esaltare l’esistente. Operai Contro propagandando lo spontaneismo operaista, con il suo inevitabile compagno, l’economicismo: gli operai così come sono devono costruire il partito; il (n)Pci propagandando il democraticismo riformista: la via della Fiom e dei personaggi autorevoli al potere.

Operai Contro vede nella manifestazione di sabato 16 il partito informale. Lenin si rivolterebbe nella tomba; perché qui siamo ancora più indietro di ciò che Lenin criticava ai mescevichi: il partito comunista non può essere fatto dall’ultimo scioperante; OC si spinge ancora più in là: non solo l’ultimo scioperante potrebbe essere membro del partito comunista ma addirittura l’ultimo operaio che non accetta i piani del padrone. Se tanto mi dà tanto, se il partito è “ovunque”, se il partito sono tutti gli operai che hanno il “coraggio di gridare” contro i padroni, se i partito sono gli operai che si rendono conto che “bisogna fare i conti con i sindacalisti compromessi”; allora se il partito è ovunque, vuol dire che il partito non c’è; se sono tutti del partito allora vuol dire che non è nessuno del partito. E quindi proprio chi parla ogni giorno di “partito operaio” non lavora per il partito come reparto d’avanguardia della classe operaia che può essere costruito solo dai membri più avanzati della classe: dai proletari comunisti.

Il (n)Pci vede, per conto suo, nella manifestazione del 16 “il primo passo della strada per costituire il Governo di Blocco Popolare”. Potremmo dire: “tu te la canti e tu te la suoni” e sbrigarcela qui.
Non si vuole guardare la realtà, non si vuole fare un’analisi concreta della situazione concreta. Ci si auto soddisfa di aver portato la “propria bandiera”.
Ma il (n)Pci fa anche di peggio: invece di contrastare l’illusione riformista presente tra gli operai ed emersa anche nella stessa manifestazione del 16, invece di separare gli interessi di classe degli operai e dei lavoratori dalla linea della stessa Fiom, delle forze politiche riformiste presenti nella manifestazione, la alimenta, e chiama gli operai, i lavoratori, i giovani, le donne, gli immigrati, ecc., a non stare a sottilizzare, ad unire tutti, ad affidarsi a queste forze (“… qualche responsabilità per quello che ha fatto o per quello che non ha fatto, di azione o di omissione ce l’ha. Ma non è questo il punto. Il punto è la posizione e il ruolo che oggi assume di fronte ad una crisi…”)
Noi pensiamo che i due ostacoli presenti nelle fila della classe operaia sono l’economicismo con la sua manifestazione principale nel riformismo e il democraticismo.
Tra gli operai, oggi, anche nei momenti più radicali di scontro, anche nei settori più combattivi nella lotta, agiscono e sono da freno queste linee e concezioni.
Tra gli operai non c’è ancora una coscienza e azione adeguata al salto fatto dallo scontro di classe, non c’è adeguata comprensione che oggi questo scontro è nella fase del fascismo padronale (di cui l’espressione più chiara è la Fiat e il piano Marchionne) e della marcia verso il moderno fascismo da parte del governo, dello Stato; c’è ancora l’illusione di poter ottenere con la lotta sindacale, anche radicale, con la strada legale, la difesa dei propri interessi di classe. Tuttora il livello di opposizione degli operai ai piani padronali e governativi è inadeguato – i più radicali salgono sui tetti; non c’è ancora la comprensione che contro i fascismo padronale la linea della difesa dura è impotente e occorre passare ad una linea d’attacco. Tra gli operai, anche tra i settori in lotta trova ancora troppo spazio una linea, concezione e pratica democraticista che si illude di poter opporre le ragioni degli operai alle ragioni delle controparti; una concezione che oppone la difesa della democrazia sindacale, della lotta a coloro che sono già sul terreno del fascismo.
Sul problema della necessità della costruzione del partito comunista, siamo ancora più indietro.
Pochi e ancora momentanei sono i segnali di controtendenza.
E la manifestazione del 16 ottobre è stata uno specchio in positivo soprattutto, ma anche in negativo di questa situazione. Ha dimostrato nella sua ampissima partecipazione che, si può dire, tutti gli operai di tutte le fabbriche, che la stragrande maggioranza dei lavoratori di tutti i posti di lavoro vogliono opporsi all’attacco di padroni e governo. Ma nello stesso tempo è stata troppo normale, ordinaria/ordinata, troppo lo specchio di una potenzialità che o va avanti o rischia di andare indietro.

Non avere come scopo principale, all’interno del sostegno a tutte le lotte degli operai, mentre si portano avanti in prima persona le lotte e nel farlo farne crescere la loro forza, antagonismo con padroni, governo e Stato, la coscienza dello scontro in atto, quello della critica, della lotta politica, pratica, ideologica a queste deviazioni, è quantomeno avere la vista corta, ma nel concreto lasciare le cose come stanno, esaltare gli operai ma per cristallizzare il loro attuale livello di coscienza sia sul piano dello scontro di classe sia sul piano della battaglia politica che ha ora al centro la costruzione del partito comunista di tipo nuovo, marxista leninista maoista.
Questo fanno, ognuno nel loro campo, Operai Contro sul terreno del partito, il (n)Pci sul terreno della battaglia politica e della sua prospettiva.

pc quotidiano 11 novembre - Dio, Patria, Famiglia...

Si è chiuso ieri la Conferenza nazionale delle famiglie, a milano.




DIO PATRIA FAMIGLIA




E' il sindaco di Roma Alemanno a rendere chiaro ed esplicito il ruolo di questa Conferenza con la sua proposta di aumentare la pressione fiscale sui single, la memoria va, naturalmente, immediatamente alla tassa sul celibato del ventannio fascista. Salvo, poi, cercare di correggere il tiro e parlare di aumenti degli sgravi alle famiglie con più figli, ma, nonostante la “correzione” del tiro, rimane il senso ideologico, pratico e politico di questa conferenza. Non è una novità, negli anni su molti temi sulla concezione delle donne e del loro ruolo nella famiglia, nella società amministrazioni locali e nazionali hanno “sparato” proposte per vedere le reazioni, preparare il terreno in attesa di tempi migliori-dalla culla alla tomba- spandere a piene mani un humus reazionario, maschilista: la conferenza della famiglia è un passo avanti in tal senso.




Da giorni tra le news del forum delle famiglie campeggiano le indicazioni del papa nell'udienza generale del 27 ottobre-“GRAZIE ALLE DONNE PER LA LORO SPIRITUALITA' CONIUGALE” - e sul ruolo delle donne nella famiglia di cura, amore, dedizione.




UN PENSIERO FORTE PER UNA FAMIGLIA FORTE: si legge in uno dei comunicati stampa della conferenza e, ancora,”... Sono stati riaffermati con forza e chiarezza la centralità della famiglia, la sua soggettività sociale e la sua identità (fondata sull’art. 29 della Costituzione, ma anche sugli artt. 2,3 30, 31, 37 tra gli altri), la necessità di politiche promozionali “specificamente familiari”, non settoriali, non basate sugli individui, la priorità ed urgenza della riforma fiscale “a misura di famiglia”....” e sempre da un comunicato stampa:”LA FAMIGLIA AL CENTRO DELL’AGENDA POLITICA...E non si parla di una famiglia qualsiasi pronta a comprendere tutto ed il contrario di tutto: l’identità è chiara e l’assunto, ribadito da tutti gli ospiti che il punto di riferimento non può che essere l’articolo 29 della Costituzione tranquillizza le associazioni familiari.” e IL LAVORO COMINCIA ADESSO, si afferma nel comunicato stampa finale.




Se le associazioni familiari si sentono tranquillizzate, non possono di certo esserlo le donne!




Alla conferenza delle famiglie anche il presidente Inps Antonio Mastrapasqua: Per le donne l'età pensionabile non aumenti”

L'ipotesi di aumentare l'età pensionabile delle donne che lavorano è stata bocciata senza appello da Antonio Mastrapasqua:”Sarebbe discriminatorio”. Il presidente dell' Inps l'ha sottolineato ieri, intervenendo alla conferenza nazionale della Famiglia. “Credo non si possa e non si debba fare nessun intervento, perchè sarebbe una discriminazione al contrario -ha precisato mastrapasqua- L'80% delle donne che lavora va in pensione di vecchiaia e non di anzianità” Il presidente dell' Inps ha motivato la sua tesi snocciolando alcuni dati: l'80% degli uomini raggiunge l'obiettivo sulla pensione di anzianità e il 20% quella di vecchiaia. Per le donne la situazione appare rovesciata, dato che solo il 20% giunge ad ottenere la pensione di anzianità” Questo il trafiletto riportato a fianco dei dati Istat pubblicati sui dati del biennio 2008-09, confermando come il lavoro di cura in famiglia ricade per il 76,2% sulle donne, anzi, questo dato tende ad aumentare.




Anche per noi, il lavoro comincia adesso!

Mfpr-milano

11 novembre

pc quotidiano 11 novembre - rivolta studentesca a londra - prime notizie



Mercoledì un centinaio di manifestanti ha fatto irruzione nella sede del partito conservatore di Londra, nel corso di una massiccia protesta contro l’annunciato aumento delle tasse universitarie ha riunito decine di migliaia di persone. Manifestavano contro il progetto da parte della coalizione di conservatori e liberali di triplicare le tasse universitarie, hanno bruciato i cartelli, e fracassato le finestre della sede del partito Conservatore britannico al potere e si sono scontrati con la polizia. I manifestanti, con i loro volti coperti da sciarpe, hanno preso a calci le porte di vetro del palazzo, che si trova vicino al Parlamento. Alcuni hanno occupato al piano terra la zona della reception, mentre altri sono corsi sul tetto dell'edificio. I giovani hanno fracassato le finestre al piano terra e sono entrati nella 30 Millibank hall dell'edificio, che ospita la sede della formazione guidata dal Primo Ministro David Cameron, sulle rive del Tamigi, nel quartiere centrale di Westminster, secondo un giornalista AFP. Con striscioni con scritto "Stop ai tagli all'istruzione" e cori "Dicono taglio, diciamo combattere", il manifestanti sono passati davanti il Parlamento, dove i politici voteranno nelle prossime settimane per alzare i tassi massimi di istruzione a 9.000 sterline (più di 16.000 €) all'anno. La polizia, che sembrava sopraffatta dal numero elevato di manifestanti non è riuscito a fermare alcuni di loro che hanno vandalizzato gli interni e altri che sono andati anche sulla terrazza, da dove hanno lanciato gli oggetti sulla strada. I manifestanti hanno anche provocato un incendio nel palazzo, nelle cui vicinanze si sono riunite decine di migliaia di persone. Dieci persone, di cui almeno tre poliziotti, sono rimaste ferite, secondo un portavoce di Scotland Yard. Un altro portavoce della polizia ha detto che ci sono stati arresti, senza precisare il numero. In ogni caso, è stata la più grande protesta contro il governo di coalizione di conservatori e socialdemocratici arrivato al potere in maggio. Tra i tanti striscioni trasportati dai manifestanti si legge: "Stop ai tagli nel settore dell'istruzione" o "£ 9.000? Non è possibile! "In riferimento al prezzo massimo che possono pagare gli studenti al momento dell'iscrizione. "è stata una manifestazione pacifica. Abbiamo portato la nostra voce in strada ", ha detto Bernard Goyber, uno studente di storia di 19 anni. "Il 50% degli studenti non trovano lavoro, la maggior parte non possono pagare le tasse”, ha detto, lamentando la mancanza di consultazione precedente. Un’ altra studentessa è arrivata dall’ Irlanda del Nord, Anna Tennant-Siren, ha criticato i politici, che "dovrebbero togliere soldi alla gente che guadagna stipendi a sette cifre, non agli studenti che non hanno soldi. " Il governo di coalizione ha annunciato per il 3 novembre un aumento considerevole delle tasse di iscrizione nelle università inglesi prima del 2012, alcuni che potrebbe raggiungere il triplo del canone. Anche se sono attualmente limitati a £ 3.290 (5.300 dollari, 3.850 €) all'anno per alunno, il governo ha annunciato la sua intenzione di aumentare fino a 6.000 sterline (9.650 dollari, 7.000 euro) e addirittura 9.000 £ "in circostanze eccezionali ". Il numero due del governo, Nick Clegg, che ha sostituito Mercoledì Cameron nella sessione settimanale di domande al primo ministro ha difeso il piano del governo, dicendo che è "una soluzione giusta e progressista a un problema molto difficile ". L'aumento avrà effetto solo su studenti britannici e dell'Unione europea (UE), perché gli extracomunitari pagano una tassa extra e un insegnamento spesso estremamente elevato e liberamente determinato da ciascuna università.

pc quotidiano 11 novembre - ...cara Cgil..cara Camusso

da Giuliano Bugani





Lettera aperta alla CGIL Nazionale



( tra tante)



Egregia CGIL Nazionale,

stamane, 9 novembre 2010, la Sua Segretaria Nazionale, Susanna Camusso, è stata ospite della Camera del Lavoro Metropolitana di Bologna. Città dove sono nato. E risiedo. La Sua Segretaria, neoeletta, ha avuto parole critiche verso la FIOM Nazionale. Io sono stato iscritto alla FIOM fin dai primi anni ottanta. Ero tornato dal servizio militare di leva. “ Fai il militare, e torni uomo “, mi dicevano da piccolo. Tornai dal militare. Tornai uomo. E un uomo che lavora in fabbrica deve avere la tessera. Della FIOM. Feci il delegato per quasi quindici anni. Sono sempre stato eletto dai miei compagni di lavoro. La Sua segretaria, Susanna Camusso, invece, non l’hanno votata i lavoratori. I lavoratori non l’avrebbero mai votata. Così come non averebbero mai votato chi l’ ha preceduta. Mi ascolti anche lei, egregio Epifani. Parliamoci da uomini. Se anche lei ha fatto il servizio militare. Lavoro in fabbrica da oltre un terzo di secolo. Ho conosciuto la Sua storia. Una storia che finisce qui. Nelle braccia di CISL e UIL. Dove la neoeletta Susanna Camusso, ci porterà. Vi porterà. Io esco. Da Bologna. Dalla mia città. Io emigro. Non so dove andrò. Ma distante da Lei. Egregia Susanna Camusso. Io emigro. Lontano dai suoi futuri inciuci. Lontano dalle sue future riforme di pensioni e contratti. Lontano dalle sue elezioni gerarchiche. La mia democrazia è un'altra. Lei non può capire. Siamo distanti. Restiamo distanti. Lascio a Lei, il suo riformismo, il suo dialoghismo, il suo ipocrisismo, le sue agenzie interinali, il suo tradimentismo, le sue succursali, il suo trasformismo. Il suo migliorismo. Io appartengo a un'altra specie. In via Garibaldi. In via di estinzione. In via di distinzione. Restiamo diversi. La prego. Lo faccia per la storia. Per la storia della CGIL. Sta morendo. Faccia qualcosa. Anzi, meglio se non lo fa. I burattinai sanno a memoria tutto. Ci sono persone che hanno dignità. Serve per sopravvivere. Ci sono persone che non ce l’ hanno. Serve per tradire. Cordialmente.









9 novembre 2010 Giuliano Bugani

operaio, giornalista, poeta

mercoledì 10 novembre 2010

pc quotidiano 11 novembre - Brescia: la mobilitazione reazionaria dei commercianti

IMMIGRATI E PROTESTE
I commercianti: siamo provati
da bsnews.it

In piazzale Battisti la situazione è calma, in città no. Continua a Brescia la protesta dei sei immigrati sulla gru, ancora isolati da un cordone delle forze dell'ordine dopo 12 giorni di protesta a 25 metri d'altezza. Mentre un piccolo presidio di sostenitori dei sei è riunito all'altezza della chiesa del Carmine. Ma la polemica cresce ogni giorno di più. E stavolta a prendere posizione contro i sei sono i commercianti del centro storico, che hanno chiesto un incontro all'assessore Maurizio Margaroli per "denunciare" un significativo calo degli affari a causa della protesta. I danni al momento non sono quantificati, ma potrebbero essere significativi. Sommandosi ai 300mila euro che, secondo la Loggia, sarebbero già stati persi dalla città a causa dell'occupazione del cantiere.

DI SEGUITO IL COMUNICATO DIFFUSO IN SERATA DALLE ASSOCIAZIONI DEI COMMERCIANTI E DALL'ASSESSORE MARGAROLI

La protesta degli immigrati sulla gru di piazzale Cesare Battisti sta mettendo a dura prova la resistenza della società civile, non insensibile alle rivendicazioni di chi è disperato e senza prospettive ma, nello stesso tempo, preoccupata che la protesta possa degenerare in modo irreparabile.

In questi giorni i commercianti e tutti gli operatori della zona, tra cui molti esercenti extracomunitari, sono stati costretti all’isolamento dal resto della città, vedendo compromessi i loro interessi, ma soprattutto il cammino verso la convivenza civile e l’integrazione responsabile avviata da qualche tempo, non solo nel centro storico.

Per questo motivo Maurizio Margaroli, assessore all’Industria, artigianato e attività produttive, e il Comitato per la promozione e lo sviluppo della competitività di sistema delle imprese e l’innovazione del sistema distributivo locale, che riunisce i rappresentanti di tutte le sigle associative, fanno fronte comune chiedendo l’immediata cessazione della protesta e la discesa degli immigranti dalla gru, prima che sia messa a repentaglio la loro stessa vita. I diritti rivendicati dai manifestanti non sono tali di fronte alla legge, ma reale è la mortificazione che la città, ingiustamente, sta subendo agli occhi della società tutta.

Brescia e i bresciani hanno sempre accettato il confronto leale e costruttivo con chi ricerca un’integrazione vera e senza prevaricazioni. Poteva essere tale anche in questa occasione, per questo si auspica che la ragionevolezza prevalga sulla ostinata volontà di chi vuole trasformare Brescia in uno sterile campo di battaglia.

Mercoledì 10 Novembre 2010, ore 14.43

pc quotidiano 11 novembre - IL PRESIDIO DI IMMIGRATI E ANTIRAZZISTI CHIEDE 48 ORE DI TREGUA UMANITARIA

da radio onda d'urto
Notizia scritta il 10/11/10 alle 15:05. Ultimo aggiornamento: 10/11/10 alle: 15:10

IL PRESIDIO DI IMMIGRATI E ANTIRAZZISTI CHIEDE 48 ORE DI TREGUA UMANITARIA
Di seguito il comunicato diffuso nel pomeriggio del 10 novembre nel quale si chiedono alle istituzioni almeno 48 ore di tregua umanitaria


“TREGUA UMANITARIA” PER EVITARE UN’IMMANE TRAGEDIA.

Le Associazioni che, pur non avendo promosso l’occupazione della gru, hanno fin da subito garantito pieno appoggio politico ed umano ai 6 giovani migranti, costretti a salire a 30 metri di altezza per rendere visibili le proprie ragioni,

in nome della salvaguardia del bene supremo rappresentato dalla vita di queste persone:


CHIEDONO ALLE ISTITUZIONI COMPETENTI

UNA SORTA DI “TREGUA UMANITARIA” DI ALMENO 48 ORE


•per far abbassare la tensione che si e’ pericolosamente alzata lunedi’ con le operazioni di sgombero del presidio, con cariche, violenze e arresti che hanno esacerbato ancora di piu’ lo stato d’animo dei giovani sulla gru, portandoli a mettere in atto comportamenti estremamente rischiosi per la loro incolumita’
•per consentire in un contesto di maggiore tranquillita’ l’individuazione di possibili sbocchi e soluzioni ad una situazione che si trova in una pericolosa fase di stallo
Chiediamo quindi che per almeno 48 ore

•si allenti la presenza di forza pubblica in assetto antisommossa consentendo anche il passaggio in via S Faustino
•si realizzino le condizioni per una comunicazione continua con i giovani sulla gru per impedire che l’esasperazione, la stanchezza fisica, le privazioni e l’isolamento telefonico possano compromettere la loro tenuta psicologica
•si sospendano i tentativi di porre una rete di protezione che i migranti vedono come preliminare ad un eventuale blitz e che quindi anziche’ rappresentare un elemento di sicurezza alimenta condotte per loro pericolose

Realizzandosi queste situazioni si creera’ un clima piu’ propizio alla possibilita’ che le Associazioni, che sottoscrivono questa proposta, riescano a convincere i migranti sulla gru ad astenersi da comportamenti che mettono seriamente a repentaglio la loro vita e a restare nella cabina o nella zona protetta da ringhiere. Si chiede infine che possano essere mandate sulla gru delle imbragature di sicurezza normalmente utilizzate in edilizia.


Brescia 10-10-2010

Le comunita’ egiziana, indiana, pachistana, marocchina, senegalese del presidio permanente, Associazione Diritti per tutti, Coordinamento immigrati CGIL, Partito della Rifondazione comunista, CSA Magazzino 47, CSA 28 maggio, Conf. COBAS, USB (Unione sindacale di base), Associazione senegalesi Brescia e provincia Associazione islamica Muhammadiah (moschea pachistana), sinistra critica.

pc quotidiano 10 novembre - napoli manifestazione giovedì 11 - libertà per i proletari arrestati

Giovedì 11 novembre ore 9.30 piazza Mancini
Corteo contro la criminalizzazione delle lotte sociali

(in occasione dell'udienza di riesame dei precari arrestati)

Comunicato

NESSUNO OSI RIBELLARSI!?
Libertà per i precari Bros arrestati!

13 precari del progetto Bros arrestati dopo un autentico pestaggio, otto reclusi nel carcere di Poggioreale e cinque attualmente ai domiciliari, sono l'ennesimo bilancio allucinante di chi pensa di gestire la crisi sociale con la repressione e il manganello. E' francamente inaccettabile! Di chi è la responsabilità se non uno straccio di progettualità e di futuro si intravede per le migliaia di precari formati in questo progetto: è delle istituzioni locali e nazionali o di chi protesta e lotta per i suoi diritti!? Di chi è la responsabilità se la regione Campania sa parlare solo di tagli ai beni essenziali? Se l'avviamento pubblico al lavoro è diventata una barzelletta, se la disoccupazione in città raggiunge cifre astronomiche e viviamo in un paese dove il welfare è ormai inesistente!?
"Briganti o Emigranti", sembra questa, ancora una volta, l'unica possibilità prevista da chi detiene le leve del potere. Mentre la speculazione divora centinaia di milioni di euro con la cosiddetta "emergenza rifiuti", mentre la raccolta differenziata che produrrebbe tanti posti di lavoro è sistematicamente boicottata. In questa situazione è semplicemente vergognoso il comportamento di Questura e Prefettura che cercano di offrire uno sfogo alla crescente insicurezza sociale muovendo guerra ai ceti subalterni, a chi non accetta l'umiliazione della marginalità e si batte per i propri diritti. E' indecoroso il facile populismo securitario che ritroviamo spesso sui media, incapaci invece di incalzare una classe dirigente che gestisce la crisi economica contro i più deboli. E' preoccupante il tentativo di affermare teoremi giudiziari che affrontano le lotte popolari come un fenomeno criminale!

A tutti i precari e i disoccupati, agli studenti che non hanno più una scuola pubblica, ai lavoratori senza diritti, alle famiglie senza alcuna protezione, ai cittadini che vedono il proprio territorio avvelenato, a chi non riesce ad arrivare alla fine del mese: usciamo dal silenzio, ribelliamoci! E' la sola possibilità che abbiamo!!
Ai sinceri democratici chiediamo di prendere finalmente parola contro l'ennesima svolta autoritaria.
Giovedi le realtà dell'autorganizzazione sociale, dei sindacati di base, degli studenti, dei comitati civici per i beni comuni, del mondo del lavoro, dei precari saranno in piazza in occasione dell'udienza di Riesame degli arresti per rivendicare la libertà dei 13 precari, la fine della repressione contro le lotte sociali, la liberta di Tonino, altro compagno colpito da un'autentica persecuzione repressiva e giudiziaria.

Giovedì 11 novembre ore 9.30 piazza Mancini
Corteo contro la criminalizzazione delle lotte sociali

Movimenti napoletani

pc quotidiano 10 novembre - notizie da brescia e altrove immigrati in lotta

radiondadurto: Uno dei sei migranti è sceso perchè le sue condizioni non gli permettevano di continuare. Prelevato dalla Digos e portato in questura.

radiondadurto: Ore 14.20: tutti convalidati anche gli arresti dei sette immigrati detenuti al Cie di Corso Brunelleschi a Torino.

radiondadurto: Tutti convalidati gli arresti dei tre compagni egiziani condotti al Cie di via Corelli a Milano.

radiondadurto: Il presidio non si ferma.Ieri sera la musica degli Appeal ha tenuto compagnia ai 6 migranti sulla gru.(www.youtube.com/watch?v=3dKvs3LGv30)

radiondadurto: Si sta concludendo il processo ai danni del secondo dei quattro immigrati arrestati ieri.Gli inquirenti hanno chiesto la custodia cautelare.
leggi tutto

E'stata una notte molto difficile, per il forte vento e la pioggia, quella trascorsa dagli immigrati sulla gru che da ieri pomeriggio occupano nel cantiere della metropolitana di Piazza Cesare Battisti a Brescia. La gru oscillava e si muoveva paurosamente e i migranti non riuscivano a ripararsi dalla pioggia perche’ solo in 2, massimo 3, possono entrare nella cabina; gli altri sono sulla piattaforma all’esterno coperti in maniera molto precaria con cerate e teli di plastica. La loro determinazione non e’ pero’ venuta meno, solo un giovane ragazzo e’ stato fatto scendere verso le 4 di notte perche’ non c’era abbastanza spazio fisico: gli altri scenderanno solo quando il Ministero avra’ aperto una trattativa seria per la regolarizzazione di tutti i migranti che hanno avuto il rigetto della domanda di sanatoria colf e badanti dell’anno scorso e solo quando sara’ ripristinato il presidio permanente in Via Lupi di Toscana davanti all’ufficio unico per l’immigrazione della Prefettura; presidio che e’ stato vigliaccamente raso al suolo ieri pomeriggio su ordine del leghista Rolfi mentre carabinieri e polizia stavano caricando i manifestanti in Via S Faustino. Il giovane che e’ sceso non e’ stato fermato ne’ identificato dalla pattuglia di polizia presente in zona. Tutta la notte decine di immigrati e di attivisti sono rimasti sotto la gru, mentre altre decine riposavano nei locali messi a disposizione accanto al cantiere nella parrocchia di S Faustino. Nel quartiere interculturale del Carmine, teatro ieri dello scontro con i carabinieri, e’ partita una gara di solidarieta’.

pc quotidiano 10 novembre - appello del movimento femminista proletario rivoluzionario taranto per 25 -26 novembre

Per il 25 novembre, giornata internazionale di lotta contro la violenza sessuale delle donne, si stanno via via organizzando mobilitazioni in varie città.
Dobbiamo trasformare questo e la non realizzazione di un'unica manifestazione nazionale in un fatto positivo. Piuttosto che fare in maniera forzosa e "burocratica" (o su una linea molto sbagliata come la proposta per Milano) una manifestazione nazionale, è certamente più giusto accendere decine e decine di "fuochi", e rappresentare, dare visibilità, alle varie forme, fatti emblematici di violenze sessuali e soprattutto di uccisioni delle donne che quest'anno sempre di più stanno accadendo, e che, ognuna e nell'insieme, mostrano la realtà di una guerra di bassa intensità contro le donne, del femminicidio in atto, frutto di questo sistema capitalista da moderno medioevo, in cui è proprio il capo di governo Berlusconi che si fa primo "violentatore" della dignità delle donne.
Facciamo diventare queste decine di fuochi l'alimento di una più vasta, articolata organizzazione e lotta delle donne. Portiamo dovunque il messaggio:
RIBELLARCI E' GIUSTO!

Noi da Taranto avevamo fatto appello a una manifestazione nella nostra città che avesse una valenza nazionale, a cui partecipassero realtà di compagne, femministe, donne, da altre città. L'avevamo proposto proprio per fare un 25 novembre non solo come "scadenza" ma di lotta in una realtà in cui l'uccisione/violenza di una ragazza sta mostrando in maniera chiara la denuncia della condizione pratica, ideologica a cui questo sistema sociale costringe/restringe le ragazze, le donne, la denuncia del ruolo di morte della famiglia, dei valori maschilisti/di possesso dominanti e a volte influenzanti anche le donne, del fascismo mediatico oggi.

Ma visto che la decisione di realizzare mobilitazioni nei propri territori sta diventando quella prevalente, noi a questo punto proponiamo che queste decine, speriamo tante iniziative, non restino ognuna per sè. Coordiniamoci!
Facciamo comunque diventare tante lotte un'unica lotta.

PROPONIAMO CHE LA MAILING LIST DEL TAVOLO 4 SVOLGA UN RUOLO UNIFICANTE DELLE VARIE INIZIATIVE
PROPONIAMO CHE OGNI REALTA' INVII IL PIANO DI MOBILITAZIONE PERCHE' VIA VIA SI POSSA STENDERE UN UNICO PROGRAMMA
PROPONIAMO CHE QUESTO PRAGRAMMA VENGA PORTATO, COME UN MANIFESTO DI TUTTE LE DONNE IN LOTTA, IN OGNI INIZIATIVA, IN OGNI CITTA' .

A TARANTO
faremo una articolata mobilitazione che avrà la sua giornata più importante il 26 novembre.
Il 26 novembre, saranno tre mesi dalla morte di SARAH, ma al mattino vi sarà anche il processo per un'altra morte e violenza: quella del 2007 ad un'altra ragazzina, CARMELA di 13 anni, che si buttò da un balcone, uccisa dagli uomini che l'avevano violentata e dallo Stato che invece di aiutarla la rinchiuse negli Istituti e ora le nega ancora giustizia.

Questa simbolica coincidenza mostra quello che dall'inizio diciamo: non si tratta di casi privati da isolare e poi scandagliare in maniera altrettanto violenta e da avvoltoi, ma della condizione generale di centinaia di ragazze, donne in questo sistema sociale.

IL 26 NOVEMBRE -
AL MATTINO PRESIDIO AL TRIBUNALE perché questa volta ci sia giustizia per
Carmela.
LA SERA SIT-IN ITINERANTE NELLE VIE CENTRALI E MANIFESTAZIONE/ASSEMBLEA
PUBBLICA NELLA PIAZZA CENTRALE DI TARANTO, per Sarah e per tutte le ragazze,
le donne uccise e violentate.
Per dire forte: MODERNO MEDIOEVO DOPPIA OPPRESSIONE - DONNE IN LOTTA PER LA
RIVOLUZIONE!

Movimento Femminista Proletario Rivoluzionario
Taranto
tel.347-5301704

è uscita La nuova Bandiera -- rivista dei proletari comunisti maoisti italiani impegnati nella costruzione del PC m Italia



è uscito il nuovo numero della nuova bandiera rivista marxista-leninista-maoista
un numero di analisi e combattimento
un numero con numerosi pezzi già editi ma qui inseriti nella visione politica generale del nostro lavoro

un numero che si può richiedere a
ro.red@libero.it

pc quotidiano 10 novembre - ist orientale napoli - il movimento degli studenti cresce ... mangiando.. riaperta la mensa

La mensa studentesca dell’Orientale: una storia di sprechi e esternalizzazioni
martedì 9 novembre> Ancora più di 300 persone affollano i locali della ex-mensa... se non basta siamo pronti a rilanciare!


Nel 2005 chiude l’ultima mensa pubblica della nostra città, quella dell’Orientale. La mensa di largo Banchi Nuovi era un simbolo per gli studenti e per i lavoratori a Napoli: un luogo di aggregazione e confronto, partecipatissima e aperta a tutti. Studenti dei vari atenei, lavoratori e docenti si incontravano lì per mangiare, discutere, progettare… Un simbolo, perché è stata una delle tante vittorie dei lavoratori della nostra città che richiedevano non solo occupazione, ma servizi sociali per se stessi e per le generazioni future.

Nel 2005, dicevamo, la mensa chiude. Perché? Forse perché non era “produttiva”?

La mensa dell’Orientale, riaperta nel 1999, serviva quotidianamente tra i 700 e gli 800 pasti, sia a pranzo che a cena e, nei primi anni, anche la domenica. Inutile dire quindi cosa significava per i tanti studenti fuori sede, per i lavoratori del quartiere, per i disoccupati, che con un paio d’euro (o qualche migliaia di lire) potevano usufruire di questo servizio (naturalmente per gli studenti idonei e beneficiari il prezzo era anche più basso o gratuito). La motivazione della chiusura non può quindi essere, anche mettendoci nei panni del buon ragioniere, l’improduttività, questa “parola magica” che ormai è un parametro per la gestione di tutti i servizi sociali, finanche per gli ospedali, e che spesso nasconde altre logiche!

Purtroppo il vero motivo è molto più deprimente e si incrocia con la vita di 60 lavoratori che da 5 anni, ormai, staccano ticket per i ristoranti privati ai quali la Regione Campania regala 5,50€ per ogni pasto (a oggi vengono staccati 150/200 ticket al giorno, ¼ rispetto a quando funzionava la mensa…).

La causa “ufficiale” che ha portato alla chiusura della mensa è stata “una perdita d’acqua”, una perdita facilmente riparabile, frutto di una pessima realizzazione dell’impianto idraulico (questione sollevata dagli stessi lavoratori durante i lavori); ma questa è un’altra storia, una storia di ingegneri, amici di assessori e professori!
Una perdita d’acqua che ha fatto sorridere anche gli ufficiali dell’ASL che, in un sopralluogo due anni dopo, hanno considerato la mensa in perfette condizioni e pronta per essere funzionante, tant’è che la Regione Campania stanzia subito 380.000 euro, destinati esclusivamente alla ristrutturazione della mensa.
Che fine hanno fatto quei soldi? Il Rettore Ciriello non era interessato a ristrutturare la mensa e così, indietro i soldi (almeno così si dice…) e 50 lavoratori sono stati mandati a casa mentre i ristorantini privati servono pasti scadenti e spesso senza alcun controllo sanitario e gli studenti hanno perso un servizio importantissimo e soprattutto un luogo di aggregazione unico nella nostra città.

Ma chi sono i responsabili?

L’elenco è lungo: responsabile è la Regione, che ha sostenuto l’esternalizzazione del servizio mensa ed è disposta a pagare di più ogni singolo pasto, pur di non assicurare la manutenzione di un edificio di proprietà dell’Università e lo stipendio a 60 dipendenti (il blocco delle assunzioni del ’93 per impiegati regionali, rende ancor più complicata la situazione degli ex-lavoratori mensa, tutti specializzati nella ristorazione e quindi difficilmente “mobilitabili” e riassumibili).

Responsabile è il Rettore Ciriello, che ha deciso che quei locali dovevano essere destinati ad altro. Ma a cosa? Alla biblioteca unificata forse? Sono passati ormai 5 anni e per adattare dei locali mensa a biblioteca è necessaria una spesa più che ingente! Responsabile è l’attuale Rettrice Viganoni, che quando è stata eletta ha proclamato: “Mensa e alloggi per gli studenti”. Ancora bugie!

Responsabili sono i dirigenti ADISU, quelli eletti dall’Orientale, e gli amministratori. Un plauso e una citazione particolare merita il prof. Serra, che è riuscito a far spendere decine di migliaia di euro per la costruzione di un centro multimediale nella sede dell’ADISU Na2; un centro mai aperto e i cui computer, lungi dall’essere installati, marciscono nei locali della cucina della mensa.

Insomma, si sbandiera tanto la “razionalizzazione” delle risorse, ma qui siamo di fronte al più classico degli sprechi di risorse! Degli esempi di perfetto connubio tra logiche di mercato, esternalizzazioni (che cozzano contro i reali bisogni degli studenti), e la più becera cattiva amministrazione, il più classico dei “magna magna”.

Abbiamo dato fiducia alla combriccola, seppur sempre con un po’ di sospetto… abbiamo atteso la riapertura della mensa, la creazione di alloggi per gli studenti, di spazi per studiare, una fornitura decente di materiali didattici nelle nostre biblioteche, lo stanziamento di fondi per borse di studio e per dottorati di ricerca.

Ora basta, siamo stanchi di sentirci rispondere che il problema è la crisi, che la colpa è dei tagli; siamo stanchi di sentir scaricare le colpe sempre più in alto e sempre più lontano! Siamo stufi della barzelletta dei buoni professori o i buoni amministratori amici degli studenti che hanno le mani legate per colpa dei cattivi.

Le cose vanno in una direzione opposta a come la immaginiamo e chi si proclama dalla parte degli studenti è il primo pronto a voltar loro le spalle.

Noi viaggiamo in un’altra direzione, ostinata e contraria. Non ci aspettiamo più niente e siamo, più che mai, pronti a riprenderci ciò che ci spetta e scrivere a caratteri cubitali il nostro futuro sulle macerie della vostra pochezza.

pc quotidiano 10 novembre - napoli oggi in piazza gli studenti

Mercoledi 10 NOVEMBRE
ore 9:30 - p.zza del gesù

L’istruzione pubblica sta per essere soffocata e noi studenti stiamo facendo di tutto pur di esprimere il nostro dissenso e la nostra rabbia. Le ultime mobilitazioni di cui siamo stati i protagonisti sono state criminalizzate dai media e represse con forza dalla polizia. Noi non vogliamo dichiarare guerra a nessuno, ma sono le istituzioni che hanno dichiarato guerra a noi; noi pre(te)ndiamo i diritti che ci spettano, i diritti che abbiamo conquistato e che solo per questo vanno difesi con qualunque mezzo. Non possiamo permettere che questi stessi diritti ci siano negati, che ci scivolino via dalle mani o che ci siano strappati via con la forza.

Negli ultimi anni le riforme che hanno investito l'istruzione sono state caratterizzate da pesanti tagli dei fondi. Dietro la retorica della razionalizzazione si nasconde un preciso intento di affossare la scuola pubblica privilegiando altri settori. Altro che mancanza di fondi! I soldi ci sono ma vengono sprecati e bloccati quando il loro investimento non è produttivo per il mercato e per i profitti di pochi. E' l'intero sistema formativo e lo stesso concetto di diritto allo studio che cambiano la loro natura attraverso una gestione sempre più autoritaria.

Gli studenti cercano di esprimere il proprio dissenso, ma come risposta immediata ricevono solo repressione. Ed ecco che fioccano da un lato misure disciplinari all'interno delle scuole, come sospensioni e accompagnamenti, e dall'altro misure repressive in piazza. Hanno dato inizio ad una vera e propria “caccia allo studente” privandoci così non solo del diritto all’istruzione e alla mobilità, attraverso la riduzione di borse di studio, l'aumento del prezzo dei libri e lo smantellamento di tutti quei servizi sociali che dovrebbero invece essere pubblici e per tutti, ma soprattutto spogliandoci della nostra libertà e della nostra dignità.

La scuola si sta lentamente avviando verso un processo di privatizzazione e noi non possiamo fare finta di niente. Dobbiamo svegliarci dall’indifferenza che è la causa principale del degrado che oggi ci troviamo ad affrontare tutti insieme. Viviamo in un paese in cui si dice esista la libera espressione, allora facciamoci sentire, alziamo la voce, lottiamo con entusiasmo. Non lasciamoci intimorire dalle loro minacce, distinguiamoci per la nostra determinazione! È necessario il protagonismo dal basso degli studenti che devono lottare senza delegare ad altri il proprio futuro, prendendo nelle proprie mani ciò che gli spetta e capire che la vittoria delle proprie lotte scorre al fianco delle battaglie e delle conquiste di tutti gli altri (disoccupati, studenti, lavoratori, precari, immigrati).

Il futuro è ancora da scrivere! I diritti non si meritano, si conquistano!

dal sito collettivo autorganizzato universitario - ist orientale napoli